Un metro 7 - Ninety’s bitch

Scritto da , il 2019-07-10, genere etero

Il messaggio WhatsApp arriva verso le cinque del pomeriggio. “Dress code: ninety’s bitch”. Le domando se sia una serata a tema ma lei risponde di no. Dice che le era venuta l’idea ascoltando le Icona pop su una playlist di Youtube. Ok, vestiamoci da mignotte. Una mini nemmeno troppo eccessiva, ma comunque mini, e una cosa che ti vendono come top ma che in realtà è una t-shirt rossa che se avessi le tette delle mie amiche farebbe fatica a nasconderle. Una camicia sopra e niente reggiseno. Ai piedi delle Doc Martens basse e nere e sopra una giacca verde di tipo militare, tenuta rigorosamente chiusa al momento di salutare i miei. Ma non hai freddo? No, mamma, ho i collant e sopra mi metto comunque il piumino.

Serena si è conciata anche peggio. A parte lo stivaletto, ha un vestitino nero che nella parte alta la copre fino al collo, ma con la gonna che sarà non più di due dita più lunga della sua giacca. Basta sporgersi un po’ a osservarla, e io mi sporgo, per vederle tranquillamente le mutande mentre guida. Nere anch’esse sotto i collant color carne. Strategicamente nere. Immediatamente capisco perché, freddo a parte, non abbia voluto prendere il motorino. A occhio, direi che nemmeno lei ha il reggiseno, ma non ne sono certa.

Tra me e Serena, negli ultimi giorni, la situazione si è completamente ribaltata. Tanto per cominciare, lunedì a pranzo mi è arrivata la foto di un cazzo con tanto di misura: 16 centimetri. Nella media, ma comunque un bell’affare che deve averla fatta divertire discretamente. La troia mi scrive “poi ti racconto”, ma il racconto non arriva. A mezzanotte, un altro cazzo, stavolta di 15 centimetri e a prima vista non così promettente come il primo. Sono io a scriverle che è proprio una mignotta e lei mi risponde “tra un po’ ti chiamo”.

Passano cinque minuti e mi chiama.

– No, niente. Il secondo è stata una vera e propria botta di culo, un mio compagno del liceo che mi sveniva dietro… ma sai, ero fidanzata. L’ho incontrato per caso… Un pomeriggio di passione…

– Dove? – le domando.

– Da lui. Gara a parte, mi sa che lo rivedo, mi ha scopata proprio per bene…

– E il primo?

– Nei bagni della facoltà, mentre la sua ragazza era a lezione ahahahahah…

– Tu sei scema, pensa se vi beccavano… ma mi togli una curiosità? Cosa gli dici prima di… insomma, sì, prima di misurarglielo…

– Ahahahahah… perché dovrei darti dei suggerimenti? No, scherzo… Beh, al secondo ho detto che mi piaceva e che volevo fargli la foto…

– La stessa cosa che ho detto io a Giampaolo… – le dico.

– Che ti piacevaaaa? Scusa, ma con quei dieci centimetri non si è sentito preso per il culo? Ahahahaha… Al primo ho detto la verità: che avevo fatto una scommessa e che se se lo faceva misurare gliela davo, ahahahah… dovevi vedere la faccia che ha fatto, soprattutto quando gli ho detto di non preoccuparsi dei preservativi perché ce li avevo io, ahahahahah….

Ovviamente le ribadisco quanto sia zoccola, lei se ne frega e mi dice che a questo punto siamo 40 a 16 per lei. Protesto con un “ma come cazzo li fai i conti?” e preciso che semmai il punteggio è 40 a 19. E che comunque il fatto che sia molto più zoccola di quanto mi aspettassi resta confermato.

Sono anche un attimo indecisa se raccontarle della scopata con Sven ma poi desisto. Da una parte la avvantaggerei, visto che poche cose la fanno arrapare di più che sentirmi descrivere le mie scopate. E non mi pare proprio il caso di mettermi pure ad arraparla. Dall’altra, ed è la ragione principale, non mi va di essere presa per il culo per essermi dimenticata di prendere le misure. Mi limito a rammaricarmi silenziosamente perché, se lo avessi fatto, probabilmente a quest’ora in vantaggio ci sarei io.

– Ho avuto un’idea – mi dice interrompendo i miei pensieri – facciamo un derby?

– Eh?

– Un derby.

– Non ho capito, Sere…

– Domani sera andiamo a ballare, io e te. Vediamo cosa rimediamo e chi vince…

– Ma non è mica questo un derby… – obietto – un derby è una partita tra due squadre della…

– E non rompere il cazzo – mi interrompe un’altra volta – chiamiamolo derby lo stesso, no?

Ecco, adesso sapete perché ci siamo vestite da mignotte e dove stiamo andando.

Durante il percorso le racconto dell’insulso Giampaolo e del fatto che la cosa che mi resterà più impressa di lui sarà probabilmente il freddo preso alle gambe su quella cazzo di motocicletta, visto che per incoraggiarlo e sveltire le pratiche, diciamo così, indossavo le parigine e non mi ero nemmeno messa il perizoma. Lei ride e mi chiede se oggi ce l’ho. Le rispondo di no, ma che ho i collant. Quando si ferma a un semaforo mi domanda come faccio a portare i collant senza mutandine e se non mi danno fastidio. Le rispondo di no anche in questo caso. Allunga una mano tra le mie cosce e me la tocca, premendo per bene. “E se ti bagni?”, chiede. Tiro fuori un piccolo mugolio, soprattutto per la sorpresa, e sto per dirle che non lo so cosa succede. Lei però è più veloce, si volta verso di me e mi bacia continuando a tastarmi la fica. Sta stronza vuole proprio farmi eccitare, penso. Mi viene anche una mezza idea di prenderle in mano una tetta ma decido che così in mezzo alla strada non è il caso. Ritegno inutile, visto che dalla macchina al nostro fianco quattro ragazzotti si mettono a strombazzare con il clacson. Quello che guida abbassa il finestrino e ci urla “a lesbiche!” e un altro dietro “a mignotte!”. Serena a sua volta abbassa il finestrino dal mio lato e fa: “Che hai detto?”. Quello ripete l’insulto mentre l’aria gelida inizia a entrare in macchina. Vorrei tirare su il finestrino ma Serena mi blocca e mi chiede “ma tu li conosci questi?” a voce abbastanza alta da farsi sentire anche da loro. Le dico di no e lei mi fa, sempre a voce alta, “però loro conoscono noi, ahahahah….”. Poi rialza il finestrino e riparte sgommando. “Bravissima, adesso ci inseguono per due giorni”, protesto. Lei risponde “naaaah” e al primo incrocio gira improvvisamente a sinistra provocando inchiodate, suonate di altri clacson e, immagino, una riedizione del catalogo completo degli insulti partoriti in lingua italiana dal 1400 ad oggi.

Le strillo “tu sei pazza, ma che te sei calata? O sei già ‘mbriaca?”. Lei mi risponde ridacchiando. E pensare che solo fino a poco tempo fa mi sembrava timida! Quando mi riprendo un po’ le sue risatine mi contagiano e le dico che una cosa del genere mi era già capitata questa estate, per colpa sua. Vuole sapere che cazzo c’entri lei e le racconto che, quella sera che prima Giovanna e poi lei mi avevano mollata a piedi in quella discoteca all’aperto e mi ero fatta rimorchiare da quell’iperidiota di Michele, dei ragazzi avevano fatto la stessa cosa vedendomi fargli un pompino mentre era al volante. “Davvero hai succhiato il cazzo a uno che guidava?”, mi chiede sorpresa, “quando è venuto come ha fatto a non andare a sbattere?”. Le rispondo che non è il caso di esagerare, e che comunque il cretino non era venuto, “penso che volesse solo farmi capire quale fosse il mio posto”.

Parcheggiamo la Smart di Serena a duecento metri dal locale, dopo avere fatto i primi passi qualcuno chiama “Annalisa!”. Mi blocco domandandomi dove abbia sentito quella voce e mi volto. “Ciao, come stai?”, “ehm… bene, lei?”. E’ la mia ginecologa. Mi irrigidisco un pochino, come se fossi stata pescata a fare qualche cosa di sbagliato.

Devo aprire una parentesi, altrimenti non capireste un cazzo come al solito. La mia ginecologa è la mia ginecologa perché è una delle più care amiche di mia madre. Io e mia sorella Martina siamo sempre state convinte che fosse una specie di spia. Anzi, Martina la chiamava e la chiama ancora così, “la spia”. Non so di preciso il motivo perché non ne abbiamo mai parlato, ma credo sia convinta che sia stata lei a informare mamma che la sua primogenita era diventata donna. Io non la penso così, o meglio non lo penso più. E’ stata lei l’anno scorso a prescrivermi la pillola. Ragioni ormonali. D’altra parte, se c’era una persona oltre a me stessa in grado di certificare che da quelle parti la mia attività sessuale era praticamente inesistente, sgrillettate a parte, era proprio lei. E questo avveniva un anno e qualche mese fa. Quando a settembre sono ritornata da lei per la solita visita periodica, ovviamente la mia illibatezza era solo un ricordo. Già mi domandavo se e come mia madre, una volta appresa la notizia dall’amica, avrebbe reagito. Con mia grande sorpresa, al termine della visita, la dottoressa invece mi sorrise e mi fece una carezza sul viso. Tipo “ok, non sei più una bambina” ma anche “a diciannove anni era pure ora”. Naturalmente non può sapere che il mio primo pompino con tanto di ingoio l’ho fatto a quattordici-quindici anni e che negli anni seguenti, soprattutto l’ultimo anno di liceo, ho letteralmente perso il conto dei ragazzi con i quali la mia bocca aveva avuto incontri ravvicinati.

Ci domanda dove andiamo così belle. Se avesse la minima idea delle nostre reali intenzioni probabilmente ci chiederebbe altro ma, viste così, con un filo di trucco e un accenno di rossetto e coperte dai giacconi sembriamo proprio due ragazze di buona famiglia quali siamo, appariamo radiose. Rispondiamo che andiamo a ballare e lei ci dice che facciamo bene e che dobbiamo pensare a divertirci. Poi, dopo che già ci siamo salutate e sta per aprire il portone si ferma e si volta: “Oh, ragazze, vi dico una cosa che dico a tutte le figlie delle mie amiche. Pensate a scopare, stateci attente ma pensate a scopare il più possibile. Fatevi un ragazzo, fatevi un amico, ma scopate. Alla vostra età è l’unica cosa importante”.

Restiamo di stucco. Io di sicuro, ma penso anche Serena. Ridiamo e salutiamo imbarazzatissime. Mi volto verso la mia amica e la vedo con gli occhi spalancati che dice “ce la vorrei avere io una gine così…”. Io quasi in automatico declamo “questa gliela devo proprio raccontare a Martina”. Poi, per darmi un tono, aggiungo ridacchiando che “l’unica cosa su cui non sono d’accordo è: fatevi un ragazzo… io me ne farei cinquemila, ma si può cominciare da stasera…”. Serena si avvicina e mi fa “tu è già da un pezzo che hai cominciato, troia”, poi mi infila la lingua in bocca, lì sul marciapiede. Non è un bacio tranquillo, è proprio un bacio da pre-scopata, di quelli che ci diamo prima che una delle due apra le cosce e implori l’altra di leccarla. Ho il piumino chiuso, ma vorrei tanto che mi infilasse le mani sotto la gonna. “Vuoi farmi eccitare?”, le chiedo con il respiro un po’ accelerato. “Voglio farti capire come si sta con il collant fradicio”, risponde. “Guarda che già lo so, comunque ci sei riuscita”.

Camminiamo in silenzio per un centinaio di metri, mano nella mano. Proprio davanti all’ingresso del locale mi fermo un attimo.

– Sere, vuoi sapere una cosa? Stasera ho proprio voglia di darla, sfida o non sfida…

Non sono ancora le undici, però dentro c’è già un bel po’ di gente. Prima di buttarci ci diciamo che abbiamo entrambe bisogno di bere. O magari farcelo offrire. Ci avviciniamo al bacone ma il barman è troppo veloce a chiederci cosa vogliamo-belle-bambine e a noi non resta che pagare e mandare giù al volo due shot.

Ci mettiamo a ballare dapprima molto vicine, scatenandoci e offrendoci sin da subito agli sguardi dei ragazzi. Indecisi, così ho sempre pensato io ogni volta, se queste due puttanelle stiano solamente giocando o stiano davvero cercando qualcuno che le sistemi per benino. Mi piace sempre da morire questa sensazione di essere guardata, ammirata, desiderata. A volte mi compiaccio anche degli sguardi più bavosi di gente che non toccherei nemmeno con i guanti di lattice. Per la verità però c’è qualcuno che tocca me e qualche mano sul sedere, nella calca, le percepisco nettamente.

A chiudere la parentesi è un ragazzo che si intromette nel mio campo visivo. L’avevo già notato, un moretto carino, non altissimo ma con un fisico promettente sotto una attillatissima camicia blu scuro. Sono quasi certa che almeno una delle tastate che il mio culetto si è meritato provenisse da lui. Balliamo per un po’ guardandoci e sorridendoci. E’ l’accenno di un flirt, nulla di che. Lui si avvicina all’orecchio e io penso che voglia dirmi qualcosa, invece mi ci infila direttamente la lingua dentro insieme anche a un bel po’ di capelli. “Ehi! Buono co’ sta lingua”, gli urlo. Non è che mi sentano altri, eh? La musica è troppo forte. Ma lui sì che mi sente. Non sono ancora pronta per confidenze del genere, e che cazzo… senza contare che la vodka ancora non ha fatto effetto.

Se penso a come balliamo adesso io e Serena, sculettando e tenendo le braccia alzate sul remix di Zombie, e alla prima volta che ci siamo conosciute a quella festa muovendoci sinuose al ritmo di A night like this… beh, che vi devo dire? Sono felice. E’ come se il motivo per cui siamo lì e la sfida finissero tra parentesi.

Il ragazzo mi sorride con l’espressione di chi dice “dai, non ti sarai mica offesa?” e io gli concederei pure un’altra chance. Se non fosse che si avvicina ancora e mi dice “la lingua ce l’ho de velluto, ma il cazzo è de fero….”. Cioè, manzo, ma da dove cazzo vieni? Da Torbella? E adesso, penso, che faccio? Mi incazzo? Sì, mi incazzo. Continuo a ballare ma mi incazzo. Dai, siamo seri, c’è una volgarità nei tempi, più che nei modi, che è inaccettabile.

– E’ per questo che non ti lavi, vero? Perché ti si arrugginisce… ci sono dei prodotti, sai?

– Daje, biondì, ‘n fa ‘a stronza… – insiste.

Ora, io apprezzo che incassi e non reagisca più di tanto. Ma capite bene che il punto lo devo tenere. Per questo gli dico che non si tratta di fare la stronza, è lui che si è messo a correre troppo e troppo presto.

– Devi imparare a giocarle meglio, le tue carte…

– Io c’ho quattro assi, biondì. E er mejo è quello de bastoni…

Mi spiace, perché è anche pronto con le risposte. Ma così grezzo no, dai. Cioè, non puoi venire a fare il coatto con me, restatene a Torre Angela, no? Io sarò pure una fighetta del Salario che sa come comportarsi in società e mette in fila tutti i congiuntivi giusti, ma non puoi rompere il cazzo fino a sto punto, la coattona la so fare pure io.

– Tanto per cominciare – gli grido per impormi sul volume della musica – con i bastoni ce poi giocà a briscola, ar massimo… ma poi, che cazzo sei venuto a cercà qua? Tornatene a Collefero, no?

Non so perché, ma l’evocazione di Colleferro fa sghignazzare due ragazzi accanto a me, uno dei quali ci sta leggermente provando con Serena. La quale probabilmente non ha sentito un cazzo tranne appunto quel “tornatene a Collefero” (che è un po’ come dire burilandia) e mi interroga con gli occhi. Le faccio cenno che non è niente e svicolo via, sculettando più del dovuto per rimarcare al buzzurro ciò che si è perso e… andando a sbattere dopo qualche metro sulla schiena di uno con la camicia a scacchi. Quello si volta e io gli dico “oh, scusa”. “Nulla, vai di fretta?”. Di norma gli risponderei “no, nulla, scusami ancora”. Di fatto mi fermo a guardarlo e non lo trovo niente male. Alto, non fantastico di viso ma con uno sguardo interessante. Quando l’ho urtato mi è sembrato di essere finita contro una colonna di cemento.

– Sai com’è – gli dico guardandolo negli occhi – ogni tanto qualche scemo…

Smette di agitarsi e mi osserva. Ha la faccia che ti ispira la curiosità di conoscerlo meglio, ecco. Non da svenirgli tra le braccia. Ma un’opportunità secondo me se la merita.

– Capisco – dice – posso essere utile?

– No, grazie. Mi sa che vado a bere qualcosa.

Missione compiuta. Due minuti dopo siamo al bancone che mi offre la seconda vodka della serata raccontandoci un po’. Ernesto, Annalisa, piacere. Cinque minuti dopo balliamo. Dieci minuti dopo siamo ai bacetti. Un quarto d’ora dopo stiamo limonando abbastanza pesantemente su un lato del locale. Mentre mi bacia mi mette le mani sul culo, sotto la mini, mi tira a sé per farmelo sentire bene. Mi stacco e gli passo il dorso della mano sul pacco, gli faccio “tu sei uno che non perde tempo, eh?”. Devo ammettere che, da parte sua, riprendere a baciarmi invece di rispondere “pure tu però sei ‘na bella mignotta” è una bella mossa.

Mi dice “mi piaci tanto”, e vorrei vedere… Gli rispondo “anche tu” e penso che l’obiettivo si avvicina. “Che ci facciamo qui?”, mi incalza. E io dico a me stessa “uaooooo!”.

C’è un problema, però. I bagni sono fuori discussione, troppo piccoli e troppa gente. Lo so, ho già fatto una ricognizione. Quindi, se proprio vogliamo approfondire la conoscenza, bisognerà andarsene.

– Dove mi porti? – gli domando con l’aria dell’oca perfetta.

– A fare un giro in macchina?

– Avevo giusto bisogno di un po’ d’aria.

Recitiamo un copione anche abbastanza abusato. Ma sia benedetto chi l’ha scritto.

Questo racconto di è stato letto 1 2 0 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone