Anna (2) e Francesca

Scritto da , il 2019-07-11, genere trio

Ripulimmo il disastro che avevamo lasciato nello studio. Urina, sperma, oggetti gettati a terra. Spalancai le finestre, l’odore di sesso era fortissimo. Lei lavorava nuda, non aveva neanche fatto lo sforzo di pulirsi e svuotarsi andando in bagno e lo sperma le scendeva lungo le cosce. Ero incantato a guardarla piegarsi mostrandomi il suo ano slabbrato e arrossato e quel filo di sperma misto a feci e sangue che continuava a colarle lungo le gambe. Ero certo che fosse consapevole di come l’oscenità della situazione mi eccitasse.

“Vado a rinfrescarmi un minimo che certo così non posso certo uscire. Poi se puoi accompagnami a casa che mi ha distrutta”.

Sorrisi e annui. Mentre lei era chiusa in bagno chiamai mia moglie.

“Ciao amore, ti stavo proprio pensando. Come va al lavoro, state riuscendo a chiudere il progetto?”.

“Bene, abbiamo quasi finito. Due o tre giorni al massimo e vi raggiungo”.

“Lo spero proprio. Io e Tiziana ci stiamo annoiando a morte”.

Risi. “Che tu e quella troia della nostra amica vi stiate annoiando è impossibile, avrete già rimorchiato qualche ragazzotto danese per passare il tempo”.

“Non ci crederai, ma sono tre giorni che ci siamo scambiate solo qualche leccatina e ditalino in attesa del tuo arrivo. Ti siamo state fedelissime”.

“Maddalena non ci credo”.

“Davvero, avevamo deciso di fare questa vacanza insieme e ci siamo ripromesse di s**tenarci solo con te al tuo arrivo. Tu invece?”.

“Ti chiamavo proprio per questo. Non sono riuscito a esserti fedele neanche questa volta”.

“Ah, maiale. Quando? Con chi?”, sentivo la sua risata e sullo sfondo quella di Tiziana.

“Oggi, con Anna la ragazza nuova dello studio”.

“Ma è una ragazzina, porco”.

“Ma quale ragazzina”.

“Sta ascoltando?”.

“Non credo, è andata in bagno a lavarsi”.

“Che vecchio maiale che sei. Avrà la metà dei tuoi anni”.

“Ti piacerebbe molto, te lo assicuro”.

“Voglio i dettagli”.

“Te li darò, non temere. Ora fammi attaccare che starà finendo e poi l’accompagno a casa”.

“Secondo round?”.

“Penso di si”.

“Scommetto che te la inculerai”.

“Ti sbagli, l’ho già fatto. Ho iniziato da lì”.

Ascoltai le due donne scoppiare in una risata. “Sei un incanto amore mio, non finisci mai di stupirmi. Dopo questo dettaglio credo che dovrai proprio presentarmela. Vai e raccontami poi”.

“Un bacio” e riattaccai.

Mi girai e vidi uscire dalla porta del bagno Anna.

“Con chi parlavi?”.

“Con mia moglie”.

“Inventavi qualche scusa? Una balla?”.

“Assolutamente no. L’ho chiamata solo per raccontarle quello che era successo. Credo che fosse in viva voce e ascoltasse anche la nostra amica Tiziana”.

“Non ci credo”.

“Ti ripeto. Non sottovalutare mia moglie”.

“Non la sottovaluto. Anzi...”.

“Fai bene”.

Si avvicinò a me e mi abbracciò. “Mi hai aperta, violata, sodomizzata. E non mi hai mai baciato. Fallo ora, ti prego”.

Le alzai il volto e la baciai, dolcemente, stringendola a me. Lei si lasciò totalmente andare fra le mie braccia. Rimanemmo così alcuni minuti, baciandoci e tenendoci abbracciati.

“Sei davvero bellissima, Anna”.

“E tu sei un uomo sorprendente”.

Risi. “Senti chi parla. Sei tu che hai guidato il gioco fin dall’inizio”.

“Ma se sei tu che mi hai preso, usata e riempita come mai mi era accaduto in vita mia”.

Ridemmo.

“Mi accompagni?”.

“Certo”.

“E sali su da me?”.

“Se lo desideri con piacere”.

Rise. “Prima quasi ci mancava che mi usassi come urinatoio e ora sei dolce come un fidanzatino”.

“Lo ero anche prima. Diversamente, ma lo ero”.

“Tu sei matto”.

“E tu sei una troietta che non desidera altro che essere addestrata”.

“Ecco, ora ti riconosco” rise staccandosi da me. “Dai andiamo che voglio farmi la doccia che non riesco a togliermi il profumo del tuo sperma di dosso”.

Il suo appartamento che divideva con un’amica non era piccolo come me lo ero immaginato. E soprattutto non era vuoto come mi aveva detto Anna durante il tragitto. In auto La sua amica indossava solo dei microscopici slip e una conottiera ed era iata sul divan,o s**tola di fazzoletti d’ordinanza, naso e occhi arrossati da un pomeriggio di pianto. Una bottiglia di vino ormai vuota sul tavolino davanti a lei completava il quadro. “Il ragazzo l’ha mollata – pensai - O peggio. Si, non starebbe così, l’ha beccato con un’altra. Si lo ha visto fare qualcosa con un’altra”

Anna intanto si era precipitata accanto alla sua amica abbracciandola. “Francesca che succede? Dio mio come sei ridotta”.

“Quello stronzo di Paolo si sta scopando una. Ora, in questo momento, capisci? Un’altra”.

“Ma che dici?”

“Che dico? Sono andata a portargli a casa le chiavi dello scooter che domani doveva andare a ritirare dal meccanico, ho suonato e non rispondeva, ho provato a telefonargli e non ha risposto ancora. Allora ho preso le chiavi di casa sua che mi ha lasciato qualche tempo fa e sono entrata in casa. Appena dentro ho sentito dei rumori dalla camera da letto e appena sono arrivata alla porta mi sono trovato lui nudo con una che lo stava succhiando. E in quel momento lui le ha tirato fuori il coso dalla bocca e le è venuto in faccia”.
“Oddio! E tu che hai fatto?”.

“Niente, sono rimasta a vedere lei che senza battere ciglio lo ha riprendeva in bocca, poi mi sono girata e sono uscita senza fare rumore. Non si sono neanche accorti che ero entrata in casa e avevo assistito a tutto. E ora eccomi qua”. E ricominciò a piangere.

Intanto io ero rimasto lì sull’uscio in piedi a vedere la scena senza essere notato dalla ragazza. Anna si girò verso di me facendomi cenno di avvicinarmi.

“Francesca, scusami non sapevo che eri a casa c’è anche un mio amico con me”.

“Oddio che figura” disse la ragazza girandosi e mettendosi seduta sul divano e abbracciando le gambe raccolte contro il corpo. “Mi dispiace”.

“Dispiace molto a me. Scusa questa intrusione. Mi chiamo Roberto”.

“Francesca...”.

“Lo so, Anna mi ha parlato di te, Se vuoi vado via, mi dispiace moltissimo”.

Francesca intervenne. “No Roberto rimani per favore. E tu Franci vieni con me e accompagnami in bagno che oggi a studio l’aria condizionata era rotta e sono tutta sudata” e decisa la prese per mano l’amica e la costrinse a seguirla. Guardandole andare via non potei fare a meno di notare lo splendido culetto di Francesca. Sorrisi e andai in cucina a cercare qualcosa di fresco da bere e poi mi sedetti sul divano aspettando che tornassero.

Una decina di minuti dopo le due amiche rientrarono, Anna avvolta sola da un asciugamano fresca di doccia, Francesca che si era ripresa un po’ e rinfres**ta il volto, gli occhi ancora arrossati dalle lacrime, ma un minimo il nostro arriva l’aveva costretta a riprendersi.

“Io vado a mettermi qualcosa addosso e torno subito”, disse Anna avviandosi verso la sua camera da letto.

Francesca, che indossava ancora solo canottiera e slip, era rimasta in piedi davanti a me. Non sembrava troppo imbarazzata, ma soprattutto incuriosita dalla mia presenza. “Quindi lei è Roberto il capo di Anna”.

“Si, sono uno dei capi di Anna ma sono anche un suo amico… ma per favore siediti qui che mi sento un cretino qui da solo” e le feci posto sul divano.

Lentamente si sedette tenendo le braccia abbracciate intorno al corpo che rendevano ancora più evidente la forma del suo seno. Le due ragazze erano totalmente diverse, Anna esile, castano chiaro, il seno piccolo dai capezzoli appuntiti che per settimane avevo studiato e desiderato a distanza, la pelle chiarissima e alta poco meno di me, mentre Francesca era leggermente più bassa dell’amica, bruna, la carnagione più scura, il seno prosperoso.

“Non la imbarazza?”. Mi chiese d’improvviso.

“Cosa? La situazione? No, può succedere a tutti, te lo assicuro”.

“In che senso?”.

Risi. “Beh, è stata un’entrata in scena un po’ fuori dal comune”.

“Non parlavo di me, ma di lei e Francesca ora qui”.

“Vuoi sapere se faccio sesso con la tua amica? Si l’ho fatto oggi con lei, in ufficio. ...”.

“Me lo ha detto di là”.

“Immaginavo”.

Intanto ci raggiunse Francesca, indossando anche lei solo un paio di mutandine e una camicetta leggera lasciata completamente aperta davanti. Si sedette sul bracciolo del divano accanto a me cingendomi le spalle con un braccio”.

“Probabilmente sai che sono sposato”.

Annuì.

“Da dieci anni, con una donna bellissima che amo moltissimo, piena di vita, di curiosità e di desideri. Che non ho mai voluto frenare in alcun modo anche perché sapevo che il giorno che ci avrei provato l’avrei persa”.

Francesca mi guardava fisso negli occhi. Sentì Anna piegarsi e baciarmi leggermente il lobo dell’orecchio.

“Vorrei raccontarti cosa successe quando io mi ritrovai nella tua stessa identica situazione . Posso?”

Annuì.

“Sarò molto esplicito, spero che non ti disturbi. Fra l’altro è una cosa che volevo raccontare a Anna per farle capire quale sia il rapporto con mia moglie. Non so se te l’ha detto, ma mia moglie sa perfettamente che oggi ho fatto sesso con lei… ma questo è un dettaglio”.

Presi una breve pausa e mandai giù un sorso di vino.

“Eravamo sposati da due anni quando successe. Ero partito per un viaggio di lavoro di due settimane, poi saltarono una serie di appuntamenti e rientrai ventiquattro ore prima del previsto. Entrai a casa e ancora prima di richiudermi la porta le spalle sentì un gemito dalla camera da letto. Conoscevo quel suono, era lo stesso che avevo sentito ogni volta che penetravo con forza Maddalena. Un suono che faceva parte di me, della mia storia, del nostro rapporto. Che credevo solo mio. Raggiunsi la camera da letto e rimasi sulla porta immobile. Maddalena, mia moglie, era nuda carponi sul letto e un ragazzo di vent’anni o poco più alle sue spalle la stava penetrando analmente”.

Francesca mi fissava, strinse un attimo le labbra e poi mi chiese : “E lei cosa ha fatto?”.

“Per favore dammi del tu”

“Hai ragione. Tu che hai fatto?”.

“Lei era appoggiata con la testa contro il materasso, il volto rivolto verso di me e mi guardava. Poi sorrise. Un sorriso che conoscevo benissimo, di invito, di sfida. Mi spogliai e raggiunsi il bordo del letto. Il ragazzo fece cenno di fermarsi ma io gli feci capire di continuare, di non fermarsi e lui riprese a spingere il suo membro dentro di lei, sempre più forte. Raggiunsi mia moglie e gli misi davanti il mio membro nella sua bocca”.

“Oddio”, si lasciò sfuggire Francesca.

“Vuoi che smetto di raccontare?”

“No, per favore, continua”.

Intanto sentì una mano di Anna che mi aveva raggiunto una coscia e lentamente ma con decisione verso il mio cazzo ormai in erezione sotto il tessuto dei calzoni.

“Passammo tutta la notte a fare sesso. La penetrammo contemporaneamente davanti e dietro, le venimmo dentro insieme e poi, più tardi, sul volto e il seno. E quando il ragazzo se ne andò la sodomizzai ancora una volta s. Ci addormentammo così, abbracciati. Il mio pene ancora piantato dentro di lei. In quel momento sapevamo che non ci saremmo mai persi o divisi. E così è stato. Ed è”.

Anna intanto mi aveva aperto i calzoni e mi aveva tirato fuori il cazzo iniziando a masturbarmi lentamente. Francesca mi guardava, guardava la sua mano che mi accarezzava poi fissava me e ancora Anna.

“Se lo vuoi prendilo”, le sussurrò Anna.

Francesca allungò le dita per accarezzarmi le labbra, poi scese e delicatamente passò l’indice sul prepuzio raccogliendo una goccia di liquido e se le portò alla bocca, si inginocchiò sul divano e si piegò a prendere la seconda goccia con la lingua. Anna lasciò la presa sul cazzo e iniziò ad accarezzare il volto e il collo della sua amica che intanto aveva cominciato a leccare e insalivare tutto il membro e i testicoli. “Franci, apri la bocca, aprila bene”, le disse tirandola gentilmente per i capelli indietro, poi con cura, lentamente, le spinse tutto il mio cazzo in gola fino alla radice e solo quando sentì che non c’era più carne da farle inghiottire mi baciò. Un bacio lungo e appassionato, mentre Francesca aveva perso ogni inibizione lanciandosi in un pompino incredibile.

Anna smise di baciarmi e osservava con attenzione l’amica al lavoro sul mio cazzo. “E’ brava la mia amica?”.

“Bravissima”.

“Ti lascio alla sua bocca e te la preparo per bene come hai fatto tu con me oggi pomeriggio. Voglio che la inculi per me. Le devi cacciare via dal corpo e dalla testa ogni ricordo di quello stronzo del suo fidanzato”. Si alzò e si mise dietro la sua amica e le abbassò fino alle ginocchia le mutandine e iniziò a leccarle la fica. Dopo un paio di minuti alzò la testa si leccò due dita e poi la penetrò di colpo. Francesca lasciò per un attimo il mio cazzo gridando e spingendo contro la mano che la stava penetrando, per poi riprendere a succhiarmi con ancora maggior vigore. “Che troietta che sei, Francì” e poi iniziò a leccarle l’ano. Francesca a quel primo contatto della lingua della sua amica lasciò il cazzo e io approfittai per spogliarmi. Volevo scopare Anna mentre era impegnata a penetrare con la fica e il culo della sua amica e mi misi dietro di lei. Lei si fermò un attimo girando la testa verso di me. “Roberto ti prego in culo no. Prima mi hai sfondato, non ce la farei ora”.

“Non ti preoccupare e concentrati sulla tua amica” e spinsi il cazzo nella sua fica che ancora il mio cazzo non aveva assaggiato. La penetrai con un colpo solo e iniziai a prenderla con forza. Lei urlò abbandonando per alcuni secondi la fichetta dell’amica, poi con uno s**tto le piantò fra le grandi labbra quattro dita cercando contemporaneamente di inserire anche il pollice. Ancora pochi colpi veloci e venne con un rantolo e schizzando sul divano oscenamente, e spingendo contemporaneamente l’intera mano nella fica di Francesca fino al polso che urlando venne anche lei.

No aspettai neanche che Anna si fosse ripresa dal suo orgasmo che uscì dalla sua fica e la penetrai nel culo. “Bastardo, in culo no!”. Non risposi e iniziai a penetrarla sempre con più forza. La sua reazione dopo il primo momento riuscì a stupirmi. Senza togliere la mano che era ancora tutta dentro Francesca iniziò a forzare con due dita l’ano. Io smisi per un istante di incularla per metterglielo in fica per portarla fino all’orlo di un altro orgasmo e per poi rimetterglielo nel culo con violenza. Pochi colpi e le venna ancora aggrappandosi spingendo le sue dita ancora più profondamente nel corpo di Francesca.

Rimanemmo così in quella posizione per alcuni minuti. Il tempo si era fermato. Fu Anna a interrompere quella tregua.

“Roberto, posso guidare io da questo momento in poi?”.

“Certo, ora dopo quello che abbiamo fatto e ti ho vista fare sono assolutamente certo che mi stupirai”.

“Silati dal mio culetto e fammi girare”.

Obbedì. Si posizionò fra le gambe della sua amica iniziando a leccarla aprendole contemporaneamente le natiche offrendomi allo sguardo l’ano che lei aveva allargato e lubrificato. Ancora qualche minuto e mi ordinò di raggiungerle e metterglielo in bocca, cosa che feci immediatamente. Lo insalivò per bene e poi lo guidò fino al culetto dell’amica che sentivo ansimare per l’attesa. “Bravo! Non spingere faccio io”, proseguì Anna, e iniziò a inserirlo lentamente nel culo per poi immobilizzarmi di nuovo.

“Fermi così – proseguì. Siete bellissimi”. Prese i fianchi dell’amica e la spinse verso di me lentamente fino in fondo per bloccarci ancora. “Ora mi devi promettere che non le borrerai dentro. Voglio che quando stai per venire esci e mi regali tutto quello che hai in corpo in bocca e in faccia”.

Annui, non riuscivo neanche ad aprire bocca.

“Ora inculala più forte che puoi come hai fatto con me oggi pomeriggio”.

E io iniziai a inculare Francesca come un pazzo, aprendola completamente mentre Anna iniziò a leccarle la fica. Francesca venne quasi immediatamente e poi ancora dopo pochi minuti. Io faticavo a resistere ma continui imperterrito a pompare il mio cazzo nel corpo della ragazza. Lei contemporaneamente lanciava gridi e e frasi sconnesse fino a venire una tersa volta e accasciandosi sul divano. Io presi in mano il cazzo ormai libero e mi avvicinai al volto di Anna che spalancò la bocca e iniziai sborrare. Uno schizzo e un’altro ancora e ancora inondandole faccia e capelli, riempendole la bocca e rimasi poi fermo immobile. Senza fiato.

“Francesca vieni qua”, disse Anna. E lei senza aspettare ulteriori ordini dall’amica la baciò dividendosi lo sperma che le avevo rovesciato in bocca e poi dedicandosi a raccogliere con le dita tutto quello che avevo sparso sulla faccia di Anna e portandoglielo fra le labbra.

Io immobile guardavo le due ragazze e capì che non era finita ancora.

(segue)

Questo racconto di è stato letto 1 8 6 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone