Da Sirena a Panties Down

Scritto da , il 2019-07-09, genere prime esperienze

mi è piaciuto il commento di Cla85 al mio racconto e quindi provo a dare un seguito al racconto a quattro mani che ho iniziato qua //tt.70foto.ru/hangmup/racconto/42779-la-caccia-alle-sirene

Niente eros, solo storia. Lanciata la sfida a Cla85

“buongiorno Cla, sei già sul Treno? Spero che tu abbia letto il secondo messaggio stanotte in cui ti chiedevo di venire da sola a Montecarlo. Adoro prendermi cura delle mie iniziate e in questo periodo non posso certamente iniziare tre fanciulle del vostro livello. Quando sei in stazione, esci dalle scalinate principali e sali verso l’uscita di Sainte Devote e appena fuori troverai Mark che ti attende con un cartello con su scritto Panties Down. Vai con lui. Ci vediamo a casa. Il tuo Lupo Cattivo”.

Per chi non lo sapesse, Cla è una brava ragazza che ha il vizietto di aspettare giovani uomini alla fermata del tram e irretirli con le sue grazie femminili e il suo fascino sfrontato per poi, dopo un sacco di coccole verbali e provocazioni, portarli a casa sua e farli immergere in uno tsunami di erotismo a cura sua e delle sue dolci compagne di alloggio, Sabina e Teresa. Il tutto non per meri fini di sesso sfrenato, ma al contrario per stordire la propria preda e rubargli tutte le informazioni di contatto, le informazioni sulla famiglia e utilizzare così in un secondo momento tutte le piacevoli fotografie che sono state scattate nelle ore di follia erotica all’ignaro fessacchiotto di turno che in cambio di una straordinaria scopata a quattro si trova per le mani un vero e proprio ricatto economico a cui far fronte per non vedere distrutta la sua felice famigliola.

Purtroppo un paio di settimane fa, Cla ha sbagliato preda e come capita a volte quando si è delle dilettanti, ha scelto un giovane uomo, neanche più così giovane per altro, che tutto è salvo uno ignaro fessacchiotto. Io è da anni che mi sono dedicato al mestiere più antico del mondo. La prostituzione. La prostituzione di alto bordo. Ebbene si. Chiamatelo come volete, magnaccia, protettore, infame … ma io gestisco il mio splendido network di affascinanti fanciulle che dietro lauto pagamento prestano le loro grazie erotiche alla mia vasta e selezionatissima clientela.

Oggi Cla sta venendo a Montecarlo, dove abbiamo la nostra sede operativa, per passare dall’altra parte della barricata. Da semplice truffatrice col vizio del sesso, ad artiste del sesso a pagamento. Da cam girl di periferia a escort di alto bordo. Non sarà facile. Non sarà una passeggiata per lei e purtroppo visto che educo tutte io le mie fanciulle, non sarà una cosa semplice neanche per me.

L’ho vista arrivare, con la mise assolutamente da brava ragazza, il suo piccolo trolley, come da me consigliato, tanto probabilmente butteremo via la maggior parte delle cose che sono sue, e che si guardava attorno a metà tra il sorpreso e il preoccupato. Cla non sa che dal momento in cui è salita in macchina con Mark, ogni suo piccolo movimento, sguardo è stato catturato dalle telecamere presenti nelle nostre macchine e ovviamente nella nostra tana. Dovrò dirle prima o poi che ogni istante della sua giornata sarà immortalato nei nostri video. Mi sa che glielo dovrò dire prima o poi.

“buongiorno Cla, o direi meglio Claudia. Dolce bambolina come stai? Fatto un buon viaggio? Mi spiace non averti potuto farti viaggiare meglio che con un banale treno ma sai da Milano a Montecarlo non ci sono soluzioni molto più comode e sinceramente con una macchina probabilmente ci avresti messo decisamente di più e il viaggio sarebbe stato più faticoso. Adesso se vuoi, puoi sistemarti in camera tua e riposarti un po’, poi parleremo velocemente di quello che ho pensato per te e tu avrai una sera intera per pensarci e domani mattina per le 11 del mattino mi darai la tua risposta”.

Claudia è andata in camera sua, l'ho vista guardarsi attorno, dopo che Henriette, la mia dolce maman, l'aveva lasciata spiegandole dove poteva trovare tutto. Ho visto Claudia che girellava per la stanza, quando si è tuffata sul letto candido, ha acceso il televisore curvo, ha guardato l’impianto audio, è entrata in bagno e l’ho sorpresa con il suo gridolino a metà gola.

L’ho spiata che si faceva la doccia, inutile dire che mi sono salvato le varie sequenze in cui ha indugiato fin troppo nel lavarsi certe parti del suo corpo, l'ho guardata che pranzava e poi ha aperto l’armadio e come da istruzioni lasciate sul cassettone, si è cambiata e si è messa a curiosare in ogni angolo del suo alloggio. Appena l’ho vista decisamente annoiata, le ho mandato un whatsapp “ciao Claudia. Pronta per parlare di affari?”. E mentre la guardavo che pensava su cosa rispondere, l’ho anticipata io e le ho nuovamente scritto. “Vieni giù nel mio ufficio. Scendi le scale e gira a destra. Troverai un corridoio lungo con una serie di stanze. L’ultima porta sulla sinistra è la mia. Ti aspetto… ah la porta di ingresso adesso è stata sbloccata”. È stato divertente guardare la sua reazione quando ha letto questo messaggio. Si è guardata intorno e forse per la prima volta si è resa conto di essere spiata.

“ciao Claudia. Eccoti finalmente”. È appena entrata nel mio ufficio. L’ho vista scendere le scale e guardarsi attorno. Ha scelto un vestitino leggero, corto a metà coscia, è stata più attenta ad abbinare le scarpe ma poi alla fine ha scelto un sabot tacco 8 così da essere nella norma. Molto bella. Decisamente bella. “Bella scelta, complimenti, prego accomodati”. È divertente perché non ha ancora proferito una singola parola da quando è arrivata. “ti hanno rubato la lingua Claudia? L’altra volta eri molto prodiga di parole, oggi sei diventata improvvisamente muta?”

“ma tutto questo com’è possibile?”

“tutto questo? Cosa intendi Claudia?”

“ma dai si lo sai benissimo. Tutto questo cosa è? E tu chi sei? E io cosa ci faccio qua?”

La vedo che si guarda intorno, inizia a innervosirsi. Non è abituata a non tessere le fila del gioco. “tutto questo è la nostra casa a Montecarlo. Sono due piani interi di questo grattacielo che abbiamo preso come sede per la nostra attività, la nostra sede commerciale ovviamente e sede di rappresentanza. È qua dove noi concludiamo i nostri affari più importanti”

“Affari? Ma di che affari stai parlando e io cosa c’entro?”

“Ah già Claudia, cosa c’entri? Dai siediti così partiamo dall’inizio e ti spiego.”. “La mia è una azienda un po’ speciale, mi piace essere diretto e franco con le mie collaboratrici. Io vendo piacere. Io vendo piacere ad altissimo livello. Io gestisco donne, anche qualche uomo per la verità, e vendo le loro arti erotiche su cui abbiamo lavorato per mesi se non anni ad affinare, ai migliori compratori del mondo. Sesso. Erotismo. Piacere. Orgasmi. In ogni maniera, in ogni modo. Piacere allo stato puro. Sesso con un solo limite: la tua fantasia. La fantasia erotica più esclusiva e deliziosa che si trovi oggi a queste latitudini”.

“lavori con le puttane?”

“ehi ehi silenzio. Se vorrai rimanere con me, dovrai imparare a tenere a freno la tua lingua. Usala per altre cose la lingua, non per dire stronzate”. “Le mie ragazze non sono puttane. Sono artiste del piacere. Non vanno con il primo che capita. Sono io che decido dove mandarle, con chi mandarle e fino a dove possono spingersi con quel cliente.”. “Artista del piacere, tutte provate e istruite da me e dalle migliori professioniste del settore. Le femminucce le istruisco io, i maschietti li gestisce e li istruisce la mia socia d’affari”.

“sì ma sempre di sesso a pagamento si sta parlando”.

“Sesso a pagamento. Che triste definizione. Stiamo parlando di dare piacere, non scopare. Vuol dire studiare il tuo accompagnatore, il tuo maschio o la tua femmina con cui passerai una serata o una settimana in hotel di lusso, in ristoranti stellati, su yacht tipo quelli che vedi ormeggiati qua sotto. E quando lui o lei vuole, ahh mi auguro che la bisessualità non sia un problema per te! dicevo, quando lui o lei vuole soddisfare ogni sua voglia, ogni suo desiderio tu devi essere lì pronta, con il corpo ma soprattutto con la testa. Io non vendo un corpo. Di fighe e tette ne è pieno il mondo. Io vendo un cervello. Una testa erotica. La voglia di entrare sotto la pelle, di far nascere l'orgasmo nella testa e farlo scendere piano piano tra le gambe fino all'esplosione del piacere. Una, due, tre, cento, mille volte. Fino a quando ti implorerà di smettere. Si questo è il mio concetto di puttana. Un po’ diverso da tutte le stronzate che mi hai raccontato tu.”.

“e tutto questo sarebbe per me?”

“perché tu hai l’indole naturale per essere una puttana. L’altra volta quando ci siamo incontrati alla fermata del 20, ti veniva naturale muoverti in maniera seducente e provocante. La birra nello scollo. Gli occhi da cerbiatta dolce e vogliosa. La tua voce languida ma rilassante. E tu dolce e perfida Sirena non lo facevi solo per una bella scopata. Il tuo fine era solo quello di andare a prenderti dei soldi. Mi sei piaciuta, hai le basi, adesso dobbiamo vedere se fai l’ultimo salto.”

“l’ultimo salto?”

“Beh di puttane ne è pieno il mondo. Di Panties Down ce ne sono pochine nel mondo”.

“pant... cosa?”

“Panties Down. Le mie ragazze. La mia azienda. Il mio giochino. Letteralmente vuol dire mutandine giù ed è tutto partito da un e-comerce su internet in cui vendevo mutandine usate da giovani studentesse che indossavano l’intimo e poi lo mandavano a dei cultori degli slip usati in giro per il mondo. Oggi Panties Down è uno standard di escort in tutta Europa”.

“Panties down. Ma dimmi tu che ca... di nome”.

“Oh Claudia, ne vedrai tanti di cazzi se diventi una Panties Down, non ti preoccupare e non solo cazzi, fighe, tette, letti, piscine, spiagge, SPA, completi di intimo, abiti, scarpe, borse, immobili, auto, dollari, ohh tanti dollari. Nessuna Panties Down è povera ed è per questo che vorrei parlarti del contratto…”

“Contratto?”

“oh si, non penserai mica che io investo su di te un sacco di soldi e poi sei libera di fare quello che vuoi e andartene che ne so alla concorrenza o addirittura metterti in proprio. Ci sono delle regole ben precise, con un contratto, chiamamolo di lavoro, dove tu sei tenuta a fare alcune cose, io sono tenuto a fare altre cose. Durata minima 3 anni, anche se nessuna Panties ha mai chiuso al primo ciclo la sua esperienza. Ovviamente inutile dirlo che il contratto è vincolante. Qualcuna ha provato a fare la furba. Diciamo che non è più in grado di lavorare nel mercato, ecco diciamo così... ”.

“Tre anni? A fare la puttana? Ma per chi mi hai preso?”

“Guarda Claudia, la scelta è tua. Non credere che io offra questa opportunità a tutte le ragazze che incontro. Mi sei piaciuta perché la tua sensualità è naturale, hai delle potenzialità, anche se dovrai impegnarti molto...”.

“impegnarmi molto a…?”

“ad imparare a far godere, a farti desiderare, a farlo impazzire, a fargli venire voglia di fare follie per te. Ti ripeto: io non vendo corpi belli sodi giovani di ragazzine sciatte. Io vendo piacere. Piacere puro.”.

Alla fine abbiamo passato quasi due ore a discutere di cavilli burocratici, di compensi, di limiti, di clausole. Insomma Claudia si è dimostrata una tipa tosta ma alla fine voleva firmare.
“No Claudia. Ci devi pensare su tutta la notte prima di firmare. Ma sai, prima di poter decidere se vuoi veramente diventare una tra le migliori "puttane d'Europa" sai che c’è un’ultima cosa prima di poter dire che il contratto è assolutamente regolare e valido”.

“e quale sarebbe”, mi guarda maliziosa e decisamente più femmina di quanto sia stata in queste ultime 20 ore. Ha perso la sua paura o preoccupazione ed è tornata quella Cla che ho conosciuto alla fermata del 20.

“cara Claudia, prima di tutto devi soddisfare me!”.

È stato divertente vederla prendermi per mano e fare la strada al contrario fino al suo alloggio. La vedevo che mi tirava decisa e vogliosa.

“vediamo cosa sai fare per farmi impazzire di piacere Claudia. Tira fuori la femmina che è in te e fammela vedere all’opera!”

To be continued…

Questo racconto di è stato letto 8 4 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotici maturaracconti nel culoracconti mistressstorie di sesso in ufficiolibri eros gratisracconti sculacciataracconti porno itstorie erotiche pornoil confessionale eroticoraccontu eroticistorie di sesso spintoracconti erotici medicoracconti erotici palestrasodomia raccontiracconti incesiracconti trioracconti erotiierositalia raccontistorie clisteristorie pirnomarito cornuto e contentol uomo con due cazziracconti porno ragazziracconti porno travstorierotichevoglio prenderlo nel culoraccobti eroticiraccontii eroticiracconti sesso estremoracconti porno+racconti erotciracconty gayraconto eroticoporno racconti eroticiracconti sesso con transvicina vogliosaracconti erotici di gayesibizioniste in luoghi pubbliciracconti erotracconti erotici mia cognataracconti prima volta gayscampio coppie69 raccontisexy raccontiracconti etoticiraconto pornomasturazioneerotici racconti generi dei racconti eroticiracconti milfraccontizoofiliaracconti vecchie troieracconti safficiracoonti eroticisrorie pornoracconti erotici a scuolaracconti di mogli porcheracconti erotici caccafidanzata esibizionistamasturbazioni violentesorie pornopiedi suoceraracconti eroracconti porno fantasiegenere dei racconti eroticii generi dei racconti eroticiracconti gay pelosierotici racontiracconti bsxforum zoofiliaracconti erotici la prima voltaracconti saunaracconti hard maturestorie vere hotracconti mamme incestiracconti lesbo 69racconti veri tradimentierotici raracconti sexdonna scopa con un cavalloho inculato mia mammaeros raccontiracconti erotici.comerotici racconti gratisstorie erotich