Una Moglie Tranquilla scopre l'Altra Metà del Cielo...

Scritto da , il 2019-08-10, genere saffico

Siamo sole nell’ascensore che sale verso il settimo piano.
Carla si è concessa senza opporre resistenza. Di sopra c’è la camera sua e di suo marito, ma lui è rimasto con gli amici, e lei ci sta salendo con me: la lesbica che l’ha sedotta sotto il naso del marito nel corso di una breve cena al ristorante fra amici.
Si sta lasciando condurre nella sua stessa camera d’albergo da una sconosciuta che l’ha sedotta senza lasciarle scampo: lei, che non ha mai avuto un solo pensiero erotico che non fosse strettamente eterosessuale.
Non è più una ragazzina. A quarantaquattro anni, Carla Grossi, cittadina svizzera, benestante, sposata con due figli, consulente artistica e pittrice, è una donna adulta e nel pieno delle sue facoltà.
Matura, posata, equilibrata e senza la tendenza all’avventura... Eppure sta per tradire suo marito per la prima volta. E con un’altra donna.
Ho l’acquolina in bocca all’idea di assaggiarla...
Lei fa fatica a guardarmi in faccia, mentre l’ascensore sale: è una situazione in cui non avrebbe mai immaginato di potersi trovare. Una situazione però in cui si è messa da sola: nessuno la sta forzando, e lei ne è perfettamente consapevole.
Alea jacta est. Chissà se in Svizzera studiano il latino? Comunque: ormai non si torna più indietro.
L’ascensore si ferma al piano e le porte si aprono.
Carla esita un istante, poi si riscuote ed esce per prima, consapevole della necessità di farmi strada. Non vuole sentirsi ridicola: se deve cadere, vuole che la sua sia una caduta controllata.
Il suo sarà un cedimento consapevole. Dignitoso.
A me basta che ceda. Completamente.
Si ferma davanti alla porta e ravana nella borsetta cercando la card. La trova, ma le trema la mano e non riesce a far scattare la serratura elettronica.
- Vuoi che ti aiuti?
Lei mi guarda esasperata, e io faccio fatica a non sorridere.
- No, ce la faccio...
Faccio il tifo per lei: la voglio nel pieno possesso delle sue capacità, voglio che sia complice attiva del suo adulterio, non una semplice vittima nelle mie mani.
Alla fine ci riesce: la porta si apre e lei mi fa cenno di entrare: - Accomodati... Credo.
Io entro con un sorriso e mi guardo intorno: bella stanza, una junior suite direi... I Grossi si trattano bene, durante la loro trasferta milanese.
La porta si chiude, e io mi volto a guardare Carla, che mi guarda a sua volta, esitante.
Non sa che pesci pigliare.
- Non so, gradisci qualcosa dal frigo bar? – mi fa, goffamente.
Mi avvicino a lei, sorridendo: - Non credi che abbiamo bevuto a sufficienza nel bar?
Lei mi guarda imbarazzata, un lieve sorriso sulle labbra vagamente tremule: - Non so, non ho idea di come funzioni... Adesso cosa succede?
Io mi guardo intorno con aria fintamente pensosa, le mani sui fianchi: - Hmmm... Lasciami pensare. Ecco: direi che adesso tu e io ci rilassiamo un po’. Per cominciare potresti appoggiare la tua borsetta sul tavolo, e poi...
Lei esegue nervosamente e torna a guardarmi: - E poi?
- E poi, come dicevo, tu ti rilassi...
Le poso le mani sui fianchi, sorridendo. Poi ne sollevo una e le scosto i capelli dal viso.
- Sei rilassata?
- Io... Credo di sì.
Bugiarda. È tesa come una corda di violino... Perché sa esattamente cosa sta per succedere, anche se finge di non averne idea.
- Brava – sorrido, accarezzandole il viso con un dito mentre inalo lentamente il suo profumo.
Lei si morde di nuovo il labbro inferiore.
Ora di sferrarle il colpo di grazia.
- Sei molto bella, Carla – sussurro dolcemente – Mi piaci da impazzire...
Le sfioro le labbra con un bacio.
Lei chiude gli occhi e socchiude le labbra, abbandonandosi al suo destino.
Game, set e match.

L’attiro a me per i fianchi e la bacio a fondo. Lei esita un istante, poi mi concede la lingua, e un istante dopo sento le sue braccia intorno alle spalle che mi stringono a lei.
Non è una ragazzina, infatti: sa perfettamente come si bacia. Sento la sua lingua avvolgersi alla mia, e roteare in una danza d’amore con un entusiasmo che non mi sarei aspettata da una novizia.
Suggo la saliva, esaltandomi del suo sapore.
Voglio fare l’amore con lei, appropriarmi della sua anima oltre che del corpo, e assaporare ogni più intima essenza del suo essere: dopo la seduzione e l’abbandono, per lei voglio l’estasi assoluta.
E per me... Per me, voglio semplicemente lei: tutto di lei...

Mentre ci baciamo a bocca aperta, avidamente, comincio lentamente a spogliarla.
Prima mi limito a sollevarle il vestito scoprendo sempre di più la sua pelle, poi gioco con le pieghe del tessuto per saggiarle i seni, e infine comincio ad abbassarle le spalline mentre lei si strofina tutta come una gatta in calore.
Mentre frugo il suo corpo pregustando il piacere che saprò spremerne, sento che anche le sue mani cominciano a muoversi: goffamente dapprima, ma sempre più curiose e intraprendenti. Le sento scivolarmi sui fianchi, sfiorare timidamente i glutei... Poi una risale lentamente al di sopra della cintola, percorrendo la blusa fino ad afferrarmi un seno.
Me lo sento stringere delicatamente, e capisco che con il palmo ha avvertito il turgore estremo del capezzolo che tira disperatamente, avido di libertà. Le piace, immagino non solo per la novità, ma anche perché comprende dalla sua erezione il livello di desiderio che provo per lei e per il suo corpo: è un complimento, quanto e più dell’erezione del maschio.
- Hmmm... Ti piaccio davvero?
Timida e maliziosa a un tempo; sorpresa ma anche compiaciuta.
- Non sai quanto...
La desidero da impazzire, e ormai anche lei si è completamente lasciata andare ai miei desideri, che stanno confusamente diventando anche i suoi.
Trovo la zip dietro la schiena e la abbasso con trepidazione.
Il vestito elegante e un po’ conservatore di Carla scivola lentamente in terra e io mi riempio le mani delle polpe calde che si liberano pian piano.
Stacco il gancio del reggi, e lei se lo sfila agilmente staccando un istante le labbra dalle mie.
La vedo sorridere, sempre meno imbarazzata; ne approfitto per sfiorarle i capezzoli con le dita. Sono chiari, con le punte piccine e le areole piuttosto larghe: esattamente l’opposto dei miei. Per un momento giochiamo ciascuna con i capezzoli dell’altra: nudi i suoi, ancora coperti dalla blusa asimmetrica i miei, ma ormai evidenti sotto il tessuto a causa della loro feroce erezione.
- Come sono grossi! – commenta lei – È perché sei eccitata?
- Te l’ho detto, che mi piaci da impazzire...
Lei è lusingata. Scommetto che si sta bagnando...
Devo controllare; la mano destra con cui stavo giocando con le sue punte scivola verso il basso lungo il pancino convesso, fino a raggiungere le mutandine leggerissime che Carla ancora indossa.
Non distolgo lo sguardo dai suoi occhi mentre le mie dita si insinuano arroganti sotto il tessuto per violare le sue intimità più preziose.
Lei ha un sussulto quando raggiungo il suo sesso, ma non fa nulla per ritrarsi.
Sì, è umida... Umida per il desiderio di me.
Carla è completamente rasata, la sua passera è perfettamente liscia, come quella di una bambina... E piacevolmente bagnata.
- Oohhh... – geme la donna, quando le sfioro il clito, deliziosamente duro per l’eccitazione – Continua, Patrizia, ti prego...
- Pat – le sussurro alitandole nell’orecchio senza smettere di toccarla – Chiamami Pat...
Affondo completamente la mano nelle mutandine e comincio a masturbarla lentamente.
- Ooh! Sì, Pat, così... Mi piace...
Lei socchiude gli occhi, abbandonandosi alla mia iniziativa, ma le sue labbra si aprono ancora, così ne approfitto per cercarle la lingua e farla giocare con la mia, mentre le titillo il clito con l’indice e le apro le grandi labbra con il medio.
- Hmmm... Sì, mi piace... Mi piace...
Con la sinistra ho ripreso a pizzicarle i capezzoli, e le nostre lingue si sfiorano a mezza strada fra le labbra appena dischiuse. Petting leggero, delicato... Stimolante.
La sento vibrare tutta di desiderio.
Affondo di colpo il medio e l’anulare dentro la spacca tumida e scivolosa, e lei ha un sussulto di sorpresa: annaspa di piacere, e dalla vagina le sgorga come un rigurgito improvviso di umori che mi bagnano la mano.
L’attiro con forza a me con la sinistra, e affondo di colpo la lingua nella sua bocca, succhiandola avidamente mentre con la destra scavo sempre più in profondità dentro di lei.
Il suo sesso adesso gronda letteralmente di desiderio, completamente aperto a qualsiasi mia iniziativa. La sento mugolare di voglia mentre ci baciamo appassionatamente.
Vuole essere mia, senza più riserve: posso fare di lei ciò che voglio.

Ciò che voglio è possederla. Prenderla e farla mia nel letto di suo marito.
La spingo leggermente in direzione del lettone: lei arretra appena, incespica urtando il bordo del materasso con le ginocchia, e cade lentamente all’indietro fino ad adagiarsi di schiena sul lettone ancora intonso, nuda a parte le mutandine ancora indosso e le eleganti scarpe col tacco alto che ha sempre ai piedi.
La osservo un istante, con l’acquolina in bocca: non è magrissima, ma non la vorrei con un solo etto di meno. Morbida, tenera... Fisicamente un po’ una via di mezzo fra il fisico atletico della Giulia e quello voluttuoso della Mara, ma più maturo. Niente segno del costume, dev’essere naturista, oppure una frequentatrice abituale delle isole lampados... Le efelidi le cospargono piacevolmente tutto il corpo perfettamente depilato: è un’artista, e ha cura per i particolari più minuti.
Le mutandine umide e trasparenti lasciano intravedere la passera depilata con un effetto vedo-non vedo estremamente eccitante, ma sono un ostacolo.
Le rimuovo con pochi gesti decisi ed esperti (quante mutandine avrò strappato in vita mia?) e le getto via in un angolo buio della suite.
Poi salgo anch’io sul letto con le ginocchia, incurante degli stivali che non ho sfilato, e la guardo sorridere, gli occhi pieni di aspettativa per quel che le farò fra poco.
Lentamente, mi sfilo la blusa dalla testa e la getto via, rimanendo a torso nudo davanti a lei: io non porto il reggi, così può finalmente vedere i miei capezzoli grossi come ciliegie mature e altrettanto scuri, che puntano minacciosamente verso di lei.
Ho ancora la minigonna, sollevata fin quasi a scoprire tutto.
Mi lecco le labbra guardando la mia compagna, lasciandole intuire il mio apprezzamento e il mio desiderio per il suo corpo nudo; ma la lascio in attesa, quasi a sollecitare una sua iniziativa.
Di nuovo, Carla è una donna adulta: per quanto alle primissime armi quando alle prese con un’altra donna, sa reagire bene se correttamente stimolata.
Infatti la vedo allungare timidamente una manina curiosa verso di me: le sue dita mi sfiorano la pelle nuda di una coscia, poi salgono a sollevare un po’ di più la mini sul davanti...
Carla spalanca gli occhi, mentre ammira il mio pelo biondo che fa capolino sotto l’orlo della gonna.
- Pat, non hai le mutandine...
Sorrido, divertita dal suo stupore, e ammicco maliziosamente.
- Sei stata senza tutta la sera?
- Già. Non ho mai avuto molta passione per l’intimo...
Lei scuote la testa, piacevolmente sconcertata: - Sei incredibile... Lo sapevi fin dall’inizio che saresti venuta a letto con me?
Faccio una smorfia spiritosa: - Lo speravo...
Non le lascio il tempo di decidere se essere indignata o lusingata: mi allungo su di lei, fino a sfiorarle i seni appiattiti dalla posizione supina con le punte dei miei capezzoli, e la faccio sussultare di nuovo quando toccano le sue punte.
Poi la bacio in bocca con forza, roteando aggressivamente la lingua e succhiandole la sua.
Carla ha uno scatto: le sue braccia avvolgono le mie spalle e mi attirano a lei mentre le sue gambe si chiudono istintivamente intorno ai miei fianchi, esattamente come farebbero con un uomo.
Mentre ci baciamo a bocca aperta, ansimando di libidine, sento le sue mani accarezzarmi la schiena nuda e scivolare verso il basso, alzandomi la gonna fino a ghermire i miei glutei sodi e compatti.
Io mi tengo sui gomiti mentre le afferro le spalle per baciarla meglio, e mi strofino su di lei finché non riesco a spingere con il pube contro il suo sesso.
La sento gemere piano mentre continuiamo il nostro bacio umidissimo. Le sto sollecitando il clitoride eccitato con la mia fica gonfia e bagnata: con quel primo contatto fra i nostri organi genitali, Carla sta assaporando la sua prima esperienza omosessuale e ricavandone quel piacere proibito che fino a oggi si era negata.
Sento le sue mani artigliarmi le natiche dopo avermi arrotolato del tutto la mini intorno ai fianchi, e dalle convulsioni delle dita intuisco la frenesia con cui cerca di indurmi ad accelerare il movimento.
La femmina etero sta sperimentando la sua prima esperienza lesbica, e si sforza di ricondurla per quanto possibile a quel che ha sempre fatto per ottenere il piacere in un rapporto a due: vuole essere scopata.
Bene: sarà accontentata...

Comincio a muovermi più velocemente sopra di lei, facendomi forza sulle braccia e spingendo con le ginocchia, mentre lei, sempre aggrappata alle mie chiappe, spinge verso l’alto per venire incontro alle mie spinte.
L’attrito fra i nostri corpi genera piacere, il piacere genera lubrificazione, e la lubrificazione agevola i movimenti e le spinte, aumentando il piacere.
Il respiro mi si accelera per lo sforzo, e ben presto anche Carla comincia ad ansimare per il piacere.
Le sue mani perdono la presa e cominciano a muoversi in maniera erratica, frenetica; lei si agita sotto di me, dimenandosi e contorcendosi mentre insegue il piacere in quell’accoppiamento contro natura al quale mai avrebbe immaginato di soggiacere.
Sopra di lei, io la controllo, la scopo, la uso per soddisfare i miei desideri perversi, che includono il convertirla alla causa di Saffo, e quindi soddisfarla quanto e meglio di qualsiasi uomo che possa averla avuta prima di me.
Sono un’amante possessiva, ma anche generosa nel dispensare il piacere: so che soddisfare la mia compagna mi conquista la sua dedizione nel soddisfare poi anche me.
Carla comincia a gemere sempre più forte sotto i miei colpi: i nostri corpi nudi sono madidi di sudore, mentre fra le gambe i succhi del piacere ormai scorrono come piccoli rivoli scivolosi.
Abbiamo smesso di baciarci: siamo senza fiato tutte e due e annaspiamo in cerca di aria mentre dalla gola ci sfuggono suoni sempre più rauchi e confusi.
- Oohhh... – geme Carla, ormai stravolta – Madonna che bello, Pat... Pat... PAAAAAT!!!
La sento sobbalzare, irrigidirsi ed esplodere sotto di me; il suo clito inturgidito ed eretto mi penetra fra le valve come un piccolo cazzo e mi fa impazzire, mentre il mio, schiacciato sul suo pube, mi manda scariche di piacere dritte al cervello.
Carla è venuta, ma io ancora no; quindi continuo a sfregarmi su di lei ancora per qualche istante, finché anche il mio orgasmo sommerge le facoltà ancora attive del mio cervello cosciente.
Emetto un grido strozzato, poi mi abbatto sulla mia amante stremata.

Dopo aver goduto entrambe, torniamo a baciarci con più calma, congiungendo le labbra inerti e intrecciando le lingue bagnate; ci abbracciamo, avvinghiando i nostri corpi nudi, cercando di fonderci in un solo ammasso di carne tremula e soddisfatta...
- Sei fantastica – le sussurro piano dopo averla baciata amorevolmente – Mi è piaciuto da pazzi...
Lei scuote il capo, ancora incredula: - Oh mio dio, non pensavo... Non avrei mai creduto che...
Le occorrerà del tempo per elaborare. Quel che è accaduto per lei è un’enormità.
La tengo stretta a me per evitare che si raffreddi, ma anche perché adoro il contatto con la sua carne tiepida e soddisfatta.
All’inizio mi limito a stringerla, poi comincio lentamente a massaggiarla come per riscaldarla. Quando si rende conto che la sto eccitando di nuovo, è troppo tardi: il suo corpo sta già spasimando per altro piacere.
- Oohhh... Pat, cosa mi stai facendo...
Torno a baciarla con la lingua, palpandole prima un seno, poi il pancino. Scendo con le labbra a suggerle il capezzolo, e lei emette un primo gemito; poi con la mano raggiungo il monte di venere, e lei ne emette un secondo, più forte.
Comincio lentamente a masturbarla senza disturbare il clito ancora ipersensibile dopo l’orgasmo precedente, e mi dedico alla spacca ancora sgocciolante, penetrandola con due dita mentre le titillo il capezzolo con la lingua.
- Sei un demonio – guaisce lei, abbandonandosi tutta alle mie ministrazioni – Mi stai eccitando di nuovo...
Scavo nella vagina con le dita, esplorando le sue intimità più recondite alla ricerca del suo punticino più caldo e sensibile... Carla si lamenta piano, subendo il mio nuovo e più invasivo assalto; si riscalda rapidamente e comincia presto a smaniare quando raggiungo infine il suo punto G. Non è esattamente dove me lo aspettavo: la sua conformazione interna è più ricurva della mia, e il suo bottoncino interno risulta meno profondo del mio, anche se più protetto.
Hmmm... Così ben protetto che...
Smetto di succhiarle il capezzolo e le sfioro le lebbra con un breve bacio.
- Adesso rilassati – le sussurro – Penso a tutto io: tu pensa solo a godere...
Lei non afferra subito, però ormai è completamente alla mia mercé, e si lascerebbe fare di tutto.
Mi sistemo a testa bassa fra le sue gambe spalancate, apro le grandi labbra con le dita, e mi chino a baciarle la fessura bagnata.
- Hmmm... – geme lei, apprezzando – Bello... Bello...
Non so se Piero le abbia mai leccato la fica; probabilmente sì, ma gli uomini raramente sanno farlo... Pochissimi sanno farlo bene. Nel caso di Carla poi, con questa conformazione anatomica un po’ particolare, scommetto che suo marito non le ha mai trovato il punto G neppure con il cazzo.
Passo la lingua fra le piccole labbra, e subito le tenere valve si dischiudono per lasciar entrare la mia lingua là dove poco prima agivano solo le mie dita.
Le dita sono più lunghe, snodate, robuste; ma una lingua larga, calda, rasposa? È molto più delicata e sensibile. Una lingua esperta, poi, può veramente fare meraviglie sulle zone erogene di un corpo umano. Se poi riesce a scovare e irretire un punto G, allora può trasformare la più inveterata succhiacazzi in una convinta leccafregne.

Comincio col suggere i succhi di cui l’imbocco della vagina è pieno, poi comincio a spingere sempre più in profondità. So bene dove intendo arrivare, ma non c’è fretta: voglio che Carla si riscaldi lentamente, e che sia già cotta a puntino quando raggiungo la sua e mia meta.
Lei comincia a gemere di piacere, lamentandosi sempre più forte sotto le mie slinguate esperte e avide: mi accarezza affettuosamente i capelli mentre la lecco, e a tratti stringe le cosce intorno alla mia testa.
Scivolo sempre più in fondo con la lingua e comincio a lambire i margini di quel meraviglioso agglomerato di nervi recettori che si chiama convenzionalmente punto G e che rappresenta di solito il centro nevralgico del piacere di una femmina.
- Hmmm... – ansima Carla, stringendomi la testa fra le cosce – Mi piace... Mi piace...
Se le piace mentre ci giro intorno, come sarà quando glie lo lecco direttamente?
Le mollo una slappata a lingua dura dritto sul punto G, e Carla prima s’inarca in un perfetto arco dorsale, poi caccia un grido selvaggio: - AAAAHHHHHH!!!
Mi spreme la testa fra le cosce con una forza insospettabile, e per un attimo temo che me la stacchi dal collo. La sento sobbalzare e dimenarsi sul letto mentre mi stritola le tempie e continua a urlare impazzita, ma io continuo imperterrita a spingerle la lingua contro il suo centro del piacere, e il suo orgasmo interno sembra prolungarsi per ore, due o tre volte più intenso di quello precedente, incentrato sul clitoride.
Mentre grida, Carla mi rovescia in bocca un fiotto dolcissimo di liquore di Bertolino, cento volte più dolce e saporito della volgare squirtata di Mara del giorno prima: la bevo avidamente, mentre lei continua a contorcersi e a sbrodolare sempre più debolmente.
Alla fine si abbatte stremata, e se non sentissi il suo sangue che pulsa potentemente all’interno delle gambe esauste potrei pensare di averla uccisa.
Sollevo il capo dal suo corpo inerte e la guardo in viso mentre mi forbisco le labbra sporche con l’avanbraccio: ha gli occhi chiusi e le tremano debolmente le labbra, che ora spiccano rosse sul viso pallidissimo per lo sforzo.
Mi accoccolo accanto a lei e l’abbraccio di nuovo, questa volta solo per tenerla calda e confortarla.
- Oh mio dio... – balbetta lei dopo un po’, senza ancora riuscire a muovere la testa – Pat... Non avevo mai goduto tanto in vita mia!
È bello essere apprezzate per le proprie abilità.

***

Guardo l’orologio: mezzanotte passata da un pezzo.
Mi alzo, apro il frigo bar e prendo una bottiglietta d’acqua minerale; la stappo, bevo un sorso ritta sugli stivali che ho ancora indosso e mi giro verso Carla, ancora immobile, stesa supina sul letto con la testa sul cuscino e un espressione stravolta sul volto che sta ancora recuperando il colore: - Vuoi un sorso?
Lei muove debolmente il capo per annuire.
Poi si solleva con uno sforzo sul gomito e allunga un braccio esile per afferrare la bottiglietta di plastica.
Mi avvicino e mi appoggio con un ginocchio sul letto, poi resto lì a guardarla bere avidamente per recuperare i liquidi persi durante l’amplesso.
I suoi seni maturi vanno su e giù mentre beve, oscillando appena sul torace che pompa aria fra un sorso e l’altro.
È bella, Carla; tutte le donne sono belle dopo l’amore, ma alcune risplendono nella penombra dopo aver toccato il cielo con un dito. Carla, il cielo lo ha appena sfondato.
Appoggia la bottiglia sul comodino e mi guarda, gli occhi nocciola che paiono neri nella penombra appena rischiarata dall’abatjour.
Sorride: - Vieni qui.
Io sollevo anche l’altro ginocchio sul materasso e gattono verso di lei, lasciandomi abbracciare.
- È stato incredibile – mi sussurra piano Io... Non avevo mai provato niente di simile.
Sfido io: con il punto G nascosto così bene, e un marito chiaramente incapace o non interessato a trovarlo... – Sono contenta che ti sia piaciuto. È stato fantastico anche per me... Sei una donna molto calda, Carla.
Lei fa una smorfia, poi sorride: - Sì, immagino di sì... Però forse a volte me ne dimentico. Grazie di aver riacceso il termostato.
- Figurati. È veramente il caso di dire che per me è stato un piacere. Spero solo che domani non ci siano problemi con la direzione dell’albergo: devi aver svegliato tutto il piano con le tue grida...
Lei si porta la mano alla bocca: - Oddio, ho gridato? Cavolo, non me ne sono neanche resa conto!
Già: capita, quando si è a letto con la Visentin...
Guarda anche lei l’orologio e si rizza di colpo a sedere: - Accidenti, è tardissimo... Piero sarà qui da un momento all’altro!
La guardo sorpreso: - Ti preoccupa? Guarda che credo che lui, Elena e Guido...
- Non m’interessa cosa hanno fatto quei tre – mi fa lei scuotendo la testa ed alzandosi in piedi – Ma questa cosa che è successa fra noi non lo riguarda, e preferisco che non ne sappia niente.
Interessante. Per Carla questo è stato un vero e proprio adulterio, e ci tiene a mantenerne all’oscuro il marito... Mi piace.
Mi alzo in piedi anch’io, tirando giù lungo e fianchi e allisciando la minigonna: - Come vuoi tu, per me è lo stesso. Però se la pensi così, sarà il caso di rassettare un po’ la stanza, altrimenti...
- No, non ti preoccupare – mi fa lei avvicinandosi con un sorriso – Ci penso io. È tardi, e tu devi tornare a casa.
Ci abbracciamo in piedi. Siamo ancora entrambe a torso nudo: i suoi seni sono caldi e morbidi contro di me; abbasso la testa verso di lei per guardarla negli occhi nocciola e la bacio in bocca.
Lei mi offre di nuovo la lingua, e ci scambiamo un altro bacio appassionato; un bacio da amanti.
- Noi due... Ci rivedremo ancora, vero?
Sorrido: - Beh, credo che ci rivedremo già domani, non credi?
- Sì, certo, insieme agli altri. No, io intendevo... Tu e io, da sole...
Gongolo dentro di me: una sola notte di sesso, ed è già innamorata.
Le accarezzo il mento: - Saresti disposta a lasciare tuo marito per me?
Lei esita un istante: - Io... Non intendevo questo. Solo... Potremmo incontrarci ancora, e...
La bacio sulle labbra: - Allora va bene. Certo che faremo ancora l’amore, tesoro. Quando vorrai.
Carla s’illumina tutta: - Lo speravo. Grazie, Pat. Ti amo.
Ci baciamo di nuovo in bacca, avvolgendo le lingue in un’ultima torrida danza proibita.
Poi mi stacco da lei quasi a forza per infilare la blusa e raccogliere le mie cose.
Un ultimo bacio sulla porta, e mi precipito all’ascensore lasciandola a pulire la stanza prima del rientro del cornuto reduce dalla sua notte brava.

Questo racconto di è stato letto 3 6 4 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone