La bambola dei piaceri

Scritto da , il 2019-08-09, genere gay

Mi hanno mandato a dare un aiuto in campagna da mio nonno e mio zio c è il raccolto , ho finito la scuola da una settimana e volevo riposare e divertirmi , mo che avevo messo occhi su un ragazzo del 4 anno , che scambiavamo certi sguardi e sorrisi ,dormo nella casa dei vecchi fattori , io e mio zio , Zio Cesare uno scapolone e come dice mia madre un puttaniere patentato ,abbiamo il bagno comunicante e sotto dormono gli operai per la raccolta ci sono di tutte le razze ,sistemo la biancheria e faccio un giro , e arrivo in fondo al ruscello e sento delle voci , mi nascondo e spio , ci sono 5 maschi che in mutande si stanno lavando e ridono e scherzano , e lottano cadendo nell' acqua e mostravano i cazzi che attraverso la stoffa bagnata . Uno alto e muscoloso biondo si tolse nudo si lavo mostrando un cazzo da paura moscio penzolava fino a metà coscia ,mi toccavo poi sono venuto sull 'erba mi sono alzato sentendo di rumori dietro di me , la mattina con Zio che mi guardava e sorrideva , siamo andati a lavorare , io sbirciavo operai , anche il ragazzo nero era statua di ebano , e poi con la tuta , da dove si vedeva il suo cazzone che sbatteva mentre si muoveva , rosso di fatica e eccitato ,tornato a casa , mi sono buttato subito nella doccia , e mi stavo masturbando a occhi chiusi e immaggino di stare in mezzo a tutti queli maschi e succhiarli e farmi sbattere fino a svenire , che sento qualcosa dietro la mia schiena e mi giro e Mio zio che mi dice ,Ti ho visto al fiume spiavi operai , tipòiace il cazzo vero ? e mi appoggia il suo sul culo ,le sue mani sui capezzoli a poi sulle chiappe tremavo avevo i brividi , e mi sono girato e lui mi ha baciato in bocca e mi ha stretto , Lo hai gia fatto ? NOoo sei il primo fai piano andiamo sul letto , si è sdraiato aveva un bel cazzo duro venoso ,io che lo succhiavo guardandolo per vedere come godeva e ci mettevo tutta la mia bravura , le palle sotto il solco e poi mi ha girato piegato a pecorina mi ha leccato il buco le sue dita dentro e fuori tremavo e ansimavo e gemevo come una troia , vieni io mi sdraio e tu ti siedi sopra e lo fai scivolare piano dentro e cosi piano piano lo sentito entrare spinto e lo preso tutto fino alla radice mi muovevo su e giu il mio cazzo duro che sbatteva sulla sua pancia stavo impazzendo la prima volta godevo che come spinse da sotto ho sentito il piacere salire e ho avuto un orgasmo senza toccarmi ma sussultavo e urlavo dal piacere che mi ha chiuso la bocca e mi venne dentro , rimasti cosi a abbracciati mi ha chiesto cosa mi eccitava guardando gli operai e confessai che li avrei voluti tutti su di me e io che a turno in culo e in bocca doppia e farmi scopare fino a svenire , il racconto lo eccito che lo succhiai e mi sborro in bocca e me lo fece ingoiare senza perdere una goccia , il giorno dovevamo comportarci come se nulla fosse ,e mi controllava quando guardavo operai, ne avevo selezionati 5 tre rumeni sui 35 40 anni il nero, e albanese ,il sabato sera festeggiavano il nonno gli portava due casse di birra e carne da fare alla bracie . mi chiamò mio zio e mi disse metteti una tuta senza niente sotto , poi lavati con il tubo dentro il culetto ,e aspetta che ti chiami io ,verso le 23 mio nonno dormiva e con il sonnifero manco le cannonate , mio Zio mi chiama e mi porta dietro il fenile , c'è una radio con la musica loro bevono ridono e ballano , ci danno da bere , e partecipiano alla danza tutti in circolo le mani sui fianchi e si gira intorno al fuoco facendo dei passi prima a destra e poi a sinistra , capito tra due di quelli che mi attizzano ,qualcuno lascia la festa e mio zio parla con tre dei ragazzi poi chiama il nero ,mi porta nel fienile e mi fa indossare una gonna larga e lunga e aperta davanti mi fa mettere un perizoma ,e poi una fascia sul petto e una parrucca , mi trucca alla meglio e mi dice di aspettare parla con i ragazzi e mi presenta come Chantal entro e parte la musica di una danza e mi muovo loro seduti in cerchio sono un po bloccato ma poidue bicchieri di birra e mi lascio andare , alzo la gonna e la faccia roteare sulle loro teste , si toccano sono tutti eccitati , il bonazzo senza la maglia si alza e mi afferra e balla mi stringe e mi fa sentire il cazzone ,poi mi strappa le vestiti e mi butta sul fieno e mi bacia mi lecca da per tutto e cosi anche gli altri coi cazzi duri nelle mani che mi toccavano mi strizzavano il culo , poi a turno succhiavo i cazzoni mi hanno girato a pecorina e cosi a turno me li hanno infilato dentro ero cosi eccitato che non facevano fatica , quando mi ha preso il nero mi ha fatto male era enorme . sono venuti tre volte per uno dentro e in bocca poi ero stanco che mio zio mi porto via , ma era cosi eccitato lungo la strada mi scopato anche lui , dicendo che lo avevo fatto godere , e che se mi era piaciuto dovevamo rifarlo .

Questo racconto di è stato letto 4 1 7 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone