Il compleanno di mia moglie

Scritto da , il 2019-08-10, genere comici

Dopo diverse estati passate al mare, finalmente quest'anno sono riuscito a convincere mia moglie a scegliere di andare almeno una
settimana in campeggio.
Li avremmo festeggiato
il suo compleanno.
Era da diverso tempo che lo desideravo, finalmente una settima da
passare insieme, solo io e lei lontano dal lavoro, dallo stress della vita
quotidiana, immersi nel verde, a stretto contatto, nudi all'interno di una tenda.
La mia idea era quella di ritrovare il desiderio sessuale e di fare l'amore ogni sera e ogni mattina, ne
avevamo bisogno entrambi.
"Accetto, quest'anno andiamo dove decidi tu," mi disse lei dandomi per
una volta un po' di soddisfazione.
"Vedrai non te ne pentirai" le risposi io ammiccando e regalandole uno
dei miei sorrisi solari e speciali, per i quali lei un giorno mi
disse che l'avevano fatta innamorare di me.
Arrivati in campeggio montai la tenda, lei mi preparó un
caffè all'aria aperta.
Giornata splendida, neanche una nuvola, una leggera brezza ci donava refrigerio.
Mia moglie entrò nella tenda e si cambiò, uscì in costume, era un bel
vedere ve lo posso assicurare.
Bionda, capelli lunghi e mossi, formosa ma soda. Impazzisco per le sue cosce
muscolose e sinuose e per i suoi seni prominenti, che
in quel momento stava manipolando nel tentativo di farli stare dentro
il top del costume, un po' stretto.
"L'hai preso di una taglia più piccola," dissi io ridendo.
"No, che dici è perfetto, mi valorizza il seno," rispose lei contrariata.
"Vale, sei perfetta e bella come il primo giorno in cui ti ho incontrato."
"Tranquillo Giulio, questa sera te la do, non è necessario mentire però..."
In quel momento ebbi un pensiero strano, e decisi che dopo tutto quel
tempo insieme, quasi quindici anni, forse era il caso di provare
qualcosa di nuovo, di stuzzicante, e decisi che dovevo buttargliela li.
"Io sono sicuro che faresti ancora gola anche a qualche baldo giovane."
"Sì certo, figurati se mi stanno a guardare, con tutte le ragazzine
che ci sono qui, notano me,." rispose lei quasi rassegnata.
Facciamo così: possiamo fare un giro insieme per il campeggio, e il
primo giovane e bello che ti guarda lo fermiamo e gli chiediamo se
farebbe l'amore con te."
"Ma sei scemo, ma che ti dice la testa," il suo sguardo si incupì subito.
"Ma dai è un gioco, cosa vuoi che succeda, per la metà qui sono tedeschi, e gli altri chi li conosce, probabilmente non li
incontreremo mai più nella nostra vita." Replicai io euforico.
"È mettiamo che quel tizio che io sceglierò mi dirà di sì che vorrebbe scoparmi... Che si fa dopo," chiese lei con una faccia da rimprovero.
"Niente, gli diciamo che è un gioco. Volevamo solo verificare se sei ancora
una donna sexy e desiderabile."
"Tutto qui..." Esclamò Valeria sminuendo la mia proposta.
"A meno che tu non voglia farti vedere da lui nuda, per vedere come
reagisce," replicai.
"Ma senti che stupidate che dici, e io che ti seguo anche i questi assurdi ragionamenti. Sei quasi irriconoscibile." Smise di darmi retta
per un po', poi decisi di tornare alla carica.
"Senti, siamo qui per divertirci, per provare qualcosa di nuovo, allora proviamo a capire davvero se sei ancora bella, per la tua
autostima. Oggi compi quarant'anni e vorrei tanto che ti sentissi
felice. Puoi chiedermi qualsiasi cosa basta che torni a sorridere come
un tempo, felice di mostrati bella al mondo."
Lei smise di trafficare con la borsa dei vestiti e si girò verso di me.
"Ma veramente vuoi giocare?"
"Si, se te la senti, io ci sto, sono curioso di vedere la faccia farai quando qualcuno ti dirà che vorrebbe scoparti..."
Lei si guardò in giro alla ricerca di una possibile preda.
"Ok andiamo in perlustrazione, vediamo cosa c'è di bello in questo campeggio".
Mi prese per mano e insieme ci incamminammo per le stradine sterrate,
girammo per più di mezz'ora ma di maschi alfa nemmeno l'ombra. Ad un
certo punto cominciò a sorgere in noi un senso di frustrazione.
"Qui mi sa che sono tutti vecchi o bambini, che ne dici se lasciamo
stare e ci andiamo a fare una doccia, comincio a sentirmi sudata."
Effettivamente il sole cominciava a picchiare, erano quasi le quattro
di pomeriggio e decidemmo di lasciar perdere e di andare a lavarci.
Io entrai subito nella doccia degli uomini mentre Vale si avviò verso
quella delle donne.
Una volta entrato inizIai lavarmi, fischiettando.
D'un tratto la porta della doccia si aprì e mi trovai davanti mia
moglie seria e scocciata.
"Ma che ci fai qui, questa è la zona doccia dei maschi" dissi io un po' perplesso.
"Tranquillo non mi ha visto nessuno, e poi dalle donne c'è una fila infinita, non ho intenzione di rimanere in coda fino a tarda sera solo per una doccia," mi disse seccata.
Iniziò a lavarsi, senza togliersi il costume. Si insaponó i grossi seni e notai che i suoi capezzoli erano turgidi.
Io mi eccitai, lei era sensuale, è complice quel gesto inconsulto è
decisamente scabroso per una come lei, provai una forte desiderio, sentivo il mio membro irrigidirsi dentro il costume.
Aprii lentamente la porta della doccia e uscii per prendere il docciaschiuma e li lo vidi.
Un tizio era appena entrato era giovane e moro, decisamente un bel ragazzo, non più di venticinque anni.
Probabilmente straniero, aprì l'armadietto e rovistó allinterno di una borsa alla ricerca una bottiglietta di shampoo.
Poi si girò e mi vide, fece un mezzo sorriso, forse imbarazzato dal
fatto che un uomo di quarantacinque anni lo guardasse nella doccia del
campeggio.
Io non persi tempo mi girai e rientrai nella doccia.
"L'ho trovato," dissi a Valeria.
"Chi hai trovato?"
"Quello che ci dirà se sei sexy."
Aprii leggermente la porta quel tanto che bastava per fargli vedere se le
poteva interessare.
Lei rimase a guardarlo per un istante, poi mi sorrise e mi invitò a richiedere la porta della doccia.
"Si è chiaramente un bel giovane, ma lasciamo stare dai, non è il caso." mi disse lei riprendendo a lavarsi.
"TI stai tirando indietro forse? Non è da te ..." risposi.
"Ma insomma, cosa vuoi che faccia, mi sento imbarazzata, mannaggia a me e ai tuoi giochetti."
"lo sapevo con te non ci si può proprio divertire..." replicai io seccato.
Lei mi guardò pensierosa e visibilmente combattuta.
"OK fallo entrare, fagli la domanda e dopo mandalo via."
Non mi sembrava vero, finalmente si stava lasciando andare, mi ci erano
voluti circa quindici anni per convincerla a fare qualcosa che fosse al di fuori della sua zona di confort sessuale.
Uscii andai dal tipo e gli dissi.
"Scusami, posso chiuderli u favore" lui mi guardò strano poi mi parlò in tedesco.
Io gli fedi cenno con la mano di seguirmi e lui mi seguì
perplesso ma incuriosito.
Appena si avvicinò alla porta la aprii mostrandole mia moglie che si
stava lavano.
Lei lo guardò un po' imbarazzata, mentre lui le sorrise compiaciuto.
Io gli feci cenno di entrare, lui si osservò in giro e notando che nessuno si era accorto di noi, entrò nella doccia.
Valeria fu colpita alla sprovvista, non si aspettava queste intrusione.
Io entrai dopo di lui e chiusi la porta dietro di me, nel farlo lo urtai spingendolo inavvertitamente in avanti, lui si trovò a stretto
contatto con mia moglie che per evitare di trovarsero tra le tutte, lo tastó posando le sue mani su i sui bei pettorali.
"Ti piace quello che stai vedendo," gli chiesi io.
Lui fece cenno di non capire.
"Non capisce nulla di quello che gli hai appena detto, e adesso cosa gli diciamo per farlo andare via. Hai visto in che assurda situazione
ci siamo cacciati." disse lei con una voce mista ad eccitazione e spavento.
Io cercai di attirare la sua attenzione dicendogli in inglese se si sarebbe scopato mia moglie.
Lui mi sorrise, poi ripose lo sguardo sui seni di moglie e le fece cenno di togliersi il costume
"Questo è matto." disse lei.
"Dai stai al gioco Vale, fagliele vedere che cosa vuoi che succeda, ci sono qui io."
Lei lo guardò, era alto bello
ed era li in piedi in mutande dentro la doccia, davanti a lei che aspettava di vedere le sue grosse tette.
"Ok, basta che dopo se ne vada via."
Valeria con un gesto veloce si tolse il top del costume mostando i suoi grossi seni tondi e sodi.
Il tizio si chinò e si prese il reggiseno mi guardó e mi fece cenno che voleva anche gli slip.
"Daglieli altrimenti non se ne va più " le disse io.
Lei mi guardo con un imbarazzo misto ad eccitazione .
Lei si fece cadere gli slip mostrando al tipo la sua bella figa rasata al punto giusto.
Il triangolo di pelo ben curato era scolpito sul suo monte di venere.
Rimase in piedi nuda davanti a lui con gli slip in mano, Il tizio glielo prese come fosse un cimelio.
"Allora che ne pensi?" gli dissi io iper eccitato.
Lui, non perse tempo, di tutta risposta ai abbassò il suo costume, facendo leva verso il basso.
Un asta lunga e dura ne uscì fuori, aveva una cappella gigantesca.
Rimasi di pietra, non pensavo esistessero dei cazzi di quelle
dimensioni.
Mia moglie si mise una mano nella bocca cercando nel contempo di coprirsi con l'altra mano la figa.
Lui prese il suo grosso uccello e glielo picchietto sulla mano che copriva il suo bel triangolo.
"Ma che cazzone ha questo?"Disse guardandomi sgomenta.
"Ho chiaramente vinto la scommessa" dissi io alzando una mano in segni
di vittoria.
"Si certo e chi glielo dice a questo che stavamo scherzano e che ora
il gioco é finito?"
Intanto lui continuava a sbatterlo sulle mano di mia moglie che cercava
di coprirsi la passera, poi non trovando spazio decise di strofinarlo sulle sue cosce.
"Digli qualcosa presto perché non credo di poterlo tenere a bada ancora per tanto," disse lei con un fremito di eccitazione.
"Mi stai dicendo che ti piace il cazzo di questo tizio?" cercai di stuzzicarla io.
"Senti ora puoi rimetterlo dentro", gli feci cenno io.
"Nel senso di rimetterlo dentro il costume," aggiunsi io sperando che lui mi capisse.
Il tizio fece cenno di avermi capito e prese tutte e due le mani di mia moglie e le alzò spingendola verso il muro della doccia.
SI avvicinò con il suo grosso palo, credo che sará stato
almeno un trentina di centimetri e glielo mise in mezzo alla coscie, glielo fece passare sotto la figa, attraversandola sotto ll culo.
Cominciò a muoversi facendola sbatterà contro la doccia, senza penetrarla, ma facendole un massaggio con il suo cazzo. Le mise le
nani sulle chiappe e fece leva sul cazzo, praticamente la alzò da terra.
Lei si trovò a lievitare sul suo membro.
Mia moglie ebbe un gemito di piacere mentre il mio uccello stava esplodendo dentro i miei boxer.
Lui se la sbatteva ripetutamente contro il muro della doccia, dando
dei colpi ben assestati e lunghi come il suo cazzo.
Mia moglie per un po' cercó di resistergli, ma poi in preda
all'eccitazione si lasciò andare allargando le gambe inclinando il
bacino in avanti.
Sentivo la sua asta che strofinava la su figa bagnata, mentre lei mugugnava vogliosa.
Lui la prese e se la portò in braccio, praticamente la sollevava con
il suo grosso cazzzone mentre lei ci si dimenava sopra urlando di
piacere.
A quel punto mi tolsi i boxer e inizIai a segarmi come un folle.
Non ci potevo credere, mia moglie si stava facendo sbattere da uno
straniero davanti a me nella doccia del campeggio e la cosa mi faceva
impazzire di piacere.
Credo sia andato avanti almeno un cinque minuti infilando avanti e
Indietro quel bastone tra le coscie di Vale.
Poi stanco della posizione la giró e la fece appoggiare allla parete in modo che lui potesse incularla a dovere.
Lei era completamente bagnata, nonostante l'acqua della doccia fosse chiusa.
Gli appoggió la verga tra la fessura del suo culo, bello grosso e muscoloso.
Lei era in estasi.
"MI sta scopando, é un animale, oddio come ce l'ha grosso...."
Vedevo il fiotti di umori scorrere sotto di lei.
"Vuoi che lo fermi ?" le dissi io mentre me lo menavo.
"Fallo finire, non vorrei che si incazzasse, lascalo fare"
Glielo inserí da dietro e iniziò una lunga cavalcate.
La vedevo ansimare ad ogni colpo, mentre lui la martoriava.
"Oh come godo, mi sta facendo impazzire, ti prego non fermarti."
Ad un certo punto lui si scansó e lei rimase ansimante attaccata al
muro con la figa fradicia.
Io presi il suo posto e iniziai a scoparmela,
Furono dei momenti di totale eccitazione, scopavamo come folli
completamente privi di remore.
Lui si mise davanti a lei facendole cenno di predere in mano il suo cazzo.
Lei non tardò a farlo e prese a masturbare la sua lunga asta.
Poi gli appoggió la lingua sopra la cappella leccando come fosse un
lecca lecca gigante.
La scena era fantastica, lei che faceva una fellatio e io che me la inculcavo.
Ad ogni colpo schizzi di umori partivano da tutte le parti, non
l'avevo mai vista così eccitata e vogliosa,
Lei si staccó da me e si mise in ginocchio con il cazzo deL tizio in bocca.
Gli fece una pompa magistrale succhiadogli anche le palle, fino a farlo
venire copiosamente in mezzo alle sue tette.
Poi fu la mia volta, lei me lo prese in bocca e me lo succhiò fino a farmi venire sulle su labbra belle carnose e vogliose.
Ci alzammo ci lavammo tutti e tre, lui ci ringraziò e se ne andò.
Rimanemmo attaccati l'uno all'altra nel tentatativo di riprenderci da quella scopata pazzesca.
Tornammo nella tenda e ci dormimmo sopra.
La mattina successiva ci svegliammo come se non fosse successo nulla.
Vale preparò un caffè che bevemmo seduti al nostro tavolino sistemato
davanti alla nostra tenda.
"Volevo solo dirti che per me quello che é accaduto ieri non ha molta importanza, é stato solo un gioco e basta." fui io a rompere il ghiaccio.
Lei rimase in silenzio sorseggiando il caffè.
"Da parte mia volevo solo dirti che mi sono divertita a soddisfare le
tue strane voglie, e che se in futuro vorrai lo potremmo fare ancora,"rispose lei lasciandomi un po' interdetto.
"Intendi dire che ti é piaciuto?"
"Si é stato assurdo, al limite dell'incrddibile, ma un esperienza estremamente eccitante."
Passammo i giorni successivi chiusi in tenda a scopare.
Tornati a casa fu lo stesso.
Credo che questa esperienza abbia accresciuto il nostro desiderio.
Ad oggi non so dirvi se tutto ciò è positivo oppure no, in ottica futura.
Vi ho raccontato la mia storia nella speranza che possiate darmi un opinione.
Qualsiasi vostro giudizio è ben accetto.
Ho paura di aver innescato qualcosa di cui potrei pentirmi.




Questo racconto di è stato letto 1 3 5 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone