La prima notte dopo lo sposalizio

Scritto da , il 2019-07-21, genere incesti

Stava vivendo una giornata davvero meravigliosa.

Talmente simile a quella che aveva sognato sin da bambina vedendo le foto della mamma e poi da adolescente e poi da donna formata che davvero aveva difficoltà a scindere la realtà dal sogno.

Aveva indosso un abito da sposa bianco del tutto identico a quello che anni prima aveva visto in una vetrina del centro di Milano.

Un abito da regina in taffetà di seta naturale e tulle con ricami a rilievo.

Un bustino in seta che le fasciava la vita e il busto lasciandole la schiena scoperta e che,mettendo in risalto i rigogliosi seni discretamente velati da una striscia di tulle sbordante verso l'alto,lasciava immaginare,attraverso le piccole protuberanze dei capezzoli appuntiti,l'assenza di un inutile indumento di sostegno.

In effetti lei,pur avendo seni generosamente procaci,non aveva mai sentito l'esigenza di indossare un reggiseno di cui infatti,il suo guardaroba era pressoché sguarnito compensato però,da un incredibile quantità di mutandine,tanga e perizoma di ogni foggia e colore.

Nonostante l'ostentazione di tanta sensuale carnalità,nessuno in chiesa pareva disapprovare ed anzi,molti erano gli sguardi d'ammirazione delle donne e di vogliosa concupiscenza di alcuni uomini presenti.

Alcune farfalle ricamate in bianco sul tulle,parevano librarsi in modo lieve e disordinato.

La gonna stretta in vita,si allargava in basso rilasciando un lungo strascico sorretto da due bambine anch'esse vestite di bianco.

Sopra la seta svolazzavano come fossero leggeri sbuffi di vento,dei volant in tulle ricoperto di fiorellini bianchi e farfalline colorate anch'essi a rilievo.

Quel suo segreto desiderio era stato custodito gelosamente e solo il fratello era a conoscenza di quel sogno che si stava avverando.

Tutto era cominciato quando lei non aveva ancora compiuto dodici anni e la mamma le aveva detto:

-Sandra....amore di mamma,da oggi sei una signorina anche tu.
Da questo momento devi stare attenta quando giochi coi tuoi amici maschi!-

Il fatto di avere avuto "le sue cose" in modo così precoce,l'aveva riempita di gioia ed il fatto che si sentisse già donna con un corpo sul quale già da tempo avevano preso forma le tettine culminanti con piccoli capezzoli già sensibili ad ogni contatto,aumentava la sua voglia di sentirsi già grande.

Quando poi,davanti allo specchio poteva ammirare la bionda peluria che cominciava a spuntare sul monte di venere,si scioglieva di gioia.

Le raccomandazioni della mamma che inizialmente l'avevano intimorita,col passare dei giorni e le sensazioni che provava toccandosi il seno e le parti intime,le parevano stimoli ad esplorare il suo corpo piuttosto che temere il contatto coi maschietti.

Non tardò infatti molto ad avere contatti con estranei dell'altro sesso scoprendo insieme a loro il piacere di toccarsi,baciarsi sino a che il corpo non esplodeva in sensazioni sconosciute che la intimorivano ed al tempo stesso la invogliavano a procedee in quelle eccitanti esplorazioni.

Quando aveva cominciato a giocare con un ragazzo più grande e del quale si fidava ciecamente,aveva interrotto ogni altro rapporto per dedicarsi esclusivamente a quello che sarebbe divenuto l'amore della sua vita.

Con lui aveva percorso tutti i segreti sentieri del sesso sino a giungere a festeggiare con lui il suo diciottesimo compleanno regalandogli,in una notte d'amore trascorsa nella sua casa in assenza dei genitori,la cosa più preziosa:La sua verginità!

E c'era lui,il suo amore in quella cerimonia nella chiesetta di San Cristoforo sul Naviglio.

Era la stessa chiesa che vedeva tutte le mattine immersa nella nebbia attraverso i vetri del tram che dalla periferia l'accompagnava alla sua scuola in una zona centrale di Milano.

Vedeva la chiesette,vedeva i ragazzi del vicino circolo canottieri che remavano e talvolta aveva anche visto delle spose uscire raggianti da quello che a lei pareva essere il tempio dell'amore.

Intorno alla sposa tanta gente elegante e festosa che lei guardava con gli occhi sognanti di una bambina.

.............................................

In quel giorno meraviglioso,lei non era più sul tram ma era la protagonista della favola che veniva accompagnata in chiesa dal padre e dal fratello che occasionalmente fungeva da autista.

Col padre al suo fianco aveva calpestato il tappeto rosso che l'aveva condotta verso l'altare dove ad attenderla vi era il promesso sposo accanto alla madre ed un parroco dall'aria antica che le avrebbe rivolto le domande di rito:"Vuoi tu......e vuoi tu....."

"Si...Si" avevano risposto quasi all'unisono lei ed il giovane sposo dall'aria un po timida ma elegantemente vestito come l'aveva sempre sognato.

"Il tempio"(Come le piaceva ricordarlo)era colmo di gente,parenti,amici e tanti sconosciuti che parevano voler dare corpo con la loro presenza a quell'incredibile sogno che,via via che scorrevano i minuti,diveniva realtà.

Anche il ristorante era come lei lo aveva sempre sognato.

In un giardino all'aperto(ovviamente)pieno di piante e fiori profumati erano apparecchiati numerosi tavoli imbanditi a festa.

E poi,tanta....tantissima gente.

Al tavolo della sposa vi era,oltre oltre al giovane marito che le sedeva accanto,sua madre,suo padre e suo fratello(Amico d'infanzia e di liceo dello sposino) che le sedeva di fronte.

A completare la tavola vi erano i genitori dello sposo,la sorella,un amico ed altri due simpatici parenti che vedeva per la prima volta.

La musica,i profumi,i balli parevano davvero volerla trasportare in quel sogno dal quale aveva timore di destarsi.

A rassicurarla del fatto che tutto stesse avvenendo per davvero,vi erano le carezze dello sposo ed i teneri bacini che si scambiavano in modo discreto,quasi pudico.

Vi era il dolce e accattivante sorriso della mamma ed i severi ammiccamenti del padre a gratificarla mentre col fratello scambiava lievi smorfie simili a tic nervosi e criptici sguardi d'intesa,complice e carichi di una luce diversa da quella che emanava il sole che volgeva al tramonto.

segue

Questo racconto di è stato letto 1 1 8 0 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


i racconti erotici di miluracconti di orgesuocera culonaracconti erotici ricattoho scopato mia cuginaricatto racconti eroticiracconti di donne infedeliprima sega raccontisesso tra suocera e generostorie hot gratisstorie di sesso tra fratellii racconti di milustorie sesso lesborscconti pornoracconto eroticii generi racconti eroticiinculo mia cognataracconti prime segheraconti incestila vicina maturamarito cornuto contentomamma troia raccontiracconti porno gratiserotici 69racconti di suocere troieerotici raccontiraconti lesboracconti gay palestraracconti erotici con il caneracconti iomiluracconti erotivciconti eroticimi sono scopato mia suoceraracconti marito cuckoldstorie a luci rossechiavare la suoceraracconti di piediracconti di mariti guardonianimalsessoracconti erotici superdotatoscopata con il canesculacciate storieracconti erotici classiciracconti pornograficiracconti porno prime esperienzercconti eroticiracconti mogli puttanemammatroia.comincesti familiari gratisracconti dottoreracconti di tradimenti 69erotici raccontolista racconti eroticiracconti inculatestorie pornpracconto oseracconti erotici straponstorielle hotracconti erotici.itracconti erosstorie erotiche italianemarito e moglie al cinema pornoracconti erpticiracconti sodomiafiga brodosaraccobti eroticiraccon ti eroticieritici raccontiracco ti eroticiracconti diincesto