Dalla teoria ai fatti

Scritto da , il 2019-07-22, genere tradimenti

Per rispondere ad alcuni messaggi, anche se sfasate di qualche giorno visto che leggo e scrivo quando “posso”, devo dire che si, in questo momento scoperei volentieri con chi mi intriga, non con tutti, in realtà l’unico cornetto messo, subito non so, è quello di pochi giorni orsono, ma chiaramente lo scrivere delle mie avventure mi mostrano come fossi sempre sul pezzo, cosa non vera, certo non scrivo delle giornate morte e noiose. Una cosa è certa questo è un periodo in cui la mia voglia è molto alta e probabilmente mi accontenterei di partner che forse altre volte non avrei accettato. Comunque da questo sabato mattina, quello appena passato (20 Luglio) ho deciso che in ogni occasione me la sarei giocata come “dottor Jack e mister Hyde”, ovvero brava ed anonima quando sono assieme alla mia famiglie, “rizza cazzi” quando sono da sola, così quando siamo usciti per fare la spesa mi sono vestita in tuta abbastanza chiara, pantaloni non particolarmente aderenti, sopra reggiseno morbido con sopra la giacca della tuta chiusa fino quasi al massimo, poi all’ultimo mio marito ha deciso di rimanere a casa quindi una volta in garage ho attuato la trasformazione: giro su se stessa la striscia dell’elastico dei pantaloni così che da larghi diventano aderenti e ben inseriti sul culo delimitando bene i solco dei glutei ed evidenziando la presenza del perizoma, apro la zip della giacca mettendo bene in mostra la mia terza abbondante e libero il reggiseno dal triangolino protettivo in modo che i capezzoli siano un po’ riconoscibili anche da sotto la giacca della tuta.

Sono andata alla coop appena fuori Poggibonsi, non vicinissima a casa ma nemmeno lontana, ho fatto la spesa mettendomi in mostra, in particolare quando ho incontrato alcuni amici da soli, senza mogli, con la lista della spesa e si sono avvalsi del mio aiuto per sapere dove cercare le cose da acquistare, non ho lesinato pieghe a novanta gradi o avvicinamenti in modo che i loro occhi potessero perlustrare dentro la scollatura. Mi sono divertita molto. Alla cassa mi sono trovata casualmente in fila dietro uno di loro, l’uomo dopo aver pagato e riempito il suo carrello mi ha attesa poco oltre e ci siamo diretti assieme al parcheggio sotterraneo. Molto galante mi ha accompagnata fino alla mia auto aiutandomi a passare le cose dal carrello alla bauliera, in questo susseguirsi di movimento ho fatto sì che la mia zip fosse inavvertitamente scesa fino a quasi all’ombelico. Dopo aver chiuso la bauliera l’uomo, un collega di lavoro che lavora nello stabile mio ma in altra palazzina, si è avvicinato e mi ha salutato con un abbraccio che ho ricambiato dandogli un piccolo bacetto sulla guancia. Lo scambio di abbracci ha provocato il contatto e lui ha approfittato per farmi sentire la possente erezione in atto del suo cazzo premendomelo sulla pancia e strizzando verso il suo corpo anche le tette. Incrociamo lo sguardo ed alla mia domanda ironica su cosa gli fosse successo lui risponde che è colpa mia allargandomi con le dita l’apertura della giacca scoprendomi il seno coperto dal solo reggiseno bianco e morbido che certo non poteva celare la grandezza e durezza dei miei capezzoli piuttosto grossi e duri; ridiamo assieme mentre mi ricopro facendo finta di non essermene accorta, ci lasciamo dicendoci che magari in settimana avremmo preso un caffè assieme per eventualmente approfondire la questione. Ora con lui la palla è in mano mia, basta volerlo ed è mio ed istintivamente ho pensato quando avrei potuto farmi scopare in ufficio, come se mi fossi messa un appuntamento in agenda (quando voglio sono proprio troia). Mentre ero in auto nel tragitto di ritorno avevo l’adrenalina a mille, fare la rizza cazzi ha portato la mia eccitazione ai massimi livelli, ho avuto bisogno di sfogarmi allora ho provato l’unica carta sicura, ho telefonato a casa di mia sorella facendo finta di cercarla ma sapevo che era a lavoro e visto che partirà per il mare la settimana prossima, con i figli al mare con i nostri genitore, l’unico che mi poteva rispondere era mio cognato: “ciao sono Stefania, c’è mia sorella? …. No, ah già è a lavoro …. Posso passare da te, volevo chiederti una cosa” domando, “aspetto” risponde lui.

Dopo la nostra scopata di anni fa non avevamo più replicato ma oggi non potevo rientrare nel mortorio di casa con mio marito. Quando mi ha fatto entrare in casa mi ha trovata con la zip aperta con i seni che esplodevano di eccitazione, chiude la porta dietro di se e senza proferire parola mi tira a se iniziando a pomiciarmi conficcandomi la lingua in bocca, mi spoglia della giacca e del reggiseno senza mai smettere di baciarmi, io mi faccio calare i pantaloni della tuta e mi tolgo le scarpe, i miei vestiti rimangono per terra nell’ingresso, noi ci spostiamo in camera, mi sdraio sul letto di mia sorella, lo vedo spogliarsi completamente, lo aspetto a gambe oscenamente aperte (penso che sono anni che non scopo su di un letto) mi raggiunge sopra le lenzuola ma la sua testa si ferma fra le mi e cosce, la sua lingua a contatto con la mia fica bagnatissima dei miei umori in una o due passate mi fa raggiungere un portentoso orgasmo accolto con bramosia dalla sua bocca che non smette di leccare. La sua lingua risale su per la pancia senza lasciare il contatto della pelle, arriva ai seni, prima ci gioca poi si attacca come un neonato e mi ciuccia i capezzoli facendoli diventare ancora più lunghi e duri di quello che sono (le mie mammelle hanno veramente una dimensione molto importante di suo ed a riposo), sento il contatto della sua verga provocandomi un gemito di piacere, la prendo in mano e la indirizzo nella fessura agevolandone l’ingresso, piano piano entra tutta senza resistenza tanto sono bagnata riempiendomi, lo incito a spingermi ed a scoparmi, ad ogni colpo di bacino mi lascio andare ad un gemito mostrando a lui il mio piacere. Senza toglierlo di dentro cambiamo posizione, lui sotto ed io sopra a cavalcarlo con le tette libere di ballonzolare ma agguantate dalle sue mani che le stringono forte, raggiungo nuovamente l’orgasmo lasciandomi andare a peso morto sopra di lui, appena smetto con gli spasmi di piacere mi rigira nuovamente sotto e pompa con forza, due tre quattro colpi lo toglie di dentro e mi sborra sopra le tette raggiungendo con uno schizzo anche il volto e le labbra, apro la bocca accogliendo il suo uccello ancora duro a finire l’espulsione dei liquidi che accolgo volentieri assaporandoli con gusto. Prima di andare a ripulirsi ci lasciamo andare sdraiati sul letto in silenzio poi mentre ci ripuliamo gli spiego la mia visita, un po’ mi confesso, senza dire tutto però, ribatte che ne è stato felicissimo, di non aver mai smesso di sperare che io ci ripensassi e che spera che quando tornerà dalle ferie io non cambi nuovamente idea. Mi rivesto in versione da casa, pantaloni larghi, protezione al reggiseno, zip alzata e sono pronta per il rientro a casa.

In pochi giorni ho scopato con due uomini diversi, se ci penso mi sento molto troia, ma fra il pentimento e la soddisfazione, questa seconda ha sicuramente più predominanza. (RSG69)

Questo racconto di è stato letto 4 2 4 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotici animalracconto xxxracconti moglie cinemaracconti mogli inculateesibizioniste a 69racconti erotici di donne matureracconto analeracconti di porchestorie safficheracconti potnoracconti erotici universitaincesto con cuginaracconti solleticoracconti pororacconti al cinema pornostorie di amori safficieros raccontiracconti cucklodraccontj eroticiinculate raccontiannunci69 gayracconti erotici cugineracconti porno ziestorie spintecane incula la padronaracconto erotico suoceraerotici raccontracconti marito cuckoldstorie vere sexracconti mariti cornutiracconti incesti suocerepadrona tortura schiavoracconti erotici di zoofiliaracconti picantiraccontierotracconti picantistorie di sesso realmente accaduteerotici racontiracconti di sesso con animalizia troia raccontiracconti erotici donne incinteracconti doggingho sverginato mia figliageneri dei racconti eroticiaspirante cornutoraccont eroticimamma troia raccontiracconti eroticuracvonti pornoracconti tradimenti annunci 69storie porno analeracconti incestuosi veriracconti erotici femminiliracconti erotici mamma figlioracconi pornostorie sesso lesbomi sono scopato mia sorellaporno racontipiedi femminili raccontimilùraccontimaria teresa ruta coscestorie sesracconti erotici gay fratelliforum femminile raccontiracconti eorticiracconti erotuicicane inculatostorie ballbustingracconti erotici con la cognatai racconti erotici di miluracconti adultiracoonti eroticistorie piccantiracconti eroticcicrociere erotiche