Sissy: da Cameriera a Segretaria

Scritto da , il 2019-07-09, genere dominazione

Sono G, un maschio che ha sempre avuto la fantasia dell'essere una donna e sentire quello che le donne potevano sentire. Quando, raggiunta una certa età, venni a conoscenza di quello che avrei potuto fare, non esitai un istante a cercare un'opportunità che mi desse la soddisfazione che tanto bramavo. Ebbi un padrone che mi insegnò molto e si prese cura di me, prima di lasciarmi da sola, ma istruita e pronta ad essere usata. Fisicamente sono alta 165cm, fisico normale, capelli corti castani, 14 cm, e per prepararmi alle mie sessioni ho preso l'abitudine di depilarmi ovunque, cosa che mantengo tutt'ora.

La premessa è finita, ora racconto la mia storia.

il primo racconto che ho scritto sembra essere piaciuto, nonostante io non abbia grandi qualità di scrittura. vorrei ringraziare tutti coloro che lo hanno letto e commentato, siete stati di ispirazione per questo nuovo racconto, che scrivo ancora sotto ordine del mio padrone e sotto il suo occhio vigile, mi ha anche ordinato di non accennare in qualsiasi modo alla sua identità quindi mi scuso già ora per le possibili ripetizioni.

dopo la festa che ho raccontato ci fu un periodo di quiete di qualche settimana, nella quale ripresi le mie normali attività da schiava, ricevendo anche una specie di "promozione" a cameriera. oltre ad essere sempre presente come schiava da scopare, il mio padrone mi affidò la gestione della sua casa: ero estasiata, il nostro rapporto si stava evolvendo piano piano. ovviamente ciò comportava che io non avrei mai abbandonato il mio precedente ruolo, ma significava un maggior coinvolgimento. il mio primo giorno da cameriera, il mio padrone mi presentò la mia nuova divisa: era composta da uno stretto corsetto nero e bianco, una minigonna degli stessi colori e una cintura di castità per non disobbedire in sua assenza. la divisa aveva anche calze a rete e tacchi a spillo rigorosamente neri. ovviamente essendo una schiava non avevo diritto all'intimo.

Provo la divisa, sembra essere fatta su misura per me, il corsetto mi preme contro il petto, la minigonna mi lascia tutto scoperto, la sensazione delle calze sulle gambe la adoro moltissimo, e ormai usare i tacchi è ordinaria routine per me. una volta indossata vado allo specchio per vedermi, ed effettivamente sembro una vera cameriera, pronta al lavoro e non solo. incrocio lo sguardo del mio padrone per vedere se ho la sua approvazione, lui viene verso di me e mi consegna un paio di guanti bianchi, che una volta indossati danno una strana sensazione alle mani, ma piacevole, e una parrucca di capelli biondi, a caschetto. al mio padrone sembra piacere la mia nuova tenuta, dato che mi fa un cenno che conosco troppo bene. so già cosa significa.

mi avvicino a lui e mi metto in ginocchio, gli slaccio i pantaloni e rimango come sempre stupefatta dal suo bellissimo cazzo, prima di iniziare a leccarlo e succhiarlo. Sono in ginocchio vestita per lui, capisco in questi momenti di essergli totalmente devota e che non saprei cosa fare senza di lui. Il suo magnifico cazzo ha un odore maschile, succhiarlo mi dona un piacere inebriante, mi fa sentire donna. Posso vedere che gli sta piacendo dal suo viso, ormai ho imparato come farlo godere anche solo con la bocca. il mio vestito ovviamente deve fare la sua parte siccome prima mi tocca le spalle poi mi tiene il collo. Fargli un pompino al giorno è una delle mie attività da schiava, qualcosa che non posso saltare assolutamente. a volte è anche l'unico tipo di contatto che abbiamo per giorni interi. dopo una decina di minuti in cui ho succhiato il suo cazzo con molta voglia, mi ordina di aprire la bocca e tenere le mani dietro la schiena, poi mi afferra la testa e mi scopa la bocca velocemente e con colpi secchi. adoro quando lo fa, mi prende con la forza facendomi sentire totalmente sotto il suo controllo. Avverto quando sta per venire, mi dice di ingoiare tutto mentre continua a scoparmi mentre io sono inerme al suo comando: viene direttamente nella mia bocca, conto 4 magnifici getti di liquido caldo, che mi dona nuova soddisfazione. si stacca dalla mia bocca quando noto l'ultima goccia sulla punta. Mi guarda in modo allusivo e la fa cadere sul pavimento. Come una brava schiava, pulisco con la mia lingua, sentendo il freddo del pavimento in marmo. dopo questo, si riallaccia i pantaloni e mi mostra la mia routine, composta da lavori domestici. Mi avvisa anche che potrebbe venire una persona verso il primo pomeriggio, nel caso la devo trattare come un ospite di riguardo e fare tutto ciò che mi chiede.

Così il mio padrone lascia la casa per andare a lavoro mentre io inizio le faccende domestiche con il sapore dello sperma in bocca. Avrei voluto mi montasse quando ho provato il vestito ma avevo paura di chiederlo e incorrere in una punizione. Inizio la mia giornata rifacendo il suo letto, mettendo a posto la cucina, pulendo minuziosamente il tavolo e le sedie. Sistemo anche il mio giaciglio, siccome dormo ai piedi del suo letto, su un materasso dove mi ha già scopata molte volte , devo essere sempre pronta a soddisfare le sue voglie. Dormo con lui solo in occasioni speciali.

Passano le ore e devo dire che mi trovo bene nel mio nuovo ruolo, mi piace pensare che tornerà a casa e la troverà pulita. Mangio qualcosa al volo e riprendo il mio lavoro, stavolta pulendo le finestre e il balcone della casa. Scorgo anche un paio di ragazzi che mi guardano, io li assecondo mostrandomi , siccome ho l'ordine di essere il più esibizionista possibile. Passano le ore e pulisco tutta la casa, ormai sono le 17 passate, quindi penso che la persona che aspettava non verrà dopotutto. Ho pulito tutta la casa e mi concedo un breve momento di relax sul divano, che si protrae fino alle 18 30, ora in cui so che il mio padrone torna a casa. Sento la sua macchina entrare dentro al giardino, lui che scende chiacchierando mentre sale gli scalini per la porta. Ha portato un ospite.

Mi faccio trovare in ginocchio davanti alla porta, pronta a servirlo in caso di bisogno. Quando entra, noto che con lui c'è un uomo molto attraente sui 40 anni: mi dice che era la persona che aspettava, che ha avuto un contrattempo ma che si sono incontrati a lavoro. Cenerà da noi quindi penso di dover preparare il tavolo e la cena, ma il mio padrone dice che penserà a tutto lui e mi ordina di stare con il nostro ospite e di intrattenerlo come preferisce. Lo trovo in piedi nel salotto, mentre analizza il repertorio di vini e alcolici del mio padrone, che lui stesso si concede ogni tanto.
Si presenta amichevolmente come L. , collega di lavoro ormai da 20 anni, mi conosce siccome il mio padrone gli ha parlato di me e del mio ruolo nella sua vita. Aggiunge anche che sono carina, che gli piace il mio vestito, il tutto mentre mi accarezza con le mani ogni parte del corpo. improvvisamente alza la minigonna e nota la cintura di castità, da cui il mio padrone ancora non mi ha liberato. L. tira fuori dalla tasca dei pantaloni la chiave del lucchetto e mi libera, asserendo che lui gli aveva dato il permesso. Va un attimo in cucina mentre io ancora non capisco bene cosa dovevo fare, sento solo un "va bene anche adesso." L. mi prende e mi porta con sé sul divano, dove io, in presenza di veri uomini, non posso provare a sedermi. Segue almeno mezz'ora in cui racconto a L., mentre sono in braccio a lui, tutta la mia vita con il mio padrone, tutto ciò che dovevo fare ogni giorno, le mie attività, le mie capacità e infine i miei limiti.

L. è molto preso dal mio racconto, mi ascolta e mi sorride ogni tanto. Quando ho finito di raccontare la mia storia, mi prende con sé e mi porta in camera da letto. la sua espressione è cambiata, ora noto lampi di desiderio nei suoi occhi. Ma anche così so già cosa fare: mi giro, mostrando il mio culo dilatato, inutilmente coperto dalla minigonna. L. mi prende la testa e la affonda sul letto mentre lo sento sbottonarsi i pantaloni, si sputa sul cazzo già duro e si impossessa di me con un colpo secco, senza preservativo. Il dolore non è assolutamente paragonabile al piacere che sto ricevendo, L. ha un cazzo veramente niente male, lungo e durissimo, mi scopa velocemente tirandomi colpi poderosi, a questo punto mi accorgo da sola che non mi sta scopando ma mi sta violentando, cosa di cui non posso dire di essere dispiaciuta. Sentirmi in preda ad un uomo è una sensazione che mi regala un'eccitazione indescrivibile, mi fa sentire una vera schiava, un oggetto da scopare e da usare. Passo 15 minuti ad ansimare a gran voce mentre lui si è tolto la giacca e mi tira i capelli nuovi, prima che io lo senta irrigidirsi prima che venga. A quel punto L. mi prende e mi butta per terra, accasciandosi su di me e sovrastandomi con il suo peso. Me lo rimette dentro e mi afferra i polsi, mi scopa così, improvvisamente sento che sto per godere , senza la cintura, inizio a sentire la gioia dell'orgasmo che si propaga in tutto il mio corpo e sento che il mio piccolo clitoride emette sperma sulla minigonna che indosso. L. va avanti per ancora qualche minuto, poi sento anche lui ansimare forte e sento il suo cazzo pulsare dentro di me, scaricando dentro tutta la sua sborra calda.

Ho il fiato corto e sono stanca, ma mi rialzo e mi metto in ginocchio, aspettando. L. si riveste mentre mi manda ancora qualche occhiata fugace in cui mi squadra da testa a piedi. Il mio padrone entra in camera e mi guarda con un lampo di soddisfazione, poi annuncia che la cena è pronta. Ovviamente non è per me, ma per loro. Io devo aspettare che loro abbiano finito per poi poter mangiare, se non hanno voglia di sfogare le loro perversioni ancora. Ricevo l'ordine di pulire la minigonna, cosa che faccio subito e con precisione mentre mangiano e li sento parlare, l'argomento principale sono io. Non posso essere al loro stesso livello quindi resto in camera da letto vestita e sdraiata sul mio materasso.

Dopo 2 interminabili ore, il mio padrone torna in camera, dicendo che L. se ne è andato e che lo rivedrò domani. Non so come sentirmi, se felice o triste a riguardo. Il mio padrone si sveste, mi da la buonanotte e spegne la luce. Io cerco di addormentarmi ma dopo mezz'ora lo sento alzarsi rumorosamente, viene da me e mi gira a 90 gradi, iniziando a leccarmi il culo. Sentivo la mancanza della sua lingua, anche per qualche secondo prima di sentirmi il suo cazzo dentro. Mi mancava troppo questa sensazione, erano giorni che non lo voleva fare, sentivo ogni suo centimetro farsi strada in me. Mi lasciai andare ad un forte gemito quando arrivò fino in fondo e iniziò a scoparmi, come solo lui sapeva fare, afferrandomi i fianchi con le sue mani e scopandomi forte, senza mai esitare. Mi abbassai ancora di più, appoggiando le spalle al materasso e offrendogli il mio culo da schiaffeggiare e da penetrare duramente. La scopata fu intensissima e per la prima volta mi tirò a sé e mi baciò, appassionatamente e con la lingua. Non lo aveva mai fatto prima d'ora. Io risposi a quel bacio con entusiasmo mentre gemevo, segno del mio amore per lui. Quando avvertii che stava per venire, lo sorpresi mettendomi ancora più in basso con la testa e aprendomi le natiche con le mani, per farmi scopare ancora più duramente finché non venne, godendo appieno del mio corpo. Si alzò quasi con fare colpevole, mi misi in ginocchio e gli succhiai il cazzo per pulirlo, mentre avevo il culo in fiamme. Prima di addormentarsi mi disse semplicemente "sei bellissima".

La mattina dopo mi svegliai insieme a lui, gli preparai la colazione e i vestiti per andare a lavoro. Ma oggi sarebbe stato diverso, infatti sarei andato con lui e avrei reincontrato L. , che era rimasto molto colpito dal mio atteggiamento remissivo e sottomesso e che mi voleva come sua segretaria. Per l'occasione il mio padrone mi ha vestita con molta cura, mantenendo i tacchi e le calze a rete, ma indossando una corta gonna scura molto stretta, un reggiseno push up e una camicia azzurra. Il mio padrone era già pronto sulla porta mentre mi preparavo, mi portò in macchina fino a casa di L. dove lui aveva il suo stesso studio. Il mio padrone se ne andò subito dopo, non prima di avermi regalato l'emozione di un altro bacio. Quando L. venne ad aprirmi alla porta, mi accolse con un gran sorriso e mi fece entrare: casa sua era bellissima, arredata secondo un ottimo gusto e solo con oggetti di marca o di lusso. Era anche una casa modernissima , fatta principalmente di vetro, metallo e legno. Faccio anche la conoscenza con la sua attuale segretaria, R. , che mi porge la mano con fare impassibile. L. mi porta nel suo ufficio, dove mi offre un bicchiere d'acqua. Mi spiega di essere stato impulsivo ieri, di essere stato una sorta di test, siccome non riusciva a credere che avessi raggiunto un tale grado di sottomissione. Voleva vedere fin dove avrei potuto spingermi. Mentre ieri cenava, ha potuto constatare di non potermi avere, essendo già di proprietà del mio padrone, ma che poteva avermi per la giornata.

L. chiama R., la fa sedere su una poltrona nell'angolo del suo studio poi si siede comodamente sulla sua sedia da ufficio. Anche lui mi fa lo stesso cenno che conosco, sarà stato informato durante la cena. Mi inginocchio davanti a lui e inizio a succhiarlo con voglia, questa volta sento che lui è diverso, mi prende la testa ma non è più un modo di fare violento, mi prende con comando ma lasciandomi lo spazio di manovra. Succhio avidamente quel cazzo per diversi minuti mentre R. continua a sbuffare e a guardarmi in modo tagliente. Mentre lo prendo in bocca, L. racconta che R. non ha minimamente l'esperienza che ho io, che l'ha presa a lavorare con lui solo per poterla scopare, ma che si è rivelata insoddisfacente in quanto è solo capace di offrire il proprio corpo senza avere la mia predisposizione nell'essere sottomessa, anzi a volte dimostra addirittura resistenza. L'idea di L. è che R. possa imparare da me e che io debba farle da insegnante per oggi. Con fare riluttante, R. si alza dalla poltrona: mentre lecco la guardo bene, è una donna che farebbe sangue a chiunque: alta, 22 anni, con il corpo modellato, un seno invidiabile e un culo sodo, a detta di L. ancora vergine. Lei era vestita esattamente come me. Chissà da quanto il mio padrone aveva ideato questa cosa e aveva preso accordi alle mie spalle. R. si inginocchia di fianco a me e ho il compito di farle vedere come si succhia un cazzo, come si lecca e come si fa godere il proprio padrone. Lei è timida e insicura, oltre che seccata dal fatto che una sissy debba spiegarle questo genere di cose, ma comunque ci prova. Le faccio vedere come si usa la lingua, come gemere, come farsi scopare la bocca, come trarre godimento dall'essere dominata. Inizialmente procede a rilento, ma quando propongo di succhiare insieme, mi sembra più motivata. L. ovviamente è felice della mia soluzione, a lui va tutto a vantaggio di avere due troie che gli succhiano il cazzo insieme. Inaspettatamente R. mi bacia spesso, ci scambiamo la saliva e avvolgiamo le lingue. dopo quasi un ora di pratica, R. riesce a far venire L. da sola. Sembra molto soddisfatta del suo lavoro. L. ringrazia particolarmente me e mi avvisa che tra un paio d'ore avrà ancora bisogno di noi. Nel frattempo resto con R. e la aiuto nel suo lavoro, gestendo la contabilità e gli appuntamenti mentre lei mi fa mille domande. Una volta scaduto il tempo, L. ci richiama nel suo ufficio, dove spero mi aspetti ciò che ho trovato ieri. Mi mette a 90, alzandomi la gonna, mettendo in risalto il mio culo già dilatato e pronto, che R. inizia a leccare di gusto. Lo spettacolo a L. piace e dopo qualche minuto mi prende per mostrare a R. come essere una schiava. Lei ha perso ogni freno inibitore e si mette sulla sedia a gambe larghe e inizia a toccarsi mostrando una fica deliziosa. L. abusa di me davanti a lei, mentre mi chiama troia. Mi piace essere chiamata così, riflette la mia voglia di soddisfare. La scopata è ancora più soddisfacente di ieri, con lui che è galvanizzato dalla presenza di R., mi scopa duramente finché decide che lei è pronta. R. si alza e prende il mio posto, io guardo seduta sulla sedia loro due, felice del fatto che i miei insegnamenti siano serviti a R. li guardo godere insieme, lei che ormai si è lasciata andare, e desidera essere scopata di più, lo vedo nei suoi occhi. L. finisce godendo e scaricando la sua sborra dentro R. senza nessun tipo di protezioni, incurante del fatto che lei sarebbe potuta rimanere incinta. Ma R. dice di avere ancora voglia, la vedo sdraiata sulla scrivania con la fica che gronda liquidi, L. me la offre dicendo che ho contribuito al suo piacere. Non nego che anche io avevo un forte desiderio verso di lei. Mi ordina di scoparla anche io senza protezioni e venendole dentro. Lo faccio, mostrando il mio cazzo di ridotte dimensioni e mettendolo dentro avverto un piacere indescrivibile, lei è calda e umida e nonostante io non sia per nulla dotata, lancia un gemito di piacere quando inizio a scoparla. Ciò a cui avevo assistito aveva già indebolito molto la mia resistenza, ma nonostante questo non volevo venir meno ai suoi ordini e smettere: era da tanto che non scopavo così e mi fece provare un piacere enorme. Il culmine lo raggiunsi quando L. disse che R. era sposata e che suo marito non sapeva nulla di tutto ciò: questa frase mi fece esplodere di piacere e venni dentro di lei come richiesto, mettendomi sopra di lei e dando le ultime spinte. Dopo essersi pulita, R. disse che era prevenuta nei miei confronti e mi disprezzava inizialmente, ma dopo avermi conosciuta si disse felice di essere mia amica. Passai il resto della giornata con loro, godendo a pieno di ogni momento della loro compagnia. Il mio padrone mi venne a prendere alla sera per portarmi a casa e sapere che cosa avevo insegnato e come mi ero comportata.

Questa è la fine della storia, ancora una volta mi scuso per le mie lacune in fatto di scrittura, è solo il secondo racconto e sento comunque di aver fatto miglioramenti rispetto al primo. su suggerimento del mio padrone ho creato un account email per ricevere magari commenti o consigli su come migliorare.
Ti ringrazio per aver letto fin qui, spero di averti coinvolto nella mia storia

se vuoi scrivi una mail a

Questo racconto di è stato letto 1 6 1 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone