La svolta (Io e mia moglie Anna (Incontro con Helga e Sandro) – 7^ Parte)

Scritto da , il 2019-07-12, genere scambio di coppia


Ma le novità non tardarono ne a mancare né a venire. Mentre ciucciavo appassionatamente quel cazzo come solo una femmina, o meglio, una puttana sapeva fare, fece rientro alla base helga. La bella milf bruna dalla faccia da troia ancheggiava come una vacca in calore con la fica all’aria, un paio di chiappe da sballo e lo sguardo severo di chi sa che puo’ dare  tanto ma che pretende altrettanto. Sorrise nel vedermi ciucciare il cazzo a cui dette un simpatico massaggio ai coglioni ormai resi umidi dalla saliva che colava dalla mia bocca. Mi lecco’ il collo per poi raggiungere anna e baciarla in bocca, facendo poi poco dopo lo stesso, con il marito che si godeva la fica di  mia moglie a pecora. Helga lascio’ la bocca del marito, mi raggiunse…mi fece delicatamente spostare dal cazzo del vecchio e, aprendo le cosce, gli si accomodo’ in braccio, abbracciandolo e spingendogli la testa sui capezzoli sporgenti di quelle due magnifiche  tette materne. Si dimenava helga. Senza pudore. Si vedeva che le piaceva esibirsi in maniera spudorata davanti a me e ad anna che eravamo alla nostra prima esperienza e che comunque, tanto stavamo dando quella sera con la nostra porcaggine. Il cazzo del vecchio era tesissimo, certamente il fatto di vedersi scelto da una bella cagna come helga, oltre che gratificarlo, lo aveva compiaciuto al punto tale, da avere un’erezione invidiabile se solo si pensa a quando, con il cazzo moscio, si era seduto sul nostro divanetto per assistere alla monta di mia moglie da parte di sandro. Io ipnotizzato toccavo le cosce del vecchio per poi palpare quele di helga, aprirle le chiappe ed osservarne da dietro sia  la fica che il buco del culo…palpavo loro e raggiungevo le tettone di mia moglie anna per succhiargliele e guardarla dritto negli occhi per avere sempre la piacevole conferma che stesse godendo sotto i colpi del cazzo di sandro. Fu in questa fase che vidi avvcinarsi a mia moglie e a sandro, un giovane sui 30 anni, con i boxer tesi che si fermo’ ad assistere alla monta di mia moglie. Scambio un’occhiata di intesa con sandro che indicoì a sua volta me come per dirgli: questa che mi sto chiavando è la moglie..non è la mia donna..è una puttana è quello è quel cornuto del marito…il giovane fece un cenno come per dire che aveva capito inizio’ a carezzare il volto di anna…le sfiorava i lobo elle orecchie, le massaggiava ora il collo ora la nuca..scendeva lentamente sui seni di mia moglie cogliendo di tanto in tanto gli sguardi gratificati di mia moglie che si compiaceva di essere desiderata da uno che poteva essere figlio. Il giovane si chino ed inizio’ baciare il collo di anna mentre sandro estrasse il cazzo duro dalla sua fica per immergersi conla faccia in mezzo alle chiappe di mia moglie per prepararla certamente ad una furiosa inculata come mia moglie si meritava e come io desideravo. Quello che mi succedvee era inverosimile. Era il terzo uomo che palpava industarbato le intimità liberamente ed offerte di mia moglie. Ed ognuno che la guardava aumentava il mio piacere e notavo con stupore ed eccitamento, che mia moglie era a suo agio nel fare e nell’essere quello che desideravo io da anni: una troia. Arrapato come non mai, mi occupai di helga che ero ormai certo, si sarebbe di li a poco, fatta inforcare dal cazzone del vecchio tanto la sua fica colava umori. Presi  a leccare quella donna che odorava di femmina clada..sprigionava una lussuria innata…helga accolse molto piacevolmente la mia lingua che la spennellava ora il buco della fica ed ora quello del culo stupendo di cui mi ero follemente innamorato dal primo momento che l’avevo visto. Nel fare queste manovre orali, non disdegnavo poggiare di tanto in tanto, le labbra sul cazzone del vecchio ormai inumidito dagli umori cagneschi di helga. Dopo alcune leccate di fica, culo e cazzo, presi con la mano il bastone del vecchio, lo scappellai…allargai con due dita la fica rossa e succosa di helga ed io stesso..io..con la mia mano, infilai il cazzo del vecchio nella fica di helga che assatanata, dette un affondo secco lasciando fuori solo due bei coglioni grossi e senz’altro pieni di sperma. Anche Anna, mia moglie, il mio amore non si risparmiava. Mentre sandro la leccava da dietro per prepararla alla sodomizzazione, il giovanotto collaborava nelle operazioni mantenendole le chiappe ben aperte con una mano mentre con l’altra, aveva preso a sgrillettare la vagina materna della mia sposa…quella vagina che fino a qualche minuto prima era stata solo mia, delle mie mani, della mia bocca, del mio cazzo. Ora no. Tutto era stravolto e forse, da quel momento in poi, tante cose sarebbero cambiate nei nostri corpi e nei nostri spiriti. Ma una cosa era certa: eravamo entrambi felici. Io, ad essere cornuto…frocio…ditela come vi pare e piace..ed anna, mia moglie, la madre dei miei figli, la professoressa Anna xxxxxxx, la puttana che desideravo e che ogni uomo avrebbe dovuto chiavarsi e sbattersi in ogni maniera come di certo, avrebbero fatto di li a poco non solo sandro ed il giovanotto..ma forse anche il vecchio…o anche altri…io invece no. Io quella sera non avrei assolutamente scopato mia moglie. Mia moglie doveva essere il dono estremo al cazzo, allo sperma, alla sodomia, ai pompini e a tutto quello che lei avrebbe gradito fare e farsi fare. Io dovevo e volevo solo guardarla..soffrire e godere della sofferenza delle corna,  della sublimazione sottile di aver perso il controllo e l’esclusiva del suo corpo. Un corpo, quello di Anna, mia moglie, che doveva essere il contenitore dei suoi spasmi e dei suoi orgasmi…il contenitore di leccate e di vergate…il contenitore di sperma..saliva e quanti altri umori la specie umana avrebbe potuto secernare dal proprio corpo per donarli alla mia sposa.

Nel frattempo helga aveva aderito la sua fica al cazzo del vecchio..i due erano u tutt’uno..quel vecchio la possedeva in maniera passiva godendosi la scelta che helga aveva fatto tra me, il marito ed il giovane che era alle prese della fica di mia moglie. I fianchi di helgha ondeggiavano..non chiavava semplicemente questa femmina divina: con la sua fica fasciava letteralmente il cazzone del vecchio…quando risaliva per poi ricadere sui coglioni,  lasciava una scia di sbroda che rendeva il solco della sua femminilità uno spettacolo osceno ma irresistibile. Non si accontentava del classico movimento helga. Lei era una donna che aveva dimostrato di volere e di pretendere il meglio ed il massimo dalla chiavata. Sapeva cosa voleva, dove lo voleva e come lo voleva. Roteava i fianchi sospendendo le natiche leggermente in alto, proiettandosi con il seno verso la bocca umida di saliva del vecchio porco…gli strusciava i capezzoli sulle labbra e poi in faccia..era uno spettacolo superbo guardare quella cagna dalle sembianze umane, fare del sesso un’esibizione al di là dell’immaginabile. Ora gli prende il volto tra le mani e gli dice di guardarla in faccia…helga gli tira la lingua ed inizia a leccare oscenamente il volto del vecchio che va in estasi e le comincia a farfugliare: mmhh….che brava nipotina che sei vero?...mmhh…helga apprezza il gioco delle parti e della fantasie e gli risponde..ssiiii..nonno..sono la tua nipotina che ha tanta voglia del tuo cazzone..la senti la mia fica come si bagna nonno sul tuo cazzone…e lui..ssii..sei proprio una troietta nipotina mia…continua a leccare la faccia del nonno..perchè io sono tuo nonno vero..dillo chi sono?....helga si gira verso di me ad occhi semichiusi e risponde al vecchio guardandomi: si..siii..sono la tua nipotina vacca che ti scopa nonnino..e che bel cazzone che hai..dai sfondami nonno…sfondami!!!...ed iniziò una danza fatta di gemoti. Di rumori di umori e di palle che sballottavano su e giu’ e del mio respiro affannato per una situazione ancora incredibile. Mi giro verso anna chenel frattempo ha ricevuto nel buco del culo il bastone di sandro. Il suo buco di culo non mi sembra dilaniato dalla nerchia del bull tutt’altro. Noto con soddisfazione con piacere che il buco del culo di mia moglie è elastico, bello nel suo colore leggermente scuro ed ospitale come nn mai. Sinceramente credevo che mi sarei accorto da qualche piccolo lamento di anna se sandro avesse tentato di portare a termine l’inculata che credevo, non si verificasse, invece se non mi giravo incuriosito dai forti sospiri di mia moglie, avrei immaginato chei due stessero consumando una bella pecorina ma non un inculata. Il ragazzo aveva preso anche lui la strada che conduceva a mia moglie. La teneva per le guance e se la chiavava in bocca dandomi le spalle..vedevo il culo del giovane che ritmicamente spingeva in avanti e indietro. I buchi di mia moglie erano stati ormai tutti riempiti. Bocca, fica e culo ed io ero stordito, eccitato, felice…non so.

(Commentate..vi prego! Grazie!)



 

Questo racconto di è stato letto 9 2 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone