Cadorna, stazione di Cadorna (capitolo 13)

Scritto da , il 2019-07-12, genere dominazione

13 – Strada senza ritorno



Il respiro corto, segni di perspirazione sulla schiena lucida, il cristallo del tavolino testimone del piacere che colava dalla fica, Silvia riprese…

“Con mio marito Piero ci siamo spesso confessati le reciproche fantasie, Signore: situazioni oscene, scenari che regalavano a entrambi tanta eccitazione. In qualche occasione siamo stati tentati di andare in un privé, così come di invitare delle coppie di amici o dei ragazzi che sapevamo la pensassero come noi e che ci piacevano. Ma alla fine non abbiamo mai concluso niente e tutto è sempre rimasto legato a parole che potessero comunque tenere accesa la nostra unione”.

“E con me, invece, cos’è cambiato?”

“Non lo so spiegare bene, Signore, ma il Suo modo di fare sicuro, non volgare, quella mano che mi aveva accarezzato la gamba mentre aspettavamo la metro. In quel gesto c’era qualcosa di reale, di certo, di assoluto, che non lasciava spazio alcuno a repliche. Come se Lei sapesse di avere il diritto di farlo e io invece il dovere di accettare quella situazione. E se Lei quella sera mi avesse chiesto di scendere alla Sua stazione io l’avrei seguita senza obiettare alcunché, senza pensare a Piero che mi aspettava a casa, senza preoccuparmi della cena dei ragazzi. È stato qualcosa di sconvolgente, una scossa che dalla Sua mano si è dipanata a velocità impressionante attraverso il mio corpo, passando per la mia fica, che si è bagnata immediatamente, e arrivando fino al cervello, che è stato soggiogato da quella situazione. Ero talmente imbambolata che quella sera ho mancato la fermata e quando camminavo sul marciapiede deserto sentivo la mia fica pulsare, ho quasi sognato che uno sconosciuto saltasse fuori da un angolo buio e mi prendesse lì sulla strada”.

“Per scopare bene, bisogna innanzitutto scopare il cervello. Rende tutto diverso. E migliore. Continua”.

“Quando sono arrivata alla macchina avevo un lago tra le gambe, avevo voglia di sesso duro, cattivo, sporco. Ho iniziato a masturbarmi furiosamente e a massacrarmi un capezzolo, fino a quando un gruppo di ragazzi mi ha sorpresa e ha iniziato a insultarmi. In quel momento ho avuto paura e sono scappata”.

“E magari nei giorni successivi ti sei immaginata la scena con esiti differenti, vero?” le dissi mentre la mia mano trovava il suo capezzolo. Lo avevo scoperto da appena un’ora e già lo amavo. Non so da dove derivasse questa mia fascinazione, ma da sempre i capezzoli di una donna riescono a tirare fuori la mia peggiore perversione. Strizzarlo, contorcerlo, tirarlo, far male… a volte mi assaliva la voglia di morderlo così forte da strapparlo, per poi masticarlo con gran gaudio. Le facevo male, ma aldilà di qualche grugnito animale e a un accenno di iperventilazione per provare a resistere meglio, la mia fresca schiavetta non si arrese.

“Sì, Signore, mi sono immaginata che quei ragazzi aprivano le porte della macchina e mi usavano, ho immaginato la lingua del cane del mio vicino…”

“Il cane? Il vicino?”

“Sì, quando arrivai a casa incrociai il mio vicino non vedente e nell’ascensore il suo cane sentì il mio odore e provò a infilare il muso sotto la gonna, riuscendo però solo a leccarmi un po’ la mano e le cose”.

“Cane buongustaio” risi.

“Poi la notte, dopo cena, a Piero raccontai tutto quello che era successo”.

“E lui come reagì?”

“Aveva finito di scoparmi da poco, ma mentre raccontavo gli accarezzavo il cazzo e in pochi minuti era più duro di prima. Non ci volle molto perché mi sistemassi sopra di lui, impalata a fondo, mentre lui mi strappava i capezzoli e mi insultava di essere una puttana. L’esplosione di entrambi è stata sconvolgente”.

“Quindi a tuo marito piacerebbe vederti con un altro uomo?”

“È una sua fantasia, sì Signore, anche se non so come poi potrebbe effettivamente reagire nella realtà”.

“E a te piacerebbe farti guardare da lui?”

“Rispondo per quello che sento adesso, Signore: da impazzire”.

“È per questo che mi hai chiamato?”

“A dir la verità, è stato Piero ieri sera che mi ha chiesto se il caso mi avesse portato a rincontrarla nella metro. Quando gli ho detto di no, la sua risposta è stata secca: Peccato! Poi mi ha scopata ancora mentre lo eccitavo chiedendogli se gli sarebbe piaciuto vedermi nuda davanti a Lei. È stato in quel momento che ho deciso che avrei chiamato per davvero”.

“Non gli avevi detto che ti avevo lasciato il numero di telefono?

“No, Signore”.

“Perché?”

“Perché io stessa non sapevo cosa avrei fatto, Signore. Io con Piero sono felice, ho una famiglia perfetta, non voglio buttare tutto all’aria solo per una scopata, Signore”.

“E adesso cos’è cambiato in questo senso?”

“Nulla. Non rischierò la mia famiglia, Signore”.

“Però sei qui”.

“Sì, Signore, è stata una sorta di sfida a Piero, come per fargli vedere che sarei stata capace di andare a fondo”.

“Oh, che tu ne sarai capace non ne ho alcun dubbio”.

Mi portai alle sue spalle, mi inginocchiai, infilai la lingua tra le sue gambe. Aveva un sapore fantastico ed era così calda che le sue labbra quasi mi scottarono la lingua. Era una donna eccitante, intrigante, femmina. Avessi potuto, mi sarei battuto una mano sulla spalla in segno di autocompiacimento per la mia fortuna.

Silvia iniziò a gemere mentre la mia lingua scavava nella sua fica.

“Non godere Sefa, o lo rimpiangerai a lungo” la ammonii in una pausa. Faceva fatica a resistere, anche perché, modestamente, con la lingua ci sapevo fare. E questa donna che si era presentata in casa mia pronta a gettarsi ai miei piedi rappresentava qualcosa a cui diventava davvero difficile resistere. Mi staccai a malincuore, ma dovevo vedere fino a che punto era disposta ad andare.

Presi la borsa, la aprì, trovai il cellulare, in silenzio mi spogliai e tornai davanti al suo volto. Quando i suoi occhi incontrarono il mio cazzo già duro ebbe un sussulto di sorpresa.

“Ti piace?”

“Sì, Signore, molto” rispose dopo un lungo silenzio, il volto in fiamme.

Lentamente iniziai a massaggiarmelo, la cappella appariva e spariva a pochissimi centimetri dalla sua bocca. Sentiva l’odore, vedeva la cappella bagnata. Inconsciamente, la sua bocca si aprì leggermente. Aveva voglia di assaggiarlo, ma non osava chiederlo. Poi, però, vide anche il suo telefono nella mia mano. Gli occhi mi lanciarono uno sguardo fatto di panico.

“Stai tranquilla – la rassicurai -, non giocherò con la tua vita privata, non ti farò correre il rischio di pregiudicarla, però venendo qui oggi, hai fatto una scelta. E siccome nessuno ti ha obbligata a farlo, è giusto che tu sia cosciente delle conseguenze. E se hai deciso di giocare, dovrai farlo alle mie regole, non le tue. Hai detto che hai reagito alla frase di tuo marito. Bene, adesso lo chiamerai e gli dirai dove sei. Con che nome hai salvato il suo cellulare?”

La voce tremante, il respiro che sembrava incespicare su mille paure, rispose un flebile “Piero, Signore”.

Chiamai, poi le misi il telefono vicino all’orecchio. Trascorsero pochi secondi che a lei dovettero sembrare un’eternità, poi…

“Ciao Piero… sì sì, tutto bene… no, davvero, sto bene. Volevo solo dirti che l’ho rivisto… quello della metro. Sì lui, adesso sono a casa sua e…”.

Le tolsi il telefono e mentre lo portavo al mio orecchio, contemporaneamente le infilai il cazzo in gola con violenza, mentre con la mano libera avevo artigliato i suoi capelli per non lasciarle scampo.

“Buonasera Piero, alla fine sua moglie ha esaudito il suo desiderio. Non si preoccupi, la tratterò bene, in questo momento non può più parlarle perché ha il mio cazzo sprofondato in gola, ma stia tranquillo, per le 23 la faccio tornare a casa, lei le prepari un bagno caldo. Buonasera”.

Chiusi il telefonino, lo gettai sul divano, afferrai i capelli anche con la seconda mano e mentre dalla sua bocca uscivano lamenti e saliva, entrambi in abbondante qualità, iniziai a scoparle la bocca, con colpi potenti che avevano un solo obiettivo: sfondare la sua gola.

“Adesso, Sefa, inizierai a capire come dovrai fare onore al tuo nome”.

Questo racconto di è stato letto 2 4 7 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti porno pretiracconti erotici con donne matureraccomti eroticistorie feticismo piediracconti sesso con caneincesti sexfidanzata esibizionistami fotto mia cognataracconti erotici signoraracconti di sesso con suocerageneri dei racconti eroticiho sverginato mia figliaracconti erotici preticonfessioni erotiche realisorelle incestuoseracconti toplessstorie scambio di coppiaragazza inculata dal canestorie poenoracconti gay italianiacconti eroticiiraccontidi miluracconti eroticciracconti erotici addio al nubilatoacconti pornoracconti hentaiwww.eroticiracconti.iterotici raccomtistirie erotichecome diventare cuckoldracconti erotici animaliraccontieroticoraccontierotici.itracconti di vecchie troieracconti gay palestrail culo rotto di mia mogliepompino sotto al tavoloeros raccontiracconti erotici tra mamma e figlioracconti erotici di stupriracconti transexgeniv forum raccontisesso con nonna raccontiblog racconti pornoscopate storieracconti erotici d autoresuocere porconeracconti porno cornaracconti iluracconti erotracconti storie eroticheracconti porno di nonnestorie erotivheti sborro dentroesperienze con superdotatistorie erotichrsito racconti eroticistorie di sesso con animalii racconti di milu incestoerotici racconti.itracconto porno gayracconti eroricierosraccontiraconti incestiracconti erotici cornutoraccomti eroticiracconti di sesso con superdotatistorie nudisteracconti incestuosi veriti prego scopamiracconti sesso con animalistorie di cornutiracconti eroticoracconto cornutoracconti camionisti gayraccontierraccontini eroticinonna racconti eroticierotiche storieracconti erotici.coma69 raccracconti gay nonnoracconti erotici mia moglieracconti erotici a69racconti eroticisuocera arrapataracconti di mariti cornutiraccontierotiracconti di eroserotici raccpntiracconto incestoerosraccontisesso tra fratelli italianicconti eroticiracconti gatracconti erotici con zieracconti erotici pulpracconti erortici