Sesso anale, fisting estermo e degrado (1)

Scritto da , il 2019-08-02, genere fisting

Vieni! Ho una sorpresa per te.

Il mio patrigno stava dcavanti alla porta della mia stanza.

Era il mio 15° compleanno e sapevo esattamente quale fosse la sorpresa. Il suo pene grosso, grasso, e scuro era conosciuto. Era un venerdì mattina e mia mamma era già fuori per lavoro. Ho guardato l'orologio. 6.45 del mattino. Mi alzai e lo seguii nella camera dei miei genitori. Sapendo cosa stava per succedere, mi inginocchiai. Sì, sai dov'è la tua sorpresa di compleanno, vero? Lui sorrise e io provavo la stessa cosa che faccio sempre quando vedevo i suoi denti marroni. Grazie a Dio non devo baciarlo. Questa volta ci fu davvero una sorpresa. Si era lavato il pene perché non aveva un cattivo odore. Le mie labbra toccano il suo pene e le mie labbra solleticano leggermente la punta, mi ci sono voluti solo pochi secondi per farlo venire.

Lo sperma mi ha riempito la bocca ed ero contenta che fosse finita. Più di tre anni di pompini mattutini quotidiani hanno lasciato un po' di esperienza su come farlo in fretta. Anche se questa volta ha avuto davvero una sorpresa per me. Normalmente andrei in bagno e mi libererei di questo cattivo sapore di sperma in bocca. Mi ha afferrata, mi ha girata sulla pancia e mi ha spinto forte contro il materasso. Questo era nuovo.
Il sesso anale normalmente era solo la sera quando mia mamma era fuori o quando dormiva già. Ed era sempre nella mia stanza, quindi potevo prepararmi. Immagino che questa volta avrei dovuto prenderlo così. Mi spinse giù con una mano, sollevò la gonna con l'altra ed entrò lentamente nel mio buco posteriore.

Con tutto il suo peso corporeo su di me e i suoi fianchi che si muovono avanti e indietro, ho potuto sentire il suo respiro accelerare proprio accanto all'orecchio. In quei momenti, ho sempre pensato alla prima volta che lo ha fatto. Mia mamma ha avuto una discussione con lui e se n'è andata di casa. Era davvero arrabbiato e dopo aver bevuto quasi mezza bottiglia di whisky, è emtratp improvvisamente nella mia stanza.
Avevo troppa paura di dire o fare qualcosa. Mi prese per un braccio e disse sottovoce: Se tua madre non mi lascia scopare, è il tuo turno, tesoro. In quel momento non sapevo cosa volesse dire, ma presto avrei scoperto. Mi strappò il pigiama, mi prese per i capelli e mi spinse nei cuscini. La prossima cosa che sentii fu il dolore. Un dolore pungente e intenso, proveniente dalla mia schiena e dal mio interno. Era il dolore di un grosso pene grosso che distruggeva uno sfintere anale di una bambina di 13 anni senza lubrificante. Il dolore mi attraversò il corpo. La mia faccia era sepolta nei miei cuscini. Ma non ho urlato. In qualche modo, mi è piaciuto. Durò solo circa 30 secondi. Dopo aver tirato fuori il suo pene dal mio retto, ho sentito l'impulso di rimettere qualcosa dentro. Rimasi immobile, finché non ebbe lasciato la mia stanza. Poi mi sono alzata rapidamente e ho afferrato la prima cosa che ho trovato per metterlo nel profondo del mio buco del culo. Era una bottiglia di deodorante e anche se era più larga del pene del mio patrigno, è semplicemente scivolata dentro. Mi sono rannicchiata con il mio grande orso impagliato e ho posato lì per diverse ore, la bottiglia di deodorante ancora dentro di me. Da questo giorno ho lottato con me stessa. Da un lato, non potevo ottenere abbastanza dal sesso anale. D'altra parte, l'unica persona che ha fatto sesso anale per me era il mio patrigno pervertito. Quindi, il suo regalo di compleanno non è stato poi così male. Ma gli ci volle molto tempo per venire di nuovo e il sapore del suo sperma in bocca stava diventando fastidioso. Dopo aver finito, mi sono precipitata in bagno a fare la doccia e lavarsi i denti contemporaneamente. Per fortuna avevo preparato il mio sfintere per gli incontri negli ultimi due mesi. Con un po'di lubrificante o sapone sono stata in grado di mettere il polso della mia mano in profondità nel mio buco del culo. Una mano nel culo, l'altra con in mano la doccia. Ero in piedi sotto la doccia. Il sapone mi bruciava il retto. Ho adorato quella sensazione. Lo adoro ancora. 10, 9, 8, 7, ... 3, 2, 1. Va bene, devo andare a scuola.
La giornata a scuola è stata piuttosto noiosa. Anna, la mia migliore amica, è venuta a prendermi alle 7.40 e abbiamo camminato insieme. È l'unica persona a sapere del mio piccolo segreto. Quindi, le ho detto cosa era successo al mattino. Mi ha abbracciato e mi ha dato un bacio sulla guancia. Ci siamo baciate molte volte, abbiamo anche fatto sesso un paio di volte. Anna era lesbica ed era davvero bellissima. Fare sesso con lei era sempre divertente, ma preferivo i ragazzi. No, sbagliato. Preferivo gli uomini. In quel momento non lo sapevo. Ma presto lo avrei scoperto. Non vedevamo l'ora che arrivasse la sera. Due settimane prima abbiamo acquistato documenti di identità falsi. Erano piuttosto costosi, ma ora secondo i nostri documenti di identità, avevamo entrambi 18 anni. È ora di scoprire se sono abbastanza ben fatti da convincere i buttafuori.
Lo scorso fine settimana abbiamo comprato liquori e ha funzionato. Il ragazzo del negozio ha accettato i nostri documenti di identità. Alle 8 di sera ho suonato il campanello di Anna. Le prossime due ore la abbiamo passate in bagno. Ci siamo sistemate i capelli, ci siamo truccate e ci siamo vestite. E, ovviamente, ci siamo ubriacate. Eravamo piuttosto alticce quando siamo arrivata al club subito dopo le 10. La musica forte suonava dentro e sono diventato molto teso. Questa sarebbe stata la prima volta ad essere in un club rigorosamente oltre 18. Abbiamo aspettato in fila per circa 15 minuti e quando abbiamo raggiunto l'ingresso, il buttafuori non ha voluto vedere i nostri documenti. Ha fatto l'occhiolino e ci ha fatto entrare. Beh, è stato un po' deludente. Ma d'altra parte, chi se ne frega. Eravamo all'interno del tempio. Era già abbastanza affollato e ci siamo recate al bancone. Ho ordinato Vodka Bull e Tequila. La festa stava per iniziare. Dopo altre quattro Tequila ci siamo sedute al bancone e la festa non è davvero iniziata. La musica era davvero pessima e ho potuto vedere nell'espressione del viso di Anna che la pensava allo stesso modo. Andiamo al dancefloor e almeno proviamo. Bene, ho risposto. Anna mi prese la mano e ci dirigemmo verso la pista da ballo, quando incontrai qualcuno. Beh, sembrava più di sbattere contro un muro. Ho lentamente sollevato lo sguardo e ho incontrato i più bei occhi blu che abbia mai visto. Appartenevano a una faccia molto bella di un ragazzo di venticinque anni. Ero così perplessa, ho appena detto Ciao! Ciao, rispose una voce dolce e confortante. Stai bene? Sì, sì, immagino di sì, inciampai. Fu allora che mi resi conto che avevo istintivamente alzato le mani per proteggermi appena prima dell'incidente e le mie mani erano ancora davanti a me. Almeno ho pensato che fosse la sua pancia. Sembrava più un piatto di ferro sotto la camicia. Alzai lo sguardo e dissi di nuovo Ciao. Gli angoli della sua bocca si sollevarono lentamente e formarono un sorriso meraviglioso. Le mie ginocchia si fecero di pappa e quasi caddi. Cosa mi stava succedendo? Fortunatamente, le sue mani grandi e forti mi hanno afferrata. Le sue mani sembravano enormi, proprio come tutto il suo corpo. Era alto almeno 1,9 m e almeno 100 kg di muscoli puri. Più del doppio di me. Le mie mani erano ancora appoggiate sul suo ventre, quando alzai lo sguardo e dissi Ciao per la terza volta. Mi dispiace se ti ho ferito. Lascia che ti compri qualcosa da bere. O-okay. Mi girò con attenzione e mi pilotò verso il bancone. Noi piccole bambine dovevamo combattere tra la folla, ma quando camminava dietro di me, la folla si spostava e arrivammo al bancone senza urtare altre persone. Le mie spalle stavano riposando proprio sopra i suoi fianchi e la parte posteriore della mia testa era contro i suoi addominali duri come la roccia. Mi posò una mano sulla spalla per stabilizzarmi e con l'altra pagò il barista. Ho preso il mio bicchiere, sembrava pieno di Coca Cola e ghiaccio tritato. Con la mano ancora sulla spalla, mi guidò verso il salotto. Ho visto Anna. Mi ero completamente dimenticata di lei. Mi guardò e mi diede entrambi i pollici. Sorrisi ed entrai nel salone. Ci sedemmo su un divano tranquillo nell'angolo uno accanto all'altro. Quando si sedette, era alto quasi quanto me mentre ero in piedi. Non sapevo bene come sedermi. Volevo guardarlo, ma volevo anche appoggiarmi a lui. Quindi mi sono seduta in un modo piuttosto strano e mi ha sorriso. Non mi ero mai sentita così goffa. Mi afferrò per i fianchi e mi trascinò di lato in grembo. È perfetto! Posso guardarlo negli occhi e appoggiarmi contro di lui allo stesso tempo. Sono Andy a proposito, ha detto. Sono Lena, ho risposto. Mi ha appoggiato una mano sulle ginocchia. Questo è quando ho notato i tatuaggi. Il suo braccio era completamente coperto di inchiostro. Fino alla punta delle dita. Inoltre, il suo avambraccio era più spesso della mia coscia. E muscolo puro al 100%. Ho bevuto un sorso del mio drink e ho scoperto che non era Cola. Era quasi liquore puro. Che cos'è? Ho chiesto. Questo è il tè freddo di Long Island. Non ne ho mai sentito parlare, ma aveva un buon sapore. Dolce. Che cosa stai bevendo? Solo acqua. Oh, hai già bevuto troppo? No, non bevo alcolici, rispose lui e fece l'occhiolino. Il mio tè freddo era quasi vuoto e quando arrivò il barista ne ordinai un altro. E 10 minuti dopo un altro. Questo era davvero buono. Nel frattempo, ho scoperto che Andy era un progettista di software autonomo e viveva in una casa in periferia, che ha un dolce cagnolino e va in palestra ogni giorno per circa cinque ore. Mi sentivo davvero a mio agio in sua presenza e il mio nervosismo di prima era sparito. Mentre tenevo la sua mano nella mia ed esaminavo i disegni sulla sua pelle, l'altra mano mi accarezzò delicatamente la schiena. La sua voce forte, ma dolce mi solleticò il cervello e io inclinai la testa contro il suo collo. Il successivo tè freddo stava volando dentro ed era vuoto tanto rapidamente quanto gli altri tre prima. O quattro. Non mi ricordavo.
La mattina dopo mi svegliai molto stordita. Mi sono guardata intorno e ho scoperto che ero in un posto sconosciuto. Dove sono? Ho pensato. Ho sollevato la coperta. Non conoscevo i panni che indossavo. Una maglietta molto grande che arrivava quasi alle mie ginocchia e un boxer corto. Guardandomi per la seconda volta ho scoperto una nota sul comodino. Portare a spasso il cane. Torneremo alle 12 con colazione. E un cuore. Dio mio! Io ricordo! Sono a casa di Andy. Uno sguardo all'orologio mi ha fatto capire che erano le 11.30. Mancavano solamente 30 minuti al suo arrivo. Potrei semplicemente andarmene. Non conosce il mio vero nome. E se ci incontrassimo un giorno in città? E dove sono i miei vestiti? No, posso gestirlo. Aspetterò che torni. Probabilmente può dirmi cosa è successo ieri sera. Sia la mia vagina che il mio buco del culo non sembravano essere stati usati di recente. Quindi sono andata in cucina e l'ho aspettato. La sua casa era davvero grande, con un grande giardino, una piscina con una fontana e persino un piccolo stagno all'estremità vicino alla foresta. Presi un bicchiere d'acqua, mi sedetti sul divano e attesi. Un paio di minuti dopo, è tornato a casa. E con lui un enorme pastore tedesco. Il cane corse dritto verso di me e mi leccò la mano. Sembrava che mi conoscesse. Andy era vestito con pantaloncini, un'ampia maglietta e occhiali da sole alla moda. Mi ha sorriso. Buongiorno, bella addormentata. Come ti senti? Un po 'stordita. Immagino che sia il mal di testa dovuto all’alcool. Beh, questo è certo. Lascia che ti dia un'aspirina e qualcosa da mangiare. Spero che ti piacciano i cornetti. Balzai in piedi e lo seguii in cucina. Ci siamo seduti a un tavolo da bistrot. Mentre combattevo contro il mio stomaco per mangiare il cornetto, preparò un'enorme quantità di bevande per il fitness. In men che meno lui ha finito il suo drink più velocemente di me a mangiare il mio cornetto e ha anche mangiato tre croissant nello stesso tempo. Potrei esplodere mangiando questa quantità di cibo. Mi ha sorriso per tutto il tempo e alla fine ha chiesto Ricordi cosa è successo ieri sera? Sfortunatamente no. Beh, non vale davvero la pena ricordarlo. Quindi, la fortuna è davvero dalla tua parte. Ricordi come ci siamo conosciuti? Sì, al club. Mi sono seduto sulle tue ginocchia, abbiamo parlato e ho bevuto il tè freddo di Long Island. È così. Bene, dopo aver bevuto il tuo quinto tè freddo, eri piuttosto ubriaca e volevi trovare la tua amica. Sfortunatamente, è andata a casa senza di te. Non volevi andare a casa da sola, quindi ti ho portata a casa con me. Abbiamo fatto sesso? Cosa? No. Non sono quel tipo di ragazzo. Inoltre, ti sei coperta di tè freddo vomitato e parzialmente digerito, quindi ho dovuto pulirti. I tuoi vestiti sono ancora in lavatrice. »Fissai il pavimento, troppo imbarazzata per guardarlo. Va tutto bene, ha detto. Non ti preoccupare. Ho davvero trascorso una serata divertente rrazie a te. Lo guardai e lui rise. Mi dispiace tanto. Che ne dici di questo: il tuo vestito sarà pronto tra 30 minuti. Puoi cambiare i tuoi vestiti allora. Ti porto a casa quando vado in palestra e stasera vieni qui alle 7 e cuciniamo insieme. Sembra meraviglioso.
Quando arrivai a casa, andai direttamente a letto. Ero molto stanca. Ma anche eccitata. Oggi sarò al mio primo appuntamento con un vero uomo. Non solo un ragazzo che mi porta allo snack bar. Un vero appuntamento. Voglio indossare il mio vestito migliore. E la lingerie che ho ricevuto in regaolo. Devo preparare il mio buco del culo? Se ogni parte del suo corpo è così grande, è meglio che lo prepari davvero bene. Ho preso il plug anale più grande che avevo e l'ho inserita lentamente nel mio buco del culo. Dovrebbe rimanere lì fino a quando non avremo fatto sesso.

Questo racconto di è stato letto 4 5 9 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


confessioni erotiche realiracconti harraccontieroticigayracconti vicinascoparsi la vicinaracconti erotici di anzianiho scopato la nonnaracconti porno travestitiracconti erotici con animaliracconti porno con fotoracconti erotici trasgressiviracconti erotici generiracconri eroticiracconti erotici onlinenonno racconti eroticiracconti di sessoracconti fayscopate con la vicinasesso con la cognataracconti incestistorie gay 69storie porno italianoho chiavato mia madreporno mamma raccontiracconti erotici tettoneesperienze di sessoricatto racconti eroticistorie feticismostorie pornperotica raccontiracconti/eroticiracconti erotici mamma e figlioracconti sexyraxconti eroticiscambio di coppia in spiaggiaracconti hard realieroticoraccontifamiglie incestuoseracconti di zoofiliaracconti hatdstorie vere hotracconti porno sottomessaracconri eroticiyoutube racconti eroticii generi dei racconti eroticistorie erotivhenon ce cosa piu divina che scoparsi la cuginaraccontisexiracconti matureracconti erotici harry potterracconti eroyicierotoci raccontivicina vogliosapapà inculamiracconti orsi gayannunci racconti 69giocare con la sexy sorellastraracconti erotracconto incestuosoracconto porno gratisracconti dominazione milu69 racconti eroticiporno racontiracconti erotici saunain culo alla suocerasuocere raccontisesso porno raccontiraccoonti eroticiconfessioni eroticheracconto erotico 69erotiche storieracconti erotici teenragazza si fa montare da un canesesso storieracconti porno+racconti pormostorie pornracconto eroticiconti eroticiracconti sroticiracconti di mia suoceramarito cornuto contentoertici raccontigeneri eroticicrossdresser raccontiracconti eroticissimistorie porno realiracconti dilatazione analeti cago in boccaracconti poenostorie di ninfomaniracconti erotici padre figlioracconti pormoracconti bull