Mia cognata Claudia

Scritto da , il 2019-07-12, genere tradimenti

Sapevo che le cose tra lei e il marito non andavano per il meglio, lui uno scapestrato che non disdegnava bere, poco presente in famiglia, sempre in qualche casino, dagli incidenti in auto, alle cadute in moto, tutto questo unito ad altre cose rendevano Claudia una donna infelice.
Quella sera eravamo riuniti a casa dei suoceri, sempre aspettando che Andrea arrivasse per la cena, si chiacchierava e si guardava la tv, quando arrivò al cellulare di Claudia la telefonata di suo marito, il quale era rimasto senza gasolio col furgone che usava per il lavoro. A questo punto Claudia ci comunicò del disguido capitato al marito e cercò di organizzarsi per raggiungerlo, io mi offrii di accompagnarla e con approvazione di tutti presi una tanica la misi in auto, feci salire Claudia e mi diressi verso un self service.
Arrivammo nel luogo in cui Andrea era fermo col furgone, lui era evidentemente ubriaco, imprecando contro il mondo mise il gasolio nel serbatoio, accese il motore e si mise sulla carreggiata, Claudia fece in tempo a chiedergli di tornare a casa, ma lui rispose che aveva ancora un lavoro da fare e che sarebbe tornato tardi, e partì nel buio della strada.
Vidi Claudia molto sconsolata, col suo visino imbronciato, le misi un braccio sulle spalle abbracciandola e l’accompagnai all’auto; misi in moto, ma subito lei mi disse che non se la sentiva di tornare subito e voleva rimanere un po’ sola, quindi mi chiese di poter restare qualche minuto in auto io ormai era sulla carreggiata in direzione del ritorno, le chiesi:
“Vuoi che mi fermi? “ Lei mi rispose:
“Si fermati”.
Raggiunsi una strada di campagna immersa negli alberi, la percorsi per un centinaio di metri e mi fermai, nel silenzio della sera lei iniziò a sfogarsi con me, raccontandomi a testa bassa della sua vita infelice, dei continui litigi col marito, di un situazione che non riusciva più a gestire, le sollevai il viso con una mano e guardandola vidi 2 lacrimoni che scendevano sul suo bel visino appiccicandole i capelli sulle guance, diressi il suo sguardo verso di me, poi con le mani le spostai i capelli e le asciugai le lacrime con i pollici.
Rimasi fisso a guardarla mentre lei guadava me, poi ad un tratto mi avvicinai per darle un bacio, lei girò il viso e la baciai sulla guancia cercando di consolarla con qualche parola, io le tenevo le mani sul suo viso, strofinando le sue guance con i pollici e la guardavo, mi era sempre piaciuta quella donna, ed ora ero solo con lei, non riuscii a resistere e mi avvicinai ancora per baciarla, lei rimase ferma, le mie labbra si appoggiarono sulle sue che qualche istante dopo si aprirono e le nostre lingue si toccarono, lei si bloccò, ma ormai la mia lingua era nella sua bocca e la esploravo.
Claudia si lasciò andare e iniziammo a limonare, ora la sua lingua si muoveva cercando il contatto con la mia, continuammo a limonare per molto tempo, nella mia mente mi stavo godendo questo momento sognato da anni e le passi la mano sul suo seno sopra la canotta poi dal basso le sollevai l’indumento, la mia mano si infilò su per la sua pancia accarezzandole la pelle, presi ad accarezzarle lentamente i fianchi, poi ritornai di nuovo sulla pancia, ora la mia mano saliva sentendo il contatto con il reggiseno, ci misi un istante a slacciarle l’indumento intimo e prendere in mano in tutta la sua pienezza il suo seno, lo palpai con decisione, soffermandomi a solleticare il capezzolo e strizzandolo piano con le dita.
Claudia staccò la sua bocca dalla mia, spostò il capo appoggiandolo al vetro opponendo un lieve contrasto al palpeggiamento e con un filo di voce disse:
“Nooooooooo!”
Per tutta risposta le baciai il collo, lei emise un altro fievole:
”Nooooooooo!”
Le presi in bocca il lobo dell’orecchio e lo succhiai, lei continuava a sussurrare il solito nooooo, le mie dita continuavano a stuzzicare e strizzare il suo capezzolo che ora era notevolmente aumentato e indurito, Claudia era visibilmente eccitata, con gli occhi socchiusi e la bocca leggermente aperta, che continuava a ripetere nooo, nooo, nooo, nooo, ma capivo molto bene che lei voleva continuare il nostro contatto, mi soffermai un istante a guardare il suo bel visino estasiato, quell’espressione non l’avevo mai vista finora. Ripresi a limonarla, lei corrispose al mio bacio affondando la sua lingua nella mia bocca, e le nostre lingue si toccarono più volte. La mia mano aveva lasciato momentaneamente il seno e con movimenti rotatori ripresi ad accarezzarle la pancia, esplorando di tanto in tanto la parte superiore del pube, lei indossava un paio di pantaloni larghi in cotone bianco con un laccio in vita per sostenerli; le passai ripetutamente la mano sulle cosce, passando da una all’altra, insinuai la mano tra una coscia e l’altra, cercando di farle aprire, Claudia mi agevolò appoggiando il piede destro sul cruscotto e il ginocchio contro la portiera, la posizione che prese fu per me un chiaro invito, in quel modo lei mi offriva la sua fica.
Lentamente la mia mano arrivò al contatto della stoffa che conteneva la sua fica, esercitai una leggera pressione, tastando la consistenza, era morbida, piena, molto consistente, insomma, Claudia aveva una fica carnosa. Tra una palpeggiata e l’altra Claudia si slacciò i pantaloni consentendo alla mia mano di infilarsi sotto, il primo contatto su con le mutandine e l’inizio delle sue cosce, l’ambiente in quella zona era caldo e sudato, le palpavo la fica sopra le mutandine, sentendo a pieno la forma, intanto continuavo a limonarla. Claudia respirava affannosamente, era eccitata, mi resi conto per un attimo della situazione, per anni me la sono scopata con gli occhi, ogni volta che la vedevo, sempre con pantaloni che mettevano in risalto il suo culo da favola, e ora era tra le mie braccia e la stavo baciando, mi staccai, abbassai il sedile e subito dopo le sfilai con una mossa i pantaloni e le mutandine, buttandoli dietro il chiarore della sera mi mostrò il suo pelo non molto folto, mi buttai su di lei che mi accolse abbracciandomi, iniziai ad accarezzarle il pelo morbido, poi feci scorrere il dito medio tra le labbra della sua fica, che al contatto si schiusero, sentivo i suoi umori che mi infracicavano, poi le allargai le labbra della fica col pollice e l’anulare, scoprendole così il grilletto, iniziai così a masturbarla, al contatto del mio dito col suo clitoride Claudia sussultò e iniziò a ondeggiare il bacino avanti e indietro, simulando il movimento della scopata.
Le sollevai del tutto la canotta mettendo a nudo le sue tette, una terza piena, belle, col capezzolo all’insù, le baciai e le succhiai avidamente, passando da una all’altra, le mordicchiai, provocando in Claudia un piacere evidente, lei era allungata sul sedile reclinato del passeggero il piede destro sul cruscotto e le gambe aperte, io in ginocchio sul mio sedile, abbassato verso di lei che le lavoravo la fica con la mano e le tette con la bocca; il suo ansimare si trasformò in mugolio, poi emise un flebile: “ssiiiiiiiii”, poi un altro si, e poi un altro ancora, ad ogni movimento del bacino corrispondeva un “sssiiiiiii”, mi tolsi di dosso la maglietta, allargai di più la sua gamba sinistra e scavalcando la leva del cambio mi misi in ginocchio sul tappetino di fronte a lei, le misi le mani sotto alle chiappe e la sollevai, per portare la sua fica alla luce della luna e guardarla, mi trovai con la faccia a 20 cm dalla sua fica leggermente pelosa, con un gesto della mano destra accesi la luce di cortesia per ammirare meglio la bellezza della fica di Claudia, che che bella fica, fatta bene, con le piccole labbra aperte, e il clito in bella vista, lei non si curò minimamente di essere tutta illuminata, mostrando di non avere nessun tipo di pudore e una certa propensione ad essere troia. In quel momento lei era la mia troia e si faceva ammirare in tutta la sua bellezza, perché Claudia è una gran bella donna, la appoggiai di nuovo sul sedile e le spalancai il più possibile le gambe, iniziando a palparle di nuovo la fica bagnata; le aprivo le grandi labbra, inzuppavo prima una, poi due dita dentro la sua fica mentre con il pollice la sgrillettavo, la troietta godeva, godeva e si dimenava esortandomi a voce alta a non fermarmi, mi tuffai con la testa tra le sue cosce, risucchiando in bocca le labbra della sua fica, le succhiai e le leccai avidamente, poi con due dita le scoperchiai il clitoride e mi misi a leccarlo con colpetti veloci di lingua. E sue mani mi afferrarono la testa immobilizzandomi, mentre premeva la sua fica contro la mia bocca e si dimenava, fu a quel punto che la sua voce diventò ruggente e i “ssiiii” ora venivano urlati, mi diceva a voce alta:
“dai, dai, dai, dai, ssiii, ssii, ssii, ssii”
e io continuavo a leccare quella fica meravigliosa, che sapeva di forte, con un odore acre intenso. Aveva un clitoride molto pronunciato, così come le piccole labbra, che sporgevano di molto dalle grandi labbra e terminavano contro le pieghette del buco del culo, il buco del culo era molto vistoso, di colore più scuro formato da una molte pieghette che confluivano tutte all’orifizio anale, la prima cosa che mi venne in mente mentre mi guardavo per bene il buco del culo di Claudia, è che era aperta anche lì e che il marito sicuramente se la inculava. Nel silenzio della sera rotto solo dalle grida di godimento di Claudia continuavo a leccare, succhiare, slinguettare e aprire, la sua fica e il suo culo.; lei godeva, godeva intensamente, allungata sul sedile, con la testa rivolta all’indietro, godeva urlando a gambe spalancate e movendo il bacino avanti e indietro, ad un certo punto le sue grida divennero un unico verso prolungato: “HHAAAAAAAA”, interrotto solo dal respiro, “HHAAAAAAA”, le sue mani mi afferrarono i capelli e disse: “vengoooooo, vengooooo, che bello, vengoooooo, siiiiiii, siiiiiii, vengo, che bello, thooo, thooo, thooo, si irrigidì qualche secondo e al grido di: “ssssiiiiiiiiiiiiiiiiii” si lasciò sul sedile e venne nella mia bocca con un leggero schizzo, seguito da una colata della sua sborra. Rimase in quella posizione per un paio di minuti, mentre respirava quasi a fatica ansimando, io la guardavo, le guardavo la fica piena di suoi umori che colavano fin sul sedile formando una piccola chiazza, pensai subito che avrei dovuto eliminare quella macchia, poi allungai la mano e ripresi a palparle la fica, Claudia rimase immobile per un po’, poi iniziò ancora a muovere lentamente il bacino, su e giù, a quel punto mi rimisi in ginocchio sul mio sedile, sotto ai pantaloni il mio cazzo era duro, duro, appena mi posizionai Claudia allungò la mano e prese a esplorare la mia parte genitale, strofinandomi il cazzo sopra i pantaloni, appena ebbe l’idea di come fosse fatto il mio uccello, si mise a sbottonarmi la patta, io la aiutai slacciandomi la cintura, in breve anche i miei pantaloni e mutande finirono sul sedile posteriore. Lei prese subito in mano il mio cazzo gia duro, accennando una sega, io mi affannai per abbassare anche il mio sedile e distendermi, eravamo sdraiati uno in fianco all’altra, lei mi stava segando piano, avvicinò la sua bocca alla mia e mi limonò, poi piano piano si mise quasi sopra di me, tenendo sempre il mio cazzo in mano, infilò la sua gamba destra tra le mie gambe, io allargai le gambe per accoglierla, la sua mano lasciò la mia asta per scendere e palparmi la palle, dopo alcune smanazzate ai miei coglioni sentii il suo dito che si appoggiò piano sul mio buco del culo, la cosa mi eccitò ancora di più, e per agevolarla sollevai e allargai le mie gambe, la sua bocca lasciò la mia e in un istante fu sulla mia cappella, sentivo le sue labbra che si appoggiavano e la baciavano, la sua lingua come prima cosa si infilò nella fessura della cappella spingendo, poi di colpo me la risucchiò in bocca, gustandola un attimo, iniziò a pompare lentamente riempiendosi la bocca del mio cazzo, con la mano mi afferrò l’asta, tenendomi la cappella scoperta e si mise a spompinarmi con maestria, succhiava, leccava, ingoiava tutto il mio cazzo, rimasi molto colpito di come ci sapesse fare, ebbi così la risposta alla domanda che per anni mi ero fatto, cioè di quanto fosse troia Claudia. Godevo molto, sentivo il mio cazzo pulsare mentre lei mi succhiava la cappella, sentivo il contatto con il suo palato, con i denti, con la lingua che leccava e le labbra che succhiavano. Staccò la bocca dalla cappella con uno schiocco, ingurgitando quanto avesse in bocca, (saliva mista al mio liquido), vidi il mio cazzo dritto illuminato dalla luce.
Claudia tornò a limonarmi come se volesse farmi assaporare la sua bocca, poi riprese a succhiarmi l’uccello, alzai la testa per guadarla all’opera, il mio cazzo appariva e scompariva tra le sue labbra, vedevo la sua bocca che contornava la cappella e la lingua che le passava attorno, istintivamente le dissi: “ssssiiiiiiiiii, cosìììììììì, continua cosìììììì, succhiamelo Claudia, succhiamelo bene troia, daaaaaiii, succhia puttana”.
Più la insultavo e più lei ci dava dentro:
“sei troia Claudia, cazzo che troia che sei, sssiiiiii, come succhi bene, vai cosìììì, succhia”.
Obbediva come una troietta in calore:
“succhiami le palle troia”.
E lei ci si avventò sopra, ne prese in bocca prima una e la succhio, poi l’altra e la succhio, poi aprì tutta la bocca e le succhiò tutte e due, la mia mano la guidava nei movimenti, le spinsi la testa oltre le palle, lei capi al volo ciò che volevo e passò mi la lingua lungo tutto il tratto perineo fino al buco del culo, li si fermò per leccarmelo a dovere, mi aprì le chiappe con le mani e continuò a leccare tutto il buco. La volli sopra di me a 69, trafficando un po’ con le difficoltà che si hanno a fare sesso in auto mi ritrovai con la fica di Claudia in faccia, me la abbassai sulla bocca e ci infilai subito dentro la lingua, la sua fica era ancora fradicia della sborrata che aveva fatto prima e io me la gustavo tutta, lei intanto non mollò mai per un istante il mio cazzo, succhiandolo ingorda.
Con fatica si aggrappò al volante e scivolò a gambe aperte strusciando la fica prima sul mio petto, poi sulla pancia per fermarsi al contatto col mio cazzo, lo prese in mano, lo passò qualche volta nello spacco, lo posizionò contro l’apertura e con un movimento del bacino se lo infilò dentro piano con un leggero gemito, poi si contrasse e riaffondò, con un movimento sussultorio che andava man mano aumentando, su e giù, su e giù, Claudia era avvinghiata al volante e mi stava scopando, il movimento che vaceva era sempre mirato a far entrare il più possibile il mio cazzo nella sua fica, mi scopò così per qualche minuto, gustandomi ogni vibrazione del suo corpo, che troia! La presi per i fianchi e la spostai sul sedile di fianco, lei si lasciò cadere spostandosi i capelli dal viso, in un attimo mi misi sopra di lei, in ginocchio sul tappetino, col cazzo appoggiato per metà sul suo culo e per metà sulla fica, passai le braccia sotto alle sue gambe aperte all’altezza delle ginocchia e la sollevai tirandola verso di me, lei me lo prese in mano e lo indirizzò decisa nel suo spacco, con un colpo forte la penetrai e mi fermai un attimo, cercando di affondare il più possibile il mio cazzo nella sua fica, presi poi a pomparla con dolcezza limonandola con passione, sembrava più un atto d’amore che non puro sesso, interruppi quella serie di pompatine dandole un colpo profondo a cui seguì il rumore dei nostri corpi al contatto improvviso…… ciafff, poi un altro colpo….ciafff, un altro e un altro ancora….ciafff, ciafff, ciafff, ciafff, ora la stavo pompando con decisione e i colpi si susseguivano rapidamente… ciaf, ciaf, ciaf, ciaf, ciaf, ciaf, flopp, flopp, flopp, flopp, flopp, Claudia iniziò di nuovo a urlare: “ siiiiii, siiii, siiii, haaa, haaaa, haaa, mentre urlava muoveva il bacio seguendo il mio ritmo, appoggiò le sue mani sulle mie chiappe e mi guidò nel movimento dei colpi che le davo, continuai a pomparla così ininterrottamente per una decina di minuti, poi Claudia con voce roca disse:
“dai che godo, dai che godo, siiiii, mi fai godere così, dammelo, dammelo così, siiiii ancora, vengo, vengo, vengo”.
Le assestai 4 colpi forti e profondi, spingendo dentro tutto il mio cazzo, lei si inarcò scuotendo la testa, si ammutolì per un attimo, poi si rilassò e a voce alta emise un verso di godimento:
“hhhaaaaaaaaaa, haaaaaaaaa, haaaaaaaaa”.
Mentre Claudia godeva dell’orgasmo io la scopavo lentamente finche finì di godere, a quel punto mi sono fermato, e rimanendo fermo con il mio cazzo nella sua fica presi a limonarla
Ho resistito poco a stare fermo, ripresi a muovermi scopandomela piano piano, mi stavo godendo a pieno quella prima scopata con Claudia, la vedevo sotto di me col suo bel visino in una smorfia di piacere, piacere che traeva dal mio cazzo duro che entrava ed usciva dalla sua fica, poi presi a pomparla più velocemente, ogni volta che lo spingevo dentro sentivo il contatto tra la mia cappella e il collo dell’utero, finche, preso da una libidine sfrenata sentii la sborra che stava per esplodere fuori, la pompai in modo frenetico, poi di colpo mi fermai, tirai fuori il cazzo dalla sua fica e mi misi a segarmi pronto a sborrare su di lei, a quel punto Claudia mi disse:
“sborrami in bocca”.
Io le chiesi:
“ perché?”.
Lei mi rispose:
“perché mi piace così”.
“allora sei proprio troia completamente”
ho ribadito, e lei:
“siii, ora sono la tua troia”.
Mi portai sopra di lei, quasi seduto sulle sue tette, quel movimento mi fece bloccare la sborrata in arrivo, e ripresi a segarmi, la sua mano mi prese l’uccello e si sostituì alla mia, mentre mi stava segando alzò la testa per avvicinarsi al mio cazzo, io lo protesi in avanti, finche lei riuscì a prendere la mia cappella tra le labbra, la risucchiò in un attimo nella sua bocca e si mise a ciucciarla, mi segava e mi ciucciava contemporaneamente, presi a dirle:
“succhia, succhia, dai troietta succhia, cosìììììì, dai che sborro, dai Claudia che mi fai sborrare, siii, siiii, thooooooo!”
sentii la sborra scorrere nel mio cazzo e propagarsi nella sua bocca, mentre lei continuava a succhiare, fu la più bella sborrata della mia vita, la troia non se n’era persa una goccia, rimase a ciucciare la mia cappella per circa un minuto, poi mi restituì il cazzo pulito e semimoscio.
Mi allungai sul mio sedile mentre Claudia si alzò, aprì la portiera e si allungò all’esterno per sputare, quando si girò verso di me aveva un po’ di sborra che le colava dalle labbra fin sul mento, aprì la bocca movendo la lingua in modo serpentino, non aveva sputato tutto, aveva ancora la lingua tutta impastata dalla mia sborra, si passò il dito indice della mano destra sul mento e raccolse ciò che le colava, sempre guardandomi si succhiò il dito leccandolo per bene, e subito dopo deglutì ingurgitando tutto quello che aveva in bocca, al termine scoppiò in una risata che mi contagiò immediatamente, ci sentivamo a nostro agio, senza il minimo pudore, per anni ci siamo visti, ogni estate, con i soliti saluti di circostanza, le solite frasi, i soliti “come va?” in presenza dei parenti ed ora eravamo nudi a ridere dopo aver fatto sesso come due amanti di lungo tempo, consapevoli del segreto che ci sarebbe stato d’ora in poi tra di noi.
Mentre ci rivestivamo concordammo una strategica scusa da dire al resto dei parenti per quell’ora di ritardo, ora durante la quale tutti saranno convinti che io e Claudia abbiamo aiutato Andrea, mentre in quell’ora noi ce la siamo spassata alla grande.
Quell’anno durante la mia permanenza per le vacanze me la scopai altre 5 volte ed ogni volta lei mi rivelava in tutto la sua voglia di cazzo, la sua troiaggine

Questo racconto di è stato letto 8 2 0 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone