Liz2

Scritto da , il 2019-07-12, genere sentimentali

Sono giorni e giorni che corro in suo aiuto.
Una sera l’ho accompagnata a casa, stanca e depressa.
L’ho abbracciata, un po’ troppo a lungo, al momento dei saluti.
È un crescendo di sentimenti ed emozioni.
Qualche giorno dopo ci siamo baciati fugacemente sulle labbra, sulla tromba delle scale.
Ci siamo solo sfiorati…
Ma poi l’ho baciata, davvero.
È stato sabato mattina.
Lei doveva andare da Ikea e mi sono offerto di accompagnarla da Linate, dove doveva riconsegnare una macchina a noleggio, a casa sua, a Monza.
Da lì sarebbe andata con la figlia ed il fidanzato della figlia da Ikea.
Ma c’è un imprevisto.
Le hanno “tirato il bidone”, rimangiandosi la parola data.
Non so come consolarla.
È triste, irrimediabilmente.
“Possiamo passare da casa mia, per favore”, mi chiede?
Andiamo.
“Dio, quanto è bella”, penso io, “con quest’aria da Madonna sofferente.”
A casa stiamo poco e andiamo via subito, per fortuna.
Non reggo più, emotivamente e fisicamente.
Andiamo da Ikea.
In macchina sfoga la sua delusione e tristezza.
Le prendo la mano e gliela bacio, istintivamente.
Lei gira la mia mano e fa lo stesso.
“O mio Dio” penso.
Ho il cuore che mi sta esplodendo nel petto, che emozione fortissima.
Arriviamo e scendo per salutarla.
Lei mi abbraccia, piena di tenerezza e di riconoscenza, e mi bacia fra guancia e collo.
È mi stringe, con il seno puntato sul mio petto.
“Mio amore e mia torturatrice”, penso.
Non posso farcela: ancora uno di questi meravigliosi abbracci, teneri e sensuali, innocenti, e quindi ancora più pericolosi.
Mi stacco da lei e punto con le mie labbra sulle sue.
Non mi spinge via.
La sto baciando, le nostre lingue si toccano, si intrecciano.
La stringo forte.
Che emozione incredibile.
Non pensavo che avrei più provato qualcosa del genere.
È tutto finito: ma nulla sarà mai più prima.
“Mia gioia e mia vita”, penso e poi fuggo.
Devo andare a casa.
“Vengo anch’io”, mi grida lei.
È vado via, che coglione.
La paura mi ha paralizzato.
Ho infranto tutte le mie regole e i miei principi.
Nulla sarà più come prima.
Sono legato a Lei, per il cuore.
Il lunedì dopo vado a trovarla presto al lavoro.
Mi guarda, con quell’espressione innocente (vera… ) ed irresistibile che ha.
“Allora cosa mi racconti” mi chiede.
“Dio mio” penso.
Andiamo di nuovo sulla tromba delle scale e qui ci baciamo più a lungo, con più trasporto.
Lei si stacca e mi dice che devo andare via, che la faccio impazzire.
“Io ti faccio impazzire?”, mi chiedo, mentre faccio la ruota, come i tacchini.
Una donna meravigliosa come Liz dice a me che la faccio impazzire.
Cose da pazzi, davvero.





Questo racconto di è stato letto 4 3 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone