Da signora matura insospettabile a troia sottomessa - capitolo 11

Scritto da , il 2019-07-08, genere dominazione

Incontrai ancora Mario lunedì pomeriggio, dopo i primi approcci, mi inculò tranquillamente, poi estrasse il cazzo per piantarmici uno dei cazzoni finti mentre mi dava le palle ed il culo da leccare, dopo un po’ che giocava col birillone di gomma nel mio culo lo estrasse e prese quello gonfiabile che Stefano gli aveva lasciato apposta per farmi fare del training, come aveva detto, questa volta senza esser legata, anzi collaborando anche se sentivo ancora un po’ di dolore, stavo in ginocchio sul letto, tenendomi da sola le natiche aperte per agevolarlo, mentre lui prima lo penetrava, poi agendo sul meccanismo per gonfiarlo, lo portava alla massima grossezza dilatando lo sfintere in maniera oscena, dopo un mezzora volle infilare la mano, lubrificò ancora con cura l’orifizio, molto liquido lo face anche andare dentro, poi con attenzione ma sempre con decisione fece sparire la sua manona nel culo fino al polso, cominciando a mimare l’inculata mentre con l’altra mano mi martoriava i capezzoli, misi una mano tra le cosce, sfiorai il clitoride ed esplosi in un orgasmo da rimaner senza fiato. A quel punto, quando smisi di ansimare, estrasse la mano dal culo, lasciandomi una sensazione di vuoto, mi mise in ginocchio in terra, lui in piedi senza alcuna delicatezza questa volta, mi spinse il cazzo sino in gola e tenendomi per le orecchie come fossero due manubri, comincio a chiavarmi la gola, soffocavo, forse gli vomitai anche un po’ sul cazzo, ma lui continuò senza curarsene finche non mi ingozzo con una sborrata magistrale poi al momento dei commiati mi dette appuntamento a mercoldì nel primo pomeriggio, perché mi disse, prima di partire per quella festa avremmo fatto alcuni acquisti. Andammo praticamente dall’altra parte della città, in un sexi shop, lì, mario mi guidò a scegliere vari capi di biancheria intima, un paio di abiti, e delle scarpe, poi aquistò anche qualche altro gadget, come un plug di ottime dimensioni, tornammo a casa, mi fece indossare un perizoma praticamente inesistente, un reggiseno tipo carioca, ossia teneva alte le tette lasciano fuori i capezzoli, un reggicalze e calze, poi sopra un abito con spacchi laterali che arrivavano sino ai fianchi, e lasciava la schiena nuda sin quasi al solco delle natiche, sopra uno spolverino solo per scendere di casa ed arrivare all’auto, caso mai avessimo incontrato sfortunatamente un vicino mentre uscivamo, infine sandali con tacco, ma niente di vertiginoso, su quello mi opponevo sempre, truccata in maniera decisa ma non volgare. Verso le 18 partimmo, per andare in zona delle colline intorno a Torino, appena in auto mi tolsi lo spolverino, arrivando tranquillamente a destinazione verso le 20 come da appuntamento. Una villa favolosa, all’ingresso delle guardie ci fermarono, Mario disse il suo nome e loro, controllando su una lista ci fecero passare, dopo almeno 200 mt di parco eravamo all’ingresso di quella magione d’epoca. Mario mi disse che il nostro ospite per quelle serate lasciava libera la servitù, tenendo solo le guardie del corpo a curare i varchi ed il perimetro del grosso giardino. Entrammo e l’ingegner XXYY ci accolse con gentilezza, dicendo che erano già arrivati tutti, poi senza indugiare mi baciò in bocca, facendo indugiare qualche secondo la mano dentro lo spacco della gonna a palparmi le natiche. Dentro in un salone dove era allestito un grande buffet, oltre all’ingegnere, un uomo piacente di oltre 60 anni, c’erano almeno altri 13 uomini, dai 45 ai 65, tutti personaggi di rilievo, riconobbi almeno altri due industriali, un politico di fama, un giornalista televisivo, un magistrato famoso per le sue inchieste, poi di uno seppi che era un potente banchiere ed altre persone del genere. Cerano anche altre 3 donne, una forse di 2 o 3 anni più di me, ossia sui 55-56, che sapevo essere una proprietaria di un azienda di abbigliamento di gran classe, poi una sui massimo 44-45ani che scoprii essere la moglie di uno dei presenti, infine la più giovane, una 35enne segretaria ed amante di un altro. In breve, mentre facevamo onore ai piatti del buffet assaporando flutte di berlucchi, ognuna di noi era circondata da 4-5 uomini, che celiando, facendo battute a doppio senso, scherzando, non perdevano occasione, di infilar le mani tra le cosce, palpare il culo, possibilmente a nature, carezzare i seni, dopo un po’, io avevo le tette completamente fuori dall’abito, parlavo con uno mentre quello al suo fianco mi carezzava con decisione il seno, un altro dietro di me, infilando la mano nello spacco del vestito mi impastava una natica, spingendo il dito sempre più verso la rosellina dell’ano, quando uno più intrapendente mi disse,” fammi provare la bocca, Mario mi ha detto che sei la regina dei pompini”, contemporaneamente mi tirò giù la testa portandola davanti alla sua patta che aveva già aperta, tirando fuori il cazzo che mi ritrovai in bocca in un attimo, in pochi secondi, mi ritrovai nuda, con solo il reggicalze e le calze, con un altro, che visto che ero piegata a ciucciare, mi prendeva alla pecorina tintillandomi con il dito il culo. Con la coda degli occhi notai che anche le altre tre erano all’incirca nella mia condizione, con almeno un paio di cazzi dentro, in uno qualsiasi dei buchi, ed altri 2 o 3 uomini che carezzavano, allargavano, aspettando il turno per infilarsi dentro la troia di turno. Cominciarono ad usarci bene, in ogni buco, mi accorsi guardandole mentre iniziavano ad incularle, che sia la capitana d’industria, ossia quella più vecchia di tutte, che la più giovane, nel culo facevano un po’ fatica, almeno quando gli ci entrava, leggevo sul loro viso, anche se non lo manifestavano, piccole smorfie di dolore e qualche sobbalzo al momento che il cazzo gli allargava lo sfintere, poi magari dopo collaboravano partecipando alla grande a favorir l’inculata perciò, quando uno dei più dotati, me lo appoggiò e con decisione me lo piantò in un attimo tutto in fondo al culo, notando che non avevo nessuna reazione negativa, anzi cercavo di collaborare alla grande, disse a gli altri “ecco una vacca con il culo rotto molto accogliente, a questa piace veramente molto prenderselo in culo!” dopo un po’ uno arrivò in figa, uno di quelli che aspettava, prese quella che aveva lì il cornuto, ossia la 45enne (?), la fece mettere sotto la mia figa e gli disse di ciucciare per ripulirla, a questo punto compresi che dopo mi sarebbe toccato rendere il favore, io avevo avuto qualche incontro lesbico, ma quando ero una ragazzina, tra i 15 ed i 17, qualche giochino con qualche amica mia coetanea, ma avevo rimosso la cosa, erano almeno 35 anni che non mi balenava neanche lontaneamente di far la lesbica con qualcun'altra, non sapevo come avrei reagito se mi avessero ingiunto di ciucciare la figa ad una delle altre. Comunque, farsela leccare fu estremamente piacevole, dopo di che ripresi la girandola di cazzi che entravano in uno dei miei 3 buchi, quando uno sborro in bocca a quella che mi aveva appena fatto il più bel bidè degli ultimi tempi, senza che nessuno le dicesse niente (evidentemente conosceva gli usi della casa), mi si avvicinò mi prese la testa, mi porse le labbra e mi diede un bacio profondo, mischiando nella mia bocca la sborra che riempiva la sua, inizialmente fui presa in contropiede, rimasi leggermente bloccata, ma poi risposi a quel bacio saffico, con gusto però di cazzo, in maniera decisa, che fece fare ottimi apprezzamenti da i maschi più vicini. Vidi che anche le altre due seguivano il nostro esempio, così in breve, tutti avevano sborrato dentro una di noi, e l’altra aveva ripulito ciucciandosi la sborra da dentro la cavità dove era stata lasciata. Dopo poco più di un ora avevano sborrato tutti, certo anche loro, senza dubbio faceva ricorso a pilloline miracolose, ma nel frattempo, per ricaricarsi per un secondo round, ci chiesero di dar un po’ di spettacolo tra di noi, formammo due coppie, io sempre con quella che aveva lì il marito, e la magnante della moda con la segretaria, una vera performance saffica, dopo aver già avuto almeno un paio di orgasmi mentre mi chiavavano ed inculavano, ne ebbi lì un terzo, dolcissimo mentre in un 69 grufolavo con il viso immerso nel pube di lei che contemporaneamente vibrando pure lei in un orgasmo, mi mordicchiava il clitoride. Rimanemmo lì, su un fianco, con il viso immerso nell’afrore l’una dell’altra, dandoci piccole leccatine di reciproco ringraziamento, quando vidi che dietro di lei si posizionava uno, cercando con il cazzo il culo, all’ungai un mano e lo aiutai a centrare il buco, vedendo ad un palmo del mio naso sparire il cazzo nel suo culo accogliente, proprio mentre percepivo un presenza alla mia schiena, di un qualcun altro che cercava l’identica cosa, la mia amica del momento ricambiò il favore, e fagocitai tra le chiappe in un attimo anch’io un bel cazzo duro. Una bella esperienza, mi inculava, mentre lei mi leccava la figa, intanto mi godevo il primo piano dell’inculata che subiva lei mentre il alternavo leccate di figa a lappate su le palle di lui o sul tronco mentre usciva parzialmente dal suo culo. Dopo neanche molto fummo trascinati tutti e 4 in un orgasmo, non dico che fu contemporaneo, sarebbe voler troppo, ma comunque a breve intervallo l’uno dall’altro, che ci lasciò con una languida soddisfazione reciproca. Appena sborrato, i maschi ritirarono appena il cazzo dal culo e sempre rimanendo così le lo fecero ripulire da quella che aveva la testa tra le cosce dell’altra, poi staccatosi, ci mettemmo nuovamente in 69, ma stavolta ciucciandoci reciprocamente il culo dove loro avevano sborrato, cosa che fece alzare la temperatura a tutti gli altri che stavano assistendo, causando una nuova serie di scopate che terminò, sia per me che per la mia compagna di squadra, anche perché forse eravamo le più accoglienti in culo, con una doppia inculata ciascuna, una fianco all’altra, a cavallo di uno che tiene piantato la sua mazza nel culo, con un altro dietro che si fa anche lui strada nello sfintere e poi insieme se lo fottono. Verso mezzanotte e mezzo, ormai i maschi erano spompati, quindi pian piano tutti cominciarono a rivestirsi, mentre cercavo i miei di vestiti, scambia qualche complimento con le mie compagne d’avventura, mi salutarono con la speranza, dissero, di rivederci ancora, ebbi anche i complimenti da vari maschi e sentii, senza che si accorgessero che ero lì, che l’anfitrione ed un suo caro amico, l’onorevole, facevano a Mario i complimenti per me, facendolo promettere che mi avrebbe ricondotto a nuovi appuntamenti come quello. Neanche 2 ore ed eravamo già nella zona box del nostro condominio, quella sera era stato solo sesso normale (!!!! Se per normale si può dire quando ti passano in bocca figa e culo c.a. una quindicina di uomini, molti ti ci sborrano dentro, poi lesbichi con alcune altre donne ed altre cosucce del genere), certo niente fisting, pinze o comunque cose dolorose, neanche piss, forse lì non usavano, quindi anche Mario, si era astenuto, però avevo avuto anche quella sera una bella serie di orgasmi, forse non devastanti come quando avevo fatto delle pratiche più sconvolgenti, ma cero appaganti, inoltre avevo goduto ne far sesso mentre altri ed altre mi guardavano, era stato certo una cosa eccitante, così mi scoprii anche cultrice dell’esibizionismo!!

continua

Questo racconto di è stato letto 2 6 9 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone