Un metro 8 - No-Pussy day

Scritto da , il 2019-07-11, genere etero

Recupero la giacca militare, almeno quella, e lui un maglione. Fa freddo lo stesso, almeno finché il riscaldamento della sua Toyota non comincia a fare sul serio. Stavolta non saprei dirvi la scansione temporale, ma dopo non molto sono già lì che gli faccio un pompino in una zona un po’ al riparo dal traffico mentre lui con la mano infilata sotto i collant giochicchia con il mio buchino posteriore. “Porco…”, gli sospiro interrompendomi un attimo e guardandolo negli occhi. “Non ti piace?”, chiede Ernesto facendo la stessa cosa. Non gli rispondo nemmeno e mi rituffo a succhiarglielo. “Cazzo!”, esclama. “Esattamente”, penso. Non ce l’ha un gran cazzo, ma questo mi riservo di verificarlo meglio in seguito, con la app. Per il momento mi godo questo sapore magnifico e questa consistenza calda. E, per godersela, se la gode pure lui, visto che tempo qualche minuto inizia ad ansimare come un mantice prima di sbottare in un “che gran pompino!”. Un attimo dopo arriva la pressione della sua mano sulla nuca e il glande che si gonfia un bel po’. Me ne spara in bocca una quantità più che discreta. E anche il sapore non è male. Dico sul serio.

Glielo bevo, tutto. Glielo lustro, sembra nuovo. Alzo la testa verso di lui e lo vedo ancora lì che ansima. Gli sorrido con il sorriso più da troia che mi viene e, con la voce più da troia che posso produrre, gli mormoro “non mi dire che ti accontenti di un pompino…”. E mentre glielo dico lo tengo in mano, tipo non-fare-scherzi-che-con-te-non-ho-ancora-finito. Lu sorride che ha ancora gli occhi chiusi e mi risponde “no, in macchina non mi piace, non ci riesco”. Va bene, nemmeno per me è il massimo. Anche se per esempio la mia amica Stefania saprebbe convincerti del contrario.

Ma in fondo, che cazzo ti racconto a fare adesso di Stefy? Mi dilungo, come al solito. Molto meglio focalizzarmi su me stessa. E su questo cazzo che stringo. Ho una voglia pazzesca. Ho voglia di dirgli quello che gli sto dicendo adesso, ovvero “dai, portami da qualche parte”. Lui però mi sorride con quel sorriso del cazzo e mi risponde “no, bionda no, in un motel no, è triste, non te lo meriti”. Io per la verità penso di meritarmi una bella castigata, di quelle che ti fanno urlare per un’oretta. Ma un po’ è che certe cose bisogna volerle in due, un po’ è che mi dice “facciamo domani pomeriggio”, insomma… tocca che mi rassegno. Cioè, non lo so se mi rassegno. Sì, ok, Ernesto mi piace, chissà perché mi è presa così. Mi va da morire, giusto per dirne una, che lui mi veda completamente nuda. E quindi anche domani pomeriggio è accettabile, anzi va benissimo. Il fatto è, però, che la fica mi pulsa ora, cazzo.

Mi calmo? Ok, mi calmo. Sei un figlio di puttana ma mi calmo. Camminiamo al freddo, ritorniamo all’entrata della disco. Mi fai impazzire sai?, vorrei dirgli, mi fai impazzire solo per il fatto che mi baci e mi palpi in mezzo alla strada con la mia bocca che sa ancora del tuo sperma. Mica lo fanno tutti. E sì, entrare in un posto tenendomi la mano sul sedere beh, non sei il primo che lo fa ma mi fa impazzire lo stesso. Mi marchi, marchi il tuo territorio e mi fai impazzire. Sono tua, sarò tutta tua domani pomeriggio. Chissà dove, me lo dirai tu. E, tanto per essere chiari, in questo momento della sfida con Serena me ne frega proprio poco.

Proprio Serena si avvicina al bancone cinguettando un “ehi, che cazzo di fine avevi fatto?”. Le mento dicendo che sono sempre stata nei paraggi, finché la voce di Ernesto si intromette: “Ma a te dove ti ho vista?”. Dopo qualche ipotesi astrusa, spunta quella più logica, cioè che frequentano entrambi architettura anche se lui è più avanti con gli anni e con gli studi.

Quando Ernesto si allontana dicendo che è troppo tempo che non si fa vedere dai suoi amici, Serena mi fa “scusa, non avevo capito che eri in rimorchiation” (ovviamente, mentre lo dice, non è credibile) e mi confessa di non averlo mai visto. Ne è certa: “Uno così me lo ricorderei.

– Hai fatto l’acchiappo? – mi chiede immediatamente dopo con una vocina ironica.

– Chissà – le sorrido con altrettanta ironia, nascondendole che gli ho invece appena fatto un pompino – magari domani ci sentiamo… tu?

– Buh… semi-limonate con un paio di tipi ma nulla di che, non mi sembrano molto decisi… uno deciso ci sarebbe, ma sta qui con la ragazza che mi sa che se n’è pure accorta…

Le faccio una smorfia per sottolineare questo lieve vantaggio acquisito e lei risponde sorridendomi che “bisogna che mi do da fare davvero, allora”. Torniamo a ballare e, come prima, per un po’ di tempo non ci perdiamo di vista.

Poi avviene qualcosa di strano, a pensarci a posteriori anche inquietante. Qualcosa come un blackout, una temporanea indisponibilità della mia presenza a me stessa. Ne ho solo dei flash.

All’inizio sono abbastanza lucida. Non è che qualche shottino può farmi perdere il controllo. Rispondo rilassata “sì, immagino” a uno con cui ballo per un po’ e che mi dice se dopo può accompagnarmi lui a casa perché mi vuole far vedere una cosa. E’ obiettivamente un ragazzo orribile, con un bel sorriso e probabilmente simpatico. Ma orribile. Insiste e gli dico che sono qui con un’amica. Lui ridendo mi fa “porta pure lei” e io gli rido dietro tanto per fargli capire che non è proprio aria.

– Daje, biondì, c’ho casa libera stanotte… – dice lui avvicinandosi. E’ ostinato, ma non cafone, né aggressivo. L’unico problema, per così dire, è che non si rende per nulla conto di essere fuori dalla partita.

– Ma io non sono una così… – rispondo portando in alto le braccia mentre dondolo al ritmo della musica. Il top si solleva fin quasi a scoprirmi i capezzoli, che comunque sono ben visibili sotto il cotone.

Mi sento davvero troia e in controllo della situazione, mi diverto, anche se un campanello d’allarme dovrebbe arrivare dalla quantità di mani che cominciano a scivolarmi addosso. Sui fianchi e anche un po’ più in basso. In posti leciti e meno leciti, senza nemmeno cercare di nasconderlo. In sostanza, mi lascio sfiorare e toccare da chiunque voglia farlo, sono partita senza rendermene ancora conto. Le dita che mi accarezzano leggere le cosce fino a sollevare la mini, o quelle che restano sì sopra la mini ma mi lambiscono con sfrontatezza il culo, mi fanno bagnare ancora una volta. I miei collant devono essere in condizioni disastrose, lì in mezzo. Bacio lingua in bocca due ragazzi che mi passano tra di loro come una palla, ridendo e sentendo le loro mani ovunque.

Poi però succede che un altro tipo, che non so dire nemmeno come mi abbia abbordata, mi propone di andare a fumare fuori una sigaretta. Penso che sia molto improbabile che gli abbia detto di sì senza passare prima a recuperare qualcosa da metterci sopra, in fondo anche lui ha solo una maglietta addosso. Però questo non me lo ricordo. Quello che mi ricordo è lui che mi prende per mano e mi trascina fuori mentre io gli ridacchio dietro come una cretina e, immediatamente dopo, io che gli sto facendo un pompino nella sua macchina parcheggiata in una traversa sulla destra. Di come ci sia arrivato a infilarmi l’uccello in bocca proprio non ne ho idea. Né mi ricordo se ci siamo baciati o altro. Se abbia annusato il suo odore di maschio o se mi sia piaciuto il sapore della sua carne prima di avvolgerla tra le mie labbra. Sono anche sicura che quella sigaretta non l’abbiamo fumata. Praticamente, è come se mi risvegliassi mentre gli succhio il cazzo e la sua mano mi stringe una tetta dopo essersi infilata sotto il top. Tra l’altro ho la netta impressione, probabilmente falsa ma ce l’ho lo stesso, che è come se lui avesse una necessità assoluta di spararsi una sega ma che poiché c’ero io nei paraggi beh… tanto valeva. Lo so che non può essere andata così, ma il pensiero che la mia bocca sia una semplice supplente della sua mano… oh cazzo, questo pensiero mi fa bagnare in modo indecente mentre lo sbocchino. Alla fine mi poggia una mano sulla nuca cominciando a spingere e facendo “dai, dai, dai”, aggiungendo un “non sporcare” immediatamente dopo avermi spruzzato in bocca i suoi schizzi di sperma.

Faccio uno sforzo per concentrarmi e tenere a mente che, prima di farmi portare da qualche parte, dobbiamo assolutamente tornare a recuperare le nostre cose al guardaroba. Per avvisare Serena basterà un WhatsApp. In realtà non succede nulla di tutto questo visto che lui, appena smesso di ansimare se lo rimette nei pantaloni e, dopo avermi detto “grazie”, mi assicura che posso restare in macchina quanto voglio. Poi scende e se ne va. Ok, qualcosa del genere mi è già capitata, soprattutto da parte di ragazzi improvvisamente assaliti dai sensi di colpa nei confronti delle loro fidanzate (sempre dopo, eh?), ma così mai. Non mi sembra nemmeno che ce li abbia, i sensi di colpa. Ve l’ho detto, la mia impressione è che volesse svuotarsi. E che la sua mano o le mie labbra fossero non dico equivalenti ma quasi. Che cazzo di tipo.

Torno indietro da sola e vedo due che stanno fumando proprio davanti all’ingresso. La sigaretta la chiedo a loro. Me la danno, ma al tempo stesso mi dicono di entrare perché così mi prende una polmonite. E’ vero, ho solo il top rosso e la camicia non so nemmeno dove cazzo sia finita. Li ringrazio ma gli faccio un cenno che nelle mie intenzioni dovrebbe significare “prenderò sicuramente in considerazione le vostre raccomandazioni ma per il momento preferisco stare qui”. I due devono però prendermi per ubriaca, o fatta, o scema. E mi domandano “tutto a posto biondì?”.

Di solito mi incazzerei a fare una figura del genere, oppure ci giocherei sopra facendo finta di essere la classica puttanella del venerdì o del sabato sera pronta ad inginocchiarsi o ad aprire le cosce davanti al primo che la fa divertire. In questo momento invece non me ne frega assolutamente un cazzo di nulla e devo essere molto più stonata di quanto pensi.

– Ma che cazzo ne so, ho fatto un pompino a uno e poi è sparito… – dico loro ridendo come una deficiente – manco so come si chiama…

I due ragazzi sghignazzano fragorosamente tra di loro, uno dice all’altro “te l’avevo detto che ce dovevamo venì da soli…”. Poi gettano le cicche e rientrano raccomandandomi di fare altrettanto.

Lo faccio, rientro. Sono intirizzita, ovattata, ho voglia di bere. Acqua, per carità, acqua frizzante. Prima però vado a recuperare il telefono dalla borsa. Potrei dire che non so perché lo faccio, ma invece lo so perfettamente. E’ che arrivati a questo punto non me ne frega più un cazzo della gara con Serena, non ho più la pazienza di attendere. Sì, ok, domani Ernesto si farà sentire e magari farà pure finta di corteggiarmi un pochino, giusto per verificare se questa troietta che ha incontrato in discoteca fosse pronta a dargliela solo perché era ubriaca o se è disponibile, come dire, anche in linea generale. E io ci starò, lascerò scegliere a lui il posto, glielo misurerò e poi mi lascerò scopare. Ok, al novantanove per cento andrà così. Se non c’è un terremoto stanotte, diciamo. Ma il problema è che io voglio scopare adesso, ho troppa voglia di farlo e troppo poca voglia di aspettare che uno di questi rincoglioniti si faccia avanti. Uno di questi rincoglioniti bellocci, intendo, alti, con le spalle larghe e gli addominali che promettono spinte devastanti e braccia che possono stritolarti. Sennò sarebbe facile, e che cazzo, un mostro di Lochness pronto a stendermi su un materasso lo trovo. Anzi, l’avevo già trovato.

E quindi, ecco perché mi siedo al bancone, ordino un’acqua minerale e tiro fuori il telefono. Fabrizio, il mio scopamico, non c’è. Prima di rivederlo dovrò aspettare Natale. Però c’è Lapo, cazzo. E’ vero che è l’una e mezza, ma che cavolo ci mette a rivestirsi e a venirmi a prendere. Da casa sua a qui saranno… quanto? Venti minuti?

“Dormi?”, è il messaggio. Due spunte azzurre, vai con dio. “Stavo per”, è la risposta. “Non è che ti va di vederci? Ora, intendo”. Ho il cuore che mi batte, lo sento. E non solo il cuore. “Magari, ma devo alzarmi presto domattina”. “E daje, macho man…”. “Non posso biondina, devo andare in Toscana con i miei, se ti va facciamo giovedì”. Cazzo, cazzo, cazzo, “ok ci risentiamo”, cazzo, cazzo, cazzo.

– Cazzo, scusa!

Mi volto non avendo la benché minima idea del tipo o della tipa cui sto chiedendo scusa, ma devo farlo perché so benissimo che con un gomito gli ho fatto cadere il bicchiere. E beh, che vi devo dire, poteva prenderla molto peggio. Cioè, io in realtà non so come l’abbia presa, ma comunque anche se si è incazzato non lo dimostra. Mi osserva con un’aria di rimprovero bonario, ironico, come a dire “superati i due anni e mezzo la coordinazione psico-motoria dovrebbe essere completa”. Gli chiedo scusa ancora una volta perché è vero che sono ubriaca, ma non fino a quel punto. E mi offro anche di pagarglielo io, qualsiasi cosa fosse. A me dall’odore sembra whisky, ma non essendo una patita del whisky non ci metterei la mano sul fuoco.

Lui dice “vabbuò, ragazzì, fa niente” con un’aria così serafica che si capisce che non gliene importa davvero nulla. Di certo è per questo, oltre che per il fatto che un po’ fuori di testa lo sono, è ovvio, che gli allungo il mio bicchiere di minerale e ridendo gli dico “dai, offro io”. Lui mi sorride e chiama il barista per farsene preparare un altro. Di whisky, intendo, non di acqua minerale. E anzi insiste perché ne prenda uno anche io. Resisto davanti ai suoi “non mi lasciar bere da solo”, poi cedo. Ma vado di vodka. “Che ci troverete tutti in questa vodka, non sa di nulla”.

E’ un ragazzo che definire placido significa quasi dire che è nevrastenico. Nulla sembra scomporlo. Deve essere di Napoli o giù di lì, ma a parte qualche esclamazione colorita parla un italiano perfetto, con una calata quasi nobile. Inizia una frase e la porta a termine senza esitazione alcuna, senza quelle indecisioni, quei tipici “eeeeh…”, “maaaa…” che fanno tanto afasia (mi ci metto pure io, eh?). L’unica cosa che un po’ mi indispettisce è che, nonostante le presentazioni appena fatte, non mi chiama Annalisa ma “ragazzì”, sempre, come se il mio nome gli fosse entrato da un orecchio e uscito dall’altro. Io, invece, che si chiama Giuliano me lo ricordo. E, a proposito di “ragazzì”, non deve avere tantissimi anni più di me.

Per quale motivo mi fermi a parlare con lui non mi è ben chiaro, forse perché qualcosa dentro di me dice che mi devo dare una calmata. E da questo punto di vista lui è perfetto. Voglio dire, è di una simpatia devastante ma per quanto mi riguarda è l’anti-sesso: ha un faccione incorniciato da capelli neri abbastanza lunghi e da una bella barba, se non fosse che a me la barba non piace. Però i lineamenti non sono male e le labbra sono belle. Difficile dirlo, perché è seduto, ma non mi sembra nemmeno particolarmente alto, di quell’alto che piace a me. Ed è sicuramente in sovrappeso. Non proprio grasso, ma con un bel po’ di chili in più del dovuto. Se uno non lo sentisse parlare, così a prima vista, lo si potrebbe pure definire “paciocco”, ma non lo è per niente. In primo luogo perché non mi sembra proprio un morbidone. Ma soprattutto per due particolari. Il primo sono due stupendi occhi chiari, il secondo è un sorriso che quando comincia sembra quello di un deficiente ma quando si stabilizza è quello di uno che la sa lunga dieci volte più di me e di tutti quelli presenti in questa cazzo di discoteca.

Ecco, la discoteca. La cosa mi ronza in testa per un po’ ma alla fine riesco a definirla per bene. Voglio dire, Giulià, che cazzo ci fai qui? Non mi sembri proprio il tipo. Persino questa t-shirt nera di Walking Dead non mi sembra proprio per nulla il tuo outfit.

– Mi ci hanno trascinato gli amici – mi dice guardandosi intorno come se li cercasse con lo sguardo per fulminarli – ma io mi rompo sempre, sono più un tipo da serata al ristorante, forse si vede eheheheh… E poi, a parte uno che… lo vedi quello lì? Quello con la camicia viola che si agita davanti a quel manico di scopa? Ecco, a parte quello sono tutti qui con le fidanzate. Ho sbagliato, non ci dovevo venire. Vabbuò, ja…

L’immagine “tipo che si agita davanti a un manico di scopa”, obiettivamente, non potrebbe essere più azzeccata. Perché lui è vero che più che ballare sembra in preda a un attacco di epilessia. E lei… cazzo, sorella, qualcosa di più che alzare le caviglie e muovere gli avambracci potresti fare, no? Sei pure una bella figa…

– Poi non si capisce mai un cazzo, se vuoi parlare con qualcuno ti devi sgolare…

– Magari se vuoi parlare con qualcuno non devi venire qui – obietto – tu non ce l’hai la ragazza?

– Sì, ma sta a Benevento, perché?

– No, così. Per par condicio. A me lo chiedono ogni cinque minuti se ho il ragazzo…

– Per un motivo diametralmente opposto a quello per cui me l’hai chiesto tu, però.

– Non lo so – rispondo senza capire che mi ha appena fatto un complimento – ma sai che c’è di strano? Non faccio che incontrare ragazzi che hanno le fidanzate in un’altra città… Ne ho conosciuto uno l’altro giorno che ce l’ha addirittura in Danimarca… che vi abbiamo fatto, noi romane?

– Tu nulla, a me. Qualcun’altra sì.

Vorrei approfondire, ma per la seconda volta nella serata mentre sto al bancone irrompe Serena squittendo “ero sicura di trovarti qua, alcolizzata…”. La presento a Giuliano e lei mi restituisce uno sguardo interrogativo. Non posso darle torto, perché lui non è assolutamente in linea con gli scopi che ci hanno portate sin qua. E, per favore, non fate doppi sensi da quattordicenni con la parola “scopi”. Mi annuncia che, se non mi dispiace, lei se ne andrebbe con uno che definisce “un amico” solo perché c’è Giuliano che ci ascolta, ma sia io che lei sappiamo benissimo che significato dare a quella parola. Le rispondo “che noia, Sere, è la seconda volta che mi molli in una discoteca perché hai rimediato un manzo”. Ecco, così è tutto chiaro a tutti. Lei rimane un attimo interdetta ma è Giuliano a toglierla dall’imbarazzo, placido come sempre.

– Se ti preoccupi per lei, a casa ce la posso portare io.

– No, ma io non… – rispondo colta di sorpresa a mia volta.

– Io comunque me ne voglio andare a dormire, se vuoi uno strappo non c’è problema. Vado solo ad avvertire che me ne vado.

Non so come spiegarvelo ma, ne sono sicura, quando lui dice “uno strappo” intende proprio un passaggio a casa, senza secondi fini. Quella che non lo sa, e non lo può sapere, è Serena.

– Ma dai? – mi chiede quando si è allontanato.

– Ahahahaha ma no!

– Come “ma no”?

– Ma è come essere affidati alla Croce rossa, stai calma…

– mmmm…

– Tu, piuttosto, hai rimorchiato? – le domando con la stessa ironia con cui lei lo aveva chiesto a me in precedenza.

– Chi lo sa? – dice facendomi il verso, ossia restituendomi la stessa risposta che le avevo dato io – vedremo.

Un bacio a sfiorarci le labbra suggella il nostro saluto. Lei chissacchì stasera, io Ernesto domani, mi sa tanto che il derby è finito in pareggio.

Che sia un po’ partita, soprattutto dopo l’ultimo shot, se ne rende conto lui e me ne rendo conto io stessa, sprofondata sul sedile della sua station wagon. Gli dico che per fortuna l’indomani (anzi oggi, dato che sono le due e mezza) ho una lezione a mezzogiorno e un’altra nel primo pomeriggio. Parliamo un po’ dei miei studi e dei suoi, del suo lavoro che glieli fa rallentare. Gli assicuro che invece, per quanto mi riguarda, non ho la minima intenzione di rallentare un cazzo. Sorride e poi mi chiede se almeno mi sono divertita, stasera. Mi sorprendo per un momento a essere indecisa. Non so se mi sono divertita di più con quei due pompini o a sentirmi osservata, toccata, baciata in mezzo a tutta quella folla mentre ballavo. E per come sono strafatta glielo direi pure, anzi gli direi che per divertirmi proprio fino in fondo ci mancherebbe una cosa. Fino in fondo pure quella. Se non glielo confesso è solo perché, credetemi, trovo faticoso farlo. E’ molto più semplice dirgli “sì, mi sono divertita”.

“Vedo che tu e la tua amica avete due concetti di divertimento diametralmente opposti”, è il suo commento. Ma io, anziché cogliere che quella è, direi, la prima allusione sessuale della serata da parte sua, preferisco osservare che è la seconda volta che pronuncia la parola “diametralmente”. E subito dopo mi metto a ridere un po’ sguaiata, mentre lui mi imita, ma in modo molto più composto.

– Non è che a me faccia proprio schifo divertirmi in quel modo – aggiungo.

Ve lo giuro, lo aggiungo senza alcun pensiero particolare. E’ soltanto dopo, appena la parola “modo” mi è uscita dalla bocca, che penso a Serena e a me, che faccio il confronto. Penso a lei che in questo momento si starà quasi certamente “divertendo”, e a me e a questa voglia che mi è deflagrata dentro da quando ho sentito lo sperma di Ernesto colarmi giù per la gola, poche ore fa, e che mi ha spinto a dirgli “non ti accontenterai di un pompino?”. Quella voglia che, immaginando Serena all’opera, adesso mi è risalita su di colpo. Non mi sono calmata manco per un cazzo. La promessa di Ernesto per il giorno dopo mi sembra, in questo momento, lontanissima. Anzi, irrealizzabile, perché c’è una notte di mezzo e non so proprio come e se la passerò. Sì, lo so, sono stronzate. Ma non riesco a distrarre il pensiero dalla notte che ho davanti.

Vaffanculo, sì, vaffanculo. Sticazzi.

Dico a Giuliano “io sono arrivata” quando a casa mia mancherà un chilometro buono. Alla nostra destra un portone illuminato, dall’altra parte della strada il parco. Davanti al suo innocente sorriso di saluto non so letteralmente che cazzo fare. Gli dico “non so come ringraziarti” e lui fa una smorfia come per dire “figurati, per così poco”.

– Ma io vorrei davvero ringraziarti – gli ripeto guardandolo negli occhi e allungando la mano in mezzo alle sue gambe.

“Dai, non c’è bisogno”, dice sorridendomi in modo disarmante. A sto punto però sono io che non voglio farmi disarmare. La sua reazione avrebbe smontato chiunque, ma vi assicuro che in questo momento, per chiunque, sarebbe difficile smontare me. Prova anche ad allontanarmi la mano ma io la lascio lì. Chiamatelo capriccio, o come cazzo volete voi, però mi è presa così. E poi, sarà pure l’anti-sesso ma che diamine, è un essere umano anche lui, me ne accorgo da come aumenta il gonfiore sotto i jeans. Gli faccio “gira di là”, anche se ci saranno venti metri da fare contromano. Ma il mio tono non ammette repliche, soprattutto a quest’ora di notte. E inoltre questo è il mio regno, tesoro, gioco in casa. Non lo sai quanti pompini ho fatto in questa vietta buia, al di qua o al di là della cancellata del parco, quando stavo al liceo? Lui svolta a sinistra e poiché mentre lo fa continua a borbottare, un bel “non essere noioso” se lo merita tutto mentre mi chino sui suoi pantaloni per slacciargli la cintura abbassare la zip, tirarglielo fuori. Sì, ok, sarai virtuoso, sovrappeso, e anche un bravo ragazzo, ma è difficile resistere a questo, vero? E’ difficile resistere al mio calore che ti avvolge. Lo so. E lo sento da come mi si gonfia in bocca.

Non dice nulla, mi accarezza i capelli ma non mi dice che sono brava. E nemmeno mi dice che sono puttana. Se la gode e basta, e una volta tanto non mi dispiace per nulla che si limiti a godersela in silenzio. Solo un attimo prima di esplodere sbotta in un sospiro, un “afammocc” che capisco benissimo anche io pur non sapendo nulla del napoletano e che trovo pertinente, pertinentissimo. Terza macchina della serata, terzo pompino, terzo schizzo di seme in bocca. Da quanto è che non scendi a Benevento, Giulià? A questo punto posso ben dire di avere nello stomaco più spermatozoi che alcol. E se mi bastasse sarebbe fantastico.

Resto lì a pulirglielo per un po’, poi adagio la testa sul suo stomaco che, devo ammettere, in questo momento mi pare accogliente in modo più che piacevole. Sento il suo respiro farsi via via meno agitato e la sua mano accarezzarmi la testa. Starei assolutamente bene, ve l’ho detto, se non fosse per l’irrefrenabile voglia di essere presa che mi è riscoppiata dentro. La vagina mi manda richieste inequivocabili e i collant sono tornati a essere zuppi. Sollevo la testa e lo fisso negli occhi, spero proprio che il mio sguardo dica tutto, ma a scanso di equivoci aggiungo:

– Non è che vorresti essere ringraziato di più… e meglio?

Non so se sia più il suo sguardo sornione o il suo “ora non esageriamo, ragazzì” a farmi capire che non c’è proprio trippa per gatti. Come una cretina gli domando “ma perché?”, anche se in realtà vorrei chiedergli – più curiosa che stizzita – “ma che cazzo avete tutti oggi? Prima Ernesto, poi quel tipo strano, poi Lapo, ora tu… che cazzo è, il No-Pussy Day?”. Cioè, francamente non ci posso credere che l’ho praticamente sbattuta in faccia a quattro ragazzi diversi e che nessuno se la sia presa. Ma ripeto, arrivati a questo punto è più curiosità che altro…

Giuliano si limita a dire “perché è pure troppo, ja…”. Ma vi sembra una risposta? Cioè, in altri momenti capirei, me ne farei una ragione. Ma adesso non ho proprio voglia di farmene una. Cazzo, non è giusto. Lo so, lo so, una ragazza come si deve dovrebbe ritirarsi in buon ordine, magari dire anche lei “sì è vero, è pure troppo” e rassegnarsi a tornare a casa, mettersi a letto e spararsi un ditalino immaginandosi la monta che si è persa. Ma a parte il fatto che io una brava ragazza lo sono solo per gli altri e non certo per me stessa, vedete… non sono proprio io che decido. E’ la mia fica che mi tormenta.

Gli piagnucolo “non puoi lasciarmi così”. Credo proprio di essere sul punto di piangere. E guardate, vorrei che fossero chiare alcune cose. La prima è che non me ne frega un cazzo della gara con Serena, la seconda che non me ne frega un cazzo di tutte quelle stronzate sul rifiuto, sulla paura del rifiuto, sull’essere considerata una puttana (ma dai…) e cose di questo tipo. Ma proprio per niente, ho semplicemente voglia di essere chiavata, punto. E chissenefrega se non è proprio il mio tipo ideale. Mi sta simpatico, gli ho fatto pure un pompino con i fiocchi, e che cazzo…

Al mio “non puoi lasciarmi così” risponde afferrandomi per le spalle e stringendomi a sé, con l’altra mano che preme la testa sul suo petto e me la accarezza. Al mio “ti prego” la mano che mi accarezza la testa si stacca e scende tra le mie cosce. Lo so come mi trova e me ne vergogno pure. Cioè, sono zuppa, mi vergogno anche che lui si accorga di quanto ho bagnato i collant. Chiamatemi scema, pazza, troia, tanto l’avrete pensato di me un sacco di volte. Mi vergogno di avere la vagina che sembra un idrante e che si è spalancata dalla voglia.

Proprio perché si è spalancata, però, il suo dito non fa nessuna fatica ad entrare appena si intrufola dentro i collant. Non è un ditalino spettacolare, forse è la posizione, che cazzo ne so. Io sicuramente farei di meglio. Ma il fatto stesso che non sia io ma un altro, beh ragazzi, è proprio tutta un’altra storia. Sono tesa, si direbbe, come la corda di un violino. Il fatto è che sono tesa dieci volte di più della corda di un violino. Bastano dieci secondi, uno più uno meno, e scatto. Stretta nella parte superiore del corpo contro il suo petto, convulsa e incomprimibile in quella di sotto. Non so bene cosa gli dico, ma sono sicura degli scossoni della macchina e delle mie urla, che avranno finito per svegliare qualcuno ai piani bassi del palazzo di fronte. E sono certa che appena ritorno a capire qualcosa vedo il suo sorriso sornione e la sua voce che mi fa “devi scopare di più, ragazzì”. Se ce la facessi mi metterei a ridere, nonostante nelle sue parole non ci sia stavolta un filo di ironia.

Quando arriviamo davvero davanti al mio portone ho appena ripreso a respirare normalmente. Gli domando se gli posso fare una cosa e lui mi risponde “certo”. Così gli prendo il dito che mi ha sditalinata e glielo succhio. Penso che questo proprio non se lo aspettasse, vista la faccia che fa. Non connetto moltissimo. Gli dico se vuole che gli lasci il mio telefono, anche se a mente lucida ammetterei che non è granché come idea. Lui evidentemente è più lucido di me e mi dice “un’altra volta”. Ha ragione, ma sul momento un po’ mi offendo.

– Saresti un gran figo, ti manca tanto così… – gli faccio mentre ho già aperto la portiera.

– Cosa manca? – chiede lui con calma olimpica.

– La lealtà è una gran bella cosa, Giulià, ma anche i nostri piaceri lo sono…

Gli stampo un bacio sulle labbra e scendo. Salgo in casa e mi metto il pigiama, mi laverò domattina. L’orgasmo mi ha travolta ma so già che non mi è bastato, mi conosco.

Dal telefono sul comodino il ding di WhatsApp. L’anteprima dice: “Serena, foto”. Apro e in effetti c’è la foto di un cazzo preso da sotto con la misura scritta in giallo, 15 centimetri. Penso che in fondo è nella media, ma è la didascalia che accompagna la foto che mi passa sopra come un treno: “Ti presento Ernesto ahahahahah”.

Ma vaffanculo pure te, Serena.


CONTINUA

Questo racconto di è stato letto 1 4 7 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


iraccontidimilumia madre mi ha fatto un pompinoracconti porno itaracconti erotici bsxracconti mamma figliaracconti erotici zooracconti eritici gayracconto xxxla porca di mia cognataracconti mogli puttanesesso gay raccontiracconti per adulti gratisstorie porno gratisgay al cinema pornoracconti erotici animalraconti eroticoerotici racracconti gay papàconfessioni analistorie di suocerestorie ardracconti gay cuginoracconti schiavo gaymoglie puttana raccontiracconti:eroticiracconti di bdsmraccontieroticiracconti sesso veriracconti erotickracconti vergineracconti garacconti investiracconti erotici a69vicina di casa zoccolaracconti erotici.racconti di scambistierotici raracconto sesso analeracconti per adulti gratiscome diventare cuckoldracconti di pornostarracconti porno pissingzia e nipote raccontiracconti scopataracconti eoriticstorie e racconti eroticiracconti incesto madre e figliostorie di sesso pornomoglie infedele raccontiracconti hard moglieracconti erotici.itcinema porno raccontiracconto safficotest pompinisi fa inculare dal cavalloracconti rroticisega da mia cuginastorie ponoracconti erotici culettoertici raccontiraccontii eroticiracconti erotici esibizionistaracconti di sesso incestuosomio marito mi ha rotto il culobello sticchioracconti erotici gay eteroprima esperienza bisexwww racconti cuckoldracconti erotici di tradimentiracconti suocera porcaracconti erotivracvonti pornoracconti:eroticigenere dei racconti eroticiracconti eroticjerotciraccontistrorie pornoracconto erotracc sessstorie di sesso in ufficioraccoonti eroticiracconti di milfracconti piccanti 69raccontihotracconti erotici sottomessaracconti porno estremiraconti pornoracconti erotici veri gratisracconti erotici migliore amicaracconto cuckoldracconti mogli esibizionisteracconti erotici animaliracconti di sesso con la mammatettona in toplessracconti di scambio di coppieeroticiracconti.it