Mio marito mi ha messo all'asta

Scritto da , il 2019-07-09, genere orge

Prima di raccontarvi quello che ha combinato mio marito domenica sera, voglio parlarvi brevemente di noi. Mio marito è Roberto, io sono Gina. Quando ci siamo conosciuti avevo 21 anni e da 2 mesi il mio fidanzato mi aveva lasciato perchè aveva scoperto che mi facevo scopare dal marito della mia datrice di lavoro. Facevo, infatti, la commessa in una profumeria e il signor Riccardo mi convinse per una scopata. Era un bell'uomo affascinante e l'interesse di un uomo maturo, nei miei confronti, mi lusingava. Doveva essere solo una volta, invece, oltre al fatto che lui insisteva, la faccenda incominciò a piacermi un sacco dal punto di vista sessuale in quanto una cosa era scopare con un ragazzo con scarsa esperienza ed un'altra cosa con un uomo maturo e sposato. Ebbene mi lasciò dopo che mi aveva costretta a licenziarmi. Con Roberto non fu subito un'attrazione fatale, figuratevi che incominciammo a scopare dopo un mese. Lui aveva 26 anni, lavorava ed aveva avuto le sue esperienze. Di lui mi colpirono le sue teorie liberali all'interno della coppia. Forse troppo liberali per l'ambiente dove vivevamo, una cittadina della Sicilia. Per questo motivo mi fu facile parlargli di me e delle mie esperienze. Fra l'altro non avevo più niente di sano e di vergine da dargli: Il mio fidanzato mi scopava nella fica, Il signor Riccardo nella fica, nel culo e nella bocca, facendomela ingoiare. Insomma, con lui ero troia e mi piaceva esserlo. Con Roberto, fin dalla prima volta, fu sesso completo e in lui trovai l'insieme di quello che avevo col mio fidanzato e con il signor Riccardo. Stavamo insieme da 4 mesi quando trasgredemmo la prima volta. Era la fine di luglio ed eravamo di ritorno da Taormina dopo aver assistito al concerto di un famoso cantante. Era molto tardi, non avevamo cenato e ci fermammo quando, all'estrema periferia di Catania, notammo l'insegna di una trattoria. Purtroppo era di chiusura e il gestore, un simpaticone quarantenne, ci fece il favore di servirci un abbondante antipasto all'italiana. Mentre mangiavamo lo ringraziammo diverse volte e parlammo anche del concerto. Quando si allontanò per un momento Roberto mi disse che era stato gentile e meritava un ringraziamento speciale. Mi chiese se avessi notato il modo come mi guardava e se avessi notato il suo pacco. Avevo notato tutto. Disse che almeno dovevo ringraziarlo con una sega. Mi convinse dicendomi che se facevo la faccia da troia glielo avrei fatto capire. Fu così e quando finimmo di cenare, alzanomi guardandolo maliziosamente, gli chiesi dove fosse il bagno. Me lo indicò, feci finta di non aver capito e lo pregai di accompagnarmi. Altro che sega, solo per iniziare. Infatti volle mettermelo in bocca e gli feci un gram pompino. Quanta sborra mi fece bere! Dopo un mese e mezzo, a settembre, decidemmo di trascorrere una settimana in un capeggio al mare in una località distante un paio di ore dalla nostra città. La tenda di Roberto era piccolina. Vicino alla nostra una bella tenda e una coppia sulla cinquantina. Lui niente di speciale ma birbone, lei una bella donna ancora in forma e molto sensuale. Buon vicinato ed evidentissime attenzioni di lei nei confronti di Roberto il quale mi disse che se la voleva scopare. Non mi fu difficile, d'accordo, farmi corteggiare da lui e facendomi scopare in un boschetto in modo di dare l'opportunità, a lei e Roberto, di scopare nella loro tenda. Trascorremmo gli ultimi tre giorni a giocare in questo modo. Due anni dopo, avevo 23 anni, ci sposammo e già, in viaggio di nozze, in crociera, le prime scopate extra coniugali. Assieme a noi, nel nostro tavolo, vi erano due anziane sorelle zitelle e una coppia anche loro in viaggio di nozze. Tutti siciliani. Tutto cominciò il giorno dello scalo a Barcellona quando a tavola, Roberto, io e Angela, così si chiamava la sposina, in attesa che arrivassero gli altri, stavamo guardando ognuno i souvenirs degli altri. Ad un tratto lei restò stupita per uno fra quelli di Roberto. Disse che l'aveva cercato e non l'aveva trovato. iniziò un dialogo tra di loro e, ad un certo punto, Roberto le chiese se lo volesse. "Oh che sei gentile! Ti ringrazio, mi faresti cosa gradita" "Se lo vuoi te lo do, ma tu che mi dai?" Capii perfettamente cosa volesse dire mio marito. Chissà lei. In un primo momento forse no poi, notando in sorrisino di Roberto, anche lei rispose con un sorrisino e una smorfietta. Dopo cena, in un momento che eravamo da sole, mi disse: "Tuo marito è un furbacchione Eh? L'hai capito?" "Mmmm. Si. Se ti piace te lo posso prestare" "Nooo! E tu così ragioni?" "Si. Se vuoi te lo presto. Se tu mi presti il tuo naturalmente" "Sei sicura che mio marito ci sta?" "A questo ci penso io". Angela doveva essere una troietta più troia di me. Ci scambiammo in modo non palese senza fare capire niente a suo marito. Facemmo in modo che lei potesse scopare con mio marito nella loro cabina ed io nella nostra con suo marito. A 25 anni restai incinta e, incinta di 8 mesi, scopai col signor Riccardo. E fu il signor Riccardo che, dopo 40 giorni dal parto, il primo a scassarmi la fica. Poi mi impiegai e naturalmente lavoro, figlio, marito e casa ci tenevano più impegnati. Una vita di coppia normale tranne, da parte mia, qualche scopata saltuaria con un mio collega e qualche scopata saltuaria con una sua collega da parte di Roberto. Il sesso tra noi sempre alla grande. Oggi siamo una coppia di, 46 anni, portati benissimo da Roberto e 41 anni io. Sono bona e sensuale, con i miei attributi femminili al posto giusto e ancora provocanti. Su questo mi capita di giocarci spesso sia con Roberto che col collega amate saltuario. Un paio di mesi fa, Roberto mi disse che non si era mai avverato il caso di scopare, con altri, insieme. Fu così che parlammo di uno scambio di coppia palese. Con chi se non chattando? In pochissimo tempo facemmo amicizia con una coppia di Catania, quasi nostri coetanei, alla loro prima esperienza. In pratica, anche per noi, era la prima esperienza di questo tipo. Ci invitarono da loro sabato scorso e saremmo stati insieme tutta la notte. Quando ci siamo incontrati entrambe le coppie eravamo imbarazzate ma subito è nata una certa confidenza, specialmente cenando, e tutto fu più semplice. Lei era bona come me, lui molto attraente. abbiamo incominciato a flirtare in soggiorno, su un ampio divano e li abbiamo continuato per tutta la serata. E' stata un'esperienza unica vedere, mentre lui mi pompava i tutti i buchi, vedere mio marito che si fotteve lei. Erano alla loro prima esperienza ma molto porci tra di loro e anche loro, come noi, le hanno volute provare tutte, anche la prima doppia penetrazione per entrambe le troie. Dopo abbiamo dormito in camere diverse a coppie invertite. Abbiamo scopato anche l'indomani e poi, nel tardo pomeriggio, tutti felici e contenti, dopo esserci promesso di rivederci, siamo ripartiti. Lungo la strada ci fermiamo in un'area di servizio per un bel bicchiere di acqua frizzante e un caffè. Roberto mi fa notare che tre tizi non fanno altro che spogliarmi con lo sguardo e che, probabilmente, parlano di me. Anche fuori, quando usciamo. Roberto mi chiede se sono curiosa di sapere cosa dicono di me. Gli rispondo di no, lui insiste e mi fa eccitare anche dopo quasi due giorni di sesso. Sono tre tizi completamente diversi tra di loro: il più giovane è un bel ragazzone bruno, poi un omone sui 45 anni completamente rapato e l'altro un mingherlino bellino credo sulla quarantina. Sembrano lavoratori. Roberto attacca bottone e loro si avvicinano. Sono lavoratori, non mi ero sbagliata. Avevano fatto, essedo liberi la domenica, dei lavoretti nella casa di campagna dell'omone. Non capisco dove trova il coraggio Roberto nel dire: "Mia moglie poco fa mi chiedeva cosa avesse di speciale per essere guardata così. Non mi dite che non è vero perchè me ne sono accorto pure. Figuratevi che mi è sembrato che la spogliavate con gli occhi". Rimangono come tre baccalà e poi il ragazzone dice: "Si, è vero. Veramente c'è molto da guardare". Io mi vergogno e accendo un'altra sigaretta. "Vi piace mia moglie?" "Mii! Se mi piace" sussurra l'omone. "Pagheresti pure per scoparla, vero?" "Io sicuro" disse il mingherlino. "Ah si? vediamo. Quanto pagheresti?" Tutto quello che ho in tasca. Ma lei quanto vuole?" "Dipende da quello che vuoi" "cioè?" chiede il ragazzone, "Se le vuoi fare pure il culo o se vuoi fatto un pompino fino a succhiarti pure l'anima e sborrarle in bocca, non se ne parla più". Loro sono interssati, Roberto non si ferma più e la mia faccia è a terra. "Dai, vediamo chi offre di più e si vuole divertire". "Io ottanta euro ho in tasca" ribatte il mingherlino, "Io forse centotrenta euro" disse l'omone, "Io un centinaio" disse il ragazzone. "Nessuno offre di più?" chiese Roberto. "Questi abbiamo" disse l'omone. "Allora te la sei aggiudicata tu. Hai un posto dove portartela?" Non mi ero mai sentita così mortificata in vita mia ma la mia fica è un lago. L'eccitazione è ancora maggiore pensando che pagherebbero per scoparmi. "Nella casa dove abbiamo lavorato tutto il giorno. Da me. E' a due passi" "Facciamo una cosa va, centotrenta, cento e ottanta fanno trecentodieci, va bene va, scopatevela tutti e tre". Li seguiamo con la nostra auto e dico a Roberto: "Ma vero dici? Che siamo pazzi? Non ti è bastato ieri sera?" "Ed io che c'entro? tu ti devi fare fottere" "Con tre?" "E se sono solo tre che ci posso fare, accontentati. Intanto ti guadagni pure trecentodieci euro". Mi venne da ridere sonoramente. Arriviamo e scndiamo, l'omone apre la porta e dice che possiamo entrare. Roberto dice che non entra e chiede i soldi. Glieli danno e augura buona scopata e buon divertimento a tutti. Mi fanno entrare, entrano loro, e l'omone di ce che lascia la porta aperta. Mi conducono in una specie di camera da letto e mi sento persa perchè non so come comportarmi. Ci pensano loro. Incominciano a toccarmi tutti: vedo le mani del ragazzone sulla maglietta a palparmi le tette, quelle dell'omone sul culo e quelle del mingherlino fra le cosce. Costui mi sembra il più intraprendente e infatti le sue mani sono subito sotto la mia ganna all'altezza della fica. Il ragazzone mi prende la mano e se la porta sulla patta, avvicina il viso e vuole baciarmi; mi faccio baciare con la lingua mentre le mani del mingherlino incominciano a darmi piacere e prendo a tastare il cazzo che mi ritrovo nella mano. Da li a spogliarmi, mettermi a letto e incominciare con mio grande piacere a fare la puttana, non ci vuole molto. Mi ritrovo ad avere tre cazzi sul viso e a leccarli uno alla volta mentre sego gli altri due. Subito mi ritrovo col cazzo dell'omine nelle fica che mi pompa selvaggiamente, il ragazzone che riprende a slinguarmi in bocca e il cazzo del mingherlino nella mano destra a segarlo. Presto ho un orgasmo e impazzisco di piacere. L'omone viene a mettermi il cazzo in bocca, il ragazzone mi lecca le tette e il mingherlino mi lecca la fica. Ancora un orgasmo. Mi meraviglio e penso a Roberto che aspetta fuori. E' come se gli orgasmi dei giorni prima non mi fossero bastati. Basta che il mingherlino prende l'iniziativa di mettermelo in culo e mi ritrovo, per tutto il resto del tempo, a cavallo di uno di loro con il cazzo nella fica, un altro, nel culo e il terzo in bocca. L'ultimo in bocca, il ragazzone mi riempie la bocca di sborra e dopo, non so quanti altri orgasmi ancora, L'omone e il mingherlino mi sistemano supina emi se lo menano sborrandomi sul viso. "Complimenti per la bella moglie troia che hai. "Quando ci rivediamo la prossima volta?" Disse L'omone a mio marito quando uscimmo fuori. "Che hai? Sei distrutta" mi disse Roberto, "Avrei voluto vedere te con tre cazzoni che ti sfondono in ogni posto per due ore". "E' stato bello?" "Mmmmmmmm. Sii"

Questo racconto di è stato letto 6 2 9 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone