Da signora matura insospettabile a troia sottomessa - capitolo 6

Scritto da , il 2019-07-07, genere dominazione

Continuammo così anche i giorni seguenti, certo non tutti, alcune volte lui non poteva per impegni di lavoro, un giorno io dovetti andare ad incontrare le mie amiche, se volevo continuare a salvare le apparenze non potevo mica cambiar le abitudini così di colpo, quindi riunioncina, spettegolezzi, solite lamentele sui mariti che non chiavano, o lo fanno di malavoglia, sbrigativamente, la solita che si vantava del suo amante, noi che facevamo le scandalizzate, (io adesso avevo smesso di invidiarla e pensavo, chissà se altre fingono come me e magari hanno anche loro qualcuno che le chiava?), Mario nel frattempo, cercando di essere sempre vario, aveva procurato anche un altro fallo posticcio, più grosso dell’altro, almeno 26 cm nero con un diametro di 6 abbondanti, quando me lo mise nel culo lo sentii eccome, ma alla fine me lo tenni tutto dentro. Il lunedì successivo, erano circa le 18 quando scesi da lui, come al solito, subito nuda, lui mi mise la lingua in bocca mentre mi artigliava una natica spingendo la punta di un dito nel culo, poi mi spinse ad appoggiarmi con le mani al tavolo della sala facendomi chinare e dandomi uno sculaccione mi fece allargare le cosce dicendomi “ dai bella troiona, ti faccio provare un nuovo giochino che ho preso”, mi mostrò un cuneo di plastica dura nero, lungo sui 14 cm ma che alla base era su i 7 di diametro, sotto poi a mò di fungo, uno stelo appoggiato su un cerchio largo piatto, mi disse che veniva chiamato plugg, che si metteva nel culo, quando era dentro non usciva e la base faceva in modo che non sparisse tutto dentro, mi mise un po’ di lubrificante e cominciò a spingermelo dentro, solo quando la parte più larga, con un “plopp” superò l’anello sfinterico sentii un piccolo dolore, ormai era un po’ che mi inculava o mi infilava lì quei cazzoni finti molto più lunghi di quello, quando fù dentro mi fece alzare, abbracciandomi mi mise la lingua in bocca impastandomi le chiappe e spingendo quello che avevo nel culo. Dopo un po’, allontanandosi da me mi disse, prendiamo l’auto, facciamo un salto a prenderci un aperitivo fuori città? Era la prima volta che mi chiedeva di uscire, io ne fui felice e dissi “ certo, aspetta mi tolgo questo coso e vado su a vestirmi” “NO, tienilo dentro, per il passeggio è ottimo, e poi voglio vederti sempre su di giri”, non sapevo cosa dire, già lì, in quei brevi istanti, muovendomi, me lo sentivo dentro e non ero certo a mio agio, avrei voluto protestare, ma lui che era ancora vestito, si levò la cravatta, mise una camicia più sportiva ed una giacca a quadrettoni che certo non usava per gli incontri di lavoro, mi fece infilare nuovamente la tuta e mi accompagnò di sopra in casa mia, era la prima volta che ci entrava, mi chiese dove era la camera, poi scelse lui il tutto, indossai le autoreggenti, per la prima volta, le avevo comprate su suo ordine, nascoste come l’altra biancheria osè sotto quella classica, ma mio marito era discreto, non si sarebbe mai azzardato a curiosare nei miei cassetti, non mi fece mettere uno dei perizoma che mi aveva fatto acquistare, disse che con quell’aggeggio meglio degli slippini, sottovestina, reggiseno molto aperto, trovò una gonna con uno spacco vertiginoso, che proprio grazie a quello, avevo messo solo una volta e poi accorgendomi che era troppo aperta avevo scartata, camicetta scarpè un bel paio di decoltè con tacco, non altissimo, quando mi aveva chiesto di comprarle mi ero assolutamente rifiutata, gli avevo fatto notare la mia età e la mia taglia, non sono certo un obesa, ma certo neanche una siluette, sono ben paffuta ed a (allora) 51 anni, non volevo correre il rischio di rompermi una gamba ad ogni passo, quindi uscimmo. Solo per arrivare nei sotterranei, nella zona box fu già impegnativo, ad ogni passo mi sentivo quell’affare dentro il culo, poi in macchina, mentre viaggiavamo, anche se era una signora macchina comodissima, una Audi A6, ad ogni piccola buca, ad ogni sobbalzo, me lo sentivo ballare nel culo, spingere, mi teneva in continuo con i sensi tesi. Percorremmo una ventina di Kilometri, ci fermammo in un locale in una zona di ceto medio, dove era praticamente impossibile incontrare qualcuno che conoscevo ed entrammo nel locale, camminavo abbastanza lentamente facendo attenzione a sembrar naturale, mi sembrava che chiunque mi guardava sapesse cosa avevo nel culo, anche se sapevo che era impossibile, ero imbarazzatissima, ma anche eccitatissima, mi sentivo il cavallo degli slip fradici, mi fece sedere su uno di quegli sgabelli alti davanti al bancone, dove appena seduta il mio stesso peso dette un ulteriore spinta in dentro al cuneo e mi fece sfuggire un leggero “hhhhhooo”, poi, rossa in volto cercai di tornar normale sperando che nessuno se ne fosse accorto, comunque intorno gli altri avventori erano a tuttaltro interessati, così potei glissare, Mario con noncuranza, celiava del più e del meno, con aria indifferente, ordinò due aperitivi della casa, poi una ventina di minuti dopo ci alzammo per rientrare, lui mi mise una mano dietro la vita, sotto la leggera giacca che avevo indossato, e con noncuranza abbassò la mano su la natica e mi spinse con decisione il cuneo dentro, feci un sobbalzo e non potei trattenere un forte gemito, e venni sorpresa, in mezzo a tutta quella gente, da un orgasmo, non fortissimo, però intenso e torbido come non mai, Mario se ne accorse, mi sorresse per un braccio e velocemente mi scortò fuori del locale, mi fece salire in auto, ed al momento di sedermi sul sedile mi sentii ancora una fitta nel culo, facendomi avere un secondo orgasmo. Appena rientrati in casa sua Mario mi disse “Avevo capito appena ti ho conosciuta che eri una troia inespressa, questa sera me lo hai confermato, adesso fai la vacca, piegati ed alza la gonna” ubbidii immediatamente, mi strappo letteralmente gli slip, estrasse con un solo colpo il cuneo facendomi urlare, questa volta di dolore, e lo sostituì col suo cazzone, iniziò a stantuffarmi con forza, quasi con rabbia, facendomi sobbalzare ad ogni colpo, poi prima di sborrare, estrasse il cazzo dal buco largo, prese il più grosso dei godemicè e me lo ficco dentro di colpo, ormai era almeno 4 ore, che tra il plug poi il cazzo ed ora quello posticcio, avevo il culo pieno, mi mise in ginocchio, mi ficco il suo cazzo in gola, più in fondo che poteva, ed in un paio di affondi sborrò in fondo alla mia gola, esplosi nell’ennesimo orgasmo, questa volta devastante, liberatorio a confronti di quelli dove mi ero dovuta trattenere. Rimessami in ordine, mentre stavo per rientrare a casa Mario mi disse “ sei una gran vacca, riposati questo WE, voglio farti superare i limiti, settimana prossima ci sarà una bella sorpresa”…..

Continua

Questo racconto di è stato letto 2 9 3 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone