L'unica

Scritto da , il 2019-07-12, genere etero

Questa storia è stata ispirata dal brano L’unica dei Perturbazione



Erika, tu eri l’unica
Ma soprattutto nelle ore di ginnastica
Per te solo al pensiero
Io mi sentivo un uomo
Per te io componevo inutili poesie



«Matteo?» chiese la giovane donna di fronte a me «Matteo Tempra?»
«Sì, esatto» rispondo leggermente interdetto «Lei è?» domando a mia volta cercando di essere cortese.
«Erika» squittisce allegramente «Erika Celti. Eravamo nella stessa classe al liceo».

Dannazione...
So benissimo chi è. Ammetto di averci messo più del dovuto a riconoscerla, ma appena ha pronunciato il suo nome, sono stato preso alla sprovvista. Di tutte le persone che potevo incontrare in questo chiassoso pub di Firenze, proprio lei.
Che ci fa qui? Così lontano da Roma?
Non ho mantenuto i rapporti con i miei ex compagni del liceo. Solo un paio, i più cari. Quelli che tutt'ora condividono con me, vino, film e qualche serata particolare, che spezza la monotonia delle nostre vite.

«È un piacere rincontrati» dico assolutamente sincero «Quanti anni sono passati? Dodici come minimo» asserisco convinto affidandomi al mio miglior sorriso.
Lei si avvicina e mi circonda con un abbraccio stampandomi tre baci di circostanza sulle guance. Tre... dicono portino sesso.
«Anch'io sono davvero felice di rivederti» esclama sorridendo «Cosa ti porta a Firenze?» chiede curiosa.

Sembra davvero che gli anni non siano passati.
E poi guardatela: è splendida come sempre.
Indossa un paio di pantaloni in pelle neri, una maglietta color crema che le fascia perfettamente i fianchi, con una cintura molto grande in vita, chiusa con una borchia color oro. Il tutto è perfettamente abbinato a una catenina, sempre oro, che si allunga sopra il suo petto in tanti filamenti scomposti. Il seno perfetto e sodo viene fatto risaltare dal gioco fasciante della maglia.
Che cosa portava? Una terza abbondante se non ricordo male. Meglio non pensarci...
Sopra indossa un giacchetto, sempre in pelle, stile rock-romantico.
Ai piedi ha un paio di stivali con tacchi piuttosto alti, neri, che si chiudono a metà polpaccio circa, imprigionando al loro interno i pantaloni aderenti. Lo stacco è coperto da delle ghette nere in lana.
Sono ancora seduto, ma credo che così raggiunga tranquillamente il mio metro e novanta.
Anche borsa, orecchini e bracciale sono perfettamente abbinati con la mise. Noto inoltre che ha allacciato una sciarpa a righe grigie all'impugnatura della borsa e non posso fare a meno di sorridere, perché ricordo bene era solita farlo anche al liceo.
È molto curata e i suoi capelli castani sono molto più corti di quanto ricordassi.
Quelli che non sono cambiati invece, sono i suoi occhi: nocciola, magnetici, visti e sempre molto espressivi.

«Lavoro» affermo cercando di ridestarmi dal tuffo nei ricordi e dall'apparente radiografia «Riparto domani» specifico «E tu? Se posso chiedere?»
«Io ci vivo» risponde allegra «Mi sono trasferita due anni fa. Anch'io per lavoro: sono una storica dell'arte adesso e Firenze è decisamente una città che mi da tanti spunti lavorativi» conclude orgogliosa «Tu invece?»

Ha preso uno sgabello e si è seduta vicino a me, il barista ha preso la sua ordinazione e io ne ho approfittato per ordinare un altro bicchiere di Chivas Regal.
Non ricordavo fosse così amichevole.
In fondo ero piuttosto timido alle superiori e lei era decisamente fuori dalla mia portata.
Non sono mai stato spigliato con le ragazze, figuriamoci quelle popolari.
Ero un banalissimo ragazzino complessato in età adolescenziale. Mix letale a quanto ricordo. Sebbene non fossi stato un completo mostriciattolo, ero nella media diciamo, le mie doti decisamente poco atletiche non mi aiutavano nel difendermi dalle derisioni dei compagni di classe.
Sì... ero un secchione imbranato. E incompreso, vorrei aggiungere.
Sinceramente non capivo l'utilità di una materia come ginnastica in un liceo classico. Anche se non potevo totalmente lamentarmi e il motivo era semplice: una classe di trenta persone, composta per il settanta percento da ragazze.
La concorrenza era poca, ma io mi sentivo totalmente a disagio, anche solo per pensare di parlare con un potenziale essere femminile.
Patetico, lo so.
E per quanto difficile sia ammetterlo, la donna che ho di fronte in questo momento, è stata il mio primo amore.
Primo amore a senso unico, naturalmente.
Non gliel'ho mai confessato e dubito lo sia venuta a sapere.
Mi limitavo infatti ad osservarla da lontano, fantasticando come solo un adolescente in piena fase ormonale poteva concedersi di fare.
Che poi a dirla tutta, non ero un normale adolescente.
Mi sentivo più una reincarnazione di Dante.
Dante sì, perché ogni volta che vedevo Erika, la mia personale Beatrice, iniziavo a lasciar fluire versi e sonetti su pagine e pagine del mio personale taccuino. Mi struggevo per un amore mai confessato.
Patetico e scemo.
Scemo sì, perché lo stavo studiando l'amore aulico e sebbene i risultati poetici fossero superbi, non era certo ciò di cui avevo bisogno.
Avevo passato cinque anni a tormentarmi, tra sentimenti più o meno puri, ma non ne avevo ricavato assolutamente niente. Per assurdo, il saluto che mi ha dato prima è la cosa più intima che ci sia stata tra noi.
Ero... sono senza speranza.

«Non ci crederai, ma sono un professore. Viaggio formativo...» spiego indicando un gruppo di ragazzi intenti a ridere, bere e ballare in un angolo del locale.
La vedo sorridere leggermente stupita «In che facoltà insegni?» mi domanda sorseggiando il suo cocktail.
Ora sono io ad essere sorpreso «Come fai a sapere che insegno in un'università?»
«Beh...» dice divertita «O quello, o i tuoi alunni sono dei ripetenti cronici».

Rido davanti a questa sua affermazione.
Insomma, potevo arrivarci anche da solo.
Si lascia coinvolgere dalla mia risata e la vedo studiarmi con interesse.
Avrò qualcosa fuori posto?
Vediamo, rapido check up.
Sono vestito in maniera, relativamente, normale.
Jeans scuri, scarpe nere eleganti, t-shirt grigia con stampa al posto della solita camicia da professore -almeno in gita scolastica mi sono imposto di non far pesare troppo il mio ruolo- e una giacca di pelle scura.
Sembro un normale trentaduenne, almeno credo.
Diciamo che invecchiare ha avuto i suoi benefici.
Esatto, adesso sono uno di quegli uomini che, qualche volta, con un filo di barba viene considerato “sexy” dal genere femminile.
Triste destino il mio... a saperlo prima avrei vissuto con più tranquillità gli anni precedenti.
Non sono un adone, ma le poche relazioni che ho avuto negli anni mi hanno confermato che non sono nemmeno malaccio. Il mio punto di forza? Tutte amano i miei capelli neri, spettinabili... e io adoro sentirle intrufolare, delicate, le dita nei miei ricciolini.
Ok, ho constatato che non c'è niente che non vada in questo momento e sono piacevolmente sorpreso dalla leggera crescita di autostima che ho accumulato negli anni.
Mi resta solo un dubbio: perché continua a fissarmi le labbra?

«È il loro primo anno di lettere e filosofia» le spiego «Questa uscita serve molto per fare gruppo, oltre che per fini educativi ed io mi sono proposto come accompagnatore, anche se sono tutti maggiorenni e non ne avrebbero bisogno».
«Di la verità, volevi una vacanza spesata a Firenze» esclama sorridendo mentre mi da una leggera spintarella sul petto.
«Beccato!» confesso alzando le mani in segno di resa «Mi è sempre piaciuta questa città e così ne ho approfittato per fare un giro delle chiese».
«Ti capisco bene, le adoro anch'io» afferma riportandosi il bicchiere alla bocca, bevendo un sorso del liquido ambrato al suo interno.

Non riesco davvero a capire come faccio a parlare così tranquillamente con lei. Dodici anni fa, avrei balbettato come un poppante e di certo non sarei mai riuscito a reggere il suo sguardo.
Quegli occhi.
Ho scritto così tanto su di loro. Una di quelle poesie mi ha pure fatto vincere il primo premio in un concorso letterario.
Sì... sono un poeta e un irrimediabile romantico, ma ammetto di essermi anche smaliziato con gli anni.
Sono un uomo dopotutto, ma questo mix non sembra dispiacere alle mie frequentazioni.
Mi chiedo solo cosa sia cambiato dalla fine del liceo, per far si che Erika non mi metta più in soggezione. Probabilmente sono io quello che è cambiato.

«Sei rimasto in contatto con qualcuno?» chiede poco dopo.
«Andrea e Luca» affermo sorridendo.
«Mi ricordo di loro» sorride ancora e mi manca il respiro ogni volta che lo fa. No, decisamente non sono cambiato. Sono sempre il solito idiota ed imbranato.
«Come stanno?» chiede curiosa.
«Direi bene» rispondo «Anche se Luca sta uscendo con una neo diciottenne e non vuole ammetterlo, mentre Andrea è bloccato in una situazione spinosa con una fedifraga».
«Accidenti» esclama stupita «Non me lo sarei mai aspettata» fa una breve pausa «E tu?»
«Io?» chiedo cercando di temporeggiare.

Non so perché, ma non mi sento molto a mio agio a parlarne con lei. Sarà che fino a quattro anni fa era l'unica... l’unica che avrei voluto al mio fianco.
Sì, perché sebbene siano passati dodici anni da quando abbiamo concluso la maturità, io ero così ossessionato dall'amore verso di lei che non ho accettato le attenzioni di nessuna per otto, lunghi, anni.
Sommati ai cinque delle superiori sono tredici anni di seghe mentali -e non solo-.
Pazzo. Ero un pazzo.

«Sono single» le dico cercando di buttarla sul ridere «Altrimenti le mie studentesse non avrebbero nessuno su cui fantasticare. I miei colleghi sono tutti over cinquanta».

Riesco nel tentativo e lei scoppia in una risata cristallina.
Matteo, appunto per la serata: non farla più ridere o avrai buttato anni di psicoanalisi, innamorandoti nuovamente di lei.
Certo, Roger sarebbe contento di spillarmi altri duecento euro a seduta, ma non mi sembra davvero il caso.

«Tu invece? Hai trovato l'amore della tua vita?» chiedo più per cortesia che per altro.
La vedo scrollare la testa «Ancora no» sospira «Ma dovrei darmi una mossa, non ho più vent'anni».
«Mi sembra difficile crederti» mi lascio sfuggire distrattamente «Sì... insomma... ricordo che avevi parecchi spasimanti a scuola».
«Un branco di idioti» commenta acida «Ci provavano con me solo per il mio aspetto».

Sì, ha ragione. Lo so perché anch'io rientravo nel sopracitato branco.
Anche se cercavo di essere più un lupo solitario.
Era ed è una bellissima ragazza, nessuno può negarlo, ma io ricordo di essermi innamorato anche del suo sorriso, della sua risata, di altre mille sfumature del suo carattere e di quel suo modo adorabile di giocare con i braccialetti quando era nervosa.
Lo faceva sempre durante le verifiche e le interrogazioni.
E adesso che ci faccio caso, lo sta facendo anche ora.
Perché è nervosa?
Meglio cambiare argomento.

«Tranquilla» esclamo «Ad occhio e croce direi che hai ancora uno o due anni prima di doverti rassegnare ad una vita da monaca».
«Solo uno o due anni?» mi chiede con sguardo accusatorio, fintamente imbronciata. Infatti non riesce a celare un certo divertimento nel suo tono di voce.
«Mese più, mese meno...» affermo sorridendo.

Ride nuovamente e i miei polmoni sembrano non voler collaborare.
Matteo, datti una regolata.

«E pensare che mi piacevi davvero tanto al liceo».

Ok... ho sentito questa frase, ma sono quasi certo di non averla detta.
Non ad alta voce almeno.
Sarei davvero un caso irrecuperabile se l'avessi fatto.
Certo, non mi ricordavo di avere una voce così femminile.
Aspetta.
Lo ha detto lei?
Erika ha davvero detto che le piacevo al liceo?
Ho lo sguardo perso, probabilmente un po' allucinato. Lo capisco da come mi guarda.
Lei ha ricominciato a tormentarsi i polsi con il braccialetto.
Matteo di qualcosa per la miseria.
Smettila di fare scena muta… non l’hai mai fatta in tutta la tua vita.
Sei sempre logorroico e oggi decidi di fare sciopero?

«Anche tu, a me»

No... no... no!!!
Idiota che non sei altro!!!
Ho capito che non devi fare scena muta, ma nemmeno incasinarti così.
Roger è ancora tra le chiamate rapide vero?
La guardo nuovamente e capisco di non essere il solo ad essere imbarazzato.
Siamo avvampati come due adolescenti. Potrei dare la colpa all'alcool, ma per mia sfortuna o somma fortuna lo reggo più che bene.

«Cavoli che rivelazione» esclama imporporandosi leggermente di più «Non me lo avevi mai detto».
«Non abbiamo mai parlato molto, ad essere sinceri» cerco di dire un po' sulla difensiva.
«Già» sospira e percepisco un certo rammarico nella sua voce «Avevo paura di un rifiuto da parte tua».
«Un mio che?» chiedo incredulo.
«Beh... sì» esclama facendosi un po' di coraggio «Non sembravi interessato ad avere relazioni. Ricordo bene che una ragazza ti aveva regalato del cioccolato a San Valentino, ma l'hai respinta perché eri già innamorato di un'altra. Se avevi respinto lei, avresti respinto anche me».
«No, visto che quella che mi piaceva eri tu» sospiro sconsolato.

Sono un deficiente.
Possibile che non mi sia mai accorto di niente?
Ricordo la ragazzina che mi aveva regalato il cioccolato. Andavo in quinta e lei era del primo anno. Non so cosa ci trovasse in me, ma di certo io non ero interessato a lei e non volevo coinvolgerla in un amore senza possibilità. So bene quanto si soffra quando non si è ricambiati, ma credo di aver sofferto molto di più nell'illusione dell'amore platonico che mi ero creato.

«Non è possibile... scrivevi di una ragazza dagli occhi colore dell'ambra ed io ho gli occhi marroni» dice cercando di convincere più lei che me.
«I tuoi occhi sono nocciola» puntualizzo «E comunque era una licenza poetica...» sbuffo frustrato «Anche se, quando sorridi brillano così tanto che sembrano davvero delle ametiste d'ambra».

Perché... perché sono in questo casino.
Sarebbe stato meglio restare in albergo sta sera.
Come faccio a tornare a Roma domani, e fare finta che non sia successo niente?
Sono un cretino.
Non dovevo nemmeno iniziarlo questo discorso.
Stupido.
Stupido...
Stupido!!!

Aspetta un attimo...

«Tu come fai a sapere cosa scrivevo?» domando perplesso.
La vedo imporporarsi di nuovo «Beh, non ti separavi mai dal tuo taccuino, a parte a ginnastica, così qualche volta sgattaiolavo nello spogliatoio a metà lezione e leggevo i versi che scrivevi» confessa con un filo di voce «Perdonami, so che avrei dovuto, ma mi piacevano così tanto quelle parole».

Non so più come guardarla. Sono imbarazzato oltre misura.
Non solo sapeva ciò che scrivevo, ma adesso era al corrente che scrivessi di lei.
Voglio sotterrarmi. Non capisco cosa mi trattenga dallo scappare a gambe levate.

«Non volevo farti arrabbiare» sussurra cercando la mia mano.

La ritraggo quasi scottato per l'improvviso contatto: non me lo aspettavo proprio.
Capisco la mia gaffe quando la vedo abbassare lo sguardo con un'aria estremamente afflitta.
Matteo... salva il salvabile. Sii sincero con lei per una volta nella vita. Se ci sono tutte queste incomprensioni, la colpa è sua quanto tua.
E poi non hai più quindici anni… sei cresciuto... maturato… parla maledizione!

Le prendo la mano dolcemente, accarezzandole il dorso con il pollice e aspetto che mi guardi.
Questa sera o si vince, o si muore.

Appena ho il contatto visivo prendo un profondo respiro.
«Non sono arrabbiato» inizio per rassicurarla «E credimi sono stupito quanto te per quello che mi hai detto. Ti ho sempre guardato da lontano, insomma eri... eri tu. Eri bella, popolare, così allegra e solare. Sempre gentile con tutti e io... io ero solo un piccolo e codardo secchione. Non ti avrei mai chiesto di uscire con me. Mi bastava ammirarti a distanza, non volevo che gli altri ti prendessero in giro a causa mia».

L'ho detto. Sono stato sincero. Incredibilmente ingenuo, ma sincero.
Ora non devo far altro che aspettare la sua fuga alla velocità della luce.
Chiamerò due dei miei pupilli e li convincerò a portarmi in albergo quando, a fine serata, sarò ebbro d'alcool. Scommetto che se gli propongo la lode staranno zitti.
La domanda è, perché non se ne è ancora andata?

«È un peccato non averlo saputo prima» sussurra ancora imbarazzata.

Lo stai dicendo a me?
No, perché io sono stato in analisi per questo.

«Un vero peccato» puntualizzo lasciando solo al mio cervello i risvolti acidi dei miei pensieri. Non se li merita in fondo.

Sento la sua mano scivolare dalla mia. Ok... adesso se ne andrà. Forse mi saluterà con un altro abbraccio. No... sarebbe troppo imbarazzante dopo l'evoluzione della conversazione. Mi sento un totale idiota. Ho finito gli insulti verso me stesso questa sera. Sto iniziando ad essere ripetitivo.

All'improvviso, sento un odore fruttato penetrarmi le narici.
Alzo lo sguardo ed è vicina. Molto vicina. Troppo vicina.
Solleva una mano verso il mio viso, ma dalla sua espressione tutto vuole fare, tranne che schiaffeggiarmi.
Per farlo si è sporta parecchio dal suo sgabello. Mi solletica la guancia con una lieve carezza e poi la sua mano si insinua nei miei ricci: bingo!

Sono combattuto. Non so se dovrei fermarla o meno. Da una parte, la conclusione di anni e anni di un amore che fino a dieci minuti fa, continuavo a credere non fosse corrisposto.v Dall'altra, dieci, quindici mila euro e un altro annetto come minimo in compagnia di Roger. Gli voglio bene. Sono grato per quello che ha fatto per me, ma non vorrei dover tornare in lacrime da lui domani.

Non sono abbastanza veloce nel decidere e lo fa lei per me. Il suo naso ha sfiorato il mio e le sue labbra morbide stanno già assaggiando le mie.

Fanculo Roger.

Non aspettavo altro da dodici anni.
Allungo le mani verso di lei e cingendole dolcemente i fianchi la attiro a me. Il suo equilibrio precario sullo sgabello viene meno e finisce per sedermisi praticamente in braccio. Rispondo piano al suo bacio e la sento sorridere sulle mie labbra.
Non è solo il suo shampoo a sapere di frutti di bosco, ma anche il suo lucidalabbra.
Sono completamente estasiato. Fin troppo perso ormai, per poter tornare indietro.
Si discosta leggermente dal mio viso, ma continua a massaggiarmi la nuca con la mano destra. Le sorrido e ho paura che se dicessi qualcosa rovinerei tutto.
Lei deve essere dello stesso avviso così si avvicina nuovamente alle mie labbra.
Sento il suo respiro infrangersi su di me e annullo la distanza decidendo di mettermi in gioco.

Non so quanto tempo passiamo in questo modo, ma quando il locale inizia a svuotarsi, devo affrontare la dura realtà. Io domani me ne andrò, ed ho la certezza che non potrò incontrarla a Roma nemmeno per un caffè.
Odio questa situazione.
Soprattutto ora che sono consapevole dell'attrazione che c'è da parte di entrambi.
Sono rassegnato, ma non mi pento di quello che è successo.
Resterà comunque un ricordo bellissimo e il mio passato ora, mi sembra meno incompleto di quanto lo fosse un paio d'ore fa.
Beh... Roger ha fatto davvero un buon lavoro con me.
Matteo! Adesso basta parlare del tuo psicanalista!

«Hai detto che parti domani?» mi chiede spezzando il silenzio.
«Purtroppo sì» confermo abbozzando un sorriso.
«Questo è il mio numero» sorride estraendo una penna dalla borsa. Mi prende il polso e delicatamente lo fa ruotare, poi inizia a scrivere facendomi il solletico «Mi piacerebbe vederti ancora».

Prima di andarsene mi lascia un altro leggero bacio a stampo, ed io sento già la mancanza delle sue mani tra i miei capelli.
Il suo profumo e il suo calore stanno quasi svanendo dalla mia pelle ed è tutto terribilmente frustrante.
Butto giù tutto d'un fiato il cicchetto di Chivas rimasto. Prendo il telefono e faccio scorrere le dita sullo schermo. Mi guardo il polso e sorrido come un ebete.
Poi cancello il numero di Roger dalle chiamate rapide e metto quello di Erika.



Chi sono io?
Cosa sarò?
Che cosa sono stato?
Tra quello che ho vissuto
E quello che ho immaginato
Ora di te cosa farò?
È così complicato
Se muoio già dalla voglia
Di ricordarti a memoria



«Erika!»
Non potevo essere davvero così stupido da lasciarla andare dopo tutti questi anni e dopo quello che avevo scoperto.
Quando sente il suo nome si ferma a pochi passi dal locale e mi guarda in attesa che le dica qualcosa.
«Io… alloggio non molto lontano da qui.»
Vedo la scintilla nei suoi occhi e il suo sorriso diventa improvvisamente malizioso.
Si aggrappa al colletto della mia giacca e mi trascina in un bacio che di casto ha ben poco, poi mi prende per mano e mi sussurra all’orecchio: «Andiamo! Subito!»
Arriviamo alla stanza trattenendoci a stento. Appena chiudo la porta lei mi getta le braccia al collo per baciarmi ed io la sollevo per i glutei sbattendola contro la porta.
I suoi capelli ricadono sul mio viso facendomi il solletico mentre le nostre bocche si assaggiano, si mordono, si cercano, si vogliono. Le lingue si intrecciano e sento il gusto del suo Martini che si mischia al mio whisky.
Inizia a spogliarmi facendo cadere la giacca a terra. Cerco di mantenerla in equilibrio e la porto con me fino a farla cadere di schiena sul letto. Mi sorride, mi guarda vogliosa ed io la sovrasto inginocchiandomi all’altezza delle sue cosce.
Tolgo la maglia con un gesto fluido, afferrandola dietro al collo e tirandola verso l’alto e resto a petto nudo.
La vedo leccarsi le labbra, così mi chino su di lei ricominciando a baciarla, facendo vagare le mani sul suo corpo.
Mi insinuo sotto la maglia e risulta chiaro ad entrambi che è di troppo. La aiuto a toglierla e lo spettacolo che ho davanti mi mozza il fiato. Ha un reggiseno nero a balconino il cui pizzo trovo irresistibile. Ne disegno i contorni con i polpastrelli prima far scivolare le spalline verso il basso e scoprire i capezzoli turgidi, pronti per me.
Prendo i suoi seni fra le mie mani, sono morbidi e sodi, e le riempiono completamente.
Avvicino la bocca iniziando a suggere e leccare ogni centimetro di pelle. La sento gemere piano, segno che quello che sto facendo le piace.
I miei pantaloni iniziano ad essere stretti, l’erezione che ho fra le gambe pulsa e non vede l’ora di essere libera.
Mi raddrizzo e slaccio la cintura, appena Erika capisce che cosa sto facendo si siede l’afferra con decisione. Mi sta guardando negli occhi intensamente, così la lascio fare.
Sentire le sue mani su di me è anche meglio di quanto avessi mai potuto immaginare.
Mi abbassa i pantaloni quanto basta e prende il mio pene fra le mani. Inizia a muovere le mani su e giù ed io reclino la testa all’indietro incapace di pensare ad altro.
«Alzati» mi intima ed io eseguo. I pantaloni scivolano in basso e in un attimo li tolgo facendo volare via anche le scarpe.
Lei si siede sul bordo del letto, si porta i capelli dietro la spalle e prende in bocca la mia erezione, prodigandosi in un pompino con i fiocchi. Le sue labbra lambiscono il mio pene scivolando sempre più in profondità. Inizio ad avere caldo e sento che la mia eccitazione è allo spasmo.
La lingua morbida sta percorrendo da diversi minuti ogni centimetro di pelle e nel farlo non ha mai staccato gli occhi da me. Vuole vedere quanto riesce a farmi godere. Ammirare quanto potere ha su di me in questo momento.
Piccoli gemiti gutturali mi sfuggono dalle labbra mentre affondo sempre più in profondità nella sua bocca.
Quando sento di essere al limite la fermo a malincuore, ma con gentilezza.
La spingo dolcemente all’indietro e mi inginocchio tra le sue gambe.
Con un movimento rapido le abbasso i pantaloni in pelle nera. Le bacio la pelle morbida del ginocchio, per poi proseguire verso il suo interno coscia.
Arrivo alla stoffa del suo tanga in pizzo e lo bacio sentendola freme di attesa ed eccitazione.
Scosto leggermente il tessuto e con l’indice inizio ad avventurarmi tra le sue pieghe calde.
La sento respirare profondamente quando la penetro ed inconsciamente apre di più le gambe per farmi spazio. Inizio a leccarla e la sento intrufolare le mani fra i miei ricci per spingermi ancora di più contro di lei. La accontento ed insinuo la lingua nella sua vagina.
Il suo sapore mi riempie la bocca e non ho mai sentito niente di più delizioso.
Le sue gambe sono sopra le mie spalle e la sento abbandonarsi completamente a me. Stimolo il clitoride gonfio. Lo mordo, lo lecco, lo succhio senza mai lasciarle tregua. La sento ansimare mentre tortura i miei capelli senza però avere il coraggio di allontanarmi.
Quando sento il suo ventre iniziare ad essere attraversato da scosse di piacere la premo ancora più forte contro la mia faccia, non dandole tregua fino a quando l’orgasmo non la travolge e mi supplica di fermarmi.
La sento ripetere il mio nome e non posso negare che la cosa non mi provochi piacere.
«Prendimi» è l’ansimante supplica che mi rivolge porgedomi un profilattico ed io non mi faccio attendere.
La faccio sistemare meglio sopra il letto ormai sfatto e mi stendo su di lei stando ben attento a non schiacciarla.
La penetro e senza esitazione e non riesce a trattenere un gemito vicino al mio orecchio.
Mi chino su di lei e comincio a baciarla di nuovo, così da sentirla ansimare contro le mie labbra.
Scivolare dentro e fuori da lei è una sensazione molto piacevole e la sua vagina mi avvolge completamente. Continuo questa danza alternando movimenti più veloci ad affondi lenti e profondi.
La sento graffiarmi la schiena mentre continua famelica a cercare la mia bocca.
Dopo qualche minuto cambio posizione per cercare di stimolarla in modo diverso, così mi siedo facendola inginocchiare su di me. Il contatto è profondo e la vedo fare forza sulle gambe per muoversi sulla mia erezione. Nel farlo mi ha allacciato le braccia al collo. Il suo seno è ben esposto davanti al mio viso, così ne approfitto tuffandomi in quel paradiso terrestre.
Lei non parla, non ne ha la forza. Ansima e geme ad ogni affondo ed io non posso che fare altrettanto mentre lambisco i suoi seni con la mia lingua.
«Matteo!» la vedo chiudere gli occhi invocando il mio nome, così mi stendo per poter avere un appoggio migliore e muovo il bacino contro di lei per aiutarla a cavalcarmi meglio.
Le sue mani si ancorano al mio petto e con questa nuova stabilità riesce ad aumentare il ritmo dei suoi affondi.
«Di questo passo non resisterò a lungo...» biascico in un limbo di piacere.
«Finisci prendendomi da dietro» suggerisce ed io non me lo faccio ripetere due volte.
Si alza mettendosi subito carponi sul fondo del letto. Io scendo controllando che il profilattico sia al suo posto e mi prendo un attimo per osservarla. Guardarla così esposta, tutta per me, mi fa eccitare oltre ogni limite. La penetro velocemente lasciando che sia l’istinto a guidarmi. La tengo ferma per le natiche e sono sicuro che qualcuno dall’altra parte della parete stia arrossendo per i rumori e gemiti che stiamo producendo. Spero solo che i miei studenti non siano ancora rientrati in hotel.
«Più forte!» chiede a testa bassa diventando sempre più rigida.
La accontento e a quel punto esplodo, non riuscendo più a trattenermi. La sento tremare durante gli ultimi affondi, segno che anche lei sta avendo un orgasmo. Sento la sua vagina stringersi sul mio pene cercando di non farlo uscire. Reclino indietro la testa e mi godo appieno la sensazione, prendendo profondi respiri.
Esco da quella meraviglia calda e umida e la vedo accasciarsi stremata sul materasso lamentandosi appena.
Mi lascio cadere al suo fianco e le poso una mano alla base della schiena, beandomi del calore del suo corpo.
«Sicuro di voler tornare a Roma?» mi chiede sorridendo nella mia direzione.
«Sicura di voler restare a Firenze?» le chiedo a mia volta muovendo il pollice sulla sua pelle accaldata.
«Per niente» confessa continuando a sostenere il mio sguardo «Prevedo che questa non sarà l’ultima notte»
«E questa non è stata l’unica volta di questa notte» confermo ricominciando a baciarla.

Questo racconto di è stato letto 1 2 1 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


come praticare il fistingracconti gay papàracconti erotici prima segaracconti/eroticiracconti erotici di guzzonracconti sessraccontierotici69eriticiraccontiracconti porno italianoporn racconticon mia moglie al cinema pornoracconto di un pompinostorie tramplingraccontiscambistiracconti di travestitistorie di crossdresserravconti eroticilesbo raccontoscoparsi la vicina di casastorie di sesso al cinemaracconti erotici recentiracconti erticiracconti porno bdsmporn raccontiracconti di tradimentoracconti erotici suppostastorie di pornoracconti erotiiracconti:eroticifiga brodosascopami poi ti spiego facebookero raccracconti erotici dipiccola pompinararacconti porno triostirie pornocuginetta pornomasturbamiracconti zia nipotestorielle pornoracconti eoritciracconti moglie condivisala porcellonaracconti porno amicaracconti feticismoerotici raccoracconti gang bangraccont eroticracconti poenostorie zoofiliapiedi di mia ziasiti racconti pornoracconti erotici 69.itracconti/eroticiracconti porno suoceramoglie esibizionista in vacanzaarrizzacazzizia e nipote raccontimi fotto mia suocerachiavare la suoceraracconti 69 annunciracconti donne sottomesseracconti veri hardstoria porno videoracconti porno incestsborrata cavalloracconti erotociracconti erotiracc erotkyr raccontalaura panerairacconti erotocoracconti erotici piedistorie porniracconti erotici con vecchiestorie ornoerotici racontixnxx fratello e sorellaracconti eoriciracconti generiracconti erotici scuola mediaracconti erotstorielle pornostorie pirnoracconti spintiracconti erotici peggingbondage storiesracconti erotici fratello e sorellacane incula la padronaracconti erotici stupropiedi femminili raccontiracconti erotici caneracconti erotici con matureracconti di mariti cornutieroticiracconti