Donatella cap.11 - Tra mamma e figlia finisce in pissing estremo

Scritto da , il 2019-07-15, genere incesti

Passarono almeno quattro mesi prima che accadesse nuovamente. Sinceramente dubitavo che sarebbe mai più successo. Con Donatella ne parlammo qualche volta, ma lei non si sbottonò mai troppo sull'argomento e preferì non raccontarmi cosa avesse provato nel fare sesso con il suo amante e la figlia in contemporanea. Io non la forzai mai a raccontare le sensazioni che avesse provato. D’altronde ero il suo amante e la nostra era una storia di sesso, non ero suo amico e nemmeno il suo psicologo. Ogni tanto cercavo di estorcerle qualcosa, ma senza ottenere molto.
“Si tratta di un incesto, se non ti è chiaro! Ed io non è una cosa che voglio ripetere”, aveva tuonato una volta quando avevo fatto cadere la conversazione su quell'argomento.
“Sì, lo so, me lo hai già detto!”.
“Se tu invece alla madre preferisci la figlia, quella è la porta. Basta che tu lo dica. È stato bello fino ad ora ma potrei capirlo. Gabriella è una bella ragazza e da quello che ho visto è anche brava”.
Quando faceva queste scenate di gelosia la desideravo ancor di più e non riuscivo a capire se le facesse sinceramente o se le facesse perché sapeva che mi eccitavano. Né io né Gabriella le avevamo ovviamente raccontato delle nostre due esperienze precedenti il nostro primo incontro a tre. Quello era un segreto tra noi e tale sarebbe rimasto.
Quando mi aveva detto quella frase, quel giorno, avevamo appena finito di scopare e ci stavamo prendendo una bibita sul divano di casa sua. Non ero riuscito a terminare la bibita perché l'eccitazione che aveva generato dentro di me, mi avevano indotto a spingerla sul divano ed a possederla per un'ultima volta prima di lasciare la casa.
“Vuoi me allora?”, mi aveva chiesto guardandomi con quei suoi occhi piccoli e chiari.
“Mi sembra evidente”, le avevo risposto spingendomi dentro di lei.
Era stata una cosa rapida, ma confermava la mia posizione sulla questione.
Alla fine decisi di non chiederle più nulla ed evitai qualsiasi contatto anche con Gabriella che non sentii per parecchio tempo. Sinceramente pensai che non sarebbe più tornata alla carica. Pensai che avesse ottenuto ciò che voleva e che si stesse rivolgendo ad altro. Certamente non pensai che lo avrebbe fatto nel modo in cui invece lo fece.
Accadde un martedì pomeriggio nel quale io e Donatella ci saremmo incontrati a casa sua alle 15. Il giorno precedente Gabriella mi aveva scritto su Whatsapp chiedendomi come andasse ma sempre restando sul vago. Aveva voluto sapere quando mi sarei visto con sua madre la prossima volta, ma non ci avevo fatto troppo caso visto che aveva detto di essere fuori città.
Quando però mi recai alla porta di Donatella e suonai il campanello, non mi rispose nessuno. La cosa mi parve strana, quindi presi il telefono e le scrissi un messaggio.
Lei mi rispose subito con un breve Whatsapp che diceva “La porta è aperta, entra e chiudi a chiave”.
Allora abbassai la maniglia ed entrai, richiudendo a chiave, come mi era stato detto. E fu a quel punto che le sentii e capii che Donatella e Gabriella erano insieme. Poggiai il giubbotto su una sedia e incuriosito più che mai, mi mossi fino alla camera di Donatella.
“Posso?”, chiesi spingendo la porta. Ma non ci fu bisogno della loro risposta, quello che mi trovai dinanzi fu un chiaro segno che sarei dovuto entrare.
Come mi avrebbe poi raccontato la settimana successiva Donatella, sua figlia si era inserita con l'inganno. Innanzi tutto era tornata a casa in anticipo quando invece non avrebbe dovuto esserci.
“Ero in bagno, completamente nuda ed ero seduta sul bidet per depilarmi visto che di lì ad un'ora saresti arrivato tu. Davo le spalle alla porta e non l'ho nemmeno sentita entrare. Mi sono sentita due mani da dietro che scesero dalle spalle e mi strinsero le tette. Mi sono addirittura spaventata. Poi le ho chiesto che cosa stesse facendo e lei mi ha detto di continuare a depilarmi. Mi disse che voleva guardare e che la eccitavo e quando le ho detto che saresti arrivato tu, lei mi ha risposto che lo sapeva. Allora ho capito che era sua intenzione fermarsi con noi e, non potendo fare altro, ho continuato a depilarmi. Mi disse che lei si era depilata al mattino per essere pronta per quel pomeriggio e mentre io continuai nel mio lavoro, lei tolse una mano dal mio seno e si portò l’altra tra le cosce, cominciando a toccarsi. Oh mio Dio! È una vera pazza ed io lo sono altrettanto!”, mi aveva spiegato.
Mi aveva poi raccontato che quando aveva terminato la depilazione, la figlia l’aveva presa per mano e l’aveva condotta nella sua camera, chiedendole di scegliere insieme quale intimo indossare per il mio arrivo. Era una situazione surreale, mi aveva spiegato Donatella, ma non riusciva a dirle di no.
“Mi disse che mi aveva comprato dei collant come i suoi, quelli che indossava quando siamo andati a casa del tuo amico”, mi spiegò “e disse che era certa che ti avrebbero fatto impazzire. Notai che lei li indossava già, di un colore nero molto velati, sotto ad un intimo nero. Per me invece aveva preso quel modello color carne, molto bello. Te lo ricordi, vero?”.
Eccome se me lo ricordavo.
Quando entrai nella camera e le vidi, sdraiate sul letto con addosso solo il collant e l’intimo, la figlia nero e la madre color nude, senza scarpe, rischiai di eiaculare direttamente lì sulla porta dove mi bloccai. Erano semisdraiate sul letto e stavano parlando, chiaramente in attesa che io arrivassi.
Donatella mi avrebbe poi spiegato come la figlia le avesse illustrato quelli che erano i suoi desideri sessuali, anche in merito a noi due. Le aveva spiegato che il suo ruolo ormai era di molto più di una madre e che quel triangolo erotico che con la sua presenza aveva creato, non metteva minimamente in dubbio i loro rapporti normali.
“Mi disse”, spiegò Donatella “che quello per lei era un gioco. Un gioco e basta, destinato a soddisfare le nostre voglie recondite. Fuori da quei momenti, io sarei sempre rimasta sua madre. Punto. Ma in quei momenti particolari eravamo due donne. Due donne vogliose di dare sfogo alle proprie necessità. Quale problema c’era, mi chiese, se eravamo riuscite a superare il nostro atavico rapporto per accontentarci sessualmente reciprocamente? Poi mi fece sdraiare sul letto e mi disse che per lei in quel momento ero solo una donna. Bella, affascinante ed attraente. Mi chiese di chiudere gli occhi e di rilassarmi, poi si sdraiò vicino a me poggiando la testa sul mio petto. Io le accarezzai i morbidi capelli che aveva fin da quando era bambina e lei cominciò ad accarezzare il mio corpo in punti inaspettati come le ginocchia, l’ombelico, l’incavo delle ascelle, ma anche i fianchi. Mi fece rilassare completamente ed allo stesso tempo eccitare, entrando quasi in una dimensione nuova ed oggettivamente spensierata. Fu un momento molto bello che fece da preambolo a quello che accadde dopo tra noi tre”.
Quando io entrai nella camera erano ancora sdraiate l’una vicina all’altra. Appresi poi che non era passato molto tempo da quando si erano avvicinate e Gabriella le aveva poggiato la testa sul letto.
Finsi di essere stupito.
“Questa non me l’aspettavo proprio”, dissi loro.
“Si tratta forse di una sorpresa sgradita?”, mi chiese Gabriella.
“Assolutamente no”, risposi cominciando a spogliarmi ”siete davvero bellissime”.
“E siamo anche eccitatissime, vero mamma?”, disse Gabriella voltandosi verso la madre ed insinuando allo stesso tempo il volto tra il suo collo e la spalla.
Donatella mi guardò e sorrise. Fu un sorriso complice e così compresi che in qualche modo la figlia l’aveva convinta.
“Spogliati e siediti lì sulla poltrona, Franco” disse Gabriella cominciando a leccare il collo della madre ed allo stesso tempo ad accarezzarle il sesso attraverso lo slip “vogliamo giocare ad eccitarti un po’”.
Notai immediatamente come, seppur di colori diversi, avessero lo stesso modello di collant e notai anche come Donatella spalancò le cosce lasciando che la mano della figlia le accarezzasse la passera. Lo slip lo avevano indossato sopra in modo che, una volta liberatesi di esso, potessero rimanere tranquillamente con il collant e basta. La mano della ragazza percorreva in tutta la lunghezza lo slip della madre che si muoveva assecondandone le carezze.
“Ohhh……ti stai già bagnando mamma”.
“Sì, amore. Sono già calda”, le rispose Donatella.
Effettivamente lo slip di Donatella cominciava a presentare i primi segni di umido.
Completamente nudo e con una erezione già evidente, mi sedetti sulla poltrona, pronto a godermi quello spettacolo che mi si parava davanti per la prima volta nella mia vita e rimasi estasiato. Fu un pomeriggio incredibile che cominciò in quel modo quasi saffico e che si trasformò, di lì a poco, in sesso lesbico. Quando Gabriella infatti inserì la mano nello slip della madre, questa fece la stessa cosa e le due cominciarono a masturbarsi a vicenda. Quando cominciarono addirittura a baciarsi anche io presi nella mia mano destra il mio cazzo, già abbondantemente eretto. Lentamente si sfilarono gli slip che vennero gettati a terra. Erano eccitatissime. Quando Gabriella si staccò dal bacio della madre sembrarono entrambe sul punto di godere.
“Proviamo una cosa nuova”, disse alla madre. Poi si sistemò nella posizione della forbice, incrociando le proprie gambe con quelle di Donatella e mettendo così a stretto contatto i loro sessi.
“Tra poco saremo anche da te”, mi disse Donatella apprestandosi a provare quella nuova posizione con la figlia. Poi si lasciarono andare all’indietro, iniziando a sfregare i propri sessi l’uno contro l’altro. La fica di Gabriella era depilata totalmente, quella di Donatella aveva invece una striscia di peluria, non troppo folta. Erano entrambe bagnate e lo sbattere reciproco delle loro labbra non fece che aumentarne l’eccitazione.
“Mamma, sei incredibile”, le disse la figlia, prendendola per la gamba e tirandola il più vicino possibile a sé. Andarono avanti per cinque minuti buoni prima che giungessero, quasi in contemporanea, ad un orgasmo devastante. Le loro pance si sollevavano ed abbassavano ad ogni respiro e le loro schiene si inarcavano man mano che cercavano di mettere a contatto i loro sessi alla ricerca del piacere. Quando raggiunsero il piacere, rischiai anch’io di venirmi in mano e dovetti trattenermi per non eiaculare a mia volta.
Fu la mia prima volta.
La prima volta che assistetti ad un gioco lesbo e la prima volta in cui fui spettatore, seppur per pochi minuti, di un gioco del genere tra madre e figlia. Erano le mie amanti. Una, la più vecchia, quella fissa. Quella con la quale mi accoppiavo da anni. L’altra, quella giovane, l’eccezione che migliorava il tutto. La scheggia impazzita di un rapporto tra due persone adulte consenzienti che si era evoluto in qualcosa di più.
“Non mi vorrete escludere adesso, vero?”, chiesi loro osservandole ancora ansimanti.
“Certo che no”, rispose Donatella tendendo la mano verso di me “Vieni a scoparmi, dai…. Non vedo l’ora”.
Salii sul letto e mi posizionai tra le sue gambe entrando nel suo corpo senza fatica alcuna. Lei allacciò le gambe dietro di me e mi chiese di baciarla. Gabriella si stava ancora gustando il piacere appena procuratasi sfregando la sua fichetta contro quella della madre. Quando si ritenne pronta, si sdraiò a fianco della madre e mi disse di prendere anche lei. Smisi quindi di scopare Donatella ed entrai nel corpo di Gabriella.
“Siete fantastiche!”, dissi loro entrando nel corpo della ragazza.
“Ti piace scoparci, eh?!?!?”, mi chiese lei.
“Eccome!” risposi.
Passai dall’una all’altra almeno un paio di volte. Mentre una veniva scopata, l’altra veniva masturbata. Era un gioco continuo nel quale nessuno veniva mai lasciato solo o sola.
Io decisi di dare la precedenza a Donatella e quando sentii che stava per godere, restai dentro di lei, deciso a portarla fino al piacere.
“Se stai per godere allora fallo leccandomi, mi farai impazzire”, le disse Gabriella alzandosi dal letto ed andando a sedersi di fatto sul volto della madre. L’orgasmo di Donatella giunse perentorio e la sentii godere mugugnando, ma senza smettere di leccare la passera della figlia che, accovacciata sulla faccia della madre, si strizzò i capezzoli dopo essersi liberata del reggiseno.
Fu a quel punto che le dissi che l’avrei riempita. Le sollevai le gambe, facendo in modo che il mio sperma non uscisse dal suo corpo di lì a poco. Lei mugugnò solamente, impossibilitata a parlare ed io spinsi totalmente dentro di lei eiaculando copiosamente.
Ero completamente sudato e loro lo erano altrettanto.
Restai dentro di lei, esausto, osservando quello che accadeva dinanzi a me, Gabriella muoveva avanti e indietro il bacino sfregando di fatto la fica sulla bocca della madre la quale, con la lingua fuori, la leccava. La sua saliva ed i liquidi della passera di Gabriella colavano lungo le guance di Donatella.
“Oh Dio! Oh Dio! Godo, godo, godooooo!”, urlò la ragazza inarcandosi all’indietro mentre raggiunse il suo secondo orgasmo.
A quel punto io dovetti riposarmi e loro allo stesso modo. Eravamo stremati ed ansimanti. Mi avvicinai a Donatella e la baciai. Guardandola negli occhi notai una certa lussuria mescolata ad una sensazione che non seppi riconoscere. Un misto di vergogna, rassegnazione, stupore. Qualcosa certamente legato alla presenza di Gabriella ed a ciò che avevamo fatto, tutti insieme, quel pomeriggio.
“L’ho desiderata, hai capito?”, mi avrebbe spiegato qualche giorno dopo “Mi sono trovata in un letto con mia figlia, la carne della mia carne, insieme al mio amante ed ho desiderato leccarla e farla godere, così come si fa con un amante. Per la prima volta nella mia vita con una donna e questa donna chi era? Mia figlia! Capisci quanto possa fare schifo questo racconto?”.
“È solo sesso”, le avevo spiegato per giustificarla “Allo stesso modo in cui te lo ha spiegato lei. Volersi divertire, soddisfare le proprie pulsioni andando oltre al confine delle cose comuni. Solo e semplice ricerca del piacere”.
“Vorrei che tu lo spiegassi a qualcuno che conosci, oppure a tua moglie ed a mio marito e vorrei vedere se ci giustificherebbero”.
“No. Non lo farebbero”, avevo ammesso.
Ma quel pomeriggio non finì sul letto matrimoniale. Gabriella disse che aveva bisogno di lavarsi e Donatella rispose che anche lei aveva lo stesso problema. Ci trasferimmo quindi tutti in bagno e in un battibaleno fummo tutti e tre nella vasca che ci ospitava a malapena. Io completamente nudo, le donne con indosso il solo collant.
“E adesso?”, chiesi loro.
“Adesso mi scappa la pipì”, rispose Gabriella.
“Falla!”, le dissi.
E lei lo fece. Senza nemmeno accovacciarsi. Pisciò in piedi e mentre sua madre restò ad osservarla, io la spinsi con dolcezza contro alla parete di mattonelle e portai la mano sulla sua passera sentendo il liquido caldo che usciva dal suo corpo e che poi colava lungo le sue cosce e finiva infine sui nostri piedi.
“Toccami dai…”, mi chiese lei con gli occhi dolci ed io lo feci. Cominciai a strofinare la mia mano lungo il suo sesso e lei cominciò ad eccitarsi. Il liquido era caldo ed ella lo era altrettanto. Donatella mi prese invece il cazzo con una mano ed io lo sentii ergersi nuovamente.
Gabriella socchiuse gli occhi e disse:”Baciami dai. E tu, mamma, succhialo. Scopiamo qui nella vasca. Vi voglio ancora”.
E così finì per quel pomeriggio. Nella vasca della loro casa. Nella vasca in cui quando era piccola Donatella faceva i bagnetti a Gabriella. Quando il mio cazzo fu pronto Gabriella mi chiese di prenderla e lo feci direttamente lì dentro, in piedi, seppur con difficoltà.
Scopare Gabriella era bello. Lei si contorceva e si agitava come una puledra in calore, ma io volevo sua madre.
“A te non scappa?”, le chiesi.
“Mi sto trattenendo”, mi rispose.
“Per cosa?”, le chiesi mentre facevo dentro e fuori dal corpo della figlia che stava quasi per godere per la sua terza ed ultima volta.
“Quando Gabriella avrà goduto, voglio sedermi sopra di te e pisciarti sopra”, mi rispose lasciandomi quasi di stucco.
Sorrisi. Quelle due donne erano fantastiche.
Andò proprio in quel modo. Di lì a poco Gabriella raggiunse il suo orgasmo. Uscii dal suo corpo ancora eccitato e mi sedetti sul bordo dalla vasca con i piedi all’interno. Donatella allora si sedette sopra di me e si sfregò un po’ la passera contro al mio pube, poi sentii il suo liquido caldo uscire dal suo corpo. Mi pisciò sul cazzo, sulle gambe e sui piedi e quando ebbe terminato, mi disse:”Adesso prendimi. Scopami fino alla fine”.
Finì in quel modo. Con noi tre nella vasca. Donatella seduta sopra di me, nella puzza di piscia più totale. Venni dentro di lei perché se lo meritava. Era lei la mia amante, non Gabriella. Aveva diritto ad un trattamento di favore se volevo che la nostra storia continuasse.
Ed io lo volevo. Lei allo stesso modo.
Gabriella non ci avrebbe distrutti o separati e lo capii quando insieme giungemmo a quell’orgasmo quel pomeriggio. Restammo stretti ed abbracciati a gustarci il piacere per diversi minuti, alla fine dei quali Gabriella ci disse:”Se avete finito con le vostre smancerie sentimentali, io vorrei farmi una doccia, grazie”.
Scoppiammo a ridere e ci separammo.
Prima di uscire dalla vasca ci lavammo per toglierci di dosso l’odore di urina delle due donne. Poi la lasciammo a Gabriella ed io, dopo essermi rivestito, le salutai e tornai alla mia vita che di normale aveva ben poco.

Questo racconto di è stato letto 5 1 8 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone