Troia in un momento

Scritto da , il 2019-07-13, genere tradimenti

Quando penso a quello che ho fatto due giorni fa, mi vergogno e arrossisco da sola. Questa volta è stata esclusivamente colpa mia, però quando ripenso al cazzo di Vittorio nel culo, dopo chissà quanto tempo che non ne prendevo uno, mi eccito da morire. Mi presento: sono Giuseppina e sono una moglie di 56 anni; Sandro, mio marito, di anni ne ha 58. Abitiamo a Caltanissetta. Una coppia normalissima senza nessuna trasgressione in 31 anni di matrimonio. Figuratevi che mio marito, fino ad un mese fa, eccetto un ragazzo che avevo prima di conoscere lui, è stato l'unico uomo della mia vita. Con Liliana e Vittorio siamo amici da più di 20 anni; Lei ha 52 anni, lui 56, la mia stessa età. Un pomeriggio di un mese fa era da noi e insieme a Sandro stavano facendo un lavoro al computer. Ad un certo punto mi sentii chiamare da mio marito. Li raggiunsi nell'altra stanza e mio marito mi chiese quanti anni fa eravamo stati in un villaggio turistico in Puglia. Riflettei un momentino e risposi 4 anni fa. Chiesi il motivo e lui: "Allora qua avevi 52 anni?" Gli era capitato di riscontrare alcune foto di quella vacanza e ne stavano ammirando qualcuna di me in costume da bagno intero. "Lo sai che eri bona? Vittorio dice che hai un bel paio di cosce." Mi mortificai nonostante con Vittorio ci fosse una certa confidenza. "Insomma. Avevo. Forse." Dissi. "Sicuro, altro che forse" disse Vittorio. "Per la verità anche ora" ribattè Sandro. E si e no e no e si e Sandro dice di alzarmi il vestito per constatare. E si e no e no e si, lusingata dai loro apprezzamenti, stupidamente mi alzai il vestito a metà coscia. Modestamente ho un bel paio di cosce anche a questa età. Devo dire che, complessivamente, nonostante i miei 56 anni, mi faccio ancora ammirare. Stupidamente, alternai lo sguardo dalle mie cosce e al computer come per scorgere la differenza tra le mie cosce di 4 anni prima e quelle di oggi. Loro stavano ammirando quelle di oggi in un silenzio surreale. Sandro alzò ancora su il vestito di qualche cm. Dissi di non esagerare. Lo sguardo di mio marito era quello di un porco libidinoso; quello di Vittorio incredulo e voglioso. Deglutiva pure. Sicuramente le mie cosce gli facevano un certo effetto. Liliana, sua moglie, anche se più giovane, non è bona come me. Sentii la mano di mio marito sulla parte posteriore della mia coscia sinistra. "Ma va che fai?" Dissi in tono vergognoso e sorridendo. "E dai" disse portando l'altra mano fra le due cosce alzando ancora il vestito e sfiorando la fica da sopra le mutadine. Certo che mi vergognavo. E quando anche Vittorio portò le sue mani sulla mia cosca destra cercai di svincolarmi. "Ma va? Come siete? Guarda che lo dico a Liliana eh?" Seguì un lunghissimo minuto di silenzio durante il quale guardavo ammutolito le loro mani che incominciarono a darmi piacere e a farmi sospirare di piacere. Adesso era la mano di Vittorio che premeva decisa sulla mia fica e qualche mio gemito spinse mio marito ad alzarsi e sfilarmi il vestito. Nonostante fossi presa da un non so di lussurioso, capivo perfettamente della sciocchezza a cui stavo partecipando. Sandro mi sganciò il reggiseno e prese a leccarmi le tette facendomi impazzire, facendomi gemere forte e autorizzando Vittorio ad andare oltre. Infatti, lentamente, mi abbassò le mutandine e sentii le sue mani, una a cincillarmi il clitoride e l'altra fra le mie chiappe. Potevo mai resistere? Loro sembravano drogati. Mio marito mi fece sedere sulla poltrona, si mise in ginocchio, mi allargò le cosce e prese a leccarmi facendomi gridare. Vittorio prese a mordicchiarmi i capezzoli, poi il collo e l'orecchio e poi mi ficcò la lingua in bocca. La succhiai libidinosamente ormai sopraffatta da un nuovo strano piacere mentre la lingua di mio marito mi portava ad un orgasmo infinito. Presto mi ritrovai in ginocchio a terra, Vittorio seduto e mio marito che me lo strofinava fra le chiappe e sulla fica. Me lo mise dentro e prese a pomparmi forte e sonoramente. L'istinto ebbe il sopravvento e cercai il cazzo di Vittorio. Lo tirai fuori e presi a menarlo lentamente ammirandolo come si può ammirare un cazzo nuovo che non hai mai visto. Mio marito mi sfondava e il piacere diventava sempre più irresistibile e il desiderio di prenderlo in bocca mi prese irresistibilmente. Presi a leccarlo e sentivo sussurrare qualcosa a Vittorio. Quando Sandro affondò con un paio di colpi che mi fecero traballare tutta, ebbi un altro orgasmo e imboccai il cazzo succhiandolo avidamente. Mio marito mi sborrò nella fica; Vittorio mi diceva che si, si, stava per venire ed era come se mi volesse sborrare in bocca. Sapevo bene che Liliana non lo faceva, confidenze fra donne amiche. Io qualche volta si, ma questa non mi sembrava una volta giusta. Glielo menai forte e sborrò nella mia mano. Scappai subito in bagno nuda com'ero e quando ritornai Vittorio era già andato via. Mio marito, mezzo distrutto, abbandonato sulla poltrona. Nessuno dei due si rendeva conto di come sia mai potuto accadere. Naturalmente nei giorni e nelle settimane che seguirono con Liliana e Vittorio ci vedemmo diverse volte: a volte era come se non fosse successo niente, a volte, invece, imbarazzo. L'altro ieri, giovedì, uscii dall'ufficio alle 17. Ci incontrammo per caso. Non vi pare che avremmo parlato anche di quello? Quante coincidenze! Sandro sarebbe rientrato tardi e Liliana era andata per due giorni da sua madre. Che era stata una grande cazzata l'aveva capito pure lui, ma era anche vero che gli ero piaciuta e che lo voleva fare almeno una volta nel modo giusto. Più volte no da parte mia; lui insisteva e quando notò che incominciavo a tentennare disse chiaramente di andare a casa sua perchè mi voleva scopare in tutti i modi. Cedetti. Incominciò a palparmi tutta già appena entrati. Gli dissi che si doveva dare una calmata e lui invece prese a spogliarmi mentre ci slinguavamo. Si spogliò pure lui e me lo diede in bocca. Questa volta si che avevo tutto il tempo di fargli assaporare i miei pompini mentre lui mi diceva che se lo immaginava che pompinara dovevo essere. Ci sdraimmo sul tappeto e mi disse di stare attenti perchè non sporcassimo nulla. Sapevo che Liliana era maniaca della pulizia. Ci cimentammo in un frenetico 69 e godetti come una vera troia. Era come se fossi tornata giovane. Giocai ancora col suo cazzo e lui si divertiva a guerdarmi mentre gli leccavo le palle. Mi sentivo di fare tutto, e dire che Vittorio non era un uomo che mi attraeva in modo particolare. Mi trombò nella fica nella posizione del missionario e mi fece avere un altro orgasmo. Venne pure lui, imprecando, perchè non voleva e non era stato bravo a controllarsi. Sorridendo disse che era colpa mia perchè ero troppo bona e troppa troia. Se sono troia allora ti faccio vedere io brutto stronzo, ti faccio provare quello che, probabilmente, Liliana non ti ha mai fatto provare, pensai. Glielo ripresi con un pompino che sicuramente avrebbe ricordato per tutto il tempo della sua vita: lo feci divertire e gemere più volte succhiandolo e facendogli sentire il rumore dei succhi e facendogli vedere come ci giocavo con la lingua. Ero convinta che lo stavo dominando e glielo presi fra le tette mentre sorridevo stuzzicandolo. Quindi lo cavalcai agitando, prima lentamente e poi sempre più forte, il bacino. Mentre godevo gli dissi di non dimenticare questa scopata perchè un'altra così non se la sarebbe fatta più con nessuna. tanto più con sua moglie. Porca miseria! però il suo era proprio un bel cazzo: me lo sentivo tutto dentro che mi spaccava la fica nonostante avesse gia sborrato una volta. Ebbi un altro orgasmo lusingandolo che mi faceva impazzire e poi mi sistemai supina. Lo volevo nel culo così, come ai bei tempi con mio marito. Spacciatamente e come una porca, mi insalivai l'ano, alzai il bacino, gli dissi di farmelo appoggiare sulle sue, presi il cazzo lo indirizzai nella giusta direzione e gli dissi di andare dentro. Man mano che mi penetrava gli dicevi che il suo cazzone era quello che voleva ogni femmina e questo lo faceva diventare più porco e lo faceva sentire un mandrillo. "Ahaaaa! Siiii! Che bello il ruo cazzo nel culo Vittò. Pompami Vittò, pompami. Scassamelo tutto. Me lo sento pure dentro lo stomaco. Che belloooo!" Presi a masturbarmi e gli dissi che mi piaceva cosi. "Sii! Cosìììì Vittò. Chiavami il culooo." Aumentò il ritmo e disse che stava per sborrare di nuovo. "Sii, Vittò sborrami nel culo che vengo pure io." Venimmo insieme dimenandoci come due forsennati. Mi sfilò il cazzo dal culo e si buttò sopra di me slinguandoci. "Mii Giuseppì, ci voleva. Ce la dovevamo fare dopo quanto è successo l'altra volta" disse mentre ci rivestivamo. "L'importante è che ti sei sfogato e quando mi guardi non fai il cascamorto" "Io?" "Tu, proprio tu. Che ti sembra che non me ne accorgo quando mi guardi il culo? Sei stato fortunato, devi ringraziare quelle foto"---

Questo racconto di è stato letto 1 1 5 5 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti di piediracconti eroticigayracconti dominazione gayracconti incesti suocereracconti eorticiracconti sesso genivstorie per masturbarsiracconti hot gratisracconti erotici fortiracconti erotici gay eteroracconti erotici pompinoracconti cucoldstorie vere sexsesso porno raccontiracconti prnoracconti pornpgay porn raccontiracconti erotici calzestorie con donne maturepompini storieracconti erotici sesso analeeroriciraccontiracconti eroticami ha sborrato nel culoracconti erotici di matureraccontj eroticirotici raccontieroticiracconyistorie di collantracconti porno zoofiliaracconti erotici sodomiaracconti orgasmoannunci69.iyraccomti gayracconnti eroticiannunci 69 incestostorie transexstorie di sesso in famigliaraccotni eroticiesibizionismo al mareracconti erotici casalingaracconti footjobstorie di tramplingerotici racconti 69racconti erotivra cconti eroticimamma guardonaracoonti eroticiracconticuckoldraccon ti eroticierotici racconrimia moglie raccontieracconti eroticilesbiche raccontistorie trasgressiveerotici raccracconti per adulti gratisraccont pornoraccontidi miluracconti.eroticiracconti eroriciraccomti pornoracconti ertoticistorie erotivhestorie di dominazioneero raccracconti storie eroticheracconti erotici sesso a trewww.iomiluracconti erotici vecchieracconti lesbo matureporn storiegeneri di racconti eroticiracconto porno gayracconti di mamme inculateracconti erotici pompiniracconti di sesso in trenoracconi eroticiracconti omoeroticiracconti feticismo piediracconti bullerotic racconticuckold storiaerotici raca69 racconti erotici