Fratello sole, sorella luna

Scritto da , il 2019-07-11, genere incesti

IO E MIA SORELLA ERAVAMO A CASA SOLI LEI ERA UN GIARDINO E SDRAIATA SULLA SDRAIO IN BIKINI SI SPALMAVA LA CREMA SOLARE , PRIMA SUL COLLO, POI LE SPALLE ,POI LA PANCIA , POI ANDAVA CON LE DITA SULLA PARTE SCOPERTA DEL SENO CON MOVIMENTO CIRCOLARE , SOTTO IL REGGISENO ACCAREZZANDO SOTTO LE COPPE E POI LE AUREOLE E I CAPEZZOLI , INSISTENDO , PRIMA CON MOVIMENTO LENTO E POI CON PIU' FOGA POI SCENDEVA CON LA MANO ALL INTERNO COSCIA E SCOSTANDO GLI SLIP ACCAREZZAVA I PELI MORBIDI E MASSAGGIAVA LE GRANDI LABBRA CON LE DITA . MOVIMENTI SEMPRE PIU' RITMATI CHE LA FACEVANO INARCARE CON LA SCHIENA E GEMERE .CON LE DITA ENTRAVA E USCIVA , ROTEAVA DENTRO E FUORI CON ESSE PROVOCANDOSI CALDI UMORI! IO ERO AL PIANO DI SOPRA IN CASA , DALLA FINESTRA GUARDANDO GIU' NOTAI CHE QUELLA SPALMATA ERA DIVENTATA UN GIOCO ECCITANTE PER LEI , PER I MIEI OCCHI E NON SOLO .
ERA BELLISSIMA CON QUEI SUOI CAPELLI LUNGHI NERI E QUEL FISICO FORMOSO CHE SI DIMENAVA SEMPRE PIU' CON PASSIONE E AUTOEROTISMO .NON CE LA FACEVO PIU' ,DA PRIMA MENTRE SBIRCIAVO MI ACCAREZZAVO IL RIGONFIAMENTO DA SOPRA I PANTALONI POI ME LI SBOTTONAI E LI FECI SCENDERE , AVEVO UN EREZIONE CONSIDEREVOLE DATA LA VISIONE , COMINCIAI AD ANDARE AVANTI E INDIETRO CON LA MANO , PRIMA PIANO POI SEMPRE PIU' FORTE E COL POLLICE MI SFIORAVO LA " CAPPELLA " QUANDO SALIVO , IL MIO PENE ERA SEMPRE PIU' DURO E CALDO .ERO IN ESTASI CON GLI OCCHI CHIUSI ED IMMAGINAVO ...
AD UN CERTO PUNTO SENTII' UN RUMORE APRII GLI OCCHI E VIDI DALLA FINESTRA CHE MIA SORELLA NON ERA PIU' SULLA SDRAIO .ERA ENTRATA IN CASA , AVEVA RISALITO LE SCALE ED ERA VENUTA A VEDERE COSA STESSI FACENDO .LA VIDI APPIGGIATA ALLA PORTA CHE STAVA AMMIRANDO IL MIO FONDOSCHIENA ED EREZIONE E INTANTO SI STAVA PASSANDO UNA MANO SOTTO IL REGGISENO E L ALTRA SOPRA GLI SLIP.
RESTAI A BOCCA APERTA , NOTAI CHE SI STAVA MORDICCHIANDO LE LABBRA E SGRANAVA GLI OCCHI . VEDENDOLA PRESA COSI' BENE E COMPLICE NON EBBI ESITAZIONE , MI SFILAI DEL TUTTO I PANTALONI E MAGLIETTA E LE ANDAI INCONTRO , LA STRINSI A ME , LA BACIAI CON FOGA , NEL MENTRE LA ACCAREZZAVO LA PELLE , I GLUTEI, I FIANCHI .LE NOSTRE LINGUE SI CERCAVANO SEMPRE CON PIU' FOGA MENTRE CI ACCAREZZAVAMO E TASTAVAMO LE NOSTRE ECCITAZIONI .LA FECI APPOGGIARE AL CALORIFERO CHE ERA SOTTO LA FINESTRA . TENENDOLE BEN SALDE LE GAMBE GLIELE FECI DIVARICARE E METTENDOMI IN GINOCCHIO COMINCIAI A MASSAGGIARLE LE GRANDI LABBRA PRIMA DA FUORI.
CON LE DITA DI UNA MANO MASSAGGIAVO I PELI MORBIDI E IL CLITORIDE POI ESPLORAVO ALL INTERNO .
CON DUE DITA DELL ALTRA MANO LE SFIORAVO IL PERINEO DA SOTTO E IL BUCO DELL ANO E .
MENTRE LE LECCAVO LA VAGINA , PRIMA DA FUORI FACENDO IL CONTORNO CON LA LINGUA MORBIDA POI ALL INTERNO FACENDOLA DURA E POSSENTE COME UNA FRUSTATA LEGGERA MA CONTINUA SUL CLITORIDE .
LUNGO LE SUE GAMBE COLAVA TANTO UMORE DOLCE . SEMBRAVA MIELE . COLAVA SULLE MIE DITA E LUBRIFICAVA LA PENETRAZIONE CON ESSE ANCHE NEL SEDERE . LINGUA E DITA ACCELLERAVANO SEMPRE DI PIU' MENTRE LEI GEMEVA E INARCAVA LA SCHIENA . SEMPRE PIU ' FORTE PROVOCANDOLE UN DOPPIO ORGASMO SIA DAVANTI CHE DIETRO CON UN PODEROSO URLO !A QUEL PUNTO LE BACIAI L OMBELICO , POI MI ALZAI E LA BACIAI IN BOCCA , LA PRESI PER I FIANCHI E LA FECI GIRARE. LE AFFERRAI I SENI DA SOTTO E CON LE DITA LE MASSAGGIAVO I CAPEZZOLI E MORDICCHIAVO IL COLLO DIETRO MENTRE APPOGGIAVO LA MIA POSSENTE EREZIONE ALLA SUA VAGINA INONDATA DAL SUO UMORE .PRIMA APPOGGIAI PIANO POI PENETRAI CON FORZA E VELOCITA' MENTRE CON UN DITO DELLA MANO CHE NON SI OCCUPAVA DEI SENI , LE PENETRAVO IL SEDERE BAGNATO .STANTUFFAVO CON FOGA .LE APRIVO ENTRAMBI I BUCHI SEMPRE PIU' .I RESPIRI ERANO SEMPRE PIU' FOCOSI , IDEM I GEMITI E I VERSI . MI INCITAVA AD ACCELLERARE SEMPRE DI PIU' E ANCORA !FINO A RAGGIUNGERE UN ALTRO ORGASMO .A QUEL PUNTO CONTINUAVO A PRENDERLA DA DIETRO E INTANTO LE MASSAGGIAVO IL CLITORIDE CON LE DITA . FINO AD ARRIVARE ANCHE IO ALL ORGASMO CHE USCENDO LE SPRUZZAI SULLA SCHIENA . MI PIACEVA POI AVERLE APPOGGIATO LA MIA PANCIA SULLA SCHIENA SCIVOLOSA MENTRE LE FACEVO PIEGARE UN PO' IL COLLO E LA BACIAVO . ERA ECCITANTE PENSARE CHE QUALCHE VICINO POTEVA VEDERCI ALLA FINESTRA RIPARATI SOLO DA UNA TENDA BIANCA TRASPARENTE .....

Questo racconto di è stato letto 7 5 5 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti eeroticiracconti erotici estetistaracconti sesso analeracconti pormosesso fra parentiracconti erotuciincesto annuncisesso estremo con animaliraccpnti eroticiracconti reali di sessoracconi pornoracconti erotiviculi rotti raccontiracconti erroticifemdom storieracconti cukho inculato mia madreracconti sex 69racconti pronoraccontia69racconti dominazione transdominazione raccontistorie eroticoracconti erotici nudistiracc milùracconri pornoracconti erotici nuoreorgia raccontoracconti erotici trasgressiviracconti porno con canisesso a tre bisexracconto safficoracconti erotici mamma e figliaracconi miluracconti porno incintastorie porracconti erotila troia di mia suocerastorie femdomracconti di cuckoldsesso incestitacconti eroticimoglie troia raccontierotiche storieracconti reali di incestiracconti reoticiracconti erotici analracconti porboracconti erotici calzeracconti hard gratuitiracconti erotici lunghistore pornoracconti porno milfmamme racconti eroticiracconti omosexerotici rccontiraccondi eroticistori eroticheerotici rccontiracconti eroticiistorie erracconti erotici travwww.eroticiraccontizia nipote raccontistorie di tettonemia cognata raccontiraccontini eroticiraccontieroracconti gay dominazionestoria cuckoldracconti erotici incestuosiwww.racconti-erotici.it