Giacomo Casanova - Agente segreto della serenissima

Scritto da , il 2019-07-08, genere trio

La riunione degli Inquisitori di Stato, i tre “babài”, (da “babàu” termine infantile di spauracchio), inizia a notte fatta, nel silenzio e mentre le calli della città lagunare si svuotano, come sempre vengono esaminati e discussi gli affari segreti e sempre qui vengono prese le necessarie e le più spregiudicate decisioni.

Uno veste una toga rossa, è l'Inquisitore designato dal Doge, (Il Rosso) mentre per gli altri due la toga è nera (I Negri) e sono i delegati del Consiglio dei Dieci, l'organo supremo che governa la città.

-L'ambasciatore del Papa ha lasciato Venezia, ha raggiunto Bologna, non ci è favorevole la cosa, non possiamo controllarlo, fargli avere delle informazioni che ci  possono favorire, screditare i nostri nemici e ci serve sapere di quel carteggio tra lui e l'ambasciatore di Francia.-

-Come è possibile controllarlo? Chi abbiamo operativo a Bologna?-

-Nessuno in grado.-

-Sappiamo che è un uomo degenerato, privo di ogni senso morale, gode nel far possedere la moglie da altri uomini! Spregevole come tutti quelli del Sacro Soglio!-

-C'è il Casanova. Ha avuto dei rapporti con la moglie, se c'è un uomo adatto... è lui-

-E' a Piombi.-

-Si, se lo facciamo fuggire e gli promettiamo di non mandargli dietro i sicari lo farà, sarà obbligato, l'alternativa per lui è marcire in prigione.-

-Perché è stato imprigionato?-

-Oh... comportamento scandaloso, gioco d'azzardo, ma più che altro su richiesta del Cardinale de Bernis... Ambasciatore di Francia, suo rivale, ambedue amanti della suora M.M. del Convento di Santa Maria degli Angeli in Murano, lo sapete a che famiglia appartiene quella puttana! Una famiglia illustre che ha dato alla Serenissima molti Dogi e pensare che ha generato questa monaca depravata! Sembra che le piacciono i grossi cazzi e il Casanova è fornito come un mulo... ahah! Ma lei?
“Eà gà visto piú cassi èa che i cessi de S.Bòrtoeo“-

-Ma come si comporta ai Piombi?-

-Ha tutto quello che si può avere con il denaro che non gli manca visto che è il figlio naturale del nobile Grimani, ricco come pochi in Venezia. Poi gioca d'azzardo e vince, è un baro abilissimo...-

-Va bene. Usiamo il nostro agente, l'Abate Balbi, che venga messo al corrente e imprigionato, messo nella stessa cella e che informi il Casanova di cosa si vuole da lui. Se accetta, che gli si organizzi la fuga... se farà quello che gli chiediamo poi  lo lasceremo in pace e un domani avrà il perdono e potrà tornare a Venezia.-


Ai Piombi.

Non che manchi nulla al Casanova, il vitto migliore fatto portare dai ristoranti, libri e compagnia colta, il gioco, suo demone segreto che gli fa vincere somme importanti e le donne? Tutte quelle che vuole. La sua fame è del tipo insaziabile e allora una serie continua: donne di strada, attrici, donne della nobiltà che vogliono conoscere l'emozione di copulare nei Piombi. Più ne scopa e più cresce il numero.

Non è vero che i Piombi sono tanto disagevoli, vero che sono ricoperti da lastre di piombo ma ci sono dei tavolati di grosse assi di larice che evitano il troppo caldo e freddo, sono invece bassi i soffitti e lui... altissimo, oltre il metro e novanta, deve camminare piegato.

Come poi disse de Balzac, a Parigi pagavano la pigione per vivere in locali simili! Quindi la leggenda dei disagi del carcere è creata volutamente per intimorire i veneziani.

E' il fatto di non sapere per quale motivo e per quanto sarà rinchiuso che lo angustia, la giustizia degli Inquisitori imprigiona e non da spiegazioni.

E lo stare in ozio non fa per lui, uomo super-attivo, è come un ”Sù e sò come eà pee del casso”, il suo camminare per i locali della prigione.

Accoglie con fastidio l'Abate Balbi quando Fabrizio, il capo carceriere, lo fa insediare nella sua stessa stanza, ma poi passano poche ore e ascoltato quanto ha da riferirgli e la proposta degli Inquisitori se ne rallegra. Ormai è un anno che è rinchiuso e il suo lato pratico capisce benissimo che o si adegua al volere della Serenissima oppure buttano via la chiave e lui ne rimane sepolto fino alla morte. Non ha alternative, “Cò l’acqua riva aea gòea anca i stronsi nua”, pensa.

Arriva in carcere anche un nuovo detenuto e viene rinchiuso al piano sopra loro, è un certo Soradici, che s'incarica del lavoro manuale di accesso al tetto. Soradici si fa riconoscere come agente degli Inquisitori e quando il passaggio è completato, avviene un  cambio di cella, Casanova e Balbi nella cella di Soradici. E da lì fuggono durante la notte. Salgono sul tetto e tramite un abbaino accedono ai locali degli Inquisitori, riescono a uscire dal Palazzo Ducale, con una gondola raggiungono la terraferma e con un servizio di posta raggiungere Bologna.


Bologna.

Ambedue figurano come floridi commercianti trevigiani e muniti di falsi attestati prendono alloggio in una locanda del centro.

Ora è il Casanova a dover prendere contatto con l'Ambasciatore papale, il nobile principe Ariosti. L'Abate Balbi gli spiega il suo compito,  assolutamente trovare ricovero presso la sua dimora, ottenerne la fiducia ad ogni costo, ottenere le grazie della moglie, cercare un carteggio segreto tra il Papato e la Francia, darlo al Balbi che lo ricopia e riportarlo, poi… accennare a un documento da lui rubato nelle sale degli Inquisitori e cederlo in cambio di denaro e favori, il documento é falsificato ad arte e serve  come opera di controinformazione.

Giacomo è davvero un bell'uomo, l'altezza e il comportamento lo contraddistinguono e il vestiario lussuoso accresce il suo fascino. Castano di capelli e di occhi, una bocca sensuale sempre pronta al sorriso e la sua gran fame sessuale lo rendono irresistibile alle donne.

Avvicinare la moglie dell'Ambasciatore non è difficile, le fa la posta per giorni davanti al suo palazzo e finalmente quando la vede uscire con un piccolo seguito di persone, l'avvicina e le fa un profondo inchino togliendosi l'elegante tricorno di seta.

-Principessa... Signora Ambasciatrice..-

-Il Casanova! Giacomo! Che ci fai a Bologna? E' una sorpresa...-

-Sei sempre splendida, Ludovica, il tempo passa ma accresce la tua bellezza...-

-Non ti ho più visto...-

-Non per mia volontà, sono stato imprigionato, sono fuggito dai Piombi e ora ho bisogno di aiuto... -

-Sto andando in chiesa, ne ho l'obbligo, vieni a palazzo nel pomeriggio, alle cinque... farò il possibile.-

“Tanta... Ea sé tanta... ma la sé un cicin, en bocon da prete!”, pensa Giacomo allontanandosi, ricorda la sua figura formosa, il grosso seno e il largo culo e la sua fame di cazzo senza limite. Deve giocare bene le sue carte.

Alle cinque è al palazzo e chiede un colloquio con la Signora Ambasciatrice, una breve attesa e viene introdotto in un salotto, Ludovica lo aspettava seduta su un divano, lo fa sedere accanto a se.

-Caro Giacomo... raccontami di te, cosa è successo...-

Mentre le racconta brevemente una versione adattata alla circostanza del suo recente trascorso, Giacomo le prende una mano e la bacia.

Dalla mano passa al polso e poi come preso da una passione incontrollabile la bacia, la stringe.

-Non qui... Giacomo, vieni con me.-

Si alza e lo porta in quella che pensa sia la sua stanza, entrano e lei  chiude il chiavistello, si gira verso di lui che l'avvicina e l'abbraccia, presto l'abbraccio diventa frenetico e la bacia lungamente succhiandole labbra e lingua, le sue mani alzano le pesanti sottogonne del vestito e la raggiungono, la toccano, la penetrano. Palpano le grosse e lisce natiche, la spinge sul letto.

Lei...

-Aspetta... ti voglio nudo, la tua pelle nuda sulla mia nuda, voglio vederlo il tuo gran cazzo, ti ho pensato e pensato a lui spesso, nessuno, mai... mi ha riempito e fatto godere quanto te!-

Velocemente si spoglia e rimane nuda mentre anche Giacomo si spoglia.

Lei è bella, lei è tanta. Forme piene e sinuose, giunoniche, grosse tette poggianti sullo sterno, una vita sottile che si apre su dei fianchi larghi, grosse cosce, grosso culo, una polposa fica attorniata da riccioli scuri.

La distende sul letto e riprende a baciarla, ora la sua bocca diventa più vorace e gioca con quella di lei mentre le mani l'accarezzano, palpano il grosso seno, le cosce, la fica! Inizia a masturbarla, a metterle dentro le dita, a strizzarle il grosso clito esposto, si bagna le dita alla sua fontana del piacere

Lei ricambia, ha preso in mano il grosso cazzo e lo mena, tira sull'asta il prepuzio liberando la cappella congestionata.

Ora le bacia i capezzoli, li succhia e glieli morde e lei si inarca, fa ancora scendere la bocca fino ad arrivare sul monte di Venere che morde fortemente, infine le fa allargare le gambe, le si mette in mezzo in ginocchio e prende a baciarla, bocca e mani a darle piacere, le dita dentro a fondo e la lingua a succhiare il clitoride e ancora le dita ad accarezzarla fra le sue grosse natiche e ottiene in cambio una serie di orgasmi sempre più vicini fra loro.

E' lei che lo prega di smettere.

-Dammi tregua... fammi respirare, ti prego e dopo... voglio succhiare quel tuo cazzo prodigioso!-

E' lui a distendersi ora e le offre il suo obelisco di carne, un cazzo straordinario, dritto, lungo e largo e lei si avventa, lo stringe, lo mena, lo accarezza e gli sputa ripetutamente sulla grossa cappella e prende a succhiare, a leccare, a mordere la dura asta venata e infine a prenderlo in bocca, spingendolo a fondo nella sua gola.

Giacomo aspetta, non vuole dare limiti al piacere che lei prova a succhiargli il cazzo, la guarda e aspetta il momento di prenderla.

E' un uomo dal controllo di sé assoluto, è capace di rimandare l'eiaculazione per tutto il tempo che desidera, aspetta e la guarda, ora gli si è messa di fianco e lui con la mano la tocca, le accarezza il buco tra le sontuose chiappe, la penetra con un dito, la scopa.

Altrettanto fa con la fica ormai grondante, lei è bagnata fino alle cosce.

Quando ritiene di averle dato tutto il tempo che desiderava per succhiargli il cazzo, si stacca, si alza, la fa distendere e la prende, le infila dentro il grosso cazzo e comincia a scoparla, alterna colpi veloci ad altri lenti e profondi, si ferma, lo leva... lo rimette di colpo, tutto per farla godere il più possibile, sta fermo dentro di lei e muove il bacino spingendo e lei si sente toccare in cima alla fica.

La porta a godere e non smette, continua a martellare la fica con i suoi colpi. Lei gode ancora. Cambia posizione, riprende e ancora un orgasmo per lei. Ora Ludovica è come una gatta in calore, miagolante e completamente asservita al maschio. La fa mettere in ginocchio sul bordo letto e la prende, il grosso cazzo che l'apre e riempie, la scopa forte sbattendo i lombi sul grosso culo. E ora gli orgasmi sono diversi, più ravvicinati e forti.

E lei a pregarlo ora.

-Vienimi dentro... vienimi dentro. Godimi. Godi della tua troia, sborra nella mia fica che hai sfondato!-

Poi…
-Ho fatto preparare un rinfresco nel mio salotto, Giacomo… così mi dirai cosa posso fare  per te…-
-Ricovero… Ludovica, accogliermi nella tua casa dove sarò al sicuro dai sicari veneziani e intercedere presso tuo marito, l'ambasciatore…-
-Sei disposto  a un compromesso?-
-Quale? -
-L'Ariosti… mio marito… è un vecchio depravato, non gli tira più il cazzo ma gode nel guardarmi montata da altri uomini, molto muniti… con il cazzo grosso,   il tuo lo impressionerà, e si infatuerà certamente di te… sarai disposto, se te lo chiederà… a possederlo? A incularlo?-
-Devo… e comunque avrò te, si… sono disposto…-
-Finisci le ostriche… porta lo champagne con noi in camera, ora ti farai il mio di culo! Voglio il tuo cazzo completamente dentro!

Il Casanova prende dimora stabile nella residenza dell'ambasciatore, presto la relazione con Ludovica diventa rovente, ora ad osservare c'è il marito che sbarra gli occhi e sbava di libidine.
Lei della situazione ne gode ogni attimo, gli orgasmi si intensificano e moltiplicano e non si stanca mai! Solo la gran resistenza di Giacomo può sfinirla. L'Ariosti è preso dall'enorme cazzo e  cede, prende ad intervenire e non solo più a guardare… succhia la verga e beve la sborra. Infine chiede, prega… di essere inculato e geme mentre il veneziano gli riempie e rompe il culo.

Una notte, dopo un'orgia infinita durata ore, un festino esagerato di sesso e eccessi alcolici, Giacomo li lascia storditi e senza conoscenza, raggiunge lo studio dell'ambasciatore, cerca e trova il carteggio e lo preleva.
La mattina successiva lo consegna al Barbi che lo ricopia e lo fa pervenire velocemente agli Inquisitori, rende quindi l'originale al Casanova che lo rimette al suo posto.
La prima parte della missione è andata a buon fine.

Ora è il momento di organizzare il "gran imbrogio"!

Organizza con il Balbi un finto attentato alla sua vita, viene assalito in pieno giorno da tre sicari ai quali sfugge difendendosi a colpi di spada e chiamando in suo aiuto molti passanti e riuscendo così a ricoverarsi nella dimora dell'ambasciatore, al quale chiede udienza subito dopo.

-Eccellenza… sono appena sfuggito ad un tentativo di assassinio, se rimango  a Bologna non vivrò a lungo, mi sopprimeranno certamente! La prego di aiutarmi... -
-Come Giacomo?-
-Un salvacondotto che mi possa permettere di muovermi liberamente nelle terre del Santo Padre e del denaro…-
-Uhm... Giacomo, questo mi è impossibile, anche continuare a nasconderti in casa mia potrebbe causarmi problemi...-
-Eccellenza, le propongo uno scambio...-
-Uno scambio?-
-Mi vogliono uccidere perché nella fuga dai Piombi, scesi dal tetto usando un abbaino che portava nella Cancelleria degli Inquisitori, da un cassetto chiuso presi un documento che mi pareva opportuno avere per trattare la mia libertà in seguito, ma Venezia non tratta e ora sono un morto che cammina se non faccio perdere le mie tracce..
-Di che tratta il documento?-
-Accordi segreti con gli Asburgo, compromettenti...-
-L'hai con te…?-
-Eccellenza, glielo darò, stabiliamo la cifra… il salvacondotto, il viaggio a Roma…-
-Duecento fiorini d'oro, il salvacondotto a un nome a tua scelta, accompagnerai mia moglie a Roma, avrete una scorta… ora il documento…-
-Che Eccellenza prepari denaro e documento… lo scambio al momento… e aumenti a trecento fiorini...-
-Ahah… maledetto veneziano, non ti fidi?-
-Di un Mezzo Prete come vostra Eccellenza? Mai!-
-Domani. Avrai il dovuto, partirai con Ludovica al più presto, mi mancherà il tuo cazzo, veneziano…-
-In compenso il mio cazzo l'avrà la soave Ambasciatrice…-
-Si… quella grandissima troia! Il nome? Del Salvacondotto?
-Libero… Cavaliere Libero Speranza!!-
-Una ultima volta, Giacomo? Io, te e la troia…-
-Solo una volta, Eccellenza? Perché non tutti i giorni fino a quando partiremo? Ogni occasione è da non perdere!-
-Sei un animale da sesso, veneziano… ho desiderio di succhiare il tuo cazzo enorme adesso...-
-A sua disposizione…-
Giacomo è un giocatore, un affabulatore e conosce l'animo umano, deve tenere in tensione erotica L'Ambasciatore, evitare che si soffermi sui particolari, che inizi a sospettare e cosa di meglio del sesso per annebbiare e far perdere di lucidità?
Abbassa la braghetta e mette in mostra il cazzo, pur barzotto le sue anomale dimensioni sbalordiscono, si avvicina all'uomo seduto e glielo offre, questi lo prende in mano e lo accarezza, adora quell'esemplare magnifico, lo succhia fino a farlo sborrare e beve.

Ora l'esca è gettata e sta per essere inghiottita dalla preda, ma sta a Casanova fare che questa non scappi, sputandola.

Già nei giorni successivi il documento, ritenuto affidabile, viene mandato velocemente alla Segreteria Vaticana.

Lui, Ludovica e l'Ariosti sono presi da una intensa febbre erotica, che il Casanova alimenta sapientemente, sa le preferenze di ambedue e ci gioca. Sa benissimo, per esempio, come portare all'esasperazione sessuale l'uomo che gode nel vedere la moglie posseduta analmente con ferocia estrema.
Mentre Casanova la incula violentemente, lei testa a terra e culo alto, lo incita volgarmente...
-Dai... dai! Più forte! Rompi il culo a questa troia! Dai... tiralo fuori e fammi vedere il suo buco del culo disfatto!-
Al che è Ludovica che gli risponde...
-L'hai sentito? Dai! Rompimi il culo... sbattimi fino a sventrarmi!-

Finisce al solito, l'Ariosti inculato e violentato per ricominciare appena poche ore dopo.

E' il momento della partenza e l'Ambasciatore vive il distacco da Giacomo con dispiacere, gli mancherà quella sua esagerata sessualità, la grande animalità, il suo cazzo.

Casanova raggiunge Roma con l'Ambasciatrice e il suo seguito, senza fretta, passando da Rimini e Ancona, ogni sosta una nuova avventura sessuale, a volte giovani fanciulle da iniziare al sesso, a volte giovani uomini, altre volte donne mercenarie che usano per il loro sollazzo.

Solo questo viaggio meriterebbe una descrizione a parte, ma il racconto preme per arrivare alla conclusione.

Arriva a Roma e ci rimane per il tempo necessario per confermare con la sua presenza la validità del documento, è chiamato spesse volte dal Cardinale Segretario di Stato ma sempre riusce a convincerlo.

Vive nella dimora degli Ariosti e gode di Ludovica in ogni modo, da marito, da amante, da magnaccia... infatti per soddisfare la loro libidine la vende lungo la strada come una comune puttana.

Ore è libero e al sicuro, ha soddisfatto in tutto le esigenze degli Inquisitori della Serenissima ed è un uomo ricco, i trecento fiorini e quanto vince al gioco gli garantiscono il futuro almeno per un certo periodo.

Gli piace Roma, la sua dissolutezza, il cinismo dei preti ma infine prende la via del nord, Vienna e ancora più lontano, sa di poter tornare un giorno a Venezia.

Questo racconto di è stato letto 1 9 3 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


storie etotichei generi di racconti eroticiscanbio coppietest pompinibello sticchioracconti erotici tra madre e figliocornuti raccontiracconti ertoticivideo storie di sessoracconti erotiviracconti travdonna scopata da animalivideo porno grstuitiracconti veri incestiracconti eoriciracconti lesbigay al cinema pornoerotici raccotistorie vere sexclisteri eroticistorie hard gayeroticoraccontiracconti eroticheracconti erotici suoresuocere porconeracconti erotici nipotinaracconti adultiwww.eroticiraccontistorie di feticismozia porcellonaracconti erotici cornutierotici raccerotici gratisracconti di incesti realisesso gay raccontiracconti veri di incestistorie eriticheracconti sesso donnegeneri eroticifotoracconti pornoraccontierstorie footjobblog marito cornutostorie pompinogay raccontoi racconto di miluracconti di sesso veroinculatineracconti porno gratisracconti di donne vogliosesega eroticacagna sottomessamamma eroticastorie amatorialiracconti reali eroticiracconti eroticuracconti hotuomini operati diventati donneputtana raccontierotici taccontiracconti di dominazione femminileracconto eroticiraccontu pornoracconti maturestorie di cornutiracconti erotici bullstorie sesso estremoracconti dominazioneracconti di scambiostorie di mogli zoccoleracconti moglie troiaracconti erotici nuorasculacciate eroticheincestoxxx.comannunci69 racconti gaystorie di zoofiliaeroti racconticonfessioni erotiche realiracconti erotici vereracconto bondagea69 raccracconti cuckold realieroticiracontiracconto massaggio eroticoracconti erotici bisexstorielle pornostorie per masturbarsilesbicare