Da signora matura insospettabile a troia sottomessa - capitolo 8

Scritto da , il 2019-07-08, genere dominazione

Tornata in casa, mi feci subito un'altra doccia, poi mentre mi rilassavo tra le morbide lenzuola del mio letto, pensavo a tutto quello che mi stava capitando, Mario di cui ero affascinata e forse un po’ innamorata, mi aveva offerto ad altri, mi aveva diviso, e fatta usare, però se dovevo essere assolutamente sincera con me stessa, la cosa, pur tra sofferenze ed umiliazioni paurose, mi era piaciuta, alla fine avevo raggiunto degli orgasmi paurosi, forse in vita mia non avevo mai goduto tante volte e così intensamente come nelle ultime settimane, avevo sempre sentito parlare di sesso strano, sadomasochismo, chi godeva sentendo dolore, o procurandolo, avevo sempre pensato che fossero falsità, od al massimo forme di comportamento di persone deviate, malate, con turbe mentali evidenti a tutti ed invece mi ritrovavo io a godere di quei supplizi, esercitati poi da persone, come il dottor Stefano, considerate insospettabili luminari, preziosi elementi della nostra società migliore!! Mi avevano slargato, colpito picchiata, infine pisciato addosso, mi avevano anche fotografata, su quello gli avevo implorati di non renderle pubblica, mi avevano assicurata che al massimo se le mettevano in internet avrebbero reso il mio viso irriconoscibile con photoschop, ci credetti, Claudio e Stefano, erano entrambi sposati ed erano persone molto in vista, uno scandalo avrebbe causato molti più problemi a loro che a me, di Mario, d’accordo che era divorziato, ma amava la tranquillità, anche solo quando aveva detto a Stefano che non voleva far delle cose su di me per il vago timore che se ne accorgesse mio marito e creasse problemi, mi tranquillizzava sul suo conto. Il giorno dopo erà giovedì, come sempre il pomeriggio mi recai in un locale dove solitamente ci incontravamo con le mie amiche per il solito aperitivo e gli spettegolezzi, che ormai consideravo insulsi, noiosi, mi immaginavo cosa avrebbero detto quelle signore con la puzza sotto il naso se avessero saputo quello che facevo, i cazzi che mi ero presa, dove me li ero presa, la sborra che mi ero ingoiata, di come mi avevano sfondata nel culo. Quel pomeriggio però ci fù un altro piccolo problema per me, facevo fatica a star seduta, o mi sedevo rigida cercando di non pesar troppo sul sedile, come se avessi ingoiato un manico di scopa, oppure tutta storta, in pratica appoggiando solo un chiappa. Venerdì scesi da Mario, mi scopò con vigore, complimentandosi per come mi ero comportata la serata con gli altri due, quando mi inculò mi disse “vedi che adesso entra bene? Stai slargandoti bene”, in effetti era entrato subito senza usare lubrificante, senza che il mio culo facesse la minima resistenza, solo con un po’ di sputo, aveva appoggiato la cappella al buco, un colpetto deciso e si era aperto fagocitandolo dentro, un altro paio di spinte ed era ben piantato fino alle palle, cominciò con lunghe spinte decise, poi sempre più decise, amava tirarlo fuori del tutto, ero giù messa a pecorina, lui dietro con le dita cercava di allargare il più possibile, sembrava volesse infilare pure i coglioni, poi rallentava il ritmo, per non sborrare, quindi riprendeva con ancor maggior violenza, infine, dopo che io avevo già avuto almeno due orgasmi, aumentò il ritmo in maniera pazzesca, dando disordinati colpi sempre più violenti, infine sentii il suo sperma invadermi il culo ed ebbi l’ennesimo orgasmo. Dopo, mentre riposavamo un po’, gli trastullavo il cazzo, lui accese il compiuter portatile, mentre gli carezzavo i coglioni e davo qualche leccata alla cappella, cercò tra vari siti infine mi disse di guardare, vidi una serie di foto, si col viso non riconoscibile, ma ero indubbiamente io, mentre ciucciavo un cazzo fino a soffocare, mentre venivo inculata, presa in doppia, inculata da due cazzi insieme, oppure con i due grossi dildò piantati insieme dentro il culo, molti primo piani del buco slabbrato, infine ne la vasca mentre mi pisciavano addosso in tre. Mario ridendo mi disse “stai avendo successo, hai un sacco di commenti” cominciò ad aprire i post, sotto ogni foto per poter leggere i commenti inviati da la gente del web, chi mi chiamava troia, puttana, vacca, ed erano forse i più gentili, altri mi davano della rotta in culo, commentavano il mio buco, dicevano che era slabbrato, uno mi chiedeva se mi avrebbe potuto impalare, per poi non dire ciò che mi dicevano sotto le foto dove si vedeva che mi stavano pisciando addosso, mi chiamavano pisciatoio, latrina, cesso pubblico ed altre amenità del genere, leggere ciò anziché offendermi o lasciarmi sconvolta, mi eccitò, sapere che degli estranei vedevano quello che mi avevano fatto, come mi ero comportata, cosa ero diventata, mi riportò vicina a raggiungere un orgasmo senza neanche toccarmi, mi calai in ginocchio, misi la testa tra le cosce di Mario e dopo avergli leccato le palle e l’inguine, dopo esser passata tra i suoi peli sotto i coglioni, senza che me lo chiedesse andai a leccargli il culo, gli aprii le natiche e cercai di infilare il più possibile la lingua dentro, poi risalii, lucidai bene la cappella e lo faci sparire il più possibile in bocca, cercavo di farlo arrivare in gola, lui mi assecondava “gran pompinara, hai voglia vero….” Mario aveva sborrato nel mio culo neanche un ora prima, adesso ci avrebbe messo certo di più, però non mi davo vinta, leccavo, ciucciavo, succhiavo, gli massaggiavo i coglioni, dopo un eternità avevo le mascelle doloranti, ma stavo insistendo, quando lui mi prese per le orecchie, per immobilizzarsi, cominciò a chiavare, nel vero senso della parola, dentro la gola, e dopo un poco cominciai a sentire, come ormai avevo imparato, l’ingrossarsi del tronco, il pulsare che mi avvisava che tra pochi attimi avrebbe cominciato a sborrare, lui si ritrasse, perché disse che questa volta non voleva venire in gola ma in bocca, per farmi gustare meglio la sborra, poi iniziai a sentir i fiotti sgorgare dal cazzo, mi sfiorai solamente il clitoride e scoppiai in un bellissimo orgasmo intanto che Mario finiva di riempirmi la bocca, poi, quando ebbe finito di sborrare, senza tirarlo fuori dalla bocca, cominciai a degluttire la sborra, assaporandola, avevo ormai iniziato ad apprezzare il sapore, finito di ingoiare, mi dedicai a ripulire per bene il cazzo, sempre senza estrarlo da la bocca. Stava rilassandosi, feci per mollare il mio boccone, ormai quasi molle, per rilassarmi, dopo tutto quel tempo in ginocchio, mi facevano male tutte le giunture, però Mario, con decisione mi tenne ancora giù, e mi rimise il cazzo in bocca, tenendomi lì, carezzandomi la testa con gesto affettuoso, quando ad un tratto sentii ina specie di vibrazione nel muscolo che avevo tra le labbra, sentii come se il cazzo molle avesse un sussulto, poi la mia bocca si riempì di liquido caldo, aspro, amarognolo, mi stava pisciando in bocca!!! Feci per staccarmi ed alzarmi, ma lui, tenendomi per le orecchie, mi premette il viso sul suo inguine, disse “stò facendola poco alla volta per permetterti di ingoiare, vedi di non farmi bagnare il tappeto se no te ne penti” ed io iniziai ad ingoiare, quando si accorse che avevo svuotato la bocca, si rilassò e la riempì nuovamente, ingoiai di nuovo, e senza vomitare!! Mario ci pisciò per la terza volta e nuovamente mandai giù tutto, a quel punto si alzò, io da terra lo guardavo, occhi rossi di pianto ed umiliazione, lui disse “brava, sei proprio una lurida maiala, ma è per questo che mi piaci, se continui a star con me ti tratterò ancora peggio, ma mi sa che tu ci goda, vero troia??” flebilmente risposi con un solo “siii….” Poi detti un'altra leccata sul pene molle. Prima di tornare in casa mia, Mario, facendomi le solite raccomandazioni, su come mi dovevo comportare col cornuto nei due giorni seguenti, mi ricordò che lunedì avremmo incontrato ancora il dottor Stefano, Claudio no, era via per lavoro, ma mi disse che saremmo andati noi ne lo studio di lui, anche perché aveva cose per lavorami che non voleva trasportare, al pensiero mi vennero i brividi, poi gli detti un bacio in bocca, che lui ricambiò alla grande (anche se poco prima ci aveva pisciato!) e scappai in casa per prepararmi, il mattino dopo al rientro di mio marito.

Continua

Questo racconto di è stato letto 3 6 5 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


porno racconti gratisracconti erotistorie ponosissy raccontiracconti di sculacciatasorie pornoannunci racconti 69www.iomiluracconti spintiracconti erotici forumlibri erotici onlineraccontierotici 69racconti di bdsmeroticiracracconti incesto madresesso racconti eroticiracconti erotuicimamma mi fai un pompinomary rider escortraccnti pornotradimento raccontostorie di scambio di coppieracconti erotici di cornaraccinti eroticitracconti eroticiracconti erotici lesbicierotici raccontiracconti pronosissy maid storiesrorie pornoraccoti eroticitradimenti scopateracconti di incesti veriracconti di incesti verimoglie porca al marestorie eritichestorie di scambiracconti di sesso analeracconti erotiiciracconti erotici la ziaracconti sadomasoracconti porno estremiracconti erotici giovanirracconti eroticiraccoonti eroticimilu raccracconti erotici amatorialidoppia penetrazione raccontistorie fetish piediraccontieroticzia porcellonaraconti pornoracconti porno freestorie erotiche gratisracontieroticierotico raccontiraconti eroticoracconti kyraspirante cornutostorie sesso con animaliracconti primo analeracconti erotici veriracconti piedistorie eroticiracconti fetish piediacconti eroticierotici raccracconti erotici ricattoracconti eroticciraconti picantiracconti erotici gay giovanistorie di donne matureincesti sessorottoinculocane incula padronaracconti erotici suocerostorie eroticibondage storiesrscconti pornoracconti clisteriracconti rroticiracconti eroiticiracconto schiavacognata porcellapiedi di mia suocerastorie hard gayracconti incetoraconti eroticostorie erotivheracconti scandalosiracconti lesbiciracconti tettone69 scambio coppiaracconto lesbiche