Doccia

Scritto da , il 2019-07-11, genere dominazione

Quando entriamo nella doccia stiamo scopando come animali da più di un'ora, ma abbiamo quella bulimia che non si sazia, quella di chi si vede una volta al mese, mariti e mogli permettendo, solo per sbranarsi.
La doccia è modesta, con tre lati costituiti da muri, e al cui interno due persone non possono evitare di toccarsi. Lei è sui 40, emancipata, altera se vuole, insospettabile, dissoluta ma elegante. Una cagna vestita da gattina.
Si gira subito scodinzolando, il nostro sesso  inizia e finisce sempre con il mio cazzo nel suo culo, è il nostro modo di dirci "ciao, mi mancavi" e "ci sentiamo".
Ho il cazzo teso, proteso verso il suo buco, ma lei mi ha anticipato, con la mani contro il muro e la schiena inarcata.
Miaoo.
Allunga la mano, lo afferra e lo spinge contro il buco. Non ha il culo aperto, oppone resistenza per qualche secondo fino a che non si scappella di colpo ed entra.
Ora è mia, io sono il suo bull e lei la mia cagna ma adesso sono io a spingere, sono qui per questo e lei lo sa. La tengo dai fianchi, il suo culo è sudamericano e tenerlo tra le mani è una spiaggia dorata.
Copacabana.
Spingo forte, e adesso posso muovere il bacino da destra a sinistra per allargarlo come piace a me. Lei appoggia il viso contro il muro e si allarga le chiappe, io faccio colare della saliva sulla fessura che porta al mio cazzo. Ora sento che le piace, lo sento perché comincia a mugolare e perché spinge indietro per farsi inculare in profondità.
Apre la bocca e tira fuori la lingua, ride, ha voglia di fare la puttana. Le metto due dita in bocca e le spingo nella sua gola. Le piace il deepthroath, dice sempre che tutti i suoi amanti si complimentavano per questo. Non uso buone maniere, uso le maniere che servono, le dita in fondo alla gola finché non emette un conato, uno, due, tre volte.
Aggiungo un altro dito, dice che vorrebbe un cazzo da succhiare e si accontenta di succhiare le tre dita.
Dopo qualche minuto sento che sta per venire, prima inizia a mordere le dita e non succhia più, poi si allarga lo sfintere e l'irrorazione sanguigna aumenta la sensazione di calore sul mio cazzo. Ora so che tra qualche secondo squirterá, per cui sbatto più forte e le palle contro il culo la schiaffeggiano. Tre secondi prima che spruzzi sento il buco che si apre tutto come se dovesse evacuare, ed è il momento in cui mi sento il re del mondo
King.

Questo racconto di è stato letto 1 5 5 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone