Da signora matura insospettabile a troia sottomessa - capitolo 17

Scritto da , il 2019-07-09, genere dominazione

Alcuni giorni dopo, Mario mentre mi slargava il culo con un cuneo, mi aveva messo dei tiranti a gli anelli dei capezzoli che me li allungavano facendomi tirare in basso le mammelle, proprio come una vacca, mi disse che Stefano aveva intenzione di reincontrarmi, voleva darmi un ulteriore colpo, certo al culo ma, avendo saputo, anche per il resto, entusiasta che fossi stata inanellata e non più limitata per quanto riguardava eventuali segni, gli dissi ok, tutto quello che vuoi, però io quel lunedì avevo in programma di andare negli states per una settimana a trovar mio figlio, così che Mario disse che avrebbe organizzato per quando sarei rientrata.
Il giorno dopo ebbi un incontro con Miriam, ormai si era scaldata e mi telefonava lei se poteva venir a trovarmi, dove lesbicammo poi mi chiavò con alcuni godemichè riuscendo a mettermene due nel culo, era entrata nella parte e si divertiva a maltrattarmi, anche se poi alla fine dopo che avevamo raggiunto entrambe una serie di orgasmi, amava accoccolarsi tra le braccia e far le fusa come una gatta; comunque prima di finire, la vidi correre in cucina e tornar con un bicchiere da birra, ci si accovacciò sopra e ci pisciò dentro, poi mi disse.
"dai fammi vedere come te la bevi tutta alla mia salute"
Senza esitare, presi il bicchiere, caldo del liquido che conteneva e, guardandola negli occhi, lo portai alle labbra ed a piccoli sorsi lo bevvi tutto senza mai interrompermi, leccandomi oscenamente le labbra alla fine facendole capire che avevo gradito, lei mi carezzo il viso e mi disse:
"brava, sei propio un cesso, mi piaci così, e pensare che fino a pochi giorni fà pensavo che tu fossi la solita sfigata finta pudica con voglie represse..."
Dissi anche a lei che la settimana seguente sarei stata via e che poi al ritorno avrei avuto una seduta molto impegnativa con Stefano, gli avevo in precedenza, accennato che tipo fosse e le pratiche violente che amava, lei parve interessata a quello ma non disse altro.
Passai la settimana negli USA, a far shopping e poi quando lui era libero dal lavoro con mio figlio, era la prima volta che lo incontravo dopo la separazione da suo padre, certo lo avevo ragguagliato telefonicamente, ma lì potei meglio spiegarli il tutto a voce, raccontandogli che stronzo era stato il genitore, certo senza che dovesse sapere dei miei divertimenti, lui, pur dicendo che comunque, giustamente, voleva continuare a mantenere buoni rapporti col padre, mi dette completamente ragione, preoccupandosi anzi, che io non fossi troppo sola, che non mi abbattessi ed altro, certo se avesse immaginato come non mi sentivo affatto sola!!
Rientrata che fui la domenica, il lunedì ero già da Mario, mentre mi usava mi racconto che la settimana precedente si era pompato un paio di volte Miriam ed una volta l'aveva chiavata anche Claudio, l'avvocato, che aveva trovato un bel dossier sul suo ex gigolò e che lo avrebbe messo a frutto col padre della promessa sposa. Di Miriam mi aveva raccontato che aveva provato ad usare qualche maniera un pò più forte ma lei si era ribellata, allora si era limitato a far sesso tradizionale, certo bei golini, come li chiamava lui, ossia mettere il cazzo completamente in gola alla troia di turno, grandissime inculate, ma solo cazzo lì, niente di più, con me, diceva invece, ci si poteva parcheggiare dentro il mio culo e, mi disse, dopo mercoledì, che era il giorno in cui saremmo andati da Stefano, chissà cosa ci starà!
Arrivò il fatidico giorno, inanellata completamente e con un grosso plug nel culo, con addosso un semplice vestitino, salii in auto di Mario per recarci, come la scorsa volta allo studio di Stefano, però lungo la strada lo vidi fare una deviazione e poi fermarsi a far salire Miriam, rimasi stupita, ma mi dissero che anche lei voleva assistere e, se possibile collaborare, alla mia sottomissione e poi, almeno avrebbero avuto dei buchi non disfatti dove scaricare gli uccelli.
Entrati nello studio, come al solito fatto trovare deserto, mentre io velocemente mi mettevo nuda Stefano rivolto a Mario disse:
"questa è l'altra troia che mi dicevi??"
"sì, ma questa non è maso, anzi, vuole collaborare con noi a stapazzare Eli"
"per me è ok, pero almeno ciuccia?"
"sì, ciuccia bene, lo prende in culo, però ama anche far piangere la sua amica"
Poi si degnò di guardarmi, e prendendomi per gli anelli dei capezzoli, li strattono bene dicendo:
"ecco, così mi sembra più consona al suo ruolo, oggi poi gli voglio conciare bene queste mammellone da vacca che ha e aprirgli il culo in maniera oscena, mi sà che quando te ne vai per un pò di giorni non ti siederai più!"
Nel frattempo loro tre si erano spogliati e mi trascinarono nella stanza dove c'era la famosa poltrona ginecologica, Miriam, mentre camminavo trascinata da Stefano che continuava a tirarmi per gli anelli mi si avvicinò dietro e preso il plug che avevo nel culo me lo strappo via di colpo facendomi sobbalsare ed emettere un gridolino di dolore, Stefano sorrise a quell'iniziativa e le disse di farmelo ripulire, così me lo portò alla bocca per farmelo leccare tutto, per fortuna che prima di uscire, come ormai facevo d'abitudine, avevo fatto vari lavaggi interni all'ano e quindi non c'era rischio che dovessi gustare cose strane.
Come la volta scorsa venni fatta mettere su la poltrona, le gambe mi vennero fissate larghe in alto, le mani ammanettate ad una sbarra sopra la testa, poi con delle catenelle fissate alla struttora superiore mi vennero agganciati i capezzoli ed altre vennero messe agli anelli su le grandi labbra e fissate agli alluci dei miei piedi, poi a tutte con uno spece di cricchetto vennero messe in tensione sempre più, allungandomi in maniera impressionante le mammelle verso l'alto e le grandi labbra in alto e largo, facendomi provare un dolore acuto, preesistente, pensai subito impossibile da sopportare, ma subito dopo mi resi conto di esser bloccata e che non avrei potuto far niente per evitarlo. A quel punto Vidi che tutti si mettevano i guanti in lattice, poi Stefano dopo avermi lubrificato il culo senza frapporre altro tempo inizio a penetrarlo, poi presa Miriam per la vita si mise sempre tenendomi la mano nel culo a baciarla ed ad andare ad esplorarle le natice e, probabilmente il buco del culo intanto che Mario, un pò alla volta continuava ad aumentare il tiraggio delle catenelle dei capezzoli; ad un tratto vidi che stefano diceva qualcosa nell'orecchio a Miriam, lei lo guardò un pò titubante ma lui le fece un cenno di assenzo, allora lei si mise del lubrificante su la mano guantata e poi andò verso il mio culo, già occupato dalla mano di Stefano, la sentii ravanare, sforzare, finchè si fece un piccolo spazio tra il polso di Stefano ed il mio anello sfinterico, allora comincio a lavorare entrando sempre più, mi sentivo il buco come se me lo lacerasse, non riuscivo che ad articolare un sommesso:
"hhhhhhooooommmhhhhuuuuhh"
con Stefano che diceva:
"dai, sforza un pò, vedi che cede, glielo spacchiamo tutto domani la vacca si cagherà addosso"
"stò entrando, mamma mia, ci diamo la mano nel suo culo, che fogna sta diventando...."
Poi estrassero le mani, ammirando lo scempio e facendomi un paio di foto del buco devastato, facendomele ammirare con la digitale, si vedevano le labbra dello sfintere in fuori, il foro rimasto aperto che pulsava, dopo pochissimo Mario entro dentro col pugno chiuso, senza grandi problemi solo facendomi sobbalzare e facendomi quindi provar nuove fitte, sia dal culo che dai capezzoli e dalle labbra vaginale messe in tensione, a quel punto lì, Stefano e Miriam, messi fianco a me, lui le disse di bloccarmi con le mani le mammelle alla base, intanto da dietro, senza grandi complimenti se la inculò, lei fece un gridolino ed un piccolo sobbalzo, poi si adeguò all'intrusione, Stefano, complimentandosi per il gran buco, mentre la pistonava lentamente con una mano andò su un mobiletto vicino a prendere qualcosa, con l'altra mano mi tenne ferma una tetta e poi con mossa repentina lo vidi avvicinarsi con uno spillone lungo come uno spiedo ma fine ed infilarlo nella tetta, lanciai un grido animalesco, ma loro due imperterriti, lei che teneva la base delle mammelle, lui una in alto mentre con l'altra mano spingeva sino a farlo uscire dall'altro lato mentre Mario continuava a pistonare col pugno il culo in maniera sempre più frenetica, poi passato che fù da parte a parte, mentre io continuavo a gridare suoni inintelleggibili, mi agguanto l'altra mammella e, continuando a spingere quella specie di spiedo, mi trafisse con lo stesso anche l'altra facendola passar da parte a parte. Avevo le tette trafitte da uno spillone, devo dire che era fuoriuscito soltanto qualche goccia di sangue, però il dolore ed il vedermi era una cosa paurosa. stefano uscì dal culo di Miriam, poi prese un altro spillone e ripeté l'operazione, nonostante le mie suppliche ed i miei gridi, quindi prese due specie di tappini, per coprire le punte che fuoriuscivano in modo da lasciarmele infilzate così senza che qualcuno di loro potesse casualmente bucarsi!!
Venni fatta scendere dalla poltrona, le mai mi furono fissate con le manette dietro la schiena, naturalmente gli spiedi rimasero al loro posto, mi mise dei pesi ad ogni anello, poi su una spece di sgabello mise un feticcio di fallo, largo forse più del pugno chiuso di Mario che ha già delle mani grosse, alto forse più di 60 cm, e con un pennarello lui ci aveva fatto delle misurazioni intervallate di 5 cm per veder dove arrivava, mentre Miriam lo lubrificava abbondantemente, Stefano mi disse, adesso ti ci siedi sopra e mentre noi ci svuotiamo le palle nella tua amica, cerca di farne entrare il più possibile, è meglio per te, così sei più pronta per quello che ti facciamo dopo, provai con voce flebile a chiedergli cosa, ma lui ridacchiando mi disse di aspettare ed avrei visto, o meglio, avrei sentito!
Mi accompagnarono lì, e visto che era su una specie di grosso sgabello, quando aiutata da Miriam, posizionai la punta alla bocca dello sfintere stavo su le punta dei piedi, con delicatezza mi abbassai, sentii i muscoli sfinterici oramai rilassatissimi cedere lo spazio a quel mostro la cui testa entrò senza problemi, Miriam mi baciò in bocca spingendomi contemporaneamente le spalle verso il basso, a quel punto non ero già più su la punta dei piedi ma avevo la pianta giù ed almeno già 8/10 cm dentro il culo, mi dette una pacca su gli spiedi che mi passavano le mammelle facendomi sobbalzare e si voltò verso i due maschi.
Stefano, messosi in terra supino la fece chinare ficcandogli il cazzo in gola, lei tra un singulto e l'altro cercò di arrivare alla base, intanto Mario le si posizionò dietro e senza sforzo, visto che era stata inculata sino a poco prima, anche se non era arrivato, per almeno 15 minuti da Stefano, gli entro dentro il culo come un coltello nel burro
Si misero ad operare in sincronia, neanche avessero chiavato tutti e tre insieme da sempre, con Mario che pistonava il culo, Miriam che affondava la bocca fino a volte lambire le palle con tutta la verga in gola e Stefano che la assecondava pistonadola e spingendole la testa verso il proprio inguine, intanto io cercavo di far entrare il più che potevo quel gigante nel mio culo, sapendo che Stefano non millantava certo la promessa/minaccia di quello che voleva farmi ancora, adesso ormai flettevo le ginocchia, ma avendo le mani immobilizzate dietro la schiena non potevo saper quando ne fosse entrato.
Ad un tratto, Mario cominciò ad accelerare l'inculata, cominciando a dare colpi violenti e disordinati, mentre Stefano cercava di tenerle la testa schiacciata verso il propio inguine mimando una chiavata in gola, poi con dei grugniti liberatori sborrarono a poca d'istanza l'uno dall'altro in culo ed in gola a Miriam, vidi lei sobbalzare segno che anche lei aveva raggiunto un bell'orgasmo.
Dopo poco si sciolsero vidi Miriam, occhi arrossati per il golino che aveva appena fatto dove aveva rischiato di vomitare sul cazzo di Stefano, avvicinarsi a me, prendermi la testa, appoggiare le sue labbra su le mie e baciarmi, facendomi gustare i rimasugli della sborrata di Stefano, poi Mario le disse che le colava la sborra dal culo, lei allora, preso una specie di piattino, se lo mise sotto le chiappe ed aiutandosi con un dito ci depose un bel pò di crema che le usciva da lo sfintere, a questo punto me lo avvicinò alla bocca ed io, senza aspettar ordini lo leccai tutto.
A quel punto Mario disse, che gli scappava da pisciare, a Miriam venne un lampo di malvagia gioia e chiese a Stefano se aveva un grande bicchiere o simile, lui le portò una brocca trasparente, lei la prese, ci si accovacciò e ci pisciò dentro, poi lo passo ai due uomini dicendo di farla lì anche loro, quando si furono svuotati, trionfante la prese e disse:
"adesso abbiamo propio un bel cocktail da offrire alla vacca, anzi al cesso"
e con quelle parole, avvicinò la brocca alla mia bocca che naturalmente aprii immediatamente, iniziando a farmi bere quel miscuglio di orina, caldo, odoroso, aspro, ma che ingoiai tutto senza grandi problemi, anzi, eccitandomi agitandomi e imalandomi ulteriormente sul feticcio di cazzo su cui ero poggiata, ormai al gusto della piscia mi ero abituata e non mi spiaceva più.
Ricevetti da tutti commenti esaltanti, mi chiamavano cesso, orinatoio, ma dicevano che ero fantastica, scolai tutta la brocca, praticamente senza perdere che poche gocce, avevo ne lo stomaco le pisciate post chiavata di tre persone, ma ero eccitatissima propio per questo.
A quel punto Stefano volle vedere quanto ne avevo preso, si chinò tra le mie gambe e disse che avevo superato i 30 cm adesso ero pronta, per cosa non me lo disse; venni fatta alzare e sfilatomi quel mostro dal culo mi sentivo il buco spalancato, mi sembrava che ci entrasse il vento, poi fui gettata di traverso su un lettino con il culo in fuori la pancia in giù e le mammelle penzoloni dall'altro lato, lo vidi avvicinarsi dietro, aveva una specie di grossa siringa di vetro, ma senza ago anzi con un apertura larga, la appoggiò al buco del culo e con quella aspirò tramite una spece di pompetta applicata all'altro lato, mi sembrava volesse risucchiarmi il culo! Ad un tratto disse:
"ecco, vedete, questo è il prolasso, l'interno della cavità sfinterica che viene in fuori"
Poi rivolto a Miriam:
"Vedi lì quel buchetto che si vede? è lo sfintere interno, noi con la mano superiamo lo sfintere esterno ed entriamo in quella che chiamano sacca fecale, che si all'unga perchè elastica ma sempre fino ad un certo punto, ma se si supera quello arrivi a mettere dentro il braccio!"
A quel punto, con una specie di pompetta la inserì in quel buchino e cominciò ad allagarlo di lubrificante dicendo nel frattempo a Miriam di mettersi dei guanti di lattice nuovi, poi dopo aver messo una quantità enorme di lubrificante le disse:
"dai comincia a metterci 2 dita dentro poi rispingi il tutto nella cavità facendolo seguire dalla mano ma non uscire coi diti da quello sfintere, però vedi di essere delicata, dopo di lì le pareti sono molto fini"
La sentii entrare in quella parte intimissima mai violata, poi rispingere tutto il prolasso all'interno seguita dalla mano fin oltre il polso, senza problemi per me visto i trattamenti sino ad allora subiti, poi spingere i diti ancor più dentro dove mai nessuno era arrivato
"sono dentro, le 2 dita sono completamente affondate dentro"
"aggiungine un altra e poi ancora, con calma, senza fretta, non lacerare, allarga vedrai che riuscirai ad entrare...."
Ero un lago di sudore, non sò neanche cosa mi passasse nel cervello, sentivo le sensazioni, dolore ed altro che mi venivano dal profondo del culo, le analizzavo quasi venissero da altri e non da me, ero ormai fuori di testa quando dopo vario tempo sentii dire:
"quattro sono dentro, adesso metto il quinto così poi passo..."
"sì dai, ruota piano così il buco tende ad allargarsi, quando il quinto è dentro, poi ruotando riuscirai a far passar le nocche, poi stai attenta, passato lo sfintere non avrai più una camera come l'ampolla fecale, ma un budello, neanche dritto confronto all'entrata, ma con delicatezza si adatta alla tua posizione, così la chiavi nell'intestino, facilmente ti sporcherà, quando una si fà i lavaggi interni non può arrivare lì....."
Ad un tratto sentii qualcosa cedere dentro ed udii Miriam urlare:
"Sono passata, mamma come è stretto qui, però cede...."
"piano, ruota e spingi, ma delicata, sì vedo che avanzi, dai...."
"entra, scivola giù, dove sono? nell'intestino? la senti come muggisce la vacca??"
"ormai non credo ragioni più, è solo un buco, dai un piccolo sforzo e sei al gomito, ecco così, adesso sempre con delicatezza chiavala così"
io ormai ero solo un fascio di dolore e sensazioni oscene, dalla bocca usciva solo un suono inarticolato
"hhhhhhuuuuuhhhhhooooommmmmhhhhhaaaaahhhhmmooo"
piangevo, sbavavo, dopo mi dissero che rovesciavo gli occhi ma avevo un lago nella figa, sì mi ero anche pisciata sotto però stavo anche avendo vari orgasmi incontrollati
Stefano mi disse.
"mi sà che dovremo trovarti un cavallo che ti inculi per farti sentir qualcosa"
E gli altri 2 scoppiarono a ridere, poi, sempre mentre Miriam mi pistonava in culo sino al gomito, ma adesso, sempre con calma, però faceva uscire metà avambraccio per poi rientrare sino al gomito, Stefano e Mario mi si misero davanti, alzandomi tramite gli spilloni che ancora avevo nelle mammelle, a turno mi ficcarono il cazzo in gola fottendola sino a sborrare, finito che ebbero, Miriam usci col braccio dal mio culo e mario con la digitale si premurò di immortalare lo scempio appena fatto.
Appoggiata a lei raggiunsi il bagno, dove mi sedetti su la tazza per liberarmi, ma neanche lì fui lasciata tranquilla, Stefano venne a togliermi gli spilloni, poi dopo un pò fui aiutata a rivestirmi, chiaro indossando un grosso pannolino e delle mutande contenitive, mi fù data un pomata da mettere su l'ano per far rientrare l'infiammazione e mi dissero di non preoccuparmi che dopo qualche giorno si sarebbe richiuso almeno parzialmente, dopo di che ci accomiatammo da Stefano e tornammo a casa, anche se io dovetti farmi sorreggere sino in casa.


Continua

Questo racconto di è stato letto 3 5 7 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti di donne porchemiluraccontiscovolinastorie eroticheracconti maluracconti eortici gayracconti gay pornracconti erotici guardoniracconti porno brevistorie eroticiracconti erotici bdsmracconti bdsm gaystorie di mogli porchevideo storie di sessostorie sessnel culo raccontiracconti erotici in discotecaracconti trasgressioniracconti picantivoglio prenderlo nel culoracconto bondageracconti porno realigeniv storieporno racontiraxconti eroticiprimo scambio di coppiaracconti erotici in autosuocere raccontiracconti erotici zooracconti mogli porcheracconti porno zoofiliaannunci69 gayracconti erotici con sorellaracconti erotibrani eroticiracconti erotici animalraccnti pornoracconticuckracconti bisexsogni erotici raccontiincesti con nonneracconti porno segheracconti hard suoceraracconto eroticistorie di scambila figa di mia suocerasignore arrapantigeneri eroticiracconti pororaccnti milueroticiracconti.itracconti zozziertici raccontiracconti sesso con nonnaracconti eraticierotica raccontiracconti sesso scuolaracconti erotici di donne sposateracc incestraccontisessualistorir pornoracconti erorticieroticiracconti.itracconti di segheracconto sessoraconti hoteros gratisho sverginato mia sorellaracconti di milstorie di culistorie eroricheracconti erotici di suocereracconti erotici di sessoraccobti eroticistorie podonne che fanno seghe ai cavalliquella porca di mia cognatastorie pornoracconti erotici nuorascopata dal cane raccontiracconti erotici con nonnaracco.ti eroticiracconto sesso analewww.eroticiracconti.itfisting raccontiincesti racconti verimaria teresa ruta cosceracconti miliracconti erotici scambio di coppiastorie porno gratismoglie scopa al cinemaanimalsessoraacconti eroticiracconti prnotradimenti eroticiracconti anonimiracconti porno mogli troieraconti erotici 69la mia prima segaconti erotici