Un metro 12 - In fondo è solo una pizza

Scritto da , il 2019-07-14, genere bisex

– Dai, neanche a me va di fare tardi, una pizza e a casa.

Le ho già detto no tre volte ma, come forse vi ho già raccontato, quando si fissa su una cosa Serena è insopportabile. Se non la accontenti, o almeno non le vieni un po’ incontro, comincia una lagna senza fine.

Ero appena tornata a casa. Anzi, proprio in ascensore, mi era arrivato il suo messaggio. La foto di un cazzo, nemmeno tanto lungo, quattordici centimetri, e nemmeno tanto grosso. Ok, niente di esaltante ma intanto stiamo 88 a 19. Vabbè, mi sono detta, la gara è andata, ho perso. Ma chi lo pensava che fosse così mignotta?

Immediatamente dopo, mi ha chiamata. Le ho chiesto chi fosse il proprietario di quella dotazione in verità un po’ modesta. Senza nemmeno rispondermi mi ha chiesto se mi andava di uscire a farci una pizza.

No, Sere, non mi va, sono stanchissima. Mi domanda che cazzo ho fatto, se sono stata tutto il giorno all’università, se ho esagerato in palestra. Le dico la verità, niente di tutto questo. Sono stata da Lapo tutto il giorno. Sono arrivata lì verso le dieci di mattina e sono tornata a casa che sono le sette di sera, fa’ un po’ tu… Lei ride e dice che sono scema (credo che intenda troia) e che della gara non me ne frega più un cazzo. Le dico che sì, me ne frega, ma oggi non potevo proprio fare altrimenti, mi ero fissata, volevo Lapo. Le domando ancora una volta chi sia il quattordici-centimetri-boy e ancora una volta non me lo dice. Insiste per uscire, le rispondo di no e lei insiste ancora, mi prende per sfinimento.

La verità è che mi sento distrutta, svuotata di ogni energia, indolenzita. Mi fanno male parti del corpo che a una brava ragazza non dovrebbero far male.

Ma c’è anche un’altra verità. E’ che sono incazzata con Serena per non avermi mai detto nulla di Giovanna. E’ che sono ancora sotto shock. E’ da quando Lapo me l’ha rivelato che ci penso. Oddio, a essere sincera con un bell’intervallo di tempo in mezzo, perché quando ha ricominciato a sbattermi per mezzo pomeriggio non è che pensassi proprio a Giovanna. Ma comunque, ci ho pensato.

Mentre mi facevo la doccia a casa di Lapo ci ho pensato, e anche mentre tornavo, devastata, a casa mia. Mentre raccontavo a mia madre la cazzata di un’altra pesante giornata all’università, ci ho pensato. E no, mamma, lo sai che in facoltà molto spesso devo tenere il telefono spento, ho visto che mi hai cercata. Mentre ero stravaccata sulla poltrona della mia camera ci ho pensato. E anche mentre dicevo a mia madre che no, non faccio le tre un’altra volta, vado solo a farmi una pizza con Serena. Un pensiero fisso: ma come cazzo è possibile che ho un’amica che fa le gang bang e io non ne so nulla? Ci pensavo anche mentre le dicevo “Giò? Ti va di venire in palestra con me domani? Io finisco lezione alle undici, possiamo vederci lì a mezzogiorno, anche prima”.

Serena si presenta con il suo solito quarto d’ora di ritardo. Mentre aspettavo ho deciso che le avrei chiesto conto di Giovanna. Sì, lo so, ci ho riflettuto. Non mi avrà detto nulla per tutelarla, probabilmente perché lei le ha raccomandato di non dirlo a nessuno, ma proprio a nessuno. E che in fondo, se l’ha detto a Lapo, è perché stava per dirlo a me. Che magari anche qualche altra volta stava per raccontarmelo. Ok, sarà arrivata l’ora di dirsele certe cose, no?

Non adesso comunque, non subito. Non mentre salgo in macchina e le do un bacetto, o mentre lei mi dice ridendo che sono una stronza perché ho mandato affanculo la gara tra noi due e ho voluto godermi Lapo da sola. Le rispondo che “godere” è il verbo giusto, anche se adesso mi sento come il mezzo chilo di carne macinata che mia madre usa per fare le polpette. Poi le domando chi cazzo fosse quel quattordici centimetri e dove l’abbia rimediato. Lei mi risponde “ora ti dico” e parcheggia la macchina.

Siamo finite in una pizzeria non molto lontana dal mio vecchio liceo perché da queste parti si trova facilmente posto per l’auto e a nessuna delle due andava di sbattersi in centro. Io non ci sono mai stata e lei tanto meno, abbiamo scelto a caso. C’è poca gente e credo proprio che io e lei siamo le uniche under cinquanta in sala, camerieri compresi. Tutta vita, stasera. Ma va benissimo così. Appena il cameriere si allontana con le comande mi guarda sorridente e mi dice “ottantanove a diciannove, forse è il caso che ti arrendi”. Le rispondo che, tanto per cominciare, siamo ottantotto a diciannove e che anche per fare l’architetto la matematica le serve, quindi sarebbe meglio che si comprasse una bella calcolatrice che quella del telefono non basta. Replica che tanto ormai fanno tutto i computer e io le rispondo “sì, vabbè…”. Poi si sporge in avanti e proprio le si legge in faccia che non ce la fa più e che deve raccontare tutto. Mi chiede se sono mai stata a mangiare al ristorante della Galleria Nazionale a valle Giulia e io le dico di no. “Non ero mai stata scopata nel cesso della Galleria, ahahah…”. Ha proprio la faccia soddisfatta, la troia. Le dico di abbassare un po’ la voce che qui mi sa che è quel tipo di posto dove chiamano la polizia, poi le chiedo chi fosse il manzo. Si sporge verso di me e mi dice che è uno della facoltà con cui aveva fatto un po’ l’idiota prima che cominciasse la lezione. Carino, nulla di che. “Ma sai, viste le circostanze…”. Lui l’ha invitata a pranzo e lei ha aspettato che iniziasse a fare le solite domande, sempre più circonstanziate, sulla sua vita, su cosa fa, su come si diverte e, insomma, voleva sapere se aveva il ragazzo o queste cose qui. Mi racconta che da quel momento in poi ha fatto in modo di scivolare, molto lentamente, dalla modalità “oca” alla modalità “se-per-caso-ti-va-e-me-lo-chiedi-possiamo-organizzare-anche-subito-qualcosa”.

– E’ una modalità che tu conosci bene… – mi fa, dandomi implicitamente della troia.

Poiché va bene tutto, ma non che mi consideri meno troia di lei, le rispondo che a dire il vero ogni tanto sono ricorsa anche alla modalità “possiamo-organizzare-subito-qualcosa-anche-se-non-me-lo-chiedi-tu-ma-te-lo-chiedo-io”. Lei ci pensa un attimo su e mi risponde “sì, in effetti…”.

– Comunque alla fine mi sono alzata e gli ho detto che dovevo andare al bagno – continua – ma invece di andare subito via sono rimasta lì a fissarlo. C’è voluto un po’, eh? Però quando alla fine mi sono voltata per andare lui mi ha detto “anche io, sai?”. E mentre scendevamo mi ha presa per la vita. Ti giuro che a momenti il cuore mi schizzava via, mica tanto per lui, eh?, ma perché non avevo proprio idea di come sarebbe andata a finire… Era sveglio però… Quando ci siamo chiusi abbiamo pomiciato pesante e gli ho detto che avevo fatto una scommessa con una mia amica, e che se me lo faceva misurare gliel’avrei data… Lui si sarebbe accontentato anche di un pompino, me l’ha confessato… Dovevi vedere la faccia che ha fatto quando gli ho detto che non sarebbe stato leale nei tuoi confronti e che non doveva preoccuparsi del preservativo perché ce l’avevo io, ahahahah… Mi sono fatta sbattere appoggiata al lavandino, con i leggings aperti al massimo alle caviglie e le mutandine che si sono rotte. Non è durato tantissimo, non sono venuta, ma è stato comunque fichissimo perché lui mi scopava e mi chiamava puttana…

La ascolto raccontare e mi domando quando le chiederò di Giovanna, taglio la pizza mentre lei tira giù un sorso di birra. Non so se si sia eccitata a raccontarmi la sua storia, ma un po’ accaldata mi pare. Le ripeto quello che le ho detto spesso in questi giorni ma, che ci volete fare?, io ancora non me ne capacito: “Serena, credo che se avessi saputo che sai fare queste cose la gara non l’avrei nemmeno cominciata…”. Mi chiede “queste cose, cosa?”, ed è una domanda retorica. So benissimo cosa vuole sentirsi dire, perché le piace quanto piace a me. Ma non voglio darle questa soddisfazione. O forse non sono così coinvolta. O meglio, il mio cervello lo sarebbe pure. E’ il corpo che proprio non lo segue. Perciò mi limito a rivolgerle un sorriso che dice tutto, di quelli sardonici, di quelli che dicono “ci siamo capite”.

Ecco, devo dirvelo, non credo che ci sia nulla di premeditato. Penso piuttosto che, in senso metaforico, si sia lasciata prendere la mano dal suo stesso racconto. Nel senso letterale, invece, è lei che afferra la mia, di mano. Rischiando pure di tagliarsi con il coltello che impugno. Si protende ancora verso di me e mi fa: “E Lapo?”

– Lapo cosa? – rispondo.

– Raccontami qualcosa… – sussurra.

– No amore mio – le sorrido sussurrando a mia volta e avvicinandomi a lei – perché se ti racconto qualcosa lo so come va a finire. Tu ti ecciti in un certo modo e quando ti ecciti in quel modo vuoi fare qualcosa. E io proprio non ce la faccio, ti giuro…

– Come cazzo ti ha conciata? – sorride.

– Lo puoi immaginare, no? – le dico – lo conosci… Cazzo, non si ferma mai, è come se avesse un interruttore, ogni volta lo spinge e riparte…

– Eh… – commenta – però dai, dimmi almeno una cosa…

– Ma cosa?

– La cosa più porca che ti ha fatto. Sono certa che te ne ha fatte tante… la più porca…

– Che stronza che sei… Hai così tanta voglia di bagnarti le mutandine? – la irrido.

– Cazzo, Annalì, sono già bagnate… non fare tu la stronza, ti prego.

Mi appoggio allo schienale della sedia, valuto un po’ la situazione. Intorno, nessuno sembra essersi reso conto di niente. Ma mi chiedo cosa pensi la gente di due ragazze che parlano così, con le teste quasi a contatto e tenendosi per mano. E gli occhi, ma non li vedono gli occhi? Io i miei no, ovvio, ma quelli di Serena sì, benissimo. E fiammeggiano. Penso che sarebbe questo il momento migliore per aprire il dossier-Giovanna, ma improvvisamente non mi va più. Mi avvicino a lei, siamo quasi fronte contro fronte.

– E’ stato a tavola, mentre mangiavamo – bisbiglio – gli ho detto se mi passava un po’ di Philadelphia, lo volevo mettere su un cracker… Io… io non guardavo nemmeno, ma poi lui mi ha detto che se lo volevo dovevo andare a prenderlo da lui. All’inizio non capivo, ma poi sì… se lo era messo sulla punta del cazzo… gli ho detto di non fare il coglione che avevo fame e lui si è alzato ed è venuto da me. Per fortuna che ste cose le fa con una certa ironia, sennò… Io… io non mi ero nemmeno resa conto che… cioè, ce l’aveva duro, enorme, con questa crema bianca sulla cappella… io non… proprio non potevo immaginare che gli fosse tornato così duro… cioè, fino a quel momento mi aveva frantumata… Me l’ha messo davanti alla bocca e l’ho succhiato, pensavo bastasse. Ma lui mi ha rovesciata sul tavolo, a novanta, e mi ha inculata. Di colpo.

– Ti sei fatta inculare così? Tu? – chiede Serena spalancando gli occhi.

– Era la seconda volta, eh?…

– Gesù… che hai fatto? Cosa hai… Cioè, ma tu non…

– Sere – la interrompo – Sere, lo sai che l’ho… sì insomma, non è proprio il primo… Ma non mi è mai piaciuto così tanto… gli ho detto di tutto, gli ho spaccato la cucina dagli strilli, ma penso che poche cose mi siano piaciute così tanto nella vita… Non sono proprio sicura che quello che ho provato sia stato un orgasmo, ma a momenti ci resto secca…

Serena mi guarda. E da come mi guarda noto che sta passando dallo stupore a uno stato d’animo del tutto diverso. Lo so cosa sta pensando. O meglio, cosa stia pensando non lo so. So di cosa gli sta venendo voglia. Ma in parte è la mia piccola vendetta per la sua omertà su Giovanna. So che cosa mi chiederà ora e so che cosa le risponderò.

Le risponderò come mi ha risposto Debbie, l’olandesina, per gelare le mie fregole mentre eravamo l’una di fronte all’altra nel parco di Greenwich. Le risponderò “calmiamoci, ora”, e se potessi fumare qui dentro le soffierei pure il fumo della sigaretta in faccia, come lei fece con me. E’ la seconda volta in due giorni che penso a quella ragazza, avrei tanta voglia di rivederla. E, se proprio devo essere sincera e se Serena non si offende, avrei proprio voglio in questo momento di spingerla contro un muro, baciarla e chiederle se davvero vuole che mi calmi. Anche se molto più verosimilmente mi ci appiccicherebbe lei a un muro dicendomi “adesso mi infili la testa tra le cosce e mi fai godere, puttanella italiana… Sletje”. E lo farei sì, oh cazzo se lo farei. Nonostante tutta la sazietà che ho addosso mi sbrodolo al solo pensiero.

– A cosa pensi? – mi chiede all’improvviso Serena.

– No, nulla…

– A Lapo?

– Anche… – mento.

– A… me?

– Anche – mento ancora senza saperne il motivo.

Paghiamo, usciamo, camminiamo verso la macchina senza parlare. Sono certa che entrambe, anche se pensando a cose diverse, ci siamo eccitate, ci siamo bagnate. Per quanto mi riguarda basta e avanza, eh? Evidentemente per lei no. Mi afferra per un braccio e mi rigira verso di sé, mi prende la testa e mi bacia. Una signora che ci passa vicino, e che mi pare di avere visto nella pizzeria, ci osserva schifata.

– Ti voglio – mi ansima Serena.

– No, Sere, ti prego no. Davvero, non ce la faccio.

– Voglio stare con te, amore. Anche solo stare con te, un pochino, ora.

– Dai, Sere…

– Ascolta, hai dei soldi? – mi domanda.

– Eh? Boh, pochi… ho la ricaricabile…

– Anche io, facciamo a metà…

– Facciamo a metà e…?

– Prendiamo una stanza in un albergo… con una vasca da bagno… Ci mettiamo lì dentro e a mezzanotte ce ne andiamo, giuro. Voglio abbracciarti là dentro, senza scopare, te lo prometto… Ho solo voglia di stare con te, per favore…

– Non ho capito – le dico.

– Ti faccio un disegno?

– No, dicevo, non ho capito: ci spariamo 150-200 euro per stare a mollo due ore dentro una vasca da bagno?

– Pensi ai soldi?

– Beh, mica sono Chiara Ferragni… Al massimo posso avere le tette come Chiara Ferragni, cioè tendenti a zero…

– Annalisa… per favore…

Alla fine, però, tanto ho detto e tanto ho fatto che sono riuscita a convincere Serena a riportarmi a casa, e abbastanza presto, anche se ho dovuto prometterle che prima o poi ci andremo, sì che ci andremo, in una stanza d’albergo tutta per noi, con una grande vasca per fare il bagno insieme. Chissà perché le è presa questa fissa ma vabbè, magari le passa. O forse no. Ho l’impressione che la sua non sia esattamente una improvvisa esigenza di igiene. Altrimenti, quando le ho chiesto “ma scusa, andiamo in una spa un giorno”, non mi avrebbe risposto che in una spa non ci permetterebbero di stare lì nude a scopare. Ecco, volevo ben dire che le sue intenzioni erano quelle.

Ma tutto sommato ho fatto bene a voler tornare a casa, ero troppo distrutta. E forse, se fossimo andate a leccarci la fica da qualche parte, non le avrei nemmeno domandato se… cioè, insomma, Serena, scopare va bene. Ma tu mi sembra che la stia prendendo in modo, come dire, un po’ compulsivo, no?

Lei mi ha risposto con una vocina vergognosa, assolutamente fuori contesto, vista la serata, “ho sempre voglia”. Anzi, che è un po’ di tempo che ha sempre voglia. A sentire lei, quella che l’ha contagiata con il virus della puttana sono io. Ma ciò che lo ha conclamato è stato il ditalino che le ha fatto Lapo la seconda sera che sono usciti. Da allora, come dice lei, ha sempre voglia. E si rende conto perfettamente di essere eccessiva, “non avrei mai pensato di potere scopare uno che non mi piace”, aggiunge. E però è così, ha fatto anche questo. E un po’ se ne vergogna. L’ho salutata infilandole la punta della lingua in bocca e le ho detto di non preoccuparsi che, secondo me, più o meno è capitato a tutte. Certo, non ho aggiunto che magari non capita perché una vuole fare a gara a chi prende più centimetri di cazzo nel più breve tempo possibile, ok, ma questo in fondo è un dettaglio.

La mattina dopo, al termine della lezione, volo in palestra. Un po’ in ritardo, per colpa di questo cazzo di traffico e di questi bus che non passano mai. Giovanna è già lì che si sta smazzando i suoi venti minuti di tapis roulant, poi va alle macchine mentre io mi affido alle mani sapienti del trainer. Che, detto tra di noi, non mi dispiacerebbe se una volta o l’altra le sue mani sapienti le utilizzasse per farmi rotolare su un letto. Ma meglio non mettere troppa carne al fuoco, per il momento. Meglio concentrarmi, per dire, sui crunch. Anche perché ho l’impressione che il trainer in realtà preferisca due bonone more della sua età, che a occhio sarà tra i trentacinque e i quaranta. Di sicuro, invece, c’è che quelle due hanno trovato una validissima ragione per venire in palestra.

Nello spogliatoio parlo del più e del meno con Giovanna. Anche del trainer, ovviamente, spettegolandoci un po’ sopra. Sono un po’ imbarazzata nell’introdurre l’argomento e quasi mi pento in anticipo di ciò che sto per fare. Sempre che abbia il coraggio di farlo, perché, come dire, non ne sono più tanto sicura. Lei invece ha un atteggiamento un po’ distaccato, quasi ironico. Il perché lo comprendo soltanto mentre, nude e con in mano saponi e accappatoi, ci dirigiamo verso le docce. Mi domanda “allora? come va la gara?”. Ci resto, per un secondo, un po’ di merda, lo riconosco. La osservo e nemmeno le chiedo se gliel’abbia detto Serena perché è ovvio che è stata lei. Rispondo che praticamente ho già perso. Giovanna ride ma dice anche che, se avesse dovuto scommettere, avrebbe scommesso su di me. Le chiedo per quale motivo e mi risponde ridendo “lo sai benissimo il motivo”, prima di mettersi sotto lo scroscio dell’acqua.

– Io invece so tutto di te – le faccio restando davanti al suo box.

– Come? – mi chiede quasi distratta, assordata dal rumore della doccia.


CONTINUA

Questo racconto di è stato letto 1 8 9 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone