Come una vita può cambiare 17

Scritto da , il 2019-07-09, genere dominazione

LA STRATEGIA DELLA DONNA RAGNO
Iniziò il nostro secondo giorno a Rotterdam, la mia sveglia fu sontuoso pompino alle 6.40, dolce scopatina mattutina che terminammo sotto la doccia con venuta in bocca della mia Capa.
Senza farmi vedere da nessuno sgattaiolai in camera per vestirmi, ci ritrovammo al piano inferiore per la colazione, fortunatamente la giornata si sarebbe svolta in maniera leggera, infatti solo il Direttore e Daniela sarebbero tornati dai nostri clienti per un breve briefing. Io la passai a lavorare in camera in attesa di andare all’aeroporto.
Non vidi Daniela fino al ritrovo nella Hall per dirigerci all’aeroporto, lungo tutto il tragitto e durante il volo mi raccontò della sua giornata.

Fortunatamente arrivò il venerdì, la settimana tra trasferta ed altri impegni andava a compimento, Daniela non venne in ufficio per suoi impegni personali, io mi recai a mangiare con i miei colleghi, ma la mia testa era già in modalità weekend; era proprio uno di quei giorni che sarei stato più produttivo a casa sul divano.
Stavo per chiudere tutto e andare a casa quando mi arrivò un messaggio di Sonia: “Ti aspetto domani mattina alle nove”, non risposi nell’immediato, dopo un paio d’ore sapendo che la mia compagna sarebbe stata in ogni caso a scuola le risposi che ci sarei andato.
Il sabato mattina mi svegliai, mi preparai e salì in macchina in direzione casa di Sonia, quando arrivai davanti alla sua porta, lei mi aprì e me la trovai dinnanzi con un pantaloncino corto e una canottiera:
o Ben arrivato.. ci beviamo un caffè?
o Certo, come mai di sabato mattina?
o Avevo voglia di divertirmi un po’, oggi sono a casa tutto il giorno da sola e poi volevo che mi raccontassi pure tu dei vostri giorni in Olanda.
o Cosa ti dovrei raccontare, tanto saprai già tutto…
o Quello è ovvio.. e forse so anche di più.
o Cosa intendi?
o Eh…
Davanti alla macchina del caffè, intenta a prepararlo, mi raccontava che si era trovata con Daniela per un aperitivo, le aveva raccontato della cena, che mi aveva provocato da sotto il tavolo, che sapermi eccitato ed in sua balia la mandava fuori di testa. La mia mente ed il mio membro ripensandoci fantasticavano e si eccitavano quasi come avvenisse in quel momento. Mi ero imbambolato, non la stavo più ascoltando, quando me la trovai dinnanzi, appoggiata la tazzina sul tavolo, mise la sua mano sul mio pacco: “Mi ascolti quando parlo? Ah.. ma sei bello in tiro!”, la sua mano si muoveva lungo la mia asta, masturbandomelo da sopra i pantaloni, quel movimento lo fece svettare seppur oppresso dal boxer ed i pantaloni ginnici.
La presi dalla testa ed iniziammo a baciarci, prima a stampo come fossimo due galletti in combattimento, ed in seguito le nostre lingue ebbero il sopravvento, ed approfondimmo limonandoci come ragazzini.
La sua mano allargò i miei pantaloni, permettendo all’altra di intrufolarsi nei boxer, afferrare nel miglior modo possibile il mio cazzo e poterlo masturbare per tutta la sua lunghezza “ti eccito io, o pensi a Daniela?”, terminò la frase con le mie palle strette nella sua mano, mi fuoriuscì un gridolino che era un misto tra spavento ed eccitazione, “solo a te..” mi riuscì ad uscire, “ottima risposta, adesso beviti il caffè, che oggi mi devi soddisfare, sento che mia la figa ha bisogno di parecchio cazzo, dopo ieri..”.
La mia curiosità stava diventando morbosa, non era successo nulla di particolare a Rotterdam, al ristorante mi aveva eccitato sotto al tavolo, avevo rischiato di essere scoperto in corridoio, avevamo smascherato il Direttore e la tresca con la sua segretaria, ma nulla di diverso rispetto alle nostre precedenti avventure. Terminavo di bere il caffè, facendomi del riguardo dal chiederle, le precedenti avventure con Sonia erano state eccitanti, ma allo stesso modo molto intense.
o Allora.. giovane amante di Daniela, oggi sarà una giornata molto interessante, in molti sensi..
o Ma cosa..
o Vorresti sapere cosa devo raccontarti?
o Me ne sto interrogando..
o Saliamo in camera, vieni, abbiamo tutto il tempo.
Salì rapidamente la scalinata in ferro, lasciandomi a qualche gradino di distanza, entrò nella terza porta quando io terminai la scala, nella prima porta c’era un ampio bagno, nella seconda una camera dall’aspetto molto femminile con un grande poster di Benji&Fede, (bah.. ragazzini, pensai); entrai nella terza porta, la trovai in piedi sul letto, appoggiata al muro:
o Spogliati, completamente e vieni qui!
o (Mi levai la felpa, la maglia, appoggiai il telefono sul mobile, mi tolsi le scarpe, pantaloni ed infine i boxer), va bene così?
o Ottimo! Salì sul letto.
Quando mi trovai in piedi davanti a lei, mi prese la testa e ricominciò a baciarmi, con le mani mi spinse sulle spalle fino a farmi inginocchiare davanti a lei, si spogliò ed in brevissimo tempo tutti i suoi indumenti furono a terra, era una donna molto sensuale, davanti al mio viso mi ritrovai il suo monte di venere, mi afferrò per il capo fino a condurmelo nel bel mezzo delle sue gambe, non serviva dicesse altro, voleva essere soddisfatta fin da subito.
Ritornò ad appoggiarsi al muro “Leccamela!!” adagiai la lingua in mezzo alle sue labbra, quando salivo verso il clitoride dalla sua bocca uscivano mugolii sempre più intensi, diversamente quando mi spostavo o cambiavo movimento mi stringeva i capelli per farmi tornare dove godeva maggiormente; mi staccò “Devi leccarmela come voglio io, non fare il furbo”, portò un piede sul mio petto, spingendomi fino a fami sdraiare, me la ritrovai statuaria sopra di me, si abbassò lentamente fino ad inginocchiarsi e mettermela a portata della mia bocca, ricominciai a muovere la lingua, la muovevo e saettavo, si inginocchiò ed iniziò a muoversi, e strofinarmela tra naso e bocca: “Ecco.. da bravo così.. ahhh… fammi godere che ti racconto tutto, ti dico cosa mi dice quella maiala di Daniela, muovila che vengo.. che bravo che sei con la lingua!! Siiiiiiii.. Ahhh…”.
Non ci mise molto a riprendersi dal primo orgasmo, che seduta sul letto aprì presumibilmente il suo cassetto ed estrasse un Gel Stimolante, lo fece colare su di una mano e afferrandomi il membro me lo spalmò per l’intera lunghezza, non tralasciò nessuna parte, mi godevo quel massaggio e lo sentivo svettare ed innalzarsi maggiormente ad ogni passaggio, anche il profumo davvero eccitante lo rendeva sempre più libidinoso.
Ne fece colare ancora e proseguì nel massaggio, alzavo la testa di tanto in tanto per godermi lo spettacolo, la vedevo intenta scorrere la mano sul mio pene, prima in basso, poi solo nella parte superiore e con il pollice toccarmi delicatamente il prepuzio, però per la maggior parte tenevo gli occhi chiusi, quel ritmo ed intensità e quel profumo mi stavano portando rapidamente ad un orgasmo:
o Allora.. mentre ti masturbo un altro po’ ti potrei raccontale le avventure di Dani?
o Ma scusa.. cosa non dovrei sapere di più di quello che già so.. a Rotterdam c’ero pure io.
o Ehh.. c’è stata una riunione molto speciale?
o Ma con chi?
o Con un GRANDE e GROSSO CAPO.. (sogghignando) IN TUTTI I SENSI MI HA DETTO.
o SCUSA!! MA QUANDO?? (mi alzai di scatto).
o Ah… allora sei interessato.. (fermandosi e tenendo ben salda la presa).
o E poi scusa, grosso?
o Eh! Così sembra. Adesso sdraiati, rilassati che ho voglia di questo bel cazzone, uhmm.. così bello dentro, vieni dalla tua Sonia, che ti fa godere per bene, non pensare alla tua Capa, pensa solo a soddisfarmi.. uhmm.. senti che bello duro..
Iniziò con un ritmo lento, ma molto profondo, commentando e raccontando:
o La tua capa, che devo ammettere hai svegliato fuori in fatto di attività sessuale, prima ero quasi infastidita nel pensare a tutto quel potenziale, represso per pura moralità, adesso però sta diventando peggio di me (ridendosela ed accelerando il ritmo).
Avevo proprio bisogno di una bella trombata mattutina, da quando il mio amante mi sta dando picche, pensa te quel coglione, si vuole sposare e diventare un bravo maritino, fortunatamente mi sono trovata un degno sostituto, ti devo far maturare, purtroppo sei ancora troppo puro e casto, ma il potenziale devo ammettere che c’è, ed è una buona base di partenza.
Dai.. scopami così.. oggi devi consumarmela!! Voglio farti andare a casa senza una goccia di sbora (lo fece uscire e lo riprese in mano), guarda che bello in tiro, non lo hai mai avuto così in vita tua scommetto (lo riprese in bocca).
Si stese e con l’indice mi richiamò a lei, ero carico a pallettoni, aprì le gambe e fui dentro di lei, teneva le gambe aperte e io spingevo più che potevo, volevo farle vedere quello che doveva maturare, le sue mani mi stringevano mi stringevano il culo ad ogni affondo, la sua figa era un lago ed i suoi sospiri aumentavano:
o Dai.. dai.. così!!
o Sonia.. sei una maiala..
o Sono quello che vuoi.. dai che vengo un'altra volta..
Eccolo.. eccolo.. dai così.. ahhh….
o Devi raccontami cos’è successo a Rotterdam (proseguivo… non mi era mai accaduto).
o Tu.. dammi un altro orgasmo, ed io ti racconto l’intera giornata.
o (Non mi fermai di certo, mi si era chiusa la vena, non capivo più nulla).
Girati!! (le urlai, prendendola e mettendola a pecora, lo infilai dentro senza nessun riguardo).
o Ahh… bastardo..
o Zitta!! (le misi le mani sui fianchi e ripresi con un ritmo serrato).
o Così.. così.. bravo.. senti che nerchia che hai porco.. sei un porco!!
Uhm… da quanto non venivo scopata in modo così rude.. CONTINUA!! DAI!!
(Le sue gambe cedettero sotto la mia irruenza, era bocconi sul letto e gridava, solo le lenzuola attutivano le sue imprecazioni).
DAI PORCO!! COSI!! DAI CHE VENGO… ANCORA..ANCORA..ANCORAAAAA!!!!
Proseguivo, ero indemoniato, lei non si muoveva più, lo estrassi e sparai, uno.. due.. tre.. quattro.. spruzzi di calda sborra sulle sue magnifiche natiche e sulla sua rosea schiena.
Caddi di lato per riprendere fiato, lei rimaneva ferma immobile, solo i nostri respiri riecheggiavano nella stanza “fammi riprendere, che bella scopata, adesso ti racconto tutto, uhhh..”.

Apprezzo molto i vostri commenti, le vostre critiche ed i consigli, spero continuiate ad esprimere il vostro parere alla mia e-mail , cercherò di rispondervi il più presto possibile.
Se avete qualche idea, avete piacere di condividerla sono a vostra disposizione, see ya.

Questo racconto di è stato letto 1 2 7 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone