Stanza d’hotel

Scritto da , il 2019-08-09, genere sentimentali

Nella stanza d’hotel:


sono qui sdraiato sul letto, in quella spece di dormiveglia che dopo il mare solitamente ho.

Il rumore dell’acqua con te in doccia riempie la stanza, assieme al suono delle onde che provengono dalla vicina spiaggia.

Eccoti, esci dal bagno con in dosso un accappatoio e i capelli sciolti che cadono fino a metà schiena, assieme a te, il profumo dello sciampo e bagnoschiuma. Io ti sento ma faccio finta di dormire per osservarti mentre ti muovi verso la finestra. Quando passi in fondo al letto butti uno sguardo con un sorriso stupendo verso di me.

Arrivi alla finestra, e appoggiandoti con i gomiti inizi a contemplare questo bellissimo posto qui in Spagna sull’isola di Fuerteventura e guardi verso l’oceano.

io dal mio posto osservo la tua schiena, i tuoi capelli, parte delle tue gambe scoperte dall’accapatoio e in fine la splendida forma che rivela il tuo lato b.

non riesco più e decido di alzarmi molto delicatamente da questo lettto. Mi avvicino piano a te che sei immersa in questo contesto magnifico e molto delicatamente appoggio le mani sulle tue spalle, tu sussulti appena, e girando leggermente la testa verso di me, mi regali nuovamente il tuo attraente sorriso. Ti sorrido a mia volta e avvicino il volto verso il tuo collo. Il profumo di te dopo la doccia, assieme a quella crema corpo che sa di ananas e vaniglia e potente, forte, chimico al punto giusto, tanto che incomincio ad annusarlo intensamente respirando vicino al tuo orecchio. Scosto i capelli per liberare spazio ed essere più vicino alla tua liscia pelle, tu chini la testa verso sinistra per darmi maggior accesso al tuo collo, che incomincio a mordicchiare con le labbra, mentre mi aiuto con le mani a togliere quello strato di tessuto che ancora è li a separare i nostri corpi dal contatto diretto.

Ora l’accappatoio non c’è più, si trova ai nostri piedi, io decido di spostarmi con le labbra verso le tue labbra e così ci uniamo in un profondo, intenso bacio, le bocche si schiudono e le nostre lingue incominciano una danza spietata, fatta di rincorse che finiscono in un vortice dove le lingue guizzano e si attorccigliano. Ci stacchiamo da questa potente scossa e ora mi muovo con le labbra verso la tua spalla, per raggiungere la tua schiena mentre le mani, si spostano verso i seniiche stringo. La bocca che si trova sulla schiena, inizio ad inondarla di baci, il tutto molto lentamente, mentre tu assapori il profumo di mare che arriva dalla finestra, assieme alla freschezza della doccia, mischiata al caldo delle mie mani e delle mie labbra, che nel frattempo stanno scendendo lungo la schiena.

Raggiungo il tuo lato b, così sodo, così bello che stringo fra le mie mani e bacio. Alterno i baci con la mia lingua, a te piace, piace molto questo momento altamente erotico, entrambi lo sappiamo.

Scendo ancora, lungo le gambe, fino a raggiungere le caviglie.

Ora decido di risalire e mentre lo faccio tu hai già capito e ti giri verso di me. Ora le mie mani hanno raggiunto le tue ginocchia mentre procedo con questo dolce trattamento di baci e carezze.

Sono sulle tue cosce, sempre toniche, sempre tremendamente profumate, qui il profumo è sempre più intenso e tutto ciò, mi manda letteralmente in estasi. Ti stringo mentre la mia lingua risale lungo l’interno coscia.

Tu sei sempre in piedi, ma decido di utilizzare l’ampio davanzale interno della finestra per farti sedere comodamente. il vetro dietro ti fa da sostegno per la schiena, e il contatto con la superfice del vetro leggermente freddo ti fa emettere un piccolo lamento che colgo ancora erotico, carico di noi, quindi mi avvicino con il volto alle tue grandi labbra, che bacio, sfioro con le labbra e con la lingua mi faccio strada, esploro tutte le grandi labbra, le piccole,

tu sussulti, mettendomi le mani sulla testae le tue gambe ssulle mie spalle, come a non volermi fare andare via, e io, non ne ho la minima intenzione di farlo.

Raggiungo con la mia bocca il tuo bottoncino che incomincio a tamburellare con la lingua, ora tu mi stringi ancora più forte con le mani, la lingua lenta, ma decisa, continua a disegnare piccoli cerchi sul tuo clitoride.

incominci anche tu ad inarcarti come a disegnare con il bacino delle onde, assecondando i miei movimenti. Mi stringi forte, molto forte incominci a tremare la mia lingua, sempre li ad esplorarti, mi aiuto con le dita. Fino a che, non resisti piu, e buttando la testa indietro ti lasci andare stringendomi.

Mi stacco da te, ci guardiamo, ci sorridiamo e tu mettendomi le braccia intorno al collo mi permetti di prenderti in braccio e ci spostiamo sul vicino letto dove ci sdraiamo e………….

Questo racconto di è stato letto 1 3 2 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone