Un metro 9 - L'esame

Scritto da , il 2019-07-11, genere etero

– Signorina buongiorno.

– Buongiorno professore.

– Lei conosce la dottoressa Anzaldi?

– Naturalmente, professore.

– Prego, si accomodi, può lasciare il suo cappotto su quella sedia. O sull’attaccapanni, senza problemi.

– Grazie.

– Lei ha preparato un argomento di discussione?

– Io? Ma… credo ci sia un errore, prof.

– Sì?

– Ho già svolto la prova orale, prof.

– Ma davvero? Sa che non ricordo…

– Sì prof, può controllare.

– No, no, mi fido… Quale fu l’argomento?

– La misurazione trigonometrica della lunghezza del suo cazzo in erezione, prof.

– Ah sì, ora ricordo. Lei dimostrò una preparazione notevole, signorina.

– Grazie prof.

– Quali erano le misure già note?

– La lunghezza del cateto rappresentato dalla colata di saliva sulla punta del suo glande e l’angolo di novanta gradi così formato…

– Ecco, brava, usi una terminologia più consona. La parola “cazzo” non è la più appropriata, soprattutto se dovesse trovarsi a che fare con pubblicazioni scientifiche.

– Sì prof, mi scusi.

– Le riconosco che quella della saliva fu una gran bella idea, la apprezzai molto.

– Sì prof, ricordo bene.

– Proseguiamo. La terza misura?

– Era l’angolo determinato dall’ipotenusa, prof, rappresentata dalla linea descritta dal percorso della punta del mio naso al suo osso pubico in corrispondenza della ghiandola prostatica. In parole povere, all’attaccatura del suo membro.

– Però se non sbaglio ebbe anche qualche difficoltà…

– Sì prof, inizialmente sì.

– Mi ricordi il motivo.

– Lei ha un cazzo molto grosso, prof.

– Signorina…

– Scusi ancora, prof… lei ha un apparato genitale molto sviluppato. Inconsueto, oserei dire. Non solo per quanto riguarda il pene, a dire il vero.

– Sì, giusto. Però lei determinò con notevole esattezza la misura.

– Sì prof, ventisei centimetri virgola … scusi, duecentosessantasette millimetri.

– Brava. Il che dimostra che non c’è app che possa reggere il confronto con una funzione trigonometrica…

– E’ vero, prof.

– Lei ricorre a queste app, signorina?

– Di tanto in tanto, prof, ma è chiaro che si tratta di strumentazioni solo parzialmente soddisfacenti.

– Ha mai avuto esperienze con dimensioni di questo tipo?

– Una volta prof, ma non potei effettuare la misurazione.

– Come mai?

– Ero nel parcheggio di un autogrill.

– Capisco. Ma andando a spanne?

– Ecco, senza offesa, si trattava di un organo riproduttivo decisamente più grande del suo. Ma con esattezza non saprei dire…

– Però… e il proprietario chi era?

– Un autista di macchine a noleggio, prof.

– Un suo fidanzato?

– No prof, l’avevo appena conosciuto.

– Ah, capisco. Molto bene signorina, veniamo a noi.

– Sì prof.

– A proposito di angoli, desidererei che mi mostrasse come il suo corpo formi un angolo di novanta gradi con la mia scrivania. Pensa di esserne in grado?

– Spero di sì, prof. Così va bene?

– No signorina, se fa così perdiamo parecchi gradi. Lei ha le gambe molto lunghe, deve cercare di compensare con i gomiti.

– Ha ragione prof, mi perdoni. Così?

– Meglio… ma questo lo vedremo dopo, si rialzi pure. Mi tolga una curiosità, come mai si è messa questa camicetta?

– Ho pensato che sarebbe stata più comoda in caso di esposizione di funzioni trigonometriche, prof.

– Ha avuto un pensiero intelligente, signorina. Brava.

– Grazie prof.

– Esaminiamo la prima funzione, signorina, il seno. Liberi due bottoni e si slacci il reggipetto.

– Non lo indosso, prof.

– Molto bene. Vedo che si è presentata davvero preparata. Anche se la sua, come dire, dotazione di base non è particolarmente…

– Lo so prof, mi scusi. E’ sempre stato il mio punto debole.

– Già… peccato. Non deve scusarsi, comunque. Anche se i suoi argomenti sono un po’ limitati mi sembrano comunque solidi.

– S-sì prof… grazie.

– Sono così solidi perché glieli sto toccando, signorina?

– Oufff… no… Lo… lo erano già da un po’…

– Da quando?

– Da quando mi ha detto di piegarmi sulla sua scrivania.

– Bene, molto bene… Torni pure a rappresentare un angolo di novanta gradi, signorina. Ecco, brava, così. Questa minigonna l’ha indossata sempre in previsione dell’esame?

– Sì professore.

– Perfetto. Come è perfetto il suo coseno, signorina.

– Grazie prof.

– Non vorrei però che questa perfezione fosse dovuta alla compressione provocata dai collant.

– Non credo prof.

– Perché li ha indossati? Noto con piacere che non ha messo le mutandine, ma perché i collant e non un altro tipo di calze?

– Perché fa molto freddo prof. Ma se vuole li abbassi pure e verifichi…

– Non trova che sarebbe più adeguato strapparli?

– Trovo che… Ah! Bello! Sì prof… ha perfettamente ragione… Strappi di più.

– E’ già pratica signorina? Le succede spesso?

– No prof, solo una volta… ma va benissimo così.

– Non ha difficoltà ad uscire da qui con i collant sbrindellati?

– No prof.

– Qualcuno potrebbe vederla.

– Forse prof, non importa.

– Cosa è questo segno?

– E’ il segno di una cinghiata, prof.

– Lei mi sorprende, signorina. E’ evidente che si applica… Trova che la cinghia le sia di giovamento nei suoi studi?

– Per la verità non l’avevo mai assaggiata, prof.

– Forse preferisce un’attività, come dire, più manuale…

– Ahia! Siiì! Mio dio… sì, prof, direi che è più, sì insomma, nelle mie corde.

– E’ davvero una studentessa modello, signorina. Come definirebbe il suo percorso in questa facoltà sinora?

– Da puttana, prof.

– Non esageri, signorina, non faccia fughe in avanti. La mia assistente, la dottoressa Anzaldi, è una puttana. Si rende conto della strada che deve ancora percorrere?

– Sì professore, ha ragione. Mi sono lasciata prendere dall’entusiasmo, temo…

– E quindi?

– Non lo so prof, non so rispondere… mi dia una traccia, la prego.

– Diciamo che la mia ipotesi è che lei sia poco altro che una cagnetta in calore, al momento. Ma anche questo è da verificare…

– Oddio prof… la prego…

– Cosa c’è?

– Niente, mi scusi…

– E’ turbata?

– No.

– E’ molto tesa, però…

– Nemmeno prof, per nulla, le assicu…

– Perché allora si è orinata addosso, signorina? Non controlla la sua vescica?

– Non è orina, prof.

– Ma ha le calze bagnate sino alle cosce…

– Non è orina, prof… è sempre stato così…

– Ah, capisco. Davvero rimarchevole. E immagino piacevole, anche se non sempre comodo…

– A volte è molto imbarazzante, prof.

– Tuttavia ora non è imbarazzata.

– No prof.

– Come spiega il suo stato?

– Con l’andamento dell’esame, prof.

– Ma se non abbiamo quasi iniziato, signorina!

– Sì prof… forse le sue parole, prof…

– Quali parole?

– “Cagnetta in calore”, prof.

– E’ una definizione in cui si riconosce?

– Credo di sì prof.

– Crede e basta?

– Mi riconosco perfettamente nella sua definizione, professore… nnnnngh-ah!

– Cosa succede signorina?

– ooooohf… il suo dito professore…

– Dovevo verificare, mi spiace.

– Non… ooooh… non si dispiaccia… oh… la prego…. Verifichi quanto vuole… nnnngh-iiiih… ora mi crede, prof?

– Da quando le succede?

– Da sempre…

– Signorina, sia più precisa: “da sempre” non è possibile.

– Sì prof, mi scusi… da quando mi lasciavo mettere le mani sotto la gonna dai miei compagni di classe…

– Che classe?

– La seconda media, prof. Anche loro pensavano che mi fossi orinata addosso.

– E fu allora che fece le prime misurazioni?

– No prof, fu in quarto ginnasio… ma non avevo né l’esperienza né le competenze necessarie…

– Quindi fu un test insoddisfacente, signorina?

– No prof, non direi…

– E da allora si è applicata in questo…

– A fasi alterne, prof. In verità mi sono applicata sistematicamente solo l’ultimo anno di liceo.

– Capisco. Quando dice “applicata” cosa intende?

– Decine di misurazioni, prof.

– Quante?

– Non saprei dire, prof.

– Va bene, signorina. Vogliamo entrare nel vivo dell’esame? Le confesso che non ho molto tempo e ho anche una certa urgenza di entrarvi.

– Come vuole lei, prof. Sono qui per questo, in fondo.

– Brava, signorina. Come definirebbe il mio pene?

– Uhm… un cilindroide, sicuramente… e poi… dunque…

– Come ne determinerebbe il volume, signorina?

– Beh, la formula è senz’altro… Cioè, è uguale all’integrale doppio di un insieme dato, mi pare, però, ecco…

– Cosa la preoccupa, signorina?

– Beh… prof… se proprio posso essere sincera…

– Deve, signorina.

– Ecco, appunto, non solo la lunghezza… ma, come dire, il volume…

– Pensa di non essere in grado di determinarlo?

– No, quello no… Cioè, sì, sono in grado… ma…

– Vuole forse rinviare la prova, signorina? Vuole venire la settimana prossima forse?

– No! Cioè, mi scusi professore… no… Io, i-io vorrei venire oggi.

– Però la sento incerta, sia sincera, mi parli dei suoi timori…

– Prof… sì, vede… in verità ne abbiamo già parlato prima, in un certo senso.

– Signorina, non capisco. Prima? Me lo rammenti per favore.

– Sì, cioè… insomma prof… Il fatto è che… ecco, il fatto è che lei ha un cazzo come un cavallo, prof…

– Signorina! Mi ero raccomandato…

– Sì, sì prof, ha ragione. Ma vede, io credo che… ecco, io credo che nel nostro contesto la parola “cazzo” possa tranquillamente essere sdoganata.

– Ma la comunità scientifica che vantaggi ne trarrebbe, signorina? Mi perdoni ma non capisco.

– Io, cioè, no… la comunità scientifica non lo so, ma io senz’altro, prof.

– E in che senso, scusi?

– Nel senso che se ora chiudo gli occhi e pronuncio la parola “cazzo”, come dire, mi rende maggiormente pronta ad affrontare questa prova.

– Da quanto tempo la sta preparando?

– Un anno esatto, prof.

– Solo un anno? Davvero? Avrei detto di più!

– Forse ho sbagliato, prof, ma in precedenza ho curato esclusivamente l’orale. Le assicuro che però da un anno a questa parte mi sono applicata parecchio.

– Quindi si può concludere che, nonostante il suo comprensibile nervosismo, lei si ritiene abbastanza pronta.

– Beh, prof, io credo che… AH! AHIA PROF! Oddio…. ODDIOOO! AH… AHAHH!!! Dio dio dio… il suo cazzo, prof… il suo cazzo!

– Le ho fatto male, signorina?

– … oooh… mmm… oddio prof… mmmh… meno di quanto pensassi prof…

– E allora perché strilla così?

– Lo faccio sempre, prof, mi scusi…

– Qualunque sia il cilindroide da misurare?

– Più o meno sì, prof… però…

– Però cosa?

– Dicevo, se resta fermo così… se il suo cazzo resta fermo così, e mi dà un momento modo di…

– Ma non si può, signorina. Che prova sarebbe? Senza contare che ci sono altri suoi compagni e compagne di corso che attendono il loro turno.

– E’… vero… prof, non… non ci pensavo…

– Perché ansima, signorina?

– Perché sono rimasta senza fiato, prof.

– Vuole fare una pausa?

– Nooooooo! Non ora prof, per favore… io, oddio…

– Dica pure, signorina.

– Se posso… ah…mmm…ah…

– Certamente.

– Mi sbatta, prof, mi sbatta fino alla fine del mondo.

– Così?

– SIII’! OMMADONNA SIIII’! TUTTO DENTRO PROF!

– Per essere una cagnetta… ah… lei dà davvero grandi soddisfazioni, sa?

– OOOH… PROF… PROOOF!

– Dica.

– Me lo sento in gola, prof… non smetta… NON SMETTA! SI’, PIU’ FORTE!

– Adesso la dottoressa Anzaldi si stenderà… oh… sulla scrivania e lei infilerà la testa tra le sue cosce… Ha capito cosa intendo?

– Sì prof, tutto quello che vuole… ma non smetta, la supplico…

– Perché piange?

– Non si preoccupi, prof, lo faccio sempre… AH! ODDIO!

– Le piace leccare la figa, signorina?

– Sì… oh…oh… oh… sì, mi pia… nnnngh… OMMAMMAMIA!… mmmmfh…

– Lo ha mai fatto essendo montata al tempo stesso?

– IIIIIIH! MI SPACCA COSI’! Sì… sì, recentemente… mmmfh…

– Vedo che la dottoressa apprezza… Complimenti, signorina, lei sta facendo davvero un bell’esame. Per me è già trenta, ma… Ora vediamo di passare al suo coseno… Vediamo di, come dire, entrare più nel dettaglio, approfondire…

– Oh no, la prego prof….

– Non piagnucoli, cosa ha detto?

– No prof, per favore…

– Ma come? Non la vuole la lode?

– Io… i-io non mi sento abbastanza… pronta, la prego…

– Vuole dire che il suo coseno è vergine?

– No… ohhhh… non proprio, ma… continui così, sì… oddio così…

– Teme che le abbassi il voto?

– Io… oooooh… AH!… santo cielo… Io temo il suo cazzo ciclopico, prof, non ce la farò mai…

– Io invece penso che il suo coseno meriti la lode, signorina.

– No prof, per favore, la prego… LA PREG…!

Ecco, lo sapete cosa significa svegliarsi così, no? E se non lo sapete, almeno lo capite? Con le mani inzaccherate dentro i pantaloni del pigiama… Guarda come li ho ridotti. E ho bagnato anche il lenzuolo, cazzo. Cazzo, cazzo… ho una tale voglia di cazzo… Ditemi voi se non avevo ragione ad avere paura della notte. Ridurmi a sognare quello stronzo di Pergolesi. E quel botolo ringhioso della Anzaldi, poi. Dio santo, non è possibile. Va bene che ce l’ho oggi a lezione. Cazzo, Annalisa, cazzo. Calmati. Basta con la parola cazzo, che è peggio. Porco Giuda. Quattro, eh? L’ho sventolata in faccia a quattro ragazzi ieri sera e nessuno che… sì, ok, i pompini vanno bene ma… Gli spalancherei le gambe davanti a tutti e quattro, ora. Qui, nel mio letto. Prendetemi, Cristo, ma che, non vi piaccio?

Cioè, un attimo, no. Tutti e quattro no. Giuliano no, dai. Simpatico, gentile, tutto quello che volete. Sì, vabbè, gliel’ho succhiato… ma scoparci no, siamo seri. Cioè, sì, è vero, a un certo punto gliel’ho persino proposto, mi sembra. Ma con quella pancia… ecco perché mi sono sognata il prof, la pancia… E nemmeno quell’altro stronzo di Ernesto, cazzo, pezzo di merda. Fa tutto il “no, non qui, non te lo meriti così, vediamoci domani”… e poi si sbatte Serena, bella troia pure lei. Ma come cazzo è stato possibile? Che gli ha detto quella puttana? A quanto è arrivata sta stronza? Cinquantacinque centimetri? Glielo faccio vedere io… Cristo, le dieci… LE DIECI? Cazzo-cazzo-cazzo… ho un’ora, un’ora!


CONTINUA

Questo racconto di è stato letto 2 0 8 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone