Da signora matura insospettabile a troia sottomessa - capitolo 9

Scritto da , il 2019-07-08, genere dominazione

Come le altre settimane, anche quel WE passò incolore, solita routine, era venuta in aereo nostra figlia con i bambini, arrivata sabato riparti domenica sera, lunedì in prima mattina mio marito salì sul taxi che come al solito lo avrebbe portato all’aereoporto da dove avrebbe raggiunto la sua destinazione da cui non sarebbe rientrato prima di sabato mattina. Rimanendo a crogiolarmi sotto le coperte, pensavo a tutta la situazione, in particolare a cosa era accaduto lo scorso mercoledì, dove avevo fatto una molto approfondita conoscenza con Claudio e Stefano, che hanno contribuito ad umiliarmi, Stefano in particolare, il luminare di medicina, che come avevo intuito appena visto, aveva inclinazioni violenti con istinti veramente cattivi, aveva manovrato per allargarmi il culo, riuscendoci alla grande e promettendomi di aprirlo ancor di più, ciò mi teneva in apprensione, ma sapevo già che non avrei certo rinunciato a farmi accompagnare da Mario oggi allo studio di Stefano. Poi anche a Mario, adorava mettermi in imbarazzo, vedermi ad esempio stravolta, la sera che mi aveva portata a prendere l’aperitivo con un cuneo piantato nel culo, oppure quando, quasi tutte le sere, chiama mio marito, fortunatamente per sbrigativi saluti, e lui, se già non è piantato dentro di me, mi incula immediatamente, per farmi parlare con mio marito mentre mi pistona con decisione, creandomi non poche difficolta a rimanere con una voce neutra, senza dar segno di ciò che mi stà capitando, senza contare a quello che mi aveva fatto l’ultima volta, quando mi ha pisciato in bocca, imponendomi di ingoiare, cosa che se pur riluttante o poi fatto alla lettera e, so già, se ricapiterà certamente io lo rifarò, anzi, in questi giorni ero andata anche a guardare su internet, per vedere dal punto salutare cosa si diceva, rimasi più tranquilla quando lessi, che se poi si conpensava con grandi bevute di acqua, non si vedevano grossi problemi . Mi preparai per le 19.00, avevo avvisato mio marito dicendo che sarei andata a mangiar un pizza con le mie amiche, perciò non mi avrebbe cercata, mi ero vestita in modo abbastanza semplice, anche se raffinata, rimisi quella gonna con lo spacco laterale vertiginoso, camicetta rosa con un buon decoltè, sotto un reggiseno carioca, perizoma ed autoreggenti, scarpe con tacco, non vertiginoso, quelli mi rifiuto di metterli, non voglio rischiare di rompermi una caviglia, sopra un giacchino lungo, trucco ben fatto, poi, su consiglio di Mario, mi ero portata dietro, in borsetta, un paio di mutandine normali. Poco prima dell’ora indicata mi chiamò Mario dicendo di scendere nel sotterraneo box, cosa che feci immediatamente, salimmo in auto e partimmo immediatamente in direzione centro città, dove era situato lo Studio privato di Stefano. Trovato come al solito con difficoltà un parcheggio in quella zona, raggiungemmo lo studio situato in un palazzo d’epoca, usato praticamente tutto da uffici, agenzie ed appunto lo studio di Stefano. Appena dentro, sentii Stefano parlare con le due donne addette alla pulizia, dicendogli che aveva dei problemi quella sera, un intervento imprevisto quindi di tornare la mattina seguente, lasciò loro una lauta mancia che le convinse a desistere per rimandare al mattino successivo la pulizia dello studio. Appena chisa la porta, mi guardò e mi disse “cosa fai ancora vestita? Forza troia, non farci perdere tempo, mettiti nuda come devi stare” arrossii sentendomi trattare così, ma mi misi immediatamente ad ubbidire rimanendo completamente nuda, a quel punto, senza delicatezza, mi spinse oltre la porta e mi ritrovai in un grosso studio, con almeno due lettini, una poltrona ginecologica ed altri aggeggi, loro due erano sempre vestiti, ciò accentuava ancor di più il fatto che fossi nuda, scalza, impotente. Apri un armadietto, ne tirò fuori una valigetta rigida con serratura a combinazione, la aprì e poi cercando dentro disse a Mario, visto che non vuoi inanellarla e forarla, facciamo qualcosa che ci farà divertire ugualmente senza segnarla. Ero sconcertata, mi si avvicinò, mi prese le braccia, portandomele dietro la schiena e me le sentii bloccare, mi resi conto con stupore ed un crescente timore, che mi aveva ammanettato le mani dietro la schiena, poi passatomi davanti, mi prese con due dita un capezzolo tirandolo, torcendolo, cercando di allungarlo, poi con mossa rapida ci applicò una pinzetta metallica, tipo quelle per le tende, con i denti a coccodrillo, fù un dolore inimmaginabile, lanciai un urlo, tentando di fuggire, ma dove? Nuda, ammanettata…. Stefano senza parlare, ma sogghignando, agguantò con violenza, l’altra mammella e ripetè l’operazione su l’altro capezzolo, il viso era una maschera di dolore, piangevo e mi lamentavo, mi piegavo in due, mi mollo uno schiaffo ingiungendomi di allargar le gambe, tremante eseguii così che mi applicò una molletta come le altre, su ognuna delle grandi labbra, cosa che mi costrinse a tener le cosce larghe, per non farle sfregare contro e cercar almeno di limitare anche se di pochissimo il dolore, poi non contento prese dei pesi, disse che erano quelli che usano i muratori per mettere i muri a piombo, e li appese ai ganci che erano su le mollette dei capezzoli, facendo sì che le mammelle si allungassero innaturalmente in basso, aumentando il dolore per i morsi dei denti metallici sui capezzoli. Mi spinse a pancia in giù di traverso su uno dei lettini, mi mise in maniera che le mammelle penzolassero dall’altro lato del lettino, con i pesi che ballavano penzolando a destra e sinistra, venne dietro, mi sputò sul culo e senza delicatezza mi ci entrò dentro, mi mancava il fiato, pensavo di piangere tutte le mie lacrime, credevo che i capezzoli si sarebbero strappati, intanto Stefano mi inculava con buona lena, dopo un po’, non so dir quanto ma certo non pochissimo, aumentò il ritmo, dopo un paio di sculaccioni violenti, mi prese le chiappe strizzandole con violenza, poi dando alcuni affondi paurosi, lo sentii sborrare, proprio molto nel profondo, poi uscito che fù disse a Mario, “dai inculala che più tardi non potrai più farlo, ci balleresti dentro” così Mario prese il suo posto, entrò senza sforzo, ormai il buco era stato usato e lubrificato dalla sborrata, si accomodò in fondo e cominciò subito a fotterlo, intanto Stefano si era portato davanti a me mi infilò l’uccello in bocca, mentre si divertiva a schiaffeggiare le tette ridotte pendule, facendo oscillare i pesi, causandomi ulteriori fitte di dolore, ciononostante, pian piano, sentii cambiare la mia sensibilità, la sensazione di essere usata come una cosa, come un buco senza personalità, maltrattata, il dolore in punti sensibili, sessuali, trovai la strada del primo orgasmo, seguito, poco dopo quando anche Mario sborro nel fondo del mio culo ad un secondo ancor più intenso. Si erano entrambi alzati e sembrava quasi che mi ignorassero, lasciata di traverso sul lettino, ad un tratto Stefano disse “devo pisciare, quasi quasi, me la porto di là e gli piscio addosso” ma Mario gli disse “guarda che venerdì gli ho pisciato in bocca, con calma, piano piano, e la vacca a bevuto tutto” mi sentii morire, se non glielo avesse detto Stefano si sarebbe al massimo limitato a farmela sul corpo, adesso invece, mi prese per i capelli tirandomi giù dal lettino “brava, fai progressi, adesso ti gusti anche la mia”, sempre tirandomi per i capelli, mi tirò in bagno facendomi inginocchiare a fianco al vater, tirandomi la testa sul la tazza, mi ordinò di alzare il viso ed aprire la bocca, ghignando, mi guarda ne gli occhi, poi da pochi centimetri di distanza punta la bocca col cazzo molle ed un getto caldo giallo mi riempì la bocca, lo vidi stringere con le dite il cazzo mi dette il tempo di ingoiare, poi riempì nuovamente, il restante lo sparse sul viso ed i capelli, finito lui venne Mario e fece altrettanto, mi rialzai trattenendo degli urti di vomito, poi dissi a Mario di farmi dar una sciacquata al viso, mi slacciarono le manette, così mi detti una lavata veloce sfruttando anche per bere alcune grandi sorsate di acqua. Si misero seduti su un divanetto, nudi chiaccherando mentre che io inginocchiata tra di loro passavo a leccare da uno all’altro. Parlavano di me come fossi una cosa, una bestia, certo non chiedevano il mio parere, Stefano diceva, “tra qualche giorno devo andare ne gli states, a Boston, per un convegno, sarò via 2 settimane, poi torno avrò diverse cose urgenti da sbrigare prima di portar mia moglie nella villa in Sardegna, quindi sino a settembre non ci possiamo più rivedere, quindi adesso dobbiamo dare un bel colpo al buco del culo di questa troia, una bella slargata, poi finiremo di slabbrarlo più avanti, tu Mario cosa hai intenzione di fare con lei?” M. “bè, se la allarghi cerco di mantenerglielo in forma, poi dato che l’ingegner XXYY (un noto industriale piemontese), mi a mandato una mail per dirmi che tra un paio di settimane farà nella sua villa in collina una delle sue solite festicciole, gli ho risposto che probabilmente parteciperò con una troia” S.“ interessante, ma lì è quasi solo sesso, si in gruppo ma niente più di sesso multiplo” M. “lo so , ma così, si abitua a farsi montare da sconosciuti anche in gruppo” S.” sì giusto, comunque peccato che non si possa rischiar segni, ha delle mammelle che si potrebbe lavorar bene, ed anche natiche ed altro….” Ero lì, che mentre leccavo Mario mi carezzava la testa come avrebbe fatto con un cane, ascoltavo i loro progetti, rabbrividivo di paura, ma anche un che di eccitazione mi cresceva nell’intimo, quando alzandosi Stefano, sempre senza alcuna gentilezza, mi strattonò, conducendomi verso la poltrona ginecologica, mi ci fece mettere sopra, avevo sempre i pesi appesi ai capezzoli, mi prese le braccia, le alzò sopra la mia testa dove c’era una barra, e le riammanettò lì, poi mi cinse con due cinghie le caviglie messe sui supporti che tenevano le gambe alte e divaricate, bloccandomi così completamente, poi aprendo un barattolo di lubrificante, con due dita me ne spinse un grossa quantità dentro il culo, aggiunse un terzo dito, ruotando tendendo ad allargarlo, lubrificò anche la corolla esterna, poi prese un coso, me lo fece vedere, sembrava lungo sui 20 cm, spesso come uno dei falli finti che Mario usa con me, ma mi fece notare che si poteva gonfiare ed allargarsi molto di più, però in quelle dimensioni, anche per il fatto che avevo da poco subito due inculate ed ero stata anche abbondantemente lubrificata, entrò subito senza problemi, poi però cominciò a gonfiarlo, inizialmente era anche piacevole, poi cominciai a sentire che aveva occupato più spazio di quello che doveva, a quel punto Stefano iniziò a farlo andare avanti e indietro, per sollecitare con lo spessore, la corolla dei muscoli rettali, che ad ogni pompata di gonfiaggio, la faceva cedere sempre di più, mi sembrava ogni movimento che faceva, che mi stesse squarciando il culo, sudavo freddo, ad un tratto lo estrasse completamente, facendomi vedere a me che dimensioni aveva raggiunto, la lunghezza era circa quella iniziale, ma lo spessore era diventato più o meno come quello di una bottiglia di vino, anche Mario ammirò, in particolare il buco slabbrato, dicendo che era divino, Stefano disse “adesso lo ripianto, sei dotata, slabbri bene, diverrai una gran rotta in culo”, lo puntò e senza fermarsi lo ripiantò dentro, poi per ancora a lungo continuò a mimare l’inculata con quel mostro, facendomi sobbalzare in continuazione, io continuavo ad emettere suoni intellegibili, versi strani uscivano dalla mia bocca, ma ero sempre sull’orlo del godimento, dopo un eternità, si fermò, vidi in una nebbia che avvolgeva la mia testa che indossava dei guanti chirurgici e si lubrificava bene la mano, quindi, con una mossa repentina mi tolse il grosso dildò dal culo, e lo sostituì, senza sforzo con 4 dita, tutto il palmo escluso il pollice, sentivo che ruotava cercando di allargare, poi con fatica, aggiunse il pollice mettendo la mano a cuneo, cominciò a spingere, pensavo che mi strappasse il culo, poi sentii un colpo e la parte delle nocche superò i muscoli sfinterici, avevo una mano nel culo!! Cominciò a mimare il coito con quella, ruotandola un poco, spingendo entrando sino al polso, ero stravolta, il culo mi sembrava una galleria in fiamme, però provavo innumerevoli mini orgasmi, anche se mischiati a fitte di dolore, infine, dopo forse 12 ora, ne uscì, ammirando il lavoro, e lasciando il posto a Mario, che aveva già provveduto a mettersi anche lui un guanto chirurgico ed averlo ben lubrificato, Mario aveva le mani più grandi, quindi inizialmente dovette nuovamente sforzare per farsi strada, ma in breve anche lui fù dentro sino al polso, cominciò subito, penso molto eccitato anche lui, a fottere il culo con la mano velocemente, guardandomi ne gli occhi con voglia e possesso, fece sì che io arrivassi finalmente ad un orgasmo liberatorio dove venni urlando e spingendo il culo contro la sua mano, finito che ebbi di godere mi accasciai legata alla poltrona, senza quasi più sentire quello che stavo subendo, in pratica semisvenuta. Venni slegata poi in ginocchio, ancora non del tutto cosciente, feci in modo che venissero in gola uno dopo l’altro, Stefano mi strappo dai capezzoli e dalle grandi labbra le pinze, sempre senza delicatezza, mi alzo il volto verso il suo e mi disse “brava, sei una vacca bella rotta, la prossima volta ti farò molto di più!” , ma cosa di più? Era matto? Ormai avevo perso di tutto in culo, comunque non ero certo in vena di rispondere, facevo fatica a stare in piedi, mi vestii faticosamente, evitai il reggiseno, i capezzoli era sensibilissimi e doloranti, mi dava già fastidio, anzi mi faceva anche male, la maglietta, figuriamoci un reggiseno, poi, come mi aveva consigliato prima di uscir di casa Mario, misi gli slip e non il perizoma, Stefano, su richiesta di Mario, mi dette anche un pannolino, per evitar che qualche incidente avrei potuto sporcar l’auto di Mario, poi sorretta appunto da Mario, scendemmo in strada e tornammo a casa

Continua

Questo racconto di è stato letto 3 0 4 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone