Scambio culturale

Scritto da , il 2019-07-10, genere prime esperienze

Marta non si aspettava nulla di particolare da quell’estate. Era rientrata in Italia, dopo aver trascorso l’anno in Germania a studiare, quasi controvoglia.
Sentiva di avere il cuore diviso: gli amici, Bruno, il suo quasi-fidanzato, tutti gli affetti lasciati a Colonia da un lato, la sua famiglia, le amiche di infanzia e la sua Grosseto dall’altra.

La mamma l’aveva avvertita della novità per telefono.
Giacomo, il suo fratellino, non ci sarebbe stato ad accoglierla.
Aveva deciso di aderire ad un programma di scambio culturale, proprio come lei da ragazzina, ed una decina di giorni prima era partito con destinazione Malmo, Danimarca.
Entrambe i suoi genitori avevano sempre avuto una sorta di ossessione per lo studio all’estero, specie la mamma, esperienza che loro stessi avevano avuto la fortuna di fare da ragazzi.
Era per questo che avevano sempre spinto sia Marta sia suo fratello a fare anch’essi questo percorso.
Giacomo fino a quest’anno era sembrato piuttosto impervio all’argomento, solo all’ultimo si era convinto.

Rientrare a casa propria dopo più di sei mesi fù piacere inatteso per la giovane donna.
Tutto era come l’aveva lasciato, Geremia, il loro golden retriver l’aveva accolta per prima facendole un sacco di feste.
La mamma ed il papà non c’erano, avevano lasciato le chiavi come spesso facevano sotto il vaso accanto al portone.
Lì in campagna si poteva, si stava tranquilli.

Fece una doccia, svuotò la valigia e si riappropriò con calma dei suoi spazi, poi uscì per vedere le amiche.
A cena ritrovò finalmente i suoi, le presentarono Magnus, il ragazzo danese dello scambio culturale arrivato solo da qualche giorno.
Marta decisamente non se lo aspettava così.
Aveva la pelle scottata dal sole, colpa della giornata passata al mare, una massa di capelli castano-chiari che parevano essergli esplosi in testa e uno sorriso contagioso apparentemente formato un numero abnorme di denti regolari e bianchissimi.
Con in testa l’immagine di suo fratello Giacomo, un normale ragazzo di diciassette anni italiano, forse appena più mingerlino della media, Marta faceva fatica a conciliare l’aspetto del nuovo arrivato, alto persino più di suo padre, con la sua età.

Parlava fluentemente tedesco Magnus, Marta ne fù felice perchè significava avere qualcuno con cui esercitarsi in una lingua che dopo un’anno risultava ancora piuttosto ostica per lei.
Anche il ragazzo ne fù molto felice, in quella casa il tedesco non lo parlava nessuno e nei giorni precedenti la comunicazione era dovuta passare attraverso il suo inglese stentato oppure per il tedesco da Google Translator di mamma e papà.

Si sviluppò subito una certa intesa, forse perchè entrambe vedevano nell’altro ricordi familiari di affetti lontani.
Marta, libera da impegni di sorta, lo scarrozzava di quà e di là con entusiasmo, orgogliosa di mostragli le bellezze del suo paese.
Lo accompagnava in spiaggia, a Marina di Grosseto, un paio di volte a visitare Firenze, facevano compere insieme.
Magnus era un tipo spigliato ed esuberante, in fondo poi non molto più maturo di Giacomo.
Era l’aspetto fisico del ragazzo a portare la giovane donna fuori strada: alto più di uno è ottanta, fisico asciutto, nervoso, ma con spalle larghe e muscoli ben delineati.
A ricordare a Marta della sua età rimaneva quel volto imberbe, quegli occhi dolci, di un verde-azzuro che le ricordava il mare d’estate.
Poteva solo sospettare della cotta che si era preso per lei appena l’aveva vista...

Una specie di dea greca, questo Magnus aveva pensato di Marta quella sera che per la prima volta si erano incontrati a cena.
Lunghi capelli bruni, pelle d’alabastro come le statue che aveva visto nei libri, occhi grigio-blu come il cielo in tempesta, freddi, incastonati in un visto affilato e perfettamente simmetrico, appena spolverato da una spruzzata di efelidi sul naso e gli zigomi.
Solo le sopracciglia marcate, splendidi archi romani, ne addolcivano lo sguardo.
Il ragazzo era rimasto folgorato.
Mai avrebbe potuto sperare che Marta parlasse anche la sua lingua, che fosse così dolce, gentile spiritosa, oltre che bellissima.

Lasciarono scorrere quelle settimane godendo l’una della compagnia dell’altro.
Dato che le sue amiche erano tutte indaffarate, quasi l’avessero messa da parte, Marta era molto felice di aver quel bel ‘fratellino surrogato’ con cui passare le giornate.
Magnus le aveva chiesto di insegarle l’italiano, a lei stava bene, purchè continuassero ad esercitarsi anche col tedesco.
Chiaccheravano, ridevano, facevano battute e talvolta maliziosi doppi sensi che dissulavano col le differenze linguistiche, anche fino a notte fonda alle volte, chiusi in camera di Giacomo.
Uscivano insieme la sera ogni tanto.
Marta lo aveva fatto conoscere alle sue amiche che le avevano fatto tutte il gomitino, maliziose.

Più di qualcuno li scambiava per una coppia se li incontrava di sera.
Altri prendevano Marta per la sorella maggiore del ragazzo, la zia magari, o addirittura una giovane mamma, per come lo accudiva, specie incontrandoli di giorno.
Come si toccavano, come si guardavano, quasi tutti finivano per pensare la stessa cosa dopo averli osservati insieme sufficientemente a lungo comunque...
Magnus la sovrastava anche con i tacchi alti, le cingeva la vita, le carezzava le spalle, era sempre molto premuroso.
Bevevano vino, al ragazzo danese il Chianti piceva parecchio, come pure a Marta.

Quando erano brilli poi finivano per girare per i vicoli di Grosseto fino a notte fonda, da soli.
Il primo bacio se lo diedero una di quelle volte, quasi per gioco.
Marta sapeva che era sbagliato e che la responsabilità era tutta sua, ma ciò non impedì alla cosa di ripetersi ancora ed ancora.
Le mani ossute e forti di Magnus, le labbra carnose, la facevano vibrare come mai avrebbe creduto possibile.

Magnus da canto suo credeva di essere finito in paradiso.
Prima di Marta aveva baciato solo un’altra ragazza, una compagna di scuola ad una festa.
Tutto era nuovo e incredibile per lui.
Sondava incerto il mistero nascosto sotto la stoffa leggera dei meravigliosi, corti, vestini della bella italiana, scopriva anfratti, calore, umidità con il timore reverenziale d’un esploratore d’altri tempi in terra straniera.
Si deliziava di come quella Venere mediterranea postesse tramutarsi calato il sole e scioglersi tra le sue mani dopo qualche bicchiere di quello prodigioso nettare color rubino, quel vino che mai prima d’ora aveva assaggiato.
Al mattino lei tornava l’altra, negava tutto, quasi fosse stato un sogno.
E se ammetteva dava la colpa all’alcool, poi gli intimava di scordarsene.

Marta credeva di manterenere controllo della situazione con quel comportamento.
Lasciava che Magnus la portasse ogni volta ad un passo dal punto di non ritorno, ogni volta negandosi prima dell’irreparabile.
Si vergonava tremendamente all’idea che i suoi genitori o le sua amiche potessero scoprire cosa faceva col ragazzo, eppure il bisogno di quelle mani, di quella bocca, era già diventato troppo forte per rinunciarvi.
Di sera in sera, di proposito, arrivava ad ubriacarsi quasi, poi con la scusa di non poter guidare trascinava Magnus in giro per la città per smaltire.
Faceva finta di inciampare magari, o di avere un mancamento, lui la soccoreva e un secondo dopo erano lì, al riparo di un portico o dentro un vicolo buio, allacciati l’uno all’altro come ne dipedesse la propria vita.
Potevano trascorrere ore intere tra passeggiate e furtive effusioni.
Marta si prendeva il suo piacere, poi quando sentiva di non resitere più fermava il ragazzo, si incamminavano verso la macchina e tornavano a casa.

Mangus era confuso da questo comportamento, ma troppo infatuato ed eccitato per obiettare.
Si, certo avrebbe voluto di più, ma quello che faceva con Marta era pur sempre più di quello che aveva mai fatto con qualunque altra ragazza.
Ogni momento con lei, ogni bacio, ogni carezza, erano un dono prodigioso.

L’otto Luglio era il venticinquesimo compleanno di Marta, un mercoledì.
La ragazza non era solita fare grandi festeggiamenti: il programma prevedeva cena in casa e successivamente un bicchiere con le amiche come al solito.
I suoi a dispetto della tradizione colsero l’occasione per prepararle una cena di quelle da ricordare, avevano un’ospite di riguardo dopo tutto, mica si poteva sfiguare.
Stapparono anche una bottiglia di pregio per innaffiare il pasto, seguita ben presto da una sua sorella gemella.
Si bevve tutti in allegria.
I genitori di Marta, rimasti piacevolmente sopresi dal gradimento mostrato da Magnus per il buon vino e dai suoi incredibili progressi con l’italiano, si ritiraro per primi, sazi e soddisfatti.

I due ragazzi si offrirono di rassettare, lo fecero terminando la bottiglia di vino aperta, sembrava un peccato non farlo, tanto più che della prima avevano avuto poco più che un assaggio.
La vuotarono in fretta tra una chiacchera e l’altra.
Una volta finito sistemare il rustico si spostarono nel portico, la terza sorella era con loro.
Bevvero e chiaccherarono, e poi bevvero ancora, fino a notte fonda.
La tolleranza di entrambi all’acool era di certo migliorata in quelle settimane, non tanto da rimanere indifferenti a più di mezza bottiglia di vino a testa.
Si ritrovarono a scambiarsi effusioni sul dondolo in giardino senza neanche rendersene conto.

Marta aveva la testa leggera, un po’ le girava forse, certo, ma aveva la stiuazione sotto controllo.
Si deliziava dello sguardo adorante di Magnus, delle sue mani calde e smaniose.
Lasciò che la toccasse come mai prima di allora, stranamente per nulla preoccupata chi suoi genitori potessero coglierla in flagrante.
Toccò Magnus, come mai aveva osato fare, inibita da quegli approcci clandestini per strada.
“Lasciami scartare il mio regalo” gli disse ridendo.
Il ragazzo forse non colse del tutto l’ironia, ma non ebbe alcun problema ad assecondarla.

Magnus era estasiato, per una buona volta aveva finalmente potuto vedere, oltre che toccare le grazie di Marta, seppur solo alla fioca luce dei lampioncini del giardino.
La giovane si era lasciata guardare, divertita e senza vergona, mentre lui le scostava gli slip e con la mano esplorava il suo sesso con l’entusiamo di un bambino.
Si era lasciata sollevare la canotta di cotone, una volta slacciato il reggiseno, si era fatta baciare i seni opulenti e marmorei che mille volte Magnus aveva ‘cartografato’ alla cieca con le sue mani, nascosto in qualche anfratto buio del centro di Grosseto.
In perfetto italiano le aveva detto che neanche il Bernini avrebbe mai potuto scolpire qualcosa di tanto bello.
Un po’ patetico forse, ma lei poi gli aveva chiesto di calare i pantaloni e lui aveva ubbidito felice.

A trovarsi davanti la mascolinità prepotentemente verticale di Magnus, la testa di Marta si riempì di dubbi e di idee sconce.
Benchè fosse il suo di compleanno, voleva regalare al ragazzo un poco di piacere, quasi a risarcimento della frustrazione che immaginava avesse patito nelle settimane precedenti.
Lo afferrò saldamente con la sinistra, era mancina, ed immediatamente rimase rapita da quel turgore incandescente, dalla densità quasi granitica.
Le dimensioni del ragazzo non erano state una completa sopresa, ne aveva già colto l’entità nei ripetuti, a volte lascivi, a volte innocenti, sfregamenti ai quali si erano abbandonati nelle settimane precedenti.
Eppure, vedere con i propri occhi, le tolse il fiato per un istante.
Cominciò un lento lavorio di polso che poco aveva a che vedere col piacere del ragazzo, quanto più con la sua curiosità.
Sentiva la pelle tesa e calda scorrere sotto le sue dita.
La sua mano minuta faceva risultare ancora più grande quel che stringeva con un effetto quasi grottesco.
Continuò per un po’, quasi ipnotizzata.
Si rese conto del desiderio bruciante di averlo dentro, anche solo nella bocca.

Mangus accolse come l’acqua nel deserto le labbra umide di Marta sul suo sesso congestionato.
Cose del genere ne aveva viste solo su internet.
Sapeva che erano fatti normali fra uomo e donna, non aveva sperato di poterne fare l’esperienza proprio quella sera.
La bocca e la lingua di Marta sembravano così differenti ora che non baciavano la sua bocca, quasi lo solleticavano.
Si ritrovò ad immaginare come sarebbe potuto essere varcare la soglia inferiore, proprio li magari, su quel dondolo.
Senza pensarci su troppo glielo chiese.

Per Marta fù come una doccia d’acqua fredda sentirsi ricordare che dov’erano e cosa stavano facendo.
Arrossì, si ricompose.
Voleva scappare via, ma poi notò gli occhi spaesati e quasi imploranti del bel ragazzino danese.
Gli comandò di rivestirsi allora, poi lo prese per mano e se lo triò dietro dentro casa.
Non aveva cuore di lasciarlo lì così.
Badando a non fare rumore quando passarono davanti alla porta dei suoi, se lo portò in camera, al piano superiore.

Magnus rimase sorpreso e onorato della cosa, si sarebbe aspettato di andare come sempre facevano in camera sua, in camera del fratello di Marta, Giacomo.
Aveva portato con se la bottiglia di Chianti, poco più piena della metà.
Ne bevve un sorso per darsi coraggio, aveva grandi aspettative…

Marta lo fece sedere sul suo letto, maledendo l’abitudine che vigeva in casa propria di non avere chiavi alle porte.
Gli prese la bottiglia dalla mano, ne bevve un sorso, per darsi coraggio, poi lo fece stendere.
Lui la fece fare in silenzio, lasciò che gli sfilasse i pantaloni e i boxer senza muoversi quasi.
La pausa non aveva sortito il minimo effetto sulla eccitazione del ragazzo, Marta se ne compiacque.
Alla luce dell’abat jour, tolse la canotta di cotone e la gonna di lycra.

Magnus non stava più nella pelle, cercava di concentrarsi su dettagli insignificanti, l’intonaco bianco del soffito, le foto che costellavano le pareti, i peluche disposti ordinatamente su di un’alta mensola.
Sfortunatamente tutto in quella stanza lo riportava a Marta.
Si domandava come sarebbe stata la sua prima volta, se lui sarebbe stato all’altezza.
La mano affusolata di lei lo riscosse.
Mentre riprendeva il sensuale massaggio, Marta si ritrovò nuovamente desiderare il sesso con Magnus.

Si vedeva nella sua stesta calvalcarlo su quello stesso letto, in quella stanza senza chiave alla porta, a pochi passi dai suoi genitori addormentati.
Si accomodò accanto a lui con le gambe raccolte.
L’aria calda ed umida della notte entrava dalla finestra spalancata sul giardino.
Solo il frinire delle cicale rompeva il silenzio denso e afoso.
Erano entrambe sudati.
Marta gli prese le braccia e gliele sollevò, poi gli sfilò la maglietta.
Indugiò per un istante con lo sguardo sugli addominali ben delineati del ragazzo, poi si chinò sopra di lui e lo prese per la seconda volta tra le labbra.
La sua pelle salata aveva acquisito un vago sentore di vino.
Trovava una certa difficoltà a dare il meglio di se viste le dimesioni di Magnus.
Gli girava attorno, lo lambiva e lo baciava come venerasse un totem.

Le mani di Magnus la accarezzavano, prima incerte, poi via via più sicure e audaci.
Prese a baciarla anch’egli: le caviglie, le gambe, le natiche, la pelle sensible tra le cosce.
Marta non si opponeva, lasciava che il ragazzo conducesse quella danza sinuosa fatta di baci e bramose carezze in un turbinare di lenzuola sudate.

Per Magnus il sesso prima di quella sera era stato solo materia teorica.
Aveva studiato bene, ma non era preprato alla meraviglia di quello splendido corpo di donna, a quei sapori, a quegli odori, a quegli sfioramenti brucianti.
Marta era così leggera e duttile tra le sue braccia, sembrava più creta che marmo in quel frangente.
La stese sulla schiena e banchettò su ogni centimetro della sua pelle liscia e fragrante, solo appena arrossata dal sole. Le sfilò le mutandine nere, baciò il monte di venere, dal pelo fitto e scuro come la notte, poi, incapace di inudugiare ulteriormente s’aggiustò tra petali umidi del suo sesso e si tuffò in lei.

Per Marta invece non era di certo la prima volta, tuttavia ebbe quasi l’impressione che lo fosse.
Era passato tempo dall’ultima, troppo tempo.
Magnus la dischiuse con impazienza e per di più lo fece cogliendola alla sprovvista.
Ebbra di piacere e di vino la giovane donna non s’era avveduta fino all’ultimo istante di cosa stesse facendo il ragazzo fra le sue cosce.
Aveva sussultato, si, strozzando a malapena un grido di sopresa che certamente avrebbe potuto allertare i suoi genitori, ma non lo aveva respinto.
Lo aveva accolto anzi, felice che lui avesse preso quell’iniziativa che lei non aveva avuto il coraggio di prendere.
La rimepiva in un modo che non avrebbe mai pensato possibile, lasciò che il suo corpo si adattasse un poco, prima di spronare Magnus conservando una certa esitazione.

Ma per il ragazzo il sesso non era poi molto diverso dal porre un castello sotto assedio con l’ariete, scopri Marta.
L’incombenza di educarlo era tutta sua, dopo tutto.
Lasciò che lui si sfogasse da principio, sostenedo i colpi vibrati da qui vigorosi lombi fino alla sua soglia di sopportazione massima, fino a sentirsi piacevolmente inondare.

Magnus provò un grande imbarazzo per la rapidità con cui raggiunse l’orgasmo.
Avrebbe dovuto essere estatico nella circostanza, ma non riusciva a non pensare di aver fallito una prova.
Nemmeno il bel viso arrossato, bevevolmente sorridente, della sua dea riusciva a rincuoralo.
Voleva disperatamente rimediare, ne faceva una questione d’onore e d’amore.

Marta ebbe gioco decisamente più facile a guidare il suo giovane ed inesperto amante la seconda volta.
Lo fece stendere nuovamente sulla schiena, poi si lasciò scivolare dentro quel’obelisco pulsante, per nulla fiaccato nella consistenza nonostate i pochi minuti trascorsi dall’amplesso.
Si accontentò di un leggero dondolio da principio, ancora intimorita dalla mascolinità taurina del ragazzo, ma oramai gli argini erano rotti e la fantasia realtà.
Essere colta sul fatto era solo una probabilità remota in quel momento.
La frenesia e la lussuria più cieca ben presto la sopraffecero, gli orgasmi si susseguirno, montando come mare in tempesta.

Magnus si lasciò cavalcare fino allo stremo quella notte.
Lasciò che Marta lo iniziasse alla meraviglia del sesso dimostrandosi uno allievo ricettivo e premuroso.
Nei giorni seguenti la giovane tentò di negarsi come fatto precedentemente, ma si sà quanto vano sia chiudere la stalla dopo che i buoi sono scappati.
Il bisogno di averla era diventato una febbre per Magnus, ogni ogni occasione era buona per una nuova lezione della sua bella maestra.
Marta si mostrava ritrosa, lo blandiva, specie se non aveva bevuto, ma non poteva fare a meno di bramare lei stessa quel piacere proibito.

Per la fine di Agosto erano diventati stabilmente amanti clandestini.
Anche con con la mamma e papà di Marta in casa, i due non si facevano più scrupoli.
Si chiudevano nella stanza di Giacomo, la scusa era quella dello studio, dello scambio culturare tanto caro agli aziani genitori.
La realtà erano lunghe sedute di petting e torride sveltine con l’orecchio teso e il cuore a mille.

Marta posticipò la partenza per la Germania quantò più potè, alla fine però i suoi impegni la reclamarono.
Salutò la mamma e il papà con trasporto e il giovane diventato uomo che aveva preso alloggio nella camera di suo fratello con una semplice ma calorosa stretta di mano, di affettuosità se ne erano scambiate fin troppe la notte antecedente.
Sul taxi che la conduceva in areoporto riflettè sulla sua mancanza di entusiasmo per l’imminente partenza.
Sorrise di come fossero cambiati i suoi sentimenti per l’Italia in quegli ultimi mesi e di come la causa fosse proprio un giovane straniero.
Alla fine, si disse, doveva proprio dar ragione a sua madre: lo scambio culturale davvero apre la mente e il cuore...

Questo racconto di è stato letto 5 2 8 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


raccontieroticigratisracconti erotici amiciracconti porno mamma e figlioamoreinfamiglia.blogspot.itraccpnti pornostorie sesso gratisracconti eroti ciho scopato mio fratellostrorie pornoracconti erotici gay bisexpompini nei cessiraccontineroticiraconti sexracconti incedtoracconto erotracconti sadomasiracconti hard moglieracconti erotsorellina porcellinaragazza inculata dal caneincesti veri raccontiracconti feetstorie etoticheesperienze scambio di coppiaracconti porno con caniracconti d'incestoeroticiracontiraccoonti eroticistorie ornola suocera raccontii generi racconti eroticiracconti eroticracconti maritiracconti erotici con sorellaraconti incestoracconti milu comsesso donna con animaleracconti feticismomoglie porca al marestorie feticismo piediracconti eroiticiracconti eroticaracconto massaggio eroticostorie femdomi generi di racconti inceatoracconti erotici teenstorie erotiche suocerar acconti eroticiracconti erotici footjobracconti porno mammeracconti erotici69racconti erotici tradimentoracconti eroticiùstorie hot gratistracconti eroticila porca di mia ziainculata da un vecchioraccont eroticstorie poenoracconti erotici.spulpspiando mammamasturbazioni violentemamma ingravidata dal figlioscambio di coppia bisexstorie fetishracconto erotico ginecologorac eroteroticiraccontiracconti eroticaracconti wrotici