Anna (3) il risveglio

Scritto da , il 2019-07-12, genere orge

Anna (3) il risveglio
Mi svegliai nella stanza di Anna abbracciato alle due ragazze. Non ero stato in grado di andarmene a casa dopo le performance del giorno prima, sempre che avessi voluto farlo. Guardai l’ora e mi resi conto che ormai era inutile andare a studio. Mi alzai e mi diressi veros la cucina a preparare il caffè e mentre aspettavo che uscisse chiamai Maddalena. Dopo due squilli rifiutò la chiamata. Sorrisi. Probabilmente era impegnata a fare l’amore con Tiziana oppure aveva trovato per tutte e due qualche maschio per rendere più piacevole la vacanza. Recuperati vassoio e tazzine e portai il caffè alle ragazze che stavano ancora dormendo. La prima a svegliarsi fu Francesca, mi sorride e ci baciamo. Le accarezzai il seno generoso e penso che il mio obiettivo sarà quello di coprirlo del mio sperma.

“Grazie”, mi sussurra lei.

“Per cosa?”.

“Per avermi consolato, distratto, scopata come mai ero stata scopata in vita mia”.

“Sono contento che la pensi così questa mattina”.

“Mi hai fatto scoprire, mi avete fato scoprire, un lato della mia sessualità che era rimasto totalmente nascosto. Che non mi piacciono solo gli uomini. Ho adorato quello che mi ha fatto Anna. Ogni cosa, anche la più oscena. Non avevo mai neanche baciato una ragazza prima di ieri”.

“Neanche io”, sussurrò Anna portandosi le mani al volto.

“Buongiorno”, dissi io chinandomi a baciarla. “C’è il caffè”.

“Ma che ore sono?”.

“Quasi mezzoggiorno”

“Oddio ci dobbiamo alzare per andare al lavoro”.

“Tranquilla, ci prendiamo un po’ più di tempo domani che ormai è quasi pronto tutto e la consegna è fra tre giorni”.

“Sei un capo adorabile”.

“E tu una dipendente perfetta”.

“Perché adoro il tuo cazzo?”.

“Non solo. Perché adori anche fare l’amore con una donna”.

“Oh si che l’adoro” e si allungò per baciare appassionatamente Francesca.

Anna si girò un attimo verso di me.

“Vai a farti la doccia per favore. Vorrei dedicarmi solo a Francesca. E se torni prima che abbiamo finito aspetta di vederci venire tutte e due”.

Sorrisi e mi alzai, ammirando Anna. Mi ricordava Maddalena dieci anni prima. L’avevo conosciuta che aveva proprio l’età di quella meraviglia di ragazza che stava aprendo le gambe per accogliere la lingua della sua amica. Mi infilai sotto la doccia rimanendo a lungo a godermi il getto d’acqua. Stavo asciugandomi quando squillò il telefono.

“Maddalena. Buongiorno amore”.

“Scusa se prima non ti ho risposto ero impegnata a filmare quella puttana della nostra amica pagare il conto per i nostri nuovi giocattoli”.

“Come, scusa?”.

“Si, abbiamo deciso questa mattina di comprare un paio di dildo nuovi per passare il tempo in attesa del tuo arrivo e quando siamo andate a pagare alla cassa del sexy shop ci siamo resi conto che non avevamo ne soldi ne carte dietro. Allora abbiamo contrattato un po’ con il commesso e poi Tiziana ha saldato”.

Risi. “Come?”.

“Un pompino da manuale, letteralmente perfetto anche se il ragazzo non meritava e tanto meno il suo cazzo, con tanto di gran finale con sborrata sulla faccia”.

“E il filmato?”.

“Faceva parte del saldo. Voleva un ricordino il ragazzino”.

“Ne hai conservato una copia?”.

“Mandamelo subito”.

“Agli ordini”.

“Rimane in linea”.

“Si si, non ti preoccupare”.

Appena arrivato il messaggio in allegato lo aprì. Iniziava con Tiziana che si inginocchiava e apriva i calzoni di un ragazzo sui vent’anni praticamente albino.

“Hai filmato tutto, fin dall’inizio”.

“Cero, lo sai che sono una ragazza diligente”.
Ormai ridevo a crepapelle.

“Senti maiale, mentre ti fai le pippe con il video di Tiziana all’opera e visto che è durato parecchio il giovanotto, a te come è andato il secondo round con la ragazzina?”.

“Benissimo. E con sorpresa. Sono ancora a casa sua infatti che la cosa è stata impegnativa”.

“In che senso?”.

“Guarda, metto in pausa e me lo vedo dopo il lavoretto di Tiziana. Ora ti faccio vedere, accendo la camera”.

“Davvero? Si, fallo che sono curiosissima”.

“Ti metto in viva voce. Anche Tiziana che tanto lo so che è lì”

“Ciao bell’uomo – rispose la nostra amica – tranquillo. Muta sono”.

Uscì dal bagno filmando con il telefonino che già riprendeva e raggiunsi la porta della stanza da letto. Le due ragazze erano impegnate in un sessantanove mozzafiato con tanto di parziali fisting reciproci. Sullo schermo del telefono comparvero i volti di mia moglie e di Tiziana che guardavano quello che accadeva stupefatte… Mia moglie sapeva che la stavo guardando e sillabò sottovoce per me un “sono bellissime”.

Fu Francesca a venire prima, urlando a squarciagola per poi gettarsi con la bocca su Anna che la raggiunse poco dopo. Rimasero così l’una sull’altra riprendendo fiato. Anna girò la testa e mi vide immobile con il telefonino in mano che le riprendevo”.

“Ma che porco! Hai filmato tutto?”.

“Veramente non solo, siete in collegamento con mia moglie Maddalena e la sua amica Tiziana che volevano conoscervi”.

“Oddio sono in linea?”.

“Ragazze tranquille. Ciao, sono Maddalena. Ero troppo curiosa e volevo conoscervi. E scusate, ma ve lo devo proprio dire. Siete bellissime. Incredibilmente belle. A proposito, chi di voi è Anna?”.

“Che faccio, devo alzare la mano?”.

Ridemmo tutti.

Poi Maddalena che sapeva come gestire piccole e grandi situazioni di imbarazzo risolse la situazione con la solita eleganza e sfacciataggine.

“Scusate questa invasione, ma la curiosità era troppa. E anche l’autostima di mio marito – altra risata collettiva – vi lasciamo da soli e ci andiamo a dedicare a collaudare i giocattolini nuovi che abbiamo appena acquistato per passare il tempo in attesa che Roberto ci raggiunga… a proposito, siete invitate anche voi qui a Copenaghen. Tutte e due se volete. A me e a Tiziana non ci piacciono le maggioranze striminzite di donne, ci piacciono le maggioranze assolute”.

“Dice sul serio?”, chiese Anna.

“Amore, già ieri dopo che Roberto mi aveva raccontato cosa era successo fra voi, avevo pensato di invitarti a raggiungerci. Io conosco perfettamente i gusti di Roberto. Che sono identici ai miei”.

“E io?”.

“Tu amore? Scusa, non conosco ancora il tuo nome”

“Francesca”.

“Francesca io farei qualsiasi cosa per conquistarti. Fosse solo per quella meraviglia di tette che hai. Ucciderei per avere io delle tette così. E ancora, se piaci a Roberto piaci anche a me, quindi se puoi sarebbe davvero bello avere anche te in vacanza con noi così tiriamo giù definitivamente questa città… Amore?”.

“Dimmi”.

“Visto che non hai ancora visto il video del pagamento di Tiziana al sexy shoop dei nostri passatempo fallo vedere anche a loro così hanno l’opportunità di vedere anche noi due vecchiette matte”.

“Vecchietta? Hai 35 anni amore e Tiziana due meno di te”.

“Dai… Un bacio a tutti e spero a presto”.

E ci lasciarono soli.

Raggiunsi le due ragazze sul letto.

“Allora era vera la storia che mi hai raccontato ieri sera”, disse Francesca.

“Si. Ogni minimo dettaglio”.

“Deve essere difficile avere un rapporto così”.

“Si. C’era una vecchia canzone che diceva che l’amore “spezza le vene delle mani”. E ce le siamo spezzate più volte tutti e due. Ma alla fine se si riesce e si è onesti e complici alla fine è bellissimo”.

“Facci vedere il video. Sono curiosissima”, disse Anna.

“Credo che si veda solo Tiziana, ma si certo”, e presi il telefono.

Il video durava nove minuti. Conoscendo benissimo la bravura con cui Tiziana usava la bocca il ragazzo doveva avere una resistenza notevole.

Anna e Francesca rimasero in silenzio a guardare la sequenza. Dopo che il ragazzo prendendosi il membro in mano per ricoprire il volto di Tiziana di sperma Maddalena aveva cambiato inquadratura girando l’obiettivo e riprendendo anche se stessa inginocchiata accanto alla sua amica. Sorrise alla camera poi baciò la bocca imbrattata di sperma dell’amica finendo con raccogliere ogni goccia sul volto e bevendola. Il filmato finiva con mia moglie, le labbra umide di seme maschile che sorrideva e mandava un bacio all’obiettivo.

“Maddalena è incredibile, io non sarei in grado di succhiare così un uomo”, esclamò Francesca.

Francesca rise. “Ti assicuro che se hai un bravo maestro come Roberto fai in fretta a imparare”. Poi girandosi verso di me sorrise. “Tua moglie e stupenda. Anche Tiziana lo è, ma tua moglie ha qualcosa che ti manda fuori di testa”.

“Lo so”.

“Io ci vengo a Copenaghen. Non posso non conoscere quella donna e non voglio smettere di continuare a scopare con te”.

“Speravo che lo dicessi”.

“Anche io ci vengo. Voglio cancellare tutto in un colpo solo”.

“Sappiate che probabilmente verranno coinvolti anche altri. Uomini probabilmente”.

“Immaginavo”, disse Anna. “Non sono gelosa, non voglio appartenere a nessuno e non voglio che nessuno mi appartenga totalmente e esclusivamente. Ma Roberto, una piccola confessione te la devo fare”.

“Dimmi”.

“Mi sto innamorando di te”

Sorrisi. “Anche io”.

Sentì la mano d Francesca prendermi il pene in mano. “Io invece mi sto innamorando contemporaneamente del tuo cazzo e della fica di Anna”.

Ridemmo, poi mi trovai a baciare profondamente Anna mentre Francesca mi prendeva in bocca. Poi fu la volta di Anna a inghiottire la mia verga mentre e poi si dedicarono insieme a leccarmi, succhiarmi, segarmi lentamente e baciarsi fra di loro.

“Dimmi cosa vuoi”, sussurrò Anna tornando a baciarmi.

“Sali su di me dandomi la schiena e penetrati, lentamente e poi rimani ferma quando lo avrai tutto dentro”.

Francesca intanto si era ritratta d poco e rimanendo con il volto a pochi centimetri dalla fica della sua amica. Allungò la lingua leccando piano, partendo dalle mie palle e risalendo raggiungendo la clitoride della sua amica per poi riscendere. Lentamente Anna risalì e poi discese di nuovo con un sospiro per immobilizzarsi ancora. Io le afferrai il seno e la risollevai sempre lentamente e poi quando il pene era quasi completamente uscito la riportai sempre lentamente giù penetrandola completamente. Una due tre volte, sempre piano. Anna era senza fiato e inarcò il dorso chiedendomi di accelerare. Lo feci per poco per poi tornare allo stesso ritmo di prima, lento, quasi ondeggiante.

“Francesca?”.

“Si, dimmi”.

“In cucina prima ho visto dei cetrioli vicino al lavello. Vai prenderne uno, il più grande e liscio,. lavalo e torna qua”. La ragazza si alzò e tornò con un cilindro verde largo quasi il doppio del mio cazzo. Presi per i fianchi Anna e la sollevai fino a uscire da lei poi aiutandomi con una mano puntai il cazzo contro il suo ano e con delicatezza e con decisioni con l’altra mano la spinsi a scendere sempre lentamente . Quando i fui dentro di lei completamente rimasi fermo per quasi un minuto. Nella stanza si sentiva solo il respiro leggermente affannoso di Anna.

Di sua iniziativa Francesca si allungò con il collo e iniziò a leccarmi le palle e il ponto di contatto fra la base del mio cazzo e il culo dilatato della amica poi risalì fino a leccarle la fica. La lasciai fare rimanendo immobile piantato in quel meraviglioso culetto vergine fino al giorno prima, mi godevo le contrazioni di lei stimolata da Francesca che in poche ore si era trasformata in un’amante della fica fino a quando non iniziai a sentirla tremare.

“Oddio vengo… vengo!” urlò lasciandosi completamente andare e io iniziai a pomparla con violenza mentre Francesca continuava con fatica a succhiarle la clitoride fino a quando spruzzò violentemente un getto di urina direttamente in faccia e e bocca dell’amica.

Francesca ormai era dentro al gioco fino al collo si alzò e venne verso di me per baciarmi. Aveva la bocca piena del liquido di Anna e me lo versò direttamente nella bocca.

Rimanemmo lì a baciarci mentre continuavo a sodomizzare con durezza Anna che ormai era completamente travolta.

“Francesca, prendi il cetriolo e iniziala a scoparla nella fica mentre io continuo a penetrala nel culo”. E lei obbedisce. La doppia penetrazione porta immediatamente Anna all’orgasmo e dopo un minuto ad un altro ancora più violento.

“Basta, vi prego, mi state spaccando in due”.

Rallentai e ci fermammo. Feci scivolare la ragazza dolcemente su un fianco e poi lentamente uscì da lei.

“Mi avete uccisa. Non ho mai goduto così tanto e così intensamente in vita mia… Francesca vieni, baciami amore mio…”. Era totalmente abbandonata, sfinita. Si baciarono poi si girò verso di me. “Roberto per favore scopa Francesca, forte, profondamente falla godere e lasciatemi guardare. Io ho goduto così tanto che mi sento svuotata. Quando stari per esplodere sarò con voi perché desidero vederti godere pi di ogni cosa al mondo”.

“Si. La impalerò esattamente come ho fatto con te. L’aprirò fino a quando non sarai pronta”.

Mi baciò ancora, totalmente abbandonata, poi sentì la mano di Francesco prendermi il cazzo e stringerlo alla base”.

“Aspetta – dissi – forse è meglio lo lavo”.

“Faccio io”, disse e si infilò il mio cazzo fino in gola. “Franci ma quanto sei troia?”. Chiese sorridendo Anna che ci guardava. Francesca la guardò, gli occhi sorridenti, ma non smise per un istante di succhiarmi. Dopo qualche minuto fui costretto a fermarla perché stavo per venirle in bocca. “Inculami. Incula anche me fino allo sfinimento come hai fatto con Anna”.

L presi e la feci sdraiare a pancia sotto sul letto e le aprii le natiche con le mani. “Anna ce la fai a guidarmi?”. Lei per tutta risposta si allungò e mi prese il glande baciandolo e leccandolo poi con una mano mi aiutò a farsi spazio nel culetto della ragazza. Entrai con un colpo secco. Francesca gemette forte ma invece di ritrarsi spinse in alto per facilitarmi la penetrazione. Iniziai a montarla come un pazzo. Anna intanto si era ripresa un po’ e iniziò a baciarmi e a accarezzare le natiche dell’amica. “Esci e rintrale dentro ma nella fica”, mi disse e io ubbidì. “Bravo. Senti come è dolce e morbida la sua fica, allargala bene, prendila. Così, ora ritornale nel culo e sfondala”. Andammo avanti per un bel po’, io che entravo dal culo di Francesca e le entravo in fica per poi riprenderla analmente obbedendo agli ordini di Anna.

“Ora fermati, esci da lei e sdraiati. E tu Francesca sali su Roberto e piantatelo nel culo esattamente come ce l’avevo piantato io prima”. E lei non perse tempo e subito iniziò a cavalcarmi aprendo oscenamente la fica allo sguardo di Anna che intanto aveva raccolto il cetriolo e lo stava bagnando con la saliva per poi infilarlo fra le grandi labbra spingendolo a fondo. Pochi secondi di quel trattamento e Francesca venne per la prima volta, poi ancora e dopo alcuni minuti urlando venne per la terza volta cadendo su di me inerte… io la piegai sul fianco e uscì e guardai Anna che sorridendo si avvicinò a mio cazzo iniziando un pompino degno della sua amica se non superiore. In poco tempo ero pronto a venirle in bocca ma lei si staccò.

“Hai cambiato sapore, stavi per venire?”.

Annui.

“Devi venire in faccia tutte e due contemporaneamente”, e si sdraiò accanto alla sua amica, i due visi uno accanto all’altro, io mi avvicinai e obbedì.

Questo racconto di è stato letto 1 9 8 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti icestoerotici raccontoracconnti eroticiracconti erotici tra mamma e figliostoria porno italianoracconti erotici orgiaracconti feticismoracconti e storie erotichecornuti raccontiracconto erotico mammastorie eritichesi fa inculare dal suo caneracconti porno cinemarocconti eroticila mia ragazza esibizionistapiedi di mia suoceraracconti wroticiracconti incedtoracconti di malusega eroticarecconti eroticiracconti di clisteriracconto erotracconti pronoerotici racconti 69racconti erotici lo ziogenitori che scopano con i figlistorie porno annunci 69storie erotichracconti sauna gayracconti di sesso con caniporno racconti realieroticaraccontistorie di sesso incestiracconti video pornoerositalia raccontistorie erracconti inculataracconti di sesso spintowww.racconti-erotici.itraccontieriticierotico raccontolibri erotici lesboerotici racconti.comstorie di sesso pornoerotici raccontracconti erotici femminilizzazionemistress cagaracconti gay eroticiracconti nel culoracconti erotici animalracconti eroticjracconti incesyoracconti erotici prima volta gaystorie di slavei piedi di mia mogliestorie sessvoyeur al parcoraccontierotici generi di racconti inceatoporno raccontiracconti hot gratiseroticiracontispompinamentoracconti miluùraccontigayraconti pornoraccontidimiluracconti gay69storie di feticismoracconti generila sorellina della mia ragazzamamma ti sborro dentroracconti erotici gay fratellirscconti eroticiconfessioni pornoracconti erotic iracconti zozziracvonti eroticiracconti incestuosi veritettone raccontivisita ginecologica raccontiporno italiano storieracconti erotici zoofiliraccontierotici.itracconti erotici vereracconti eoricierotoci racconti