Come una vita può cambiare 16

Scritto da , il 2019-07-09, genere etero

NEL PAESE DEI MULINI
Arrivò l’invito degli olandesi, con Daniela avremo passato tre giorni a Rotterdam, purtroppo non saremo stati soli, dall’Italia con noi sarebbero partiti il Direttore Commerciale e la sua assistente (secondo la Capa, anche nel tempo libero).
Ci trovammo in sede centrale e partimmo in direzione dell’aeroporto, a bordo della lussuosissima Audi A8, il Direttore e Daniela seduti davanti e noi assistenti nei sedili posteriori; il viaggio in macchina fu all’insegna di complimenti sull’operato lavorativo tra i due responsabili e l’impegno a collaborare, per aumentare la buona impressione fatta con gli olandesi.
Mentre parlavano guardavo l’assistente commerciale, devo ammettere che è una ragazza molto carina, non molto alta, vestita con un abbigliamento giovanile, ma di certo consono al ruolo, era intenta a scrivere dei messaggi, stava chattando con un’amica, la mia curiosità ovviamente ebbe il sopravvento, nel fingere indifferenza guardando il mio telefono, lessi che diceva che sarebbe andata con il suo capo a Rotterdam, la ragazza si complimentava per la fortuna, le disse inoltre di divertirsi e non fare troppo la diavoletta. L’intuizione di Daniela era forse giusta.
Arrivati nei Paesi Bassi, trovammo fuori dal terminal un’autista con un cartello, ci aiutò con le valigie e ci fece accomodare sul Van, il viaggio verso l’azienda durò poco meno di un’ora, questa volta mi sedetti vicino alla Capa, potendola ammirare in tutta la sua sensualità.
Nel suo abbigliamento da elegante donna di affari, indossava un tailleur nero, scarpe con l’indispensabile tacco e delle calze molto scure, me l’ammiravo, felice di poterla avere a mia disposizione, (o forse ero io quello alla sua mercé); mentre mi interrogavo su questo particolare pensiero, proseguivo a contemplarla.
Ci portarono a visitare la loro azienda, era grandissima e con spazi ancora vuoti (erano in forte espansione), quando arrivammo dentro gli uffici, rimanemmo tutti basiti, tutto era nuovissimo e di ultima generazione, ma non esistevano uffici divisi, il personale era disposto in una grandissima open space.
Chiedemmo al nostro Cicerone se tutte quelle persone non fossero infastidite dal suono continuo dei telefoni e del vociare dei colleghi, ma ci spiegò che i muri ed i soffitti erano rivestiti di una gomma fonoassorbente per l’assorbimento acustico e quindi non c’era un rimbombo delle pareti. Per di più essendo soppalcato, se uno avesse dei lavori particolari o delle piccole riunioni da svolgere gli sarebbe bastato salire al piano sopra e ritirarsi in una stanza.
Salimmo sulla scala a chiocciola in ferro battuto, con un po’ di astuzia cedetti il posto alla mia Capa, così potei ammirare le sue gambe e il suo fondoschiena nei cinque metri che ci distanziavano dal piano inferiore, tutte le pareti erano in vetro e le stanze erano di diverse grandezze, da un minimo di quattro persone ad un massimo di dieci, passammo una porta tagliafuoco e ci spiegarono che stavamo entrando nella zona dei responsabili. Se già erano cinque anni avanti a noi, quando vidi la disposizione e la loro idea rimasi basito, ogni responsabile aveva un ufficio relativamente piccolo, nel quale c’era una scrivania, un armadio e due sedie per gli ospiti, (probabilmente il mio era più grande).
Per le riunioni bisognava utilizzare le stanze che avevamo visto prima, altrimenti in conference call tramite il pc, Cice ci spiegava che erano arrivati a questa soluzione, perché il personale utilizzava riunioni e incontri per perdere tempo, (ridendo tra me pensai, che se lo avessero fatto da noi, non ci sarebbero stati abbastanza fazzoletti per raccogliere le lacrime di alcuni miei colleghi).
Con il Van ci portarono all’Hotel la sera avremo mangiato noi quattro e forse fatto un giro per la città, in reception ci dettero le chiavi magnetiche ed ognuno entrò nella propria stanza.
Chiamai Sofia, che mi disse si sentiva molto sola a casa senza di me, anche io ero un po’ triste per la distanza, mi raccontò della sua giornata a scuola, quando finimmo la telefonata le promisi che sarei tornato presto.
Erano le 19.30 e nella hall seduti sui divanetti commentavamo io ed il Direttore la giornata, quando si aprì l’ascensore, scesero la mia collega e Daniela, devo ammettere che erano due gran belle fighe (scusate il francesismo), due fascini completamente diversi, ma difficilmente per strada un uomo non si sarebbe girato.
Il ristorante ce lo consigliarono i nostri clienti, seduti al tavolo provavamo a rendere piacevole la serata con qualche battuta, anche se l’argomento principale era il lavoro.
Ero particolarmente incuriosito dal rapporto che poteva esserci tra il Direttore e la sua Assistente, lui si poneva sempre in modo distaccato, diversamente lei, forse data la giovane età cercava di essere più dolce, probabilmente mi sbagliavo, l’insinuazione di Daniela mi aveva di certo forviato. Però.. se fosse stato vero? Bisogna ammetterlo lui era un bel uomo, la sua influenza in azienda era riconosciuta ed una ragazza giovane poteva esserne incantata.
I miei pensieri mi stavano estraniando dai discorsi del tavolo, il Direttore propose un brindisi “A noi, al nuovo cliente e ad un futuro ricco di successi”, e tutti portammo i calici al centro del tavolo.
o Allora Daniela cosa ne pensa, riusciamo a portarceli a casa questi orange?
o Speriamo, lei lo ha portato e noi faremo di tutto per compiacerlo.
o Brava.. Brava.. così la voglio, motivata.
o Io uscirei a fumare, qualcuno di voi mi accompagna?
(Solo Nadia si fece avanti).
Presi i cappotti si alzarono, dirigendosi verso il parcheggio.
o Dani, cosa ne pensi?
o Anche in un’altra stanza ci saranno fuochi d’artificio.
o Inizio a pensarlo anche io.
o Dai!! È solare, hai visto come lo guarda, neanche fosse un Bronzo di Riace.
Ma.. noi due? Questa sera vieni a dormire da me?
(Con la gamba iniziò ad accarezzarmi).
o Dani… non qui.. potrebbero accorgersene.
(Non mi ascoltò, il suo piede, libero dalla scarpa stava risalendo la mia gamba).
o Uhmm.. ho una gran voglia, senti come si sta indurendo, anche lui ha voglia di me.
Sarà una lunga notte, sono già eccitata.
o Dani.. sei una gran troia, dopo ti scopo fino a quando non mi chiedi pietà.
o Bello il mio ingegneretto cazzuto e porco, sarai tu a chiedermi di smettere.
Tornarono rapidamente dalla pausa sigaretta, appena in tempo per l’arrivo delle portate, il Direttore commentò nell’immediato che la temperatura si era abbassata notevolmente e da lì si susseguirono i soliti stupidi commenti riguardanti le stagioni.
Daniela proseguiva, ci sapeva proprio fare, il mio membro era già in totale erezione, se avesse potuto sarebbe uscito da solo dai pantaloni; con il piede era risalita fino alla mia patta e mentre parlava, la sua pianta roteava lentamente accarezzandomi l’asta, le mie gambe sotto il tavolo rimanevano larghe un po’ per l’erezione, ma soprattutto perché mi eccitava la situazione.
Il piede ad un tratto si fermò, nel mentre si stava portando alla bocca il calice di vino, lo sentii scorrere verso il basso, prima di scostarsi con l’alluce mi solleticò le palle.
La cena terminò il Direttore si avviò per pagare con la carta di credito aziendale e chiedere cortesemente al maître se ci avesse prenotato un taxi.
Arrivati in albergo ed ognuno ritiratosi nella propria camera, iniziammo a mandarci dei messaggi con Daniela, volevamo attendere che Nadia si fosse recata nella camera del capo, ma dopo quasi venti minuti che eravamo appostati dietro le porte non accadde nulla.
o Sono qui che aspetto il tuo cazzo, rimango vestita o comincio a spogliarmi?
o Voglio strapparti i vestiti da addosso..
(Quando mi arrivò una video chiamata).
“Ciao ingegneretto, io comincio da sola se non vuoi venire”, era seduta sulla sedia con le gambe accavallate sopra la scrivania, aveva sistemato il telefono in modo che la potessi ammirare interamente e lei avesse le mani libere; “sono stufa di guardare una porta, dato che non ti va, comincio da sola”.
Iniziò con l’aprirsi la camicetta, la osservavo accarezzarsi il seno e con la lingua inumidirsi le labbra, le sue mani scesero ai lembi della gonna ed alzandola allargò le gambe in favore di camera; scostò l’intimo con la mano destra e si mise un dito in bocca, simulando un pompino, entrava, ed usciva, leccava la punta del dito.
Mi guardò ancora e mandandomi un bacio scese con il dito davanti al suo monte…
Non mi trattenni più le urlai di aprirmi la porta e riattaccai; dopo aver dato l’ultima occhiata dallo spioncino aprii la mia camera e nel mentre stavo per mettere fuori il piede vidi la porta del Direttore aprirsi, con un balzo tornai indietro, accostando la porta, lentamente la richiusi e tornai a sbirciare fino a quando lo vidi entrare nella camera della sua assistente. Era giunto anche per me il momento, finalmente questa agonia stava per terminare.
Raggiunsi Daniela nella sua camera, appena mi aprì la porta la presi e la spinsi sul letto, rimase con le gambe aperte, la gonna era quasi in vita e le mutandine erano spostate lateralmente:
o Vuoi essere scopata?
o Si!!
o Vuoi il mio cazzo?
o Dammelo...
Mi tolsi pantaloni e boxer, rimanendo solo con la camicia le afferrai i suoi piedini e me li portai davanti al mio membro:
o Allora ti piace quando te lo sego?
o Mi piace quando mi provochi, quando mi dici che vuoi essere scopata e quando ti sento urlare mentre ti scopo.
Quelle parole la eccitarono ancora di più, i suoi piedi cominciarono a segarmelo e portò una sua mano per darsi piacere, era bellissima ed erotica; ogni sua smorfia e provocazione innalzava il mio desiderio.
Seppur pervaso dal suo tocco, vedevo quella mano muoversi, la voglia di gettarmi tra le sue gambe si impossessò di me, mi abbassai presi i lembi delle sue mutandine e mi immersi per darle piacere, dalla sua bocca uscì “uhmm… sei arrivato finalmente”, la mia lingua scorreva per tutta la fessura soffermandosi sulle labbra, quando risalivo i mugolii aumentavano, le sue mani mi afferravano i capelli e mi conduceva dove provava più piacere; emanava un profumo dolcissimo e sentirla così trasportata mi provocava ancor più ardore di concederle il massimo del piacere, le sue cosce mi stavano stritolando la testa, il momento era vicino, usavo la lingua come un piccolo membro, titillando sul suo clitoride, “così.. così.. continuaaa”, iniziò a racchiudere le gambe fino lasciarsi andare ad un orgasmo.
Dopo qualche attimo la sua mano rincominciò a passarmi tra i capelli “sei stato magnifico, finiamo di spogliarci, ho voglia di te”, a quelle parole mi alzai per togliermi la camicia, anche lei scese dal letto fece scendere il tailleur arrotolato in vita, si sbottonò la camicetta ed in modo assolutamente erotico appoggiò un piede sul letto per sistemarsi l’autoreggente, giratomi di spalle per stenderla sulla sedia mi sentii abbracciare, le sue mani mi accarezzavano il tronco e con le unghie mi graffiava leggermente, la sua bocca mi elargiva dolci baci sulla schiena, con la mano destra scese sul mio membro, accarezzandolo dolcemente, passò alle palle soppesandomele e manipolandole, mi girai le presi la testa e ci unimmo in un bacio, quella leggera masturbazione non terminò, lo riprese e proseguì cadenzando movimenti leggeri ad altri veloci, in breve mi si librò in aria in piena erezione.
Terminò di baciarmi, dandomene un ultimo a stampo sulla bocca, scese fino ad inginocchiarsi, i suoi occhi non si staccarono dai miei, la sua lingua uscì ed iniziò con la sola punta a scorrere lungo tutta la mia asta arrivando fino alla cappella, proseguiva dandomi piccoli colpi, fino a quando le presi la testa con entrambi le mani, lei capì di avermi fatto eccitare notevolmente e si prodigò in un pompino fenomenale.
Abbassavo la testa e lo vedevo sparire nella sua bocca, passava dal succhiarmelo al leccarmelo, mi masturbava ed in contemporanea mi leccava le palle, quando voleva attirare la mia attenzione ricominciava solo con la punta della lingua a titillarmi la cappella era qualcosa di unico, se non fossi stato così eccitato e voglioso di scoparmela, avrei continuato così fino a venirle in bocca.
La presi dalle ascelle e l’aiutai ad alzarsi, ricominciammo a baciarci sposandoci verso il letto, delicatamente ci accomodammo e riprendemmo con la masturbazione reciproca, il mio pene era decisamente pronto, ma anche lei non scherzava, era completamente bagnata da quanto fosse eccitata.
Si girò verso il comodino e aprendo la scatola prese un profilattico, lo scartò e me lo fece indossare, prevedibilmente si posizionò sopra, sorridendomi se lo accompagnò dentro, appena dentro posizionò le mani sul mio petto e diede vita al suo movimento, alzai le mani afferrandole il seno:
o Uhmm… così.. bravo
o Dani sei una gran maiala..
o Solo con te piccolo… solo con il tuo cazzo…
o Dani voglio vederti venire…
(Da sotto cercavo di aumentare l’intensità della penetrazione e con le mani mi spostai sui suoi capezzoli).
o Stai buono… lascami il mio momento di piacere.
(Fece ricadere la testa all’indietro, erano le prime avvisaglie dell’orgasmo imminente).
Lo sento tutto… (ed aumentò il ritmo).
o Dai… dimmi che ti piace… dimmi che sei solo mia..
o Sì.. voglio solo il tuo di cazzo, voglio che mi scopi sempre…
Vengo.. così… che vengo… uhmmm che bel cazzo che hai..
Ricadde su di me, abbracciandomi, all’orecchio mi sussurrò “sei meraviglioso, è stato bellissimo, fammi riprendere un attimo però..”; adagiandosi sulla mia spalla.
Passarono una decina di minuti ed in camera nudi sul letto iniziava ad esserci freddo, ci accoccolammo sotto le coperte, parlavamo come due fidanzatini, anche se una sua mano non proprio casta scendeva verso il mio membro:
o Dani.. cosa stai facendo?
o Niente controllo se qualcuno fosse stanco…
o Non fare la spiritosa.
La sua mano lo impugnò, non ci volle molto a portarlo in piena erezione “hai voglia di scoparmi? O sei stanco ingegneretto?”, era troppo provocante per non risponderle in modo irruento, “ti faccio urlare fino a chiedermi pietà”; questa affermazione le doveva essere proprio piaciuta la sua mano accelerò il ritmo e mi baciò con vibrante trasporto “allora cosa aspetti.. scopami come vuoi tu..”.
Mi liberai della sua presa e scesi sotto le coperte, mi fermò prendendomi dai capelli “no, girati voglio anche io la mia parte”, tolsi definitivamente la trapunta e ci tuffammo in un 69, sentivo ancora il sapore del suo orgasmo e per eccitarla la penetravo con un dito, lei non elemosinava complimenti, ovviamente non sotto l’aspetto verbale, ma con dolci mugolii e divorandomelo sempre con maggior intensità.
La volevo, ero inebriato da quel profumo, mi scostai posizionandomi tra le sue gambe, mi passò un profilattico e in un baleno fui dentro di lei; “ahh… sìì, senti com’è duro”, sarebbe riuscita solo con quelle parole ad eccitarmi, la penetravo quanto più profondamente potessi fare, continuando a baciarci, quando rallentavo il ritmo per ovvi motivi, le sue gambe si intrecciavano dietro la mia schiena e mi cingeva come se non fosse mai abbastanza:
o Voglio che mi prendi da dietro.
o Vai verso la finestra, Rotterdam deve vedere quanto è troia la mia capa.
(mi alzai, le porsi la mano e ci spostammo verso la finestra che affacciava sul Nieuwe Mass).
Appoggia le mani alla vetrata.. eccolo lo senti?
o Sii..
o Dimmi quanto ti piace..
o Mi piace tutto quello che faccio con te.
o Questi 2 giorni ti faccio passare la voglia di cazzo.
o Sei il mio ingegneretto porco..
Guardare fuori mi eccitava ancora di più, saperla appoggiata con le mani sulla vetrata davanti a me mentre la tenevo per i fianchi e la possedevo mi portò in uno stato catatonico, mi sembrava di vedere la scena dall’esterno, si muoveva sotto i miei colpi ed espletava la sua eccitazione.
o Dani.. non ce la faccio più vengo..
o Continua così.. è stupendo.
o Cazzo vengo..
(aumentai il ritmo fino ad eruttare tutto dentro di lei).
Esausti ci sedemmo sul letto, mi tolsi il profilattico e lo gettai nel cestino, poco dopo ci spostammo nel bagno dove riprendemmo a parlare immersi sotto una doccia calda.
Tornai in camera e mi infilai completamente nudo sotto le coperte, uscì anche lei dal bagno indossò un pigiamino di seta, prese posto nel letto e mi abbracciò, avrei dormito con lei quella notte.

Apprezzo molto i vostri commenti, le vostre critiche ed i consigli, spero continuiate ad esprimere il vostro parere alla mia e-mail , cercherò di rispondervi il più presto possibile.
Se avete qualche idea, avete piacere di condividerla sono a vostra disposizione, see ya.

Questo racconto di è stato letto 1 1 6 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


cane incula la padronaracconti eoriticiracconti di escortraccontieroticostorie di ninfomanistorie di amori safficiho inculato mia madrestorie porno gratiserotoci raccontimassaggi erotici raccontieritici raccontiraccontineroticicazzi bruttiracconto di un pompinosesso con mia nipoteeroticoraccontiracconti scambio moglieraccont gayslave raccontiracconti erotici mutandineerotici racvontiracconti porno freestorie fetish piedipompino sotto il tavolositi di incestiracconti di sesso al mareerotiche storiestorie di sesso gratisracconti erotici vipracconti erotici di ragazzeracconti d amore hotracconti confessionicconti pornocornuto feliceracconti erotici la professoressaraccontihotpompini di malenaracconta eroticiracconto lesbicoracconti porno pompiniracconti eros 69pompino a mio fratelloracconti etoticistorie ornostotie pornoracconti porno prima voltaracconti sesso matureracconti erotici legataracconti porno incestuosistorie di culicornuto e contentoerotici raccomtiracconti incesto mamma e figliatrans sborroniracconti tettoneracconti hstorie sesso lesboracconti porno freeporno racontipèornoeroticraccontiporno racconti bisexracconti sculacciataracconti erotici mia madreracconti erotici addio al nubilatostorie cukoldzia eroticaconfessionale eroticoinculatineerotici racconti gratisracco.ti eroticiracconti hard gayraccontieroticracconti porno di nonneracconti erotici classiciracconti eroticimio marito mi ha rotto il culotettona raccontimamma mi racconti la tua storiastorie eroticacrociere erotichei racconti di guzzonracconyi pornoracconti hotracconti erotici sottomessaracconti stupro gayculo rottesibizionismo eroticoracconti/erotici