Lady Victoria cap. 4 - prima parte

Scritto da , il 2019-08-10, genere sadomaso

E' passato quasi un anno da quando le suore hanno lasciato il convento e ho potuto realizzare un mio sogno.
Al suo posto è nato un hotel molto particolare, il più grande dungeon di tutto il Regno Unito,e forse del mondo, dove chi se lo può permettere può sfogare i suoi peggiori istinti contro gli schiavi di cui dispongo.
Trovare schiave e schiavi, giovani e di bell'aspetto non è stato difficile, ho pescato nei bassifondi di Londra, e dove non ha potuto la promessa di facili guadagni ha provveduto la frusta e la tortura.
Anche Laetitia e Paula mi hanno aiutata nell'opera di “convincimento”, e soprattutto quest'ultima si è dimostrata una sadica di prima grandezza. Non si è mai limitata al solo frustare spesso a sangue le sue vittime, ma ama sodomizzarle con ogni cosa trovi in giro ,in special modo con oggetti non lisci. Il suo giocattolo preferito è un manganello rivestito in cuoio e dotato di borchie metalliche, che usa sempre con estrema violenza, facendo urlare chi le capiti sotto per la gioia delle mie orecchie.
Ma anche ricchi aristocratici, magari accompagnati dalle loro signore, hanno voluto provare il fascino della sottomissione,magari direttamente nel mio castello,e anche se può sembrare strano,la lista d'attesa è molto lunga.

Un bel giorno Paula, che ha anche le funzioni di mia segretaria, mi viene incontro non trattenendo la sua eccitazione.
“Divina ho una notizia che spero le faccia piacere, lo sceicco Faith ha chiesto un appuntamento per parlare con lei di persona.”
“Ho sentito parlare di quest'uomo, ma non capisco cosa voglia da me, a quanto so ha un harem in piena regola.”
“Si Divina, il suo sadismo è quasi leggendario, come la sua generosità del resto.”
“E quando verrà a trovarmi ?”
“Fra tre giorni Divina, alle quattro del pomeriggio.”
“Va bene ora dimmi dov'è Laetitia ho bisogno di lei.”
“Il biblioteca Divina, sta facendo alcune ricerche sulle torture dell'Inquisizione spagnola.”
“Bene Paula, conferma pure l'appuntamento con lo sceicco e continua con le tue mansioni.”
Mi dirigo verso la biblioteca, che ho fornito di tutti i libri riguardanti in qualche modo il sadomaso, anche se Laetitia è molto brava a scovare qualsiasi informazione su internet, e raramente non trova qualcosa d’interessante.
La trovo intenta al computer e come mi vede si alza in segno di rispetto.
“Mylady, stavo venendo da lei, ho trovato alcune cose interessanti.”
“Si ma le vedremo dopo, ora voglio sapere tutto sullo sceicco Faith.”
“Veramente Mylady di recente è più saltato agli onori della cronaca il figlio Assad.”
“E perchè,lo sai che non mi occupo di gossip.”
“Certo una Signora come lei ha ben altri pensieri,quindi cercherò d'essere concisa. Questo giovane ha avuto una breve relazione con la cantante Britney coprendola di gioielli, solo che lei un giorno ha dichiarato a tutti i tabloid che lui, ecco non è molto dotato sotto quell'aspetto, lei mi capisce.”
“Oh Laetitia, certo che capisco, e ora comprendo anche altre cose quindi non penso d'aver bisogno d'altre informazioni. Per quanto riguarda le tue ricerche fammi dei disegni e poi vedremo il da farsi.”
Lascio Laetitia al suo lavoro e vado a fare un giro per vedere se qualche futura schiava ha bisogno delle mie cure, anche se la mia testa è già altrove.

Con lo sceicco non ci sono stati problemi per il nostro incontro, infatti come d'accordi presi, si presenta con il suo segretario personale e una guardia del corpo, mentre il resto del suo personale l'aspetterà fuori dal tenuta cercando in ogni modo di preservarne la privacy.
Lo sceicco on è certo una persona di bell'aspetto, è si alto, ma grasso e pelato, con una barba curata che ne esalta la durezza del volto. E' il suo segretario a presentarlo, e dopo i convenevoli di rito ci accomodiamo nel mio studio per discutere.
“Lady Victoria lo sceicco Faith ha una richiesta per lei.”
“Mi dica segretario, vedrò di fare il possibile per sua Altezza.”
“Come lei forse sa il figlio Assad è stato vittima di malelingue scatenate da una cantante di poco conto in cerca di celebrità.”
“Purtroppo queste ragazzette sono sempre in cerca di popolarità, anche a discapito di nobili giovani.”
“Vedo che lei è già al corrente della spiacevole situazione,quindi arriverò subito al punto. Lei è riconosciuta come la più grande donna d'Inghilterra per le sue stanze segrete, il mio Signore vorrebbe prenderle in affitto per alcuni giorni,ovviamente dietro un lauto compenso.”
“Segretario non intendo offendere sua Altezza parlando di vile denaro,però lei capisce che non posso non sapere cosa succede fra le mie mura.”
Lo sceicco si alza in piedi e parla al posto del suo segretario.
“Voglio portare qui Britney e insegnarle cosa vuol dire insultare mio figlio !”
“E posso chiederle Altezza come intende portare qui questa sgualdrina ?”
“Venerdì prossimo terrà il suo ultimo concerto, alla fine del quale i miei uomini la rapiranno per portarla qui, le darò tanto oro quanto pesa questa puttana senza onore, solo per restare solo con lei fino a lunedì mattina, poi le mie guardie la lasceranno lontano da qui.”
“Sceicco Faith, approvo totalmente il suo desiderio di vendetta, solo vorrei farle notare che da solo è difficile dare la giusta punizione a questo essere immondo.”
In realtà voglio lusingarlo e allo stesso fargli capire che più si è, più la puttanella vedrà le pene dell’inferno.
“Ma con me ci sarà Moad la mia guardia del corpo personale, è l'uomo che vede dietro di me,l a mia ombra.”
“Sceicco Faith mi permetta di farle una mia proposta che non vuole mancare di rispetto ne a lei ne a Moad. Io rinuncio a quello che lei mi ha generosamente offerto,per poter partecipare insieme alle mie due ancelle alla punizione di chi ha disonorato ingiustamente la sua famiglia.”
“Mi faccia capire Lady Victoria, lei rinuncia a più di cinquanta kili d'oro per aiutarmi nella mia vendetta ?”
“E' così sceicco, per me è già un grande onore vederla all'opera,la sua crudeltà è leggenda, ma sono sicura che non avrà nulla da dire sul nostro operato.”
“E se rifiutassi la sua proposta ?”
“Dovrebbe cercare un altro posto dove consumare i suoi propositi, ovviamente questa discussione non avrebbe mai avuto luogo, ma non penso che sua Altezza voglia ripiegare su una seconda scelta, lo ha fatto dire lei che questo è il miglior dungeon d'Inghilterra.”
“Lady Victoria lei non è solo una bella donna, ma è anche molto decisa e di certo non a corto di valide argomentazioni, quindi accetto la sua proposta. Restiamo d'accordo che quando tutto sarà finto la mia gratitudine verso di lei sarà pari ai servizi resi.”
“Sono sicura sceicco Faith che la sua gratitudine sarà generosa come lo è d'abitudine, il suo segretario resterà in contatto con la mia ancella per i dettagli, se lo desidera le mostro di persona i sotterranei del castello.”
“Non ce n'è bisogno Lady Victoria, di sicuro saranno all'altezza della situazione, inoltre devo tornare a Londra per sistemare alcune questioni, quindi a malincuore mi tocca lasciarla.”
“Capisco Altezza, gli affari di stato vanno seguiti da chi ne è capace, mi permetta allora di accompagnarla fino alla sua macchina, questo non me lo può negare.”
“Certo che no anzi le offro il mio braccio.”
Durante il tragitto dallo studio alla macchina parliamo di arte, ed è quasi strano come un uomo che voglia vedere scorrere il sangue, quasi si commuova davanti a un bel quadro che trova all’ingresso.

Il pomeriggio di venerdì congedo il personale di servizio, e tutte e tre ci prepariamo per ricevere degnamente i miei ospiti. Con cura scelgo uno body in pelle nera che esalti le mie forme e degli stivali alti sopra il ginocchio. Le mia ancelle invece indossano un reggiseno che lascia fuori le loro tette e degli slip entrambi rossi e stivaletti neri.
Indossiamo tutte delle mascherine per non farci riconoscere, ec'è già un accordo sui nomi da usare perché si sa la prudenza non è mai troppa.
Quando arriva lo sceicco con la sua guardia del corpo Britney è ancora intontita dai narcotici, e le mie ancelle fanno ben poca fatica a spogliarla e legarla con le braccia sopra la testa ad un anello posto al centro della stanza principale del dungeon.
Quando siamo tutti pronti Paula tira un secchio d'acqua gelata sul volto della puttanella che si riprende quasi subito.
“Chi siete ? Dove sono ? Liberatemi subito,non sapete chi sono.”
Uno schiaffo di Faith la fa zittire immediatamente.
“Certo che so chi sei lurida puttana,è giunto il momento in cui tu paghi le tue colpe.” “
Ma chi sei tu ? E per cosa dovrei pagare.”
“Tu hai disonorata la mia famiglia e ora pagherai per ciò.”
“Sei il padre di quello sfigato di un arabo ! Voglio proprio vedere di cosa sei capace.”
Faith sembra esplodere dalla rabbia, ma è solo un attimo, poi prende una frusta in cuoio che sarà almeno tre metri, e si piazza ad un paio da lei.
“Ora vedrai di cosa sono capace.”
La frusta sibila un paio di volte nell'aria, poi si abbatte con tutta la sua forza sul corpo di Britney,che urla di dolore.
“Cosa fai pazzo,non sono una tua vacca.”
Lui però sembra non ascoltarla e ripete l'operazione,questa volta con ancora più forza.
La donna si alza sulle punte dei piedi continuando ad urlare per il dolore, ma Faith continua come se quella fosse una musica divina. Dopo che la colpisce lui tira la frusta per lasciare un segno ancora maggiore e in breve il corpo di Britney è ricoperto di strisce rosse.
Non urla neanche più, geme sommessamente, e solo il fatto di essere legata la fa rimanere in piedi. Lo sceicco sembra non badare ai colpi, essendo di una costanza incredibile nel frustarla fino a che il primo sangue non inizia a fare la sua comparsa. Solo allora lascia la frusta a Moad e dopo un paio di ceffoni torna a parlare.
“Ora ti romperò il tuo culo di merda, così capirai che cos'è il vero cazzo.”
Lei non dice niente mentre Paula la libera solo per legarla ad un tavolo col culo per aria, mentre Faith si mette subito dietro e, dopo essersi appena bagnato la cappella con un po' di saliva, punta questa sul buco di Britney.
La penetra con inaudita violenza, facendola riprendere per quanto possibile, e nonostante abbia un pene più che notevole lo fa entrare tutto con due soli colpi, sfondandole così lo sfintere.
“Ahh no, non così,no, ti prego.”
“Taci cagna questo è solo l'inizio.”
Lei riprende a urlare, come se il nuovo dolore le abbia ridato forza, ma Faith per risposta le prende a schiaffi le natiche, mentre continua a incularla senza pietà.
Le sue bordate sono poderose, e solo il fatto che il tavolo è ben fissato al pavimento impedisce ai due di muoversi per la stanza. Lui urla in arabo frasi incomprensibili, ma certamente non sono complimenti.
Per sua fortuna l'eccitazione non lo fa durare a lungo, e le viene dentro riempendola di sperma, che Laetitia raccoglie per quel che può su un piattino e lo porta davanti alla bocca della troia.
“Bevi puttana, o lo fai con le buone o con le cattive decidi tu.”
Visto che ha non risposte,la prende a schiaffi tendola per i capelli.
“Bevo, bevo ma finiscila.”
“Vedo che hai capito ora lecca.”
Con quel poco di energie che le rimangono tira fuori la lingua e inizia a leccarle il piattino, fino a pulirlo completamente.
“Brava troia,ora passiamo a qualcosa di più serio.”

Anche se non riesce a reagire le ancelle chiedono aiuto a Moad per metterla in un nuova posizione, sempre legata con le braccia in alto, ma questa volta anche le gambe sono legate al soffitto, che inutile dire che sono ben aperte con Paula che sarà la prossima a dedicarsi a lei.
“Ora vediamo quanto sei sfondata puttana.” le dice piano.
Una delle caratteristiche di Paula è che non urla mai, parla sempre col giusto tono,f acendo spesso gelare le vene delle sue vittime. La mia aiutante prende due grossi vibratori in gomma, che saranno più di trenta centimetri e senza tante premesse l'infila nella fica e nel culo di Britney.
“Vedo che entrano senza problemi, chissà da quanti ti sei fatta sfondare per arrivare a cantare.”
“Sei invidiosa del mio successo ?”
Dopo tanto ha ripreso a parlare, ma non poteva dire cosa più sbagliata. Anche se avrebbe chiesto pietà non sarebbe cambiato niente, ma sfidare una Mistress è degno del suo piccolo cervello.
Paula accende i vibratori portandoli subito al massimo e la vittima non può che gemere di dolore, anche se forse un minimo di piacere, ma questo sparisce quando la mia ancella inizia a frustarla in pieno sesso con un sottile, ma implacabile frustino da cavallerizza.
“No li no, non puoi farmi questo.”
“Perchè puttana, hai paura che dopo non ti chiaverà più nessuno.”
Ad ogni colpo segue un urlo, la bravura di Paula è quella di colpire sempre fra le cosce, senza lasciare grandi segni, ma un infinito bruciore. Per quanto Britney cerchi di muoversi per non farsi colpire sempre nello stesso punto,l'ex suora è implacabile fino a portarla quasi allo svenimento. Solo allora si ferma, ma solo per aggiungere un'ulteriore tortura. Paula infatti prende una decina di piccole mollette, molto forti che inizia a mettere sulle grandi labbra della cantante, nonostante queste siano martoriate dalle sue frustate.
La puttana urla come non mai ogni volta che una molletta viene mollata sul suo sesso, stringendolo come in una morsa, ma non sa che il peggio deve ancora venire. Una volta finito e controllato con calma che sia tutto come aveva deciso, Paula si allontana un poco e le intima l'immobilità più totale.
“Ora te le toglierò ma con la frusta, se ti muovi,la molletta non parte tu prendi un colpo in più.”
La frustata è secca e precisa e la prima molletta vola via, mentre Britney urla a squarciagola.
“No ti supplico, basta non con quella.”
Non fa quasi in tempo a finire che un altro colpo si abbatte sulla sua fica liberandola nuovamente di una molletta. Adesso è Britney in preda quasi alle convulsioni a Paula fatica a prendere bene la mira, quindi a volte la colpisce senza togliere nessuna molletta, ma solo portando ancora dolore e bruciore, e ci vogliono quasi trenta colpi perchè la sua fica sia riempita solo del vibratore.
“Se vuoi rincomincio lercia schifosa.” le dice Paula fissandola negli occhi con uno sguardo carico d’odio.
“No ti prego, farò tutto quello che volete, ma non mi fate più male.”
“Puoi pregare finchè vuoi, sarai libera solo quando ci stancheremo di te.”

Nel frattempo Laetitia si avvicina a me e noto che Moad sta parlando a bassa voce con Faith.
“Divina io e Moad avremmo un idea, solo che non possiamo metterla in atto se non insieme, e quindi le chiedo il permesso di poter operare con lui.”
“Laetitia sono proprio curiosa di vedere cosa avete in mente, hai quindi il mio permesso.”
Mi bacia sulla guancia per ringraziarmi, e dopo uno sguardo d'intesa con Moad, prende una morsa per il seno. Non so come si siano messi d'accordo, forse ero troppo presa a gustarmi Paula col suo frustino, ma sembra quasi che si conoscano da tempo, anche se so che è impossibile.
I due torturatori si vanno a mettere ai due fianchi di Britney, che subito non capisce cosa le stia succedendo. In effetti la morsa è composta da due aste di legno che si stringono con dei morsetti, e sembra quasi un oggetto innocuo per chi non lo conosca. Con calma iniziano a stringere fino a che le tette della puttana non iniziano a diventare più scure. A quel punto vanno ancora più piano facendola urlare di nuovo mentre le mammelle sono sempre più gonfie e di colore viola. Non paghi prendono due morsetti per i capezzoli e ognuno ne stringe uno in un delirio di urla e preghiere di compassione. Quando hanno finito il seno di Britney è quasi irreale, gonfio all'inverosimile, nero e coi capezzoli ridotti al minimo spessore.
Laetitia allora prende una canna di bambù e inizia a picchiarla sulle palme dei piedi. Il dolore che prova dev'essere molto forte perchè starnazza come un'oca impazzita. Quando Moad si avvicina a lei prevedo con facilità nuove urla, infatti l'uomo già di suo ben dotato, si è infilato una specie di preservativo di pelle ricoperto di borchie, che si è poi legato dietro la schiena.
“Ora ti spacco troia.”
La puttana non replica neanche, ha giusto un breve momento di piacere quando le sfila il vibratore dalla fica, per subito tornare all'inferno quando inizia a scoparla. Laetitia intanto ha lasciato la canna per prendere due gatti a nove code in modo da poterla colpire su entrambi i piedi, e da subito Britney ha dei violenti sussulti che fanno sembrare che sia lei a scopare Moad e non il contrario.
Vedere in azione la mia prediletta è sempre uno spettacolo, tanto più adesso che colpisce sempre le estremità della troietta, senza mai sfiorare la schiena di Moad, che sempre più eccitato la prende a schiaffi con molta forza fino a farle schizzare un po' di sangue dalla bocca. Non avendo una reale eccitazione dal suo pene la scopa a lungo mentre Laetitia non da scampo ai suoi piedi, e solo quando questi sono ormai quasi insensibili si sposta verso il seno di Britney, per toglierle i morsetti dai capezzoli facendosi ringraziare, per poi farsi maledire quando inizia a colpirla sul petto con entrambe le fruste.
Vanno avanti così per più di un'ora, e alla fine lui si sfila il cappuccio e masturbandosi le sborra in faccia.

Questo racconto di è stato letto 9 4 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone