Dopo le vacanze (prima parte

Scritto da , il 2019-08-06, genere prime esperienze



Era appena finita l'estate e Giada aveva terminato le sue vacanze, era ora di lavorare, così i suoi le avevano detto alla fine del liceo, diciannove anni compiuti e un anno per decidere cosa fare.

L'estate aera passata veloce, feste divertimenti e libertà ancora sulla sua pelle abbronzata, ma il primo settembre sua mamma la svegliò alle sette dicendole"Ora ti dai da fare e ti cerchi un lavoro, questo mese hai solo pranzo e cena pagati".

Faceva ancora tanto caldo, la città non si era nemmeno tutta rimessa in moto, e Giada non sapeva da dove cominciare, aveva si il suo curriculum sia sul cellulare che stampato, ma per fare cosa?D i quella estate le era rimasto solo tanta voglia di scoprire cose nuove, la fotografia ad esempio, in spiaggia l'avevano taggata in diverse foto e comparendo nei profili dei locali alcuni fotografi l'avevano contattata per posare, era giovane e ben fatta, in più come le avevano detto tutti quelli che le facevano le foto,aveva davvero dei seni bellissimi. A diciannove anni Giada non era poi così consapevole, viveva molto giorno per giorno trovandosi in realtà non così bella come le dicevano quei fotografi. Molti set erano stati in spiaggia in costume, con amiche e in contesti con tanta gente intorno, mentre uno di loro l'aveva invitata a casa sua, un bel posto in collina , con un giardino curato ma non perfetto dove c'erano un grande gazebo in pietra protetto da tende.

Le fece le foto lì dentro, prima però le spiegò bene come si usa la macchina, facendola provare a scattare intorno a se, un gioco divertente, guardare mettere a fuoco e sentire lo scatto, il fotografo guardava Giada divertito,questa volta lei non era una modella e basta ma forse nuova allieva.Si instaurò un rapporto di fiducia in un solo pomeriggio, sebbene lui avesse ben più del doppio degli anni di Giada, le chiese di tornare il giorno successivo solo per posare e Giada lo fece con entusiasmo e la promessa di imparare ancora da lui. L'indomani Giada trovò tanti teli e molti cuscini n più ed un letto nel grande gazebo, un set da mille ed una notte, aveva pensato ad un tramonto speciale,così il fotografo scattò con la luce che passava dalle tende aperte ed illuminava il volto e lunghi capelli biondi di Giada, poi le chiuse ed accese alcune lampade pregando Giada di rimanere nuda. Senza esitare e molto divertita Giada si denudò completamente lasciando scoperta anche il pube completamente glabro. Il fotografo dopo alcuni scatti si avvicinò a Giada e senza chiedere spostò i capelli, erano davvero tanto lunghi potevano incorniciarla perfettamente , per fare questo li toccò molto sparpagliandoli sul seno sodo e sostenuto, così facendo le fece rizzare i capezzoli. Poteva bastare erano belli turgidi e la foto sarebbe risultata perfetta ma indugiò stringendo la punta come fosse un campanello, tirava piano e stringeva la punta Giada sentiva che lui sapeva cosa fare per rendere tutto perfetto. Per Giada era tutto nuovo, si sentiva la tela dell'artista e non voleva disturbarlo sebbene le stesse stuzzicando i seni da qualche minuto, non percepiva il richiamo sessuale di tutte quelle attenzioni da parte del suo amico fotografo, anche se la sua vagina stava colando un poco sul cuscino che aveva sotto il sedere.Lui stava maneggiando i capelli quasi uno ad uno dovevano ricadere alla perfezione aveva detto ,fondendosi con le areole chiarissime di Giada.

Fu così , fotografandola lui si era notevolmente eccitato e toccarla li sui seni era stato un lavoro difficile da controllare, i capelli sottili e chiari scivolavano sulle rotondità così sode obbligandolo a riposizionarli come voleva lui,le aveva anche pizzicato i capezzoli con i polpastrelli per ottenere il massimo risultato nelle foto cercando di trattenere però il suo pene ormai quasi al limite,.

Giada non se ne era accorta ma lui aveva avuto da subito una forte erezione nel vederla , la sua ingenuità aveva aumentato l'eccitazione e il suo pene aveva rischiato di sborrare molte volte nonostante fosse già scarico , lui sapeva che avrebbe visto giada, si era ben bene segato un ora prima, in archivio avevano una cartella speciale con dei nudi fatti ma mai pubblicati in alcune foto c'erano anche delle penetrazioni così era facile segarsi, le utilizzava prima di alcuni set che sapeva potevano portarlo ad eccitarsi molto e giada prometteva bene le sue tettine sode e a punta lo avevano catturato da subito .

Il set finì e subito vide alcune delle sue foto , davvero magnifiche, aveva fatto bene a sistemare con dovizia i suoi capelli il risultato era eccellente. Il fotografo la salutò pregandola di tornare da lui per qualsiasi curiosità, sia per posare che per imparare, le raccomandò però di depilarsi sempre totalmente come quel giorno, anche il suo pube come i seni era perfetto, le grandi labbra sono magistralmente disegnate, le disse, la prossima volta potremmo fotografarle meglio., scoprendo anche le piccole e vedendo come è fatto il tuo clito.

Quell'esperienza rimase molto impressa a Giada che cominciò a fotografare tutto ciò che la incuriosiva, fino a che quel mattino in cui la mamma la esortò a cercare lavoro, così ripensando al fotografo andò da lui in cerca di lavoro. Presentandosi di sorpresa Giada lo trovò impegnato nel suo lavoro, quello di architetto, lui la fece comunque accomodare a casa sua.

Giada in quella mezz'ora che gli dedicò continuò a raccontarsi , gli disse che era in cerca di lavoro si, ma che la fotografia l'aveva conquistata portandola ad immortalare ogni particolare interessante che incontrava .

La congedò dopo mezz'ora di chiacchiere e la pregò di tornare il giorno successivo appena dopo l'ora di pranzo, avrebbero dapprima organizzato il suo nuovo lavoro e poi iniziato il suo corso di fotografia, prima di salutarla però con una mano sollevò la gonnellina leggera che indossava e passò l'indice nella fessura che già sentiva da sopra le mutandine, voleva sincerarsi che fosse glabra, indugiò mettendo il dito medio e scostando le mutandine, percepì subito qualche goccia e guardò Giada che era totalmente a suo agio.

Scostare le mutandine era stato facile era un pezzettino piccolissimo che si infilava perfettamente tra le natiche di Giada ignorava il colore ma la gonnellina era bianca e probabilmente erano bianche anche le mutandine , spostò il dito indice e infilò il medio su , Giada stava ferma i seni sembravano più grossi adesso. Proseguì a staccare le piccole labbra che stavano inumidendosi ancora un pò ma non troppo. In silenzio esaminò con le sue dita la vagina di Giada all'esterno liscia e fresca e dentro molto gonfia, Giada sarebbe stata pronta per una penetrazione con più dita sì d prepararla al suo pene grande e gonfio.

Il fotografo Aveva finito il tempo a sua disposizione, una riunione lo aspettava, a malincuore congedò Giada, lei gli disse a domani.

Continua ...


Questo racconto di è stato letto 3 8 9 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotici prima volta nel culosuocere incestuoseil mio primo ditalinoracconti porboracconti porno freemia moglie mi sodomizzaracconti di gaystorie di donne porchetracconti eroticiprima volta racconti eroticistorie sesso lesboracconti di sesso estremoracconti di mamme incestuoseracconti trasgressiviraccconti eroticiracconti/eroticiracconti erotici veremogli troie raccontiracconti lesbo 69racconti erotici depilazionestorir pornodottoresse voglioseracconti femdomstorie etoticheracconti x adultiracconti milu comcuck raccontiracconti porno con fotoxnxx gajscopate da caniracconti casalinghecuckold sottomessoracconti eraticiracconti di incesti veriracconti piccantissimistorie pornracconti di storie di sessoracconti di chiavatestorielle pornoracconti erotici fistingdottoressa vogliosagigantesse storiestorie di sesso con suoceraracconti eroticeracconto hotracconti marito bisexracconti erotici ricattiracconti di scambio di coppieracconti erotici di dominazionevere esibizionisteracconti feetstorie di miluracconti milúracconti hot gratismamma eroticaracconti erotici caniracconti di donne lesbicherecconti eroticirotici raccontimia moglie si esibisceprima volta scambio di coppiasesso fra donne e animalipadrona piscia in boccaeroti raccontiracconti xxxla vacca di mia moglieraccomti eroticiracconto suoceraracconto lesbogenere racconti eroticiracconti di milu dominazioneracconti erotociracconti erotici reali gay