Imperium

Scritto da , il 2019-07-10, genere etero

La cortigiana aveva posto attentamente la cintura sul marmo freddo, al centro c'era la battaglia di Farsalo. Cesare impagliava la testa di Pompeo trionfante, lo stesso Massimo era inorridito alla vista di quel macabro oggetto. Ma io ne ero felice, era arte, nella forma più pura. Quell'adulatore di Manlio me l'aveva confermato, pronto a sacrificare il deretano del suo più giovane schiavo per quel cinturone!
Eppure, pensandoci non ero felice, che me ne facevo di quell'arte. A Nerone non era bastato ardare tutti i templi di Roma per essere colmato dal vuoto dell'arte. L'artista deve forgiare il reale ma il reale non è suo è di un qualche demiurgo.
-Che sia un'idiozia aver abolito i Baccanali!-
-Ma... mio Sole, non possiamo ripristinarli... il popolo-
-Il popolo non è cosa dell'Impero Manlio, e l'Impero non è cosa del popolo...-
-Mio Sole, i cristiani...-
-Vuoi che li fermi io? Il popolo giova di orge e vino-
-Mio Sole, il popolo è senza grano... i federati, i confini... le carestie li distruggono-
-Io credo Manlio che la gente era contenta di avere i Baccanali e poi cosa vuoi che mi importi? Il popolo è così che mi piace... affamato e ribelle, ne vale della mia arte-
-Ma, mio Sole...-
-Ora basta... Ulrico, Marco... egli mi contraddice sui Baccanali. Vuol dire che il sesso non gli occorre, eviratelo...-
-Mio Sole la imploro, no... no... posso darvi qualsiasi cosa-
-Manlio, sono clemente con te, sarai parte del mio Baccanale. Ma ascolta! Partirai con le mie guardie cosicché tu non ti dia alla fuga come verme, quale sei, ho un'indovinello, un mio piccolo componimento che ti varrà come indizio... prega Giove che tu sia tanto intelligente da discernere l'arte dalla materia e sarai salvo...-
-Mio sole... come posso sdebitarmi?-
-Livia da ora è mia schiava, hai accettato di venderla per sperare di aver salvo il tuo inutile fallo-
-Mio Sole io non ho...-
-Chi è che non ha udito dell'accordo tra di voi si faccia avanti...-
Nessuno dei presenti perse la sua posizione, confermarono il mio giudizio. Livia era una bianca fanciulla dai tratti asiatici. Non era figlia di Manlio, quella scrofa della sua donna si era fatta ingravidare da un laido attore di commedie. Mi venne portata dai miei uomini la sera stessa.
-Mio Sole, come posso servirvi?-
-Sei buona e mansueta Livia, crederei alla tua farsa se solo fossi figlia di Manlio...-
-Mio Sole, Manlio mi ha trattata come figlia sua ed io gli sono riconoscente-
-Venduta come schiava!-
-Mio Sole, se solo io credessi questa sorte triste vi implorerei di darmi ai leoni o ai barbari. Ma io, se mi date ancora il permesso di definirmi come persona, non sono una schiava, io servo il Sole.-
-Livia le tue parole manifestano un'istruzione che non si addice ad una donna di questo impero, ecco perché sei qui, per la mia arte.-
Livia aveva due perle di seni sotto il velo bianco di seta, le stavano dritti e fermi. I suoi fianchi pieni erano sintomo di prosperità, forse era un'ottima generatrice.
-Uscite, tutti!-
-Tu no, Livia...-
-Mio Sole...-
-Non implorarmi, dimostra quanto veneri il tuo Sole-
-Senza il permesso non potrei neppure baciare i vostri piedi.-
-E smettila! Manlio ti ha insegnato l'arte di leccare deretani. Non è di te che ho bisogno, non hai arte, sei una schiava pure della tua stessa falsa riverenza, non ti mando via solo perché Dioniso ti diede quei fianchi prosperosi e quella pelle candida... dovrei disturbare una delle mie puttane, per fortuna che Manlio mi ha indispettito.-
Quando tutti uscirono mi alzai dal triclinio e le mossi le vesti.
-Le mie carni fremono, mio Sole...-
Le tolsi le vesti profumate e le lasciai cadere.
-Voltati!-
La ammirai, era tanto bella quanto ruffiana, si nutriva di potere. Ma per me era entrata da schiava e tale restava ma quelle carni non dovevano restare fresche e pulite. Le toccai il pelo dell'inguine e scesi tra le sue bellezze.
-Sei figlia di quella vacca!-
-Buon sangue non mente mio Sole, i miei seni e le mie voglie palpitano al potere di un semidio.-
-Lecchi e continui a prostarti, ti umilio e tu ne senti la voglia e le tue carni fresche si inzuppano dimbrosia per la voglia che hai, ma tu vuoi il potere non chi lo porta. Le tue carni sono umide perché tu vuoi che ti penetri l'utero il mio imperium non la mia persona... sei sozza e viscida, una puttana si vende per denaro, tu per il mio potere. Ma cos'è il potere? Cosa? Dimmelo tu, puttana! Messalina dell'astratto, vacca!-
Le cinsi la vita con le mani, i fianchi ampi e le carni morbide. Le strappai le vesti e le mordevo la vita quasi a strappare coi denti l'irrefrenabile voglia di quella meretrix (puttana) insiziabile. I segni cedevano il passo ai suoi gemiti, cupi, da lupa in calore. Le mie mani cedettero il passo alla sua schiena, facendola inarcare e gemere. La sua testa all'indietro, le ginocchia piegate. Si fletteva al piacere che la mia bocca le dava tra le cosce umide, da cagna lurida.
-Oh, mio Sole, continuate... tutte le puttane dei lupanari di Roma non gemono quanto me questa notte.-
Godeva sì, ma cercava ancora di ingraziarsi la mia clemenza. La presi in braccio e la posi sul mio triclinio. Con le gambe spalancate ad accogliere il mio fallo.
-Non vedi dove sei? Imperatrice delle puttane di Roma!-
Quella mia macabra intronazione le dava false speranze di avermi ancora per lei. Le appoggiai il fallo sul pelo bagnato e le strinsi i seni gonfi tra le mani. Inghiottì tra le gambe il mio membro con uno slancio pieno e voluttuoso lo avvolse tra le sue ampie labbra gualcite. Presi a penetrarla facendo perno sui suoi fianchi. I capelli persero il fermaglio perlato e si slanciarono a corona sul nostro piacere. Teneva gli occhi dietro, come una vestale ubriaca di divinazione, pulsava la sua carne ai colpi del mio sesso duro. La punivo con sonori schiaffi sul culo, volevo che i miei servi ci spiassero. Li sentivo già, uno dietro la colonna del mio triclinio, facevo finta di non vederli per regalare loro la gioia di vedere un Dio accoppiarsi. L'unica soddisfazione della loro macabra vita, passata a fottere troie sdentate e ubriache.
-Oh, mio Sole, sento il culmine del piacere che sale dai miei piedi fino alla gola.-
-Apri la bocca!-
Le infilai il fallo tra le labbra e lei prese a goderne il sapore. Lo teneva bene nella sua bocca, tanto che quasi persi il mio controllo.
-Continua, continua... Livia sarai eletta cagna dell'Impero e ti farò sfilare al guinzaglio coi miei centurioni dopo la vittoria!-
Accelerava, glielo sfilai dalla pocca e la voltai di nuovo. La misi prona e ripresi a domarla. La sentii cedere sotto i miei colpi, la morsa delle sue carni intorno al mio fallo, i muscoli delle sue gambe tesi e gonfi e poi un lento rilascio di tremolii e strida.
-Voltati, ora!-
Le coprii il volto di seme.
-Lavami, mio Sole, purificami!-
Aveva toccato il fondo della mia sopportazione, un essere tanto insulso per la mia arte valeva meno di una puttana del lupanare. Mostrarsi tale ad un imperatore!
-Puliscimi le carni Livia, lecca via tutto... Servi, Servi!-
Tutti accorsero, era facile, la morte li accompagnava con la mia voce alle stanze.
-Che ve ne pare di Livia, figlia di Manlio? Io ho deciso di essere clemente come Marco Aurelio e giusto come Augusto quest'oggi. Ho già graziato Manlio. Su questa decisione avete piena libertà. Guardatela, che pensate? Che uno tra voi analfabeti parli!-
-Pensiamo... che il Sole l'abbia domata!-
-Luridi! Alcuni di voi erano lì, alzate le vesti!-
Molti di loro erano eccitati.
-Sarò buono con voi, Livia... voglio che i miei servi ti coprano col loro seme, anzi, accerchiatela e sarà lei stessa a saziarvi a turno.-
Livia sbiancando si fece torva in viso.
-Credi che io sia ingiusto? Ti ho fatto imperatrice delle puttane, sono ingiusto? Oh popolo ingrato! Povero me mandato a comandare dei vermi. Questa tua faccia Livia mi offende, ecco, ecco cosa succede quando dai titolo e lustro. Non volevi essere l'imperatrice delle puttane? Ebbene, servi... prendetela è vostra!-
-Mio Sole, perdonatemi, dei federati irrompono ai confini!-
-Massimo, che dolce notizia, c'è una puttana se hai il tempo di togliere l'armatura. L'ho concessa ai servi ma per te farei un'eccezione!-
-Mio Sole, i goti!-
-I goti certo, che entrino, la mia arte necessita di invasori e guerre. Il Sole senza sangue è come Omero senza Troia!-
I servi circondarono i Livia come iene e lei eseguiva i miei ordini. Ma io volevo godermi lo spettacolo e Massimo continuava a disturbarmi coi goti.
-Mio Sole, hanno preso Manlio e il dono che portava per voi...-
-Servi, Servi... rinchiudetala! Forza smosciate i membri e preparatemi un bagno di latte e rose. Devo incontrare Manlio e i nostri ospiti!-
-Darei ordine all'esercito di...-
-Niente esercito Massimo, ascolta questi versi...-

È la gemma dell'arte
la Diana della mia selva
Ninfa tra le ninfe
Verso di essa volge il Sole
E le messi degli dei nulla sono
Alle sue ciocche d'oro.

È arte Massimo, e l'arte sarà qui con Manlio!

Questo racconto di è stato letto 1 1 0 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


mi chiavo la suoceraquella porca di mia ziaracconti erotici di suocereracconti di donne che scopanostorue pornoracconti porno amicascanbio coppiexnxx fratello e sorellaracconti scabrosiincesto storie vereracconti eroyiciuomini operati diventati donneracconto eroticomia moglie scopa con il canei racconti di miliracconti di esibizionismoscopare con cavalloio mia moglie e un transracconti di sesso con la nonnaracconti di sesso in trenoracconti erotici analracconti gay annunci 69racconti gay pretircconti eroticiraconti milustorie suoceralettere hard da leggere gratisstorie di feticismoracconti erotciracconti cuckold realiracconti di mogli traditricitrenino bisexracconnti eroticiracconti erotixistorie di coppie scambisteeritici raccontiracconti erotici coppiestorie pormostorie feticismo piedivideo racconti gayrqcconti pornoracconti erotici.racconto erotstorie trasgressiveconfessioni erotiche realiinculami papamia moglie rotta in culomariti cornuti bisexvogliadipornoracconti di sesso sfrenatozia perversaracconti di sesso tra parentiracconti erotici maturamarito cornuto bisexporn raccontimia moglie al cinema pornoracconti cukmamma mi racconti la tua storiaerotociraccontiannunci69 storiecorna raccontiracconti incetoracconti prime segheraccontieroticraconti eroticoracc lesboracconti erotici fetishincest raccontiracconti erotici diracconti poracconti erotivbondage storiesculosfondatoracconti rtoticiracconti a luci rosseeroticiraccracc erosfumatrici sexymio fratello si masturbaraccotni eroticiracconti erotici spankingspanking racconticagami in boccaracconti erotici di coppiaracconti vicinastorie ardprimo scambio di coppiaracconti gay anzianifidanzate esibizionisteracconti cinema pornogeneri dei racconti eroticiracconto bdsmracconti eoritciracconti erotici mammestorie di e per adultiracconti porno zoosadomaso raccontiracconti erotici zooracconti di sesso a treracconti erotici d'autore