Anna. La prima volta nel culo

Scritto da , il 2019-07-09, genere etero

Anna mi passò accanto e con una mano mi accarezzo, leggera, la spalla. Piccoli contatti che di giorno diventavano sempre più frequenti, apparentemente casuali. Alzai lo sguardo e lei mi sorrise poi raggiunse la sua scrivania, un gesto morbido nel sedersi e ancora un sorriso. Da quando eravamo rimasti solo noi due nello studio, svuotato dalle ferie, il suo atteggiamento verso di me, fino a pochi giorni prima cordiale ma formale, si era progressivamente rilassato, eravamo passati a darci del tu, a raccontarci dettagli sempre più intimi della nostra vita. Durante la pausa pranzo due giorni prima mi aveva confessato di essere stata lasciata dal suo ragazzo dopo che lui aveva scoperto che l’aveva tradito. Mentre parlava mi resi conto che non sembrava provare nessun rimpianto per quello che le era accaduto qualche mese prima. Per sfidarla, in qualche modo, le chiesi a freddo: “Ne valeva la pena farti lasciare per un’avventura?”. Lei rise. “Oh si… scusa se sono sfacciata, ma è stata la migliore scopata della mia vita”. Rimasi di sasso, ma cercai di non darlo a vedere. “E poi ti sei messo insieme a quell’altro?”. “Certo che no, un completo cretino, ma a letto un fenomeno”. Cambiai discorso, ma quella confessione, anzi, quella rivendicazione mi aveva colpito. E nei giorni seguenti avevo passato parecchio tempo durante la giornata a pensare a quella ragazza di 25 anni meno di me e alla sua sfacciata e sacrosanta dichiarazione di libertà. La sera l’avevo accompagnata a casa in macchina e prima di scendere dall’auto mi aveva proposto di andare a bere una cosa insieme. Mi salvai in corner grazie a una telefonata di mia moglie arrivata proprio al momento giusto e che mi raccontava che lei e Laura la sua amica erano finalmente arrivate a Copenaghen e che non vedeva l’ora che le raggiungessi la settimana successiva. Anna scese dall’auto io andai a casa per passare una serata cercando di immaginarmi come sarebbe stato andare a letto con lei, quale fosse il suo “grado” di libertà.

E oggi quel tocco leggero sulla spalla e quel sorriso continuavo a ripetermi che era una follia, che mi sbagliavo. E in ogni caso io ero il suo superiore, e se fosse stato solo per quello forse non mi sarei astenuto dal sondare la sua disponibilità, ma aveva vent’anni io quarantacinque suonati. Non mi sembravaev proprio cosa. Continuammo a lavorare.

“Roberto, scusa puoi venirmi a dare una mano?”.

“Certo”, mi alzai e mi avvicinai al suo tavolo. “Dimmi”.

Lei sorrise. “Mi si è abbassata la lampo dietro del vestito e non riesco a rimetterla a posto e mi da fastidio”. E si alzò girandosi per darmi la schiena. Io mi avvicinai e alzai la cerniera, ma prima di allontanarmi non riuscì a non accarezzarle la nuca.

Lei si girò con un sorriso. “Ecco avevo ragione!”.

“Cosa?”.

“Avevo notato che avevi delle belle mani e da giorni mi domandavo come fossero sulla mia pelle”.

Rimasi in silenzio fissandola e lei sosteneva il mio sguardo senza tentennare. “Ho passato l’esame?”.

“L’esame no, ci vuole tempo. Ma la prima prova si a pieni voti”.

“E ora?”.

“Un piccolo premio” disse avvicinandosi a me e allungando la mano verso il cavallo dei pantaloni e saggiando la consistenza del mio cazzo attraverso la stoffa. “Vogliamo passare alla seconda prova?”, mi chiese avvicinandosi con la bocca al mio orecchio e stringendo forte la mia erezione. In quel momento non ci ho visto più, le presi la nuca e invece di avvicinare la sua bocca alla mia ho spinto deciso costringendola a chinarsi e inginocchiarsi davanti a me. Lei sorrideva sfacciatamente. “Apri i calzoni e prendilo in mano”. Lei ubbidì ritrovandosi il mio cazzo stretto in una mano puntato contro la faccia.

“E ora cosa faccio?”.

“Apri la bocca, spalancala”.

Lei lo fece ubbidiente. Tolsi la sua mano dal cazzo che intanto lei aveva leggermente iniziato a segare, e lo puntai alle sue labbra, le presi la testa con una mano posizionai la cappella fra le sue labbra e poi lentamente iniziai a spingere la testa fino a quando con sforzo lei lo prese fino in gola per poi ritrarsi tessendo quasi soffocata. Non le diedi neanche il tempo di riprendersi che le infilai ancora il cazzo fino alla gola e poi iniziai a scoparla nella bocca. Le senza accennare ad alcuna protesta intanto aveva preso in una mano le mie palle accarezzandole. Continuai imperterrito a entrare e uscire dalla sua bocca per parecchio senza che lei accennasse il minimo tentativo di ritrarsi.

“Ora basta!”, le dissi sfilando il cazzo dalla sua bocca e aiutandola a alzarsi. Era bellissima, il trucco sfatto dalla saliva, il cazzo e le lacrime. Sorrise appena, ma il suo sguardo era pieno di curiosità.

“Spogliati. Togliti tutto”.

Lei annui e si spogliò davanti a me che intanto avevo preso una sedia e mi ero seduto. Rimase alcuni minuti in silenzio, nuda, un filo di saliva che le scendeva fra i seni. Era perfetta. E lo sapeva. Ma era anche curiosa di come si sarebbero evoluti i fatti dopo quell’inizio estremo. “Ora siediti sulla scrivania e apri le gambe. No, non così. Spalancale, metti i piedi sul tavolo e apri le gambe”. Lei ubbidiente si offrì, le gambe aperte all’inverosimile, la fica allargata e bagnata e l’ano in bella vista.

“Masturbati”, ordinai. E lei diligentemente iniziò ad accarezzarsi la clitoride. Sempre più intensamente, ansimando, fino a venire davanti a me, così, oscenamente aperta. Solo allora mi alzai e la raggiunsi ancora scossa dall’orgasmo e le infilai due dita nella fica e poi tre senza darle tregua. Lei ansimava, ormai totalmente abbandonata alla mia mano. Stava per venire ancora e io estrassi le dita mi spogliai e poi le infilai di colpo quattro dita dentro fino a farla venire. Squirtando, oscenamente contro di me. Urlando.

Rimasi a guardarla calmarsi piano, rilassarsi. Il respiro che lentamente tornava normale. Poi di colpo iniziò a pisciare rimanendo sdraiata sulla scrivania.

“Tua moglie deve essere una donna fortunata”.

“Lascia fuori mia moglie, e ritieniti fortunata che se c’era lei non ti metteva quattro dita dentro ma l’intero braccio”.

Mi guardò sorridendo per la prima volta da quando le avevo infilato il cazzo in bocca. “Mi piacerebbe conoscerla".

“Vedremo”, risposi. “L’hai già preso nel culo?”, domandai senza tanti giri di parole.

“No”.

“Strano visto come ti sei offerta a me”.

“Non ho mai incontrato l’uomo giusto finora che mi sverginasse anche lì”.

“Io non sono l’uomo giusto”.

“Potresti esserlo”.

“Potrei… Alzati e vieni a succhiarmi”.

Lei ubbidiente mi raggiunse e che senza che io la aiutassi si lanciò in un pompino senza fiato infilandosi di tanto il cazzo in gola con grande facilità. “Non lo avrà ancora preso in culo, forse, ma questa ragazzina è ben allenata a tutto il resto”.

La lascia fare per alcuni minuti godendomi il suo impegno poi le presi i capelli la fermai.

“Ora prenderò il tuo culo”.

“Si”.

“Mettiti contro il tavolo, e mostramelo”.

Lei ubbidiente si girò appoggiandosi al tavolo e offrendomelo. Mi alzai la raggiunsi. Osservai il suo ano che non mostrava segno di alcuna forzatura. Mi chinai e lo leccai, infilando la punta della lingua dentro e iniziando a masturbarla con l’altra mettendole contemporaneamente due dita nella fica che grondava umori. Anna aveva il respiro forte di chi sta per venire. Le sfilati le dita dalla fica e la penetrai lentamente con l’indice il culo fino a farlo sparire del tutto. Iniziai a andare avanti e indietro aiutando la penetrazione con la saliva, poi inserì il secondo dito. In quel momento urlo stringendo le dita con l’ano.

“Fa male?”

“Si, ma continua”.

Ripresi ad allargarlo chinandomi con la bocca fino alla clitoride iniziando a leccarla e succhiarla. Di colpo lei si irrigidì contraendo il culo e poi urlò ancora venendo e squirtandomi in bocca.

“Buono – dissi – ti restituirò qualcosa da bere prima di tornare a casa”.

“Le non rispose, totalmente sfinita dall’orgasmo. Sfila le dita, bagnai la punta del mio cazzo e lo poggiamo contro il suo buchetto.

“Vuoi che lo faccio piano o forte?”.

“Non lo so”.

“Piano o forte?”, domandai riprendendo il tono deciso.

“Forte… si ti prego, inculami ora...”.

E spinsi di colpo dentro di lei che urlò a squarciagola e poi iniziai a pomparla come un ossesso e a martoriarle la fica con una mano. Dopo poco lei iniziò a spingersi contro di me per farsi penetrare completamente e io iniziai ad aumentare il ritmo. Urlò ancora e venne un’altra volta grazie alla mia mano e al cazzo che la squassava dentro. Non la feci neanche riprendere e la sollevai dalla scrivania continuando a incularla lì al centro dell’ufficio stringendole le tettine.

“Mettiti a pecorina sul pavimento”, le dissi sfilandomi. Lei si affrettò ad ubbidire allargandosi le natiche per mostrare il suo ano dilatato e arrossato da cui colava un filo di sangue misto a umori . L’avevo sfondata e non avevo ancora finito di farlo.

Le piantai di nuovo il cazzo nel culo con un colpo solo e inizia a pomparla velocemente, sentì la sua mano afferrarmi le palle mentre sentivo che stavo per venire. “Sborrami in culo… sborra in questo culo sfondato… lo hai aperto e ora riempilo”.

Non riuscì a trattenermi di più e mi svuotai dentro di lei mentre urlava. Rimasi alcuni minuti immobile aspettando che l’erezione si placasse poi mi sfilai lentamente da lei. Le si appoggiò a terra sfinita. Vedere lo sperma che le colava fuori fino a formare una piccola pozza sul pavimento mi eccitò di nuovo. La raggiunsi, le alzai la testa tirandola per i capelli e le infilai in bocca il cazzo grondante sperma e umori.

“Puliscilo bene che poi ti faccio bere sperma e vino fresco”.

E lei si impegnò al suo meglio.

(segue)

Questo racconto di è stato letto 8 1 0 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti di storie di sessoracconti erotici amatoriali gratisracconti erotici i generiracconti erotici di milfracconti 69 gayracconti erotici superdotatoracconti fantasie eroticheracconti camionisti gayerotici racvontiracconti dominazione lesboracconti sex 69raccontierotprofessionista81raccontierotici.itracconti erotici.comfeticismo raccontistorie eriticheracconti ragazzetravestiti raccontizoofilia estremaracconti sesso animaliracconti di maturestorie eroticsi fa inculare dal suo caneracconti erotici analesborrata cavallostorie di sesso con animalimoglie troie mariti cornutiracconti erotici.comincesti nonne nipotistorie porno bisexgeniv racconti eroticifeticismo raccontiracconti mogli pornoracconti di scambio coppiefoto racconti pornostorie di sesso a treracconti erotici gay stuproracconti suocerestorie porno da leggerestore pornoracconti erotici mistressracconti di fantasie eroticheraccontu pornoraconti erosracconti osèscopate e tradimentiracconti erotiicdonna caga in boccaracconti enemaracconty gaybondage storiesincesto racconti veriracconti erotici classiciincesto con la ziaveri racconti eroticiracconti di sogni eroticiraconti lesboho inculato mammaincesto italiano padre figliastorie di escortracconto sesso a treeacconti eroticiracconti hard incestisorie pornoho scopato mia ziaracconti porboracconti sex pornoracconti porno masturbazionestorie pornograficheraccontierracconti erotici suocera generowww.eroticiracconti.iterotici racconti.itstorie di donne porcheracconti erotivierotici raccontostorie porno analesignore arrapantiraccontu eroticifrocettaracconti erotici analiracconti erotici zoofiliaracconti erotici gloryholeerotoci raccontiinculata dal caneracconti prima volta analeracconti erotici straniracconti eroticeerotic raccontiracconti erotici generiracconti erotici.mammatroiaeracconti eroticiracconti erotici suoceraracconti porno di incestoeroticiracconti gratis