No Quarter, episodio 3 - Prometto di non guardare

Scritto da , il 2019-07-10, genere esibizionismo

Proprio come erano rimaste d'accordo, le due ragazze si trovarono poco prima di pranzo, per passare il resto della giornata insieme. Fu Lory a suonare il campanello della vicina e a mettere a disposizione la propria macchina, con la quale si diressero verso il centro. Durante il tragitto, tutto sommato piuttosto breve, illustrò a Marta alcune peculiarità e pregi della propria città. Dal canto suo, l'amica ascoltava con interesse, compiaciuta non solo del paesaggio che poteva ammirare dai finestrini dell'auto, ma anche dell'orgoglio che Lory manifestava nel parlare della Val d'Aosta.
Entrambe si comportavano in maniera naturale, era come se avessero deciso di considerare solo un frutto della propria immaginazione quel momento di intimità che la mattina avevano vissuto, seppure l'una all'insaputa dell'altra.
Si fermarono a mangiare un boccone in un localino tipico, una piccola osteria dall'atmosfera accogliente e un po' retrò. Tra un antipasto, qualche gustoso manicaretto e un buon vino locale, chiacchierarono amabilmente per oltre un'ora, imparando a conoscersi un po' meglio. L'età simile consentiva loro di avere parecchi argomenti di discussione, e una naturale quanto innegabile sintonia permise di trovare l'una nell'altra una più che gradevole interlocutrice. Stavano talmente bene, che si trattennero a tavola più del previsto.
«Ma abbiamo quasi finito una bottiglia in due?» osservò a un certo punto Lory, incredula.
Per tutta risposta, Marta versò il poco vino che rimaneva distribuendolo equamente nei due bicchieri. «L'ultimo e poi andiamo» disse appoggiando il bicchiere su quello di Lory, per un cin cin.

Il centro storico era decisamente bello e caratteristico, pieno di botteghe sulle cui vetrine le due ragazze si soffermarono a lungo. La meta principale del loro giro, tuttavia, era quel negozio di abbigliamento che Lory aveva consigliato sin dal momento in cui aveva saputo della necessità di Marta di rifarsi parte del guardaroba. Appena entrate, i loro sguardi furono attratti da diversi capi interessanti. Decisero quindi di fare scorta e portare tutto in camerino, dove avrebbero potuto provarseli e scambiarsi un parere.
Uscendo più volte da dietro le rispettive tendine, Marta e Lory si vedevano ad ogni giro con un capo d'abbigliamento diverso, quasi come se fossero state le protagoniste di una sfilata di moda. E quasi sempre finiva con grandi complimenti, da una parte e dall'altra. Entrambe ammiravano il fisico dell'amica, e sembrava che un po' tutto stesse bene addosso a loro.
Lory si sperticò in convinti apprezzamenti soprattutto per una gonna a campana grigia, che a suo modo di vedere risaltava i fianchi dell'amica. Marta, inizialmente poco convinta perché la riteneva un po' troppo corta, fu persuasa proprio dalle sue parole a procedere con l'acquisto. Insieme, comprò anche un paio di shorts e un top che trovava le evidenziasse con eleganza le forme.
Da parte sua, Lory acquistò una camicia con maniche a sbuffo in stile anni '70, con una fantasia un po' hippy, alla quale unì un kimono nero di seta.

«Manca ancora qualcosa - disse Marta, quando Lory sembrava già pronta a recarsi alla cassa - Ieri sera ne ho parlato con Riccardo, e ci piacerebbe ricambiare l'ospitalità portandovi fuori a cena, uno dei prossimi giorni. E a me serve per forza un vestito per l'occasione!».
La proposta incontrò subito il suo apprezzamento, così le due si diressero verso la parte del negozio dove avrebbero potuto trovare ciò che Marta cercava.
«Buongiorno, sono Kimberly, posso aiutarvi?» sentirono ad un tratto alle loro spalle, e si girarono quasi contemporaneamente. Una commessa giovanissima, forse sui diciannove o vent'anni, le aveva raggiunte e le fissava con due occhi spalancati e un sorriso bianchissimo a trentadue denti.
«Sì, ciao... Kimberly - disse Lory, non riuscendo a trattenere una punta di perplessità per quel nome tanto inusuale - Stavamo cercando un bel vestito da sera per la mia amica».
«Oh, fantastico, ne abbiamo di bellissimi! Lasciate che ve li mostri!». La voce stridula e dal tono decisamente troppo entusiasta, uniti al look della ragazza - lunghi capelli biondi e trucco pesante - la rendevano un personaggio senza dubbio... caratteristico. Marta e Lory non poterono evitare di lanciarsi un'occhiata complice, che valse più di mille parole.
Seguendo le indicazioni delle ragazze, tirò fuori cinque o sei vestiti, uno più bello dell'altro.
«Cosa ne pensi?» chiese Marta, desiderosa di un consiglio.
«A me piacciono tutti, ma se proprio devo dirne uno, credo che questo ti starebbe benissimo». Indicò un tubino nero, corto e senza maniche, che da subito anche a Marta era piaciuto molto.
«Sono d'accordo, saresti davvero adorabile» le fece eco la commessa, con una confidenza tipica dei ragazzi della sua età.
«Io invece penso... - disse Marta, toccandone un altro - che questo starebbe benissimo a te!».
Lory la guardò sorpresa, ma non fece tempo a rispondere che di nuovo la biondina si intromise: «Sì, è vero! Che ne dite ragazze, andiamo a provarli?».
Marta guardò divertita Lory, la quale dopo qualche secondo di silenzio non poté che risponderle facendole un po' il verso: «Andiamo a provarli, ragazze!».

Il negozio era affollato, e in quel momento era rimasto un solo camerino libero. Fu Lory a entrare per prima, per provare quell'abito color burgundy che in effetti aveva apprezzato fin dal primo sguardo. Mentre si spogliava, sentì che lì fuori le altre due stavano chiacchierando.
«E così... Kimberly, eh? È un nome particolare».
«Sì - rispose la commessa - In realtà non sarebbe proprio il mio vero nome».
«Ah, no? E come ti chiami?».
«Beh... Carmela».
Da dietro la tenda, Lory dovette far ricorso a tutto il suo autocontrollo per strozzare una risata, e dissimularla con un colpo di tosse. Marta se ne accorse comunque: dalla sua posizione, vide che la tendina non era tirata perfettamente, e lanciando uno sguardo dentro le parve di cogliere un'espressione divertita della sua amica, nonostante fosse girata quasi di tre quarti.
«Anche Carmela è un bel nome» le disse sincera, con atteggiamento quasi da sorella maggiore.
«A me non piace tanto. Era il nome di mia nonna, ma non l'ho mai sentito mio. Io mi sento più Kimberly, capisci?».
Marta annuì con un sorriso, rinunciando a replicare. Non resistette però alla tentazione di lanciare un altro sguardo nel camerino, per vedere se Lory avesse continuato a seguire la loro conversazione. Senza volerlo, la colse in un momento particolare. La scollatura del vestito imponeva di portarlo senza reggiseno sotto, e in quell'attimo Lory era proprio intenta a toglierlo. Marta avrebbe voluto staccare lo sguardo, ma la sua innata curiosità glielo impedì. E sebbene l'amica fosse quasi girata di spalle, le bastò intuire la forma perfettamente tonda di quell'abbondante seno per ritrovarsi ad ammirarla un po' più a lungo di quanto fosse opportuno.

«Siete qui in vacanza? Non mi pare di avervi mai visto» chiese all'improvviso la commessa, richiamandola all'ordine.
«Ehm, io sì» rispose dopo una breve esitazione, solo per ritrovarsi incastrata in una conversazione superficiale che in quel momento non aveva davvero voglia di sostenere. Per fortuna dopo pochi secondi Lory finalmente uscì dal camerino, rivelandosi in tutta la propria bellezza.
«Ma wow, sei da mozzare il fiato!» esclamò subito Kimberly, mettendoci ancora una volta un po' troppo entusiasmo.
Lory quasi non se ne curò. Sistemando la gonna sui fianchi, guardò Marta e tradendo un pizzico di ansia le chiese con un filo di voce: «Tu che ne pensi?».
La risposta tardò qualche secondo ad arrivare. Marta la osservava con sincera ammirazione, l'abito le stava benissimo e la trovava davvero bella. Le spalline sottili scendevano con grazia fino a formare uno scollo incrociato, al centro del quale il solco del florido seno si palesava in tutto il suo orgoglio. Nel fare un rapido giro su se stessa, Lory rese evidente come anche sul fondoschiena la stoffa si posasse in maniera elegante, per poi culminare in fondo in una frangia che le solleticava il ginocchio.
«Stai... stai davvero benissimo» disse infine Marta, rammaricandosi per non essere riuscita a trovare un commento più originale. Lory comunque gradì, lo diede a vedere con un sorriso timido. E iniziando a sentirsi arrossire, uscì dalla situazione invitando l'amica ad imitarla: «Dai, tocca a te, vediamo come ti sta il tuo!».

Quando entrò in camerino col suo abito, Marta prese una decisione estemporanea che lei stessa a posteriori ebbe difficoltà a spiegarsi: richiuse male la tendina consapevolmente, lasciando un pertugio piuttosto ampio da un lato. Forse si sentiva semplicemente in colpa per aver spiato Lory poco prima mentre si cambiava, e in qualche modo pensava che sarebbe stato giusto darle l'opportunità di "vendicarsi" allo stesso modo.
Fu anche per questo che, mentre si spogliava, il suo sguardo cadde spesso fuori dal camerino, dove tuttavia Lory e Kimberly chiacchieravano senza apparentemente preoccuparsi di lei. La commessa continuava a sperticarsi in elogi, sembrava ci tenesse davvero a concludere la vendita. A un certo punto però Marta assistette a una scena alla quale, lì per lì, stentò a credere.
«Scusa se mi permetto... - disse la giovane, facendo un passo in avanti - Hai davvero un fisico incredibile, posso?». Nel dire così, allungò le mani fino a posarle sul seno di Lory, la quale sorpresa non ebbe la prontezza di spostarsi. «Ma sono vere?» le chiese, soppesandole le tette in quelli che Lory giudicò come due tra i secondi più imbarazzanti della sua vita.
«Sì, sono vere» le rispose infine, divincolandosi con un passo indietro. In quel momento le venne naturale girarsi verso il camerino, e incontrando lo sguardo di Marta si rese conto che l'amica aveva assistito a tutta la scena. Lory la guardò sgranando gli occhi, come a cercare il suo sostegno dopo un gesto tanto surreale. Dal canto suo, Marta dovette coprirsi la bocca con la mano per evitare di scoppiare a ridere. A quel punto anche la stessa Lory, andando istintivamente a incrociare le braccia davanti al seno, fu costretta a impegnarsi per trattenere una risata.

Pochi secondi dopo, per sua fortuna, un'altra cliente del negozio le venne in soccorso, richiamando l'attenzione della commessa che scusandosi dovette allontanarsi. Non appena si sentì libera, Lory saltellò verso il camerino, afferrando un lembo della tendina e infilando dentro la testa.
«Mio Dio! L'hai visto anche tu? Non me lo sono sognato, vero?» le chiese incredula.
Marta annuì, facendo ricorso ancora a tutto il proprio autocontrollo per non ridere.
La situazione era stata talmente assurda, che Lory ci mise qualche secondo a rendersi conto di quanto fosse stata sgarbata la sua intrusione in quel camerino. Ma d'altra parte, anche se lei non poteva saperlo, quella stessa mattina aveva già visto Marta completamente nuda, e quindi in quel momento vederla mentre si sistemava quel tubino aderente in merletto non le sembrava così eccessivo. Per fortuna l'amica sembrava pensarla allo stesso modo, infatti senza farsi problemi si girò e le chiese di darle una mano con il laccetto che andava legato dietro al collo.
Per facilitare l'operazione, Lory entrò del tutto in quello spazio ristretto, assicurandosi di richiudere la tendina alle sue spalle. Qui aiutò Marta a completare la vestizione, e infine guardandola le disse sincera: «Sei uno schianto! Ho un paio di scarpe che starebbero benissimo, con quel vestito».
Volendosi vedere allo specchio, la ragazza fece per uscire dal camerino, ma Lory la bloccò. «No, aspetta, e se è tornata?» le chiese tra il serio e il faceto.
«Dovrei acquistarlo basandomi solo sul tuo giudizio?» rispose Marta, stando al gioco.
Per tutta risposta, Lory schioccò le dita come se fosse stata colpita da un'idea geniale, e dopo aver frugato nella propria borsa appoggiata lì a terra, estrasse il telefono e lo puntò verso la sua amica. Marta decise ancora di darle corda: sfoggiando un sorriso esagerato e sbattendo le ciglia con fare civettuolo, si mise in posa e si fece scattare una foto. Quando vide il risultato, se ne compiacque: il vestito le stava davvero bene. Pensò allora di ricambiare la cortesia, e afferrando il telefono invitò Lory a mettersi in posa a sua volta, scattandole un'altra foto. A quel punto, per entrambe venne naturale avvicinarsi e scattare un selfie di coppia, una vicina all'altra. Il risultato fu un'altra bella foto, anche più sexy di quella che era la loro intenzione.
«Ci comportiamo proprio come due quindicenni» scherzò Marta.
«Se avessi quindici anni... - rifletté Lory - Penso che cambierei nome. Che ne dici di Jennifer, ti piace?».
Entrambe scoppiarono a ridere, liberando finalmente un impulso che avevano represso troppo a lungo.

«Ho aggiunto il mio numero alla tua rubrica - disse infine Marta, restituendole il telefono - Poi me le mandi, quelle foto?».
Lory annuì, confermandole che lo avrebbe fatto con piacere. A quel punto rimase qualche secondo in silenzio, con lo sguardo perso nel vuoto.
«Che c'è?» chiese allora Marta.
«Io... non voglio uscire lì fuori da quella palpatrice!».
Marta rise ancora, soprattutto per l'uso di una parola inusuale come "palpatrice". Al che le fece una proposta: «Ti dico che facciamo: ci diamo le spalle e ci cambiamo insieme, io prometto di non guardare. E poi sgattaioliamo via in un secondo!».
A Lory si illuminarono gli occhi, quell'idea la metteva molto più a suo agio di dover uscire. E così fecero, dandosi le spalle si tolsero contemporaneamente gli abiti che avevano ormai deciso di acquistare, rimanendo entrambe con addosso solo gli slip. E seppur dovendo ricorrere a un piccolo sforzo di volontà, nessuna delle due cedette alla tentazione di guardare l'altra, neppure quando piegandosi in quel metro quadro di camerino i loro glutei si sfiorarono. Una volta che entrambe si furono rivestite, Marta mise furtivamente la testa fuori, e constatando che la via era libera scapparono verso la cassa.

Appena prima di arrivarci, tuttavia, l'attenzione di Lory fu rapita da un paio di scarponcini da montagna.
«Erano queste le scarpe che starebbero benissimo col vestito?» le chiese sarcasticamente Marta, vedendoseli porgere.
«Ho avuto un'idea - replicò Lory - Hai impegni domani? Ti porto a fare una gita al lago, in mezzo alla natura!».
«Impegni? Macché, sono tutta tua! Però...».
«Però?».
«Però... Se mi parli di lago, a questo punto mi sa che dovrò comprare anche un costume da bagno, perché non ne ho portato via neanche uno».
«Oh, è vero!».
A quest'ultima esclamazione, Lory si morse il labbro, temendo di aver parlato troppo. Non era ancora pronta a rivelarle di averla vista mentre prendeva il sole nuda in terrazzo. Marta tuttavia sembrò non accorgersene, e così lei tagliò corto: «Andiamo a pagare, intanto. C'è un negozietto di intimo e costumi a cinquanta metri da qui, che fa al caso nostro».

Detto, fatto. Appena cinque minuti dopo, Lory e Marta erano intente a selezionare alcuni costumi da bagno tra i tanti a disposizione nel negozio, stavolta con l'aiuto di una commessa più adulta e meno impicciona, che dopo averle aiutate a orientarsi si era allontanata per seguire un'altra cliente.
Una volta ridotta la scelta a soli tre capi, Marta era entrata in camerino e subito aveva constatato con piacere che stavolta c'era uno specchio anche all'interno. Dopo aver provato il primo costume, un bikini a fascia con delle culotte color verde militare in stile camouflage, decise che comunque le avrebbe fatto piacere avere un parere da parte di Lory. La quale fu ben lieta di avvicinarsi e, appoggiata allo stipite del camerino, aprire la tendina quel tanto che bastava per osservare la sua amica.
«Mi piace come ti fa risaltare le curve... sia davanti che dietro» le disse sincera, facendo scappare l'occhio sul fondoschiena riflesso nello specchio dietro a Marta. Alla quale bastò girare appena la testa per capire dove puntava quello sguardo.
«E anche l'assenza di bretelline è molto sexy, se vuoi sapere la mia» aggiunse, appoggiandole le mani sulle spalle come ad accennare un massaggio. Marta si era girata e con le mani si toccava l'addome, timorosa di non essere pronta al cento percento per la prova costume, ma le parole di Lory la rassicurarono.

«Ok dai, provo il secondo» disse afferrando un bikini nero dall'aspetto particolare. Dalle coppe del reggiseno si diramava una serie di laccetti che incrociandosi arrivavano su fino al collo. Più classico lo slip, con un doppio laccio sui fianchi.
Mentre lo stava ancora sistemando, Marta richiamò dentro Lory, che ancora una volta non nascose il proprio apprezzamento: «Anche questo è molto sensuale, scommetto che Riccardo impazzirebbe...».
«Dici?» chiese dubbiosa, rimirandosi lungamente allo specchio.
«Ci scommetto... Se vuoi ti faccio un'altra foto e gliela mandiamo».
Marta rise, scuotendo la testa. «Meglio di no, poi diventa geloso... "E questa chi te l'ha scattata?", chiederebbe subito». Poi, continuando a specchiarsi, aggiunse: «Certo che sembra più un capo di lingerie, che un costume da bagno...».
«Sì è vero... Ma più che altro, a mio parere, ha un difetto» puntualizzò Lory.
Marta si girò per capire che intendesse, e a quel punto Lory afferrò tra le dita uno dei laccetti che si trovavano appena sopra il seno. «Un costume come questo non è proprio il più adatto, per chi vuole una bella abbronzatura uniforme». Il riferimento, neanche tanto velato, era ovviamente alla mise che Marta aveva indossato quell'unica volta che l'aveva vista prendere il sole... cioè nulla.
«Anche questo è vero... Mi sa che lo boccio» sentenziò allora, portando le mani dietro alla schiena per slacciare il gancetto del reggiseno.
«Ehm... me la daresti una mano?» chiese a quel punto a Lory, che dalla sua posizione era sicuramente più facilitata nell'operazione. Lei lo fece, senza battere ciglio, sganciando il bikini che per qualche secondo - il tempo di permettere all'amica di uscire nuovamente dal camerino - Marta tenne premuto sulle tette.

L'ultimo fu quello vincente, Marta lo capì subito mentre lo indossava. Si trattava di un bikini giallo limone a triangolo, che raccoglieva perfettamente il suo morbido seno e allo stesso tempo le donava una scollatura piacevole ma non volgare. Ebbe qualche esitazione in più sulla parte sotto, dato che si trattava di un perizoma abbastanza minimale, che le lasciava scoperti quasi del tutto i glutei.
Mentre era presa a guardarsi allo specchio, Marta non si accorse della tendina che si apriva alle sue spalle. Solo quando sentì il "clic" della fotocamera del telefono, si rese conto che Lory era di nuovo lì con lei.
«Aah, ti ho detto che non le voglio mandare a Riccardo» protestò in tono scherzoso.
«No no, ma figurati... questa infatti l'ho scattata per me» replicò Lory, ed entrambe scoppiarono a ridere.
A quel punto, infilando di nuovo il telefono nella borsa, fece un passo all'interno del camerino.
«Credi che... potrei chiederti una cosa?» le disse con lo sguardo basso e un filo di voce. Marta la osservò, cercando di capire le sue intenzioni. E rimase letteralmente senza parole, quando vide le mani dell'amica allungarsi verso di lei fino ad afferrarle in maniera dolce, ma allo stesso tempo decisa, le tette.
Per un paio di secondi le ragazze si guardarono negli occhi, senza dire una parola.
Poi, all'improvviso, fu Lory a interrompere il silenzio: «Hai un fisico incredibile, ma sono vere?» disse con voce stridula, imitando la commessa che poco prima aveva avuto il coraggio di fare la stessa domanda a lei.
Marta esplose nuovamente in una sincera risata, senza sottrarsi alle dita che ancora poggiavano sul suo seno. Anzi, per tutta risposta allungò anche lei le mani fino ad appoggiarle sul petto di Lory: «Le mie sì, e le tue sono vere?» le rispose, usando lo stesso tono stridulo e canzonatorio.
Di nuovo entrambe risero, mentre Lory annuiva. Fu un momento divertente ma allo stesso tempo molto intimo, che durò più di qualche secondo. Cioè fin quando, quasi contemporaneamente, entrambe si accorsero di un'altra cliente che, a pochi passi da loro, le guardava attraverso l'apertura della tendina con espressione perplessa.

«Scusi, abbiamo quasi finito» disse imbarazzatissima Marta, che nel frattempo era diventata tutta rossa. Riportando le mani a posto, Lory smorzò a stento un'ulteriore risata, e poi si scusò anche lei con la donna, che senza dire una parola girò i tacchi e si allontanò.
«Complimenti... "Jennifer", proprio due quindicenni sceme» concluse Marta. Per tutta risposta, Lory si allungò fino a schioccarle un affettuoso bacio sulla guancia, a cui seguì una nuova richiesta di scuse.
«Comunque sul serio, che ne pensi? A me piace» le chiese infine, girando su se stessa per farsi ammirare ancora.
«Penso che abbiamo un vincitore - la confortò - Anzi, penso che mi piace talmente tanto, che questo sarà un mio regalo per te».
Marta tentò di protestare, ritenendolo un gesto fin troppo generoso, ma Lory fu irremovibile.
«Allora accetto - si arrese infine - Ma a una sola condizione. Che mi permetti di ricambiare».
«Vuoi comprare un costume anche a me?» chiese Lory.
«Potremmo, sì... Oppure potremmo comprare qualcos'altro. Abbiamo parlato di lingerie, prima? Che ne dici di fare una bella sorpresa al tuo uomo?».

Quella sera, sul divano in compagnia del fidanzato, Marta era decisamente stanca. La giornata di shopping l'aveva sfinita, e non vedeva l'ora di andare a dormire. Il giorno seguente aveva in programma quella gita al lago con Lory, e voleva riposare un po'. Si stava quasi per addormentare davanti alla tv, quando un trillo del cellulare la fece sobbalzare.
Afferrando il telefono che aveva posato sul cuscino vicino a lei, vide subito che si trattava di alcuni messaggi che le aveva inviato proprio la sua vicina. E quando li aprì, si rese conto che si trattava di tutte le foto che si erano scattate quel pomeriggio. Quelle nel primo negozio con gli abiti eleganti, quella che la ritraeva di spalle in perizoma, ma anche altre che avevano fatto una volta uscite, quando si erano fermate a prendere un gelato in una via del centro.
«Chi ti scrive a quest'ora?» chiese Riccardo, fingendo un tono del tutto disinteressato.
«Ma no, niente, è solo Loredana che mi da i dettagli per domani». Appena terminata la frase, Marta si chiese come mai avesse avuto l'istinto di mentirgli. Riccardo non se la sarebbe certo presa per delle foto del tutto innocenti con un'amica, eppure in qualche modo la ragazza preferiva tenere quelle immagini solo per sé.
«Mi dispiace non poter passare più tempo con te, sarei venuto volentieri al lago anch'io...» provò a giustificarsi il suo fidanzato, ma lei tagliò corto: «Tranquillo, c'è Loredana che mi fa compagnia».
Le stava rispondendo con un ringraziamento e qualche faccina con gli occhi a cuoricino, quando fu interrotta dall'arrivo di un'altra foto.
"E ora proviamo il tuo regalo... Ti farò sapere come va!" recitava la didascalia.
Marta la aprì, guardandola per bene. Si trattava di una foto che Lory aveva scattato allo specchio, e che la ritraeva con indosso quel completo di lingerie che la ragazza le aveva regalato quel pomeriggio, a scatola chiusa. Non gliel'aveva neppure voluto far provare, il suo desiderio era che fosse una sorpresa anche per la stessa Lory. Seppur scattata in un bagno non troppo illuminato, la foto appariva tremendamente sexy. Le aveva regalato un sofisticato completino rosso fuoco, composto da un reggiseno semitrasparente - sotto al quale le pareva di scorgere due piccole ombre più scure, che non potevano essere altro che i suoi capezzoli - un reggicalze a fascia che arrivava fino all'ombelico, e un microscopico tanga, che inevitabilmente fece pensare a Marta che la sua amica fosse probabilmente del tutto depilata. Più sotto, delle calze color carne con una bella balza in pizzo. Lory aveva infine completato il tutto con dei tacchi a spillo neri.
Digitò a lungo sulla tastiera, scrivendo e cancellando più volte, alla ricerca della risposta migliore. Alla fine, optò per questo messaggio: "Che invidia! Faccio il tifo per te, distruggilo!".

---

Nel prossimo episodio:
[...] «Tu... - continuò Marta, che ormai si era sciolta completamente - Hai mai preso il sole integrale?».
«È una proposta?» chiese Lory, divertita.
«Ma no! - rise - È una semplice curiosità». [...]

Questo racconto di è stato letto 1 5 1 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone