La pulizia prima di tutto - capitolo 1

Scritto da , il 2019-07-08, genere etero

Da qualche giorno guardavo Monica con occhi diversi. Da quel giorno in cui sul bus, di ritorno da lavoro, avevo notato due piccole sporgenze sotto la sua maglietta a righe strette orizzontali bianche e blu. I suoi capezzoli lievemente turgidi a causa della gelida aria condizionata mi avevano risvegliato quel giorno da un torpore durato anni. E da giorni i suoi capezzoli mi assalivano nel ricordo ogni notte e ogni mattina sognandola senza maglietta. Li immaginavo ampi tondi e scuri, morbidi da baciare.
Con lei lavoravo ormai da qualche anno, ma non avevo mai avuto nessuna attrazione verso di lei, forse a causa del suo fare schivo e talvolta altezzoso. Non mancavano però le volte che parlava con colleghe di temi prettamente femminili piuttosto spinti nelle loro relazioni con gli uomini, spesso mettendomi in imbarazzo e chiedendomi se mi desse fastidio. A me non lo dava affatto. Lei era una di quella che più osava in queste battute, questo mi eccitava un sacco.

Una sera come succedeva non raramente, restiamo in ufficio a chiudere la presentazione del giorno successivo. Lei stanca dalla giornata si toglie le scarpe coi tacchi, chiedendo il permesso, e noto che più volte appoggia i suoi seni sul tavolo mettendosi le mani nei cappelli. Al suo fianco io potevo solo sbirciare dall'alto il segno in mezzo alle sue tette, decido quindi di andare a rinfrescarmi in bagno, a causa del bollore provocato dalla mia erezione.
Decido di lasciare nell'antibagno il mio cellulare, appoggiato sul vetro in modalità ripresa. Ho infatti la sensazione possa succedere qualcosa. Dopo essere entrato, faccio rilassare il cazzo e fatta la pipì, esco dal bagno e riprendo il cellulare.
Spengo il video che ancora stava riprendendo e lo guardo. Monica era entrata in antibagno, scalza, senza che me ne fossi accorto, si era appoggiata alla porta cercando di origliare la mia pisciata! E nel frattempo si era stretto il seno con forza.

Tornato in ufficio, le chiedo cosa sia venuta a fare in bagno, lei sorpresa sembra non capire. Galvanizzato dal fatto di aver visto il video e avendo compreso avesse voglia, non sapendo di bene cosa, le mostro il cellulare e quello che era successo, toccandola lievemente la gamba. Lei si ritira e cerca di negarsi, al mio secondo tentativo però mette la mano sul mio cazzo.
A quel punto finalmente la guardo negli occhi e le sfilo delicatamente la maglietta, Monica è senza reggiseno e subito mi viene di baciarle le tette. Erano grandi e i capezzoli enormi, chiari, profumatissimi. Lei ansima e mi sussurra che è da molto tempo non fa nulla, che quelle storie con le colleghe sono tutte inventate e per una sera vuole lasciarsi andare.
La mia eccitazione a quel punto arriva alle stelle, lei stringe sempre di più il cazzo sopra i jeans, ma con un attimo di lucidità mi ritraggo. Quasi offesa, con le tette a penzoloni, mi chiede il motivo e curioso di capire la sua reazione le dico che non ero pronto avendo bisogno di pulirmi per bene il cazzo. D'altronde ero appena andato a pisciare. Dopo un piccolo accenno di sorriso mi dice" ci penso io".
Sfila la mia cintura, abbassa i miei pantaloni, in effetti sulle mutande alcune gocce di pipì sono ancora evidenti. Dà un bacio sulle mutande bagnate, quindi inizia a leccarmelo e pulirmelo solo come una cagnetta riuscirebbe a fare: arriva fino alle palle, me le lucida fino all'ultimo respiro e con foga.
Eccitato, ma anche curioso di capire i suoi limiti, le chiedo se le piace questa sua indole. Lei conferma, capisco quindi quale sarà il tema della serata e già la fantasia inizia a volare: le chiedo di alzarsi e le tolgo le mutandine. Subito percepisco che in mezzo alle gambe è fradicia, decido subito di insistere e farla godere un po'. La faccio appoggiare al muro con lei che mi dà la schiena, quindi inizio a toccarla e ad infilare le mie dita. Lei sospira e geme, si arrossa il petto e dopo aver insistito per qualche minuto nel silenzio dei nostri respiri, lei viene, bagnandomi ulteriormente la mano.
A quel punto, velocemente la faccio avvicinare ad uno specchio, la faccio abbassare a carponi sul pavimento. Le sue tette dai capezzoli giganti si allungano a causa del loro stesso peso. Inizio a scoparla, lei ansima e si morde le labbra, io eccitato le chiedo se le piace vedersi così come è. Lei non ha nemmeno il fiato di rispondere da quanto la sto scopando con forza, cerca solo di tenere il ritmo e non sentire troppo dolore con le ginocchia che le sbattono sul pavimento.
Con il cazzo fradicio del suo liquido, ricordo quale sia la sua vera indole: prendersi cura del mio cazzo sporco. Mi sfilo, lei incredula quasi si lamenta per aver fermato quel momento, quindi mi muovo verso il suo visino e le chiedo di pulirmelo per bene, ancora grondante del suo liquido. Leggermente disgustata, accenna un bacio alla cappella, a quel punto la prendo dai capelli e delicatamente glielo faccio leccare tutto: dopo i primi secondi di leggero disgusto, inizia ad allungare la lingua avidamente per tutta la lunghezza del pene. E' solamente la seconda volta che la vedo pulirmi il cazzo durante quella notte in ufficio. Io già ho chiaro come insegnarle tutti i trucchi del mestiere, e lei ha già lo ha capito che la pulizia viene prima di tutto.

Questo racconto di è stato letto 2 1 7 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti altamente eroticiracconti eroticiracconti pronoracconti erotici suocereracconti erotici ditalinoertici raccontiracconti erotici gatrav raccontiracconti eeoticiracconti hotracconto erotico tradimentoadulti69racconti erotici adultiracconti sculacciateraconti picantiracconti lesbicierotici racconti gratisracconti erotici travestitoraccont eroticiracconti erotici d autoreracconti eoticiracconti di sesso incestopenerentolaracconti erotci gayracconti rtoticiracconti troieracconti di donne in caloreracconti erotocoracconti erotici fetishracconti erotici toplessracconti erotici annunci 69racconto suoceraraccontu pornofilm scambio di moglistorie di figaracconti di ragazze che si masturbanoracconti porno zoocuckold sottomessoracconti eeotici69 raccontiracconti animal sexracconti eroticeracconti iomilùracconto segaracconti erotiviracconti ingestimilu' raccontiracco ti eroticiraccontivietatistorie clisteriporno raccontiracconti erotuicidottoresse voglioseracconti eros gratismia moglie in bikiniporno ita netescort raccontiracconti erticiracconti incesti violentiil culo rotto di mia moglieraccontierotici gayinculate tra vecchiracconto cuckracconti erotici con fotoracconti erotici caccaracconti erotici fratelloamoreinfamiglia.blogspot.it.genere racconti eroticiracconti eroticviracconti erotici cuckracconti xxpompino sotto tavoloracconti erotici nuovistorie di incesto veremilu dominazioneracconti cfnmracconi pornoracconti di mariti cuckoldvicina di casa zoccolaracconti piccanti gratisracconti di sesso in vacanzasesso con mia nipotestorie e racconti eroticiracconti wroticiracconti erotici di casalingheinculata in cantinaracconti erotici annunci69racconti porno zoofiliasculacciata raccontoracconti feticismowww.eroticiraccontiracconti erotici travestitoa69 raccontilesbica raccontiracconti erotici ricattataporno racconti tradimenti