Da signora matura insospettabile a troia sottomessa - capitolo 5

Scritto da , il 2019-07-07, genere dominazione

Salii al piano di sopra, l’attico che dividevo con mio marito, mi lavai con cura poi messami un pigiama mi portai a letto, sentii rientrare mio marito finsi di dormire, lui cercando di non far rumore fece tutti i suoi soliti rituali e poi venne a coricarsi, 5 minuti dopo già russava! Io rimasi a lungo a pensare su gli avvenimenti di questi giorni, certo sconvolgenti e mai immaginati, ma certo esaltanti, che mi avevano portato a raggiungere orgasmi con vette di piacere che mai avevo immaginato si potessero provare, poi pensavo alle mie reazioni, Mario, mi trattava come una troia, ma a me, quell’atteggiamento, anziché farmi desistere o farmi infuriare, come avrei detto solo pochi giorni prima se me ne avessero parlato, mi eccitava, sia farmi insultare pesantemente, spesso gratuitamente, con quel tono anche di disprezzo, sia farmi colpire, sculacciare ed anche, quando è capitato, schiaffeggiare, con mio marito che non aveva mai neanche osato immaginare di sfiorarmi con un dito, da Mario accettavo di tutto e chissà cosa avrei accettato in seguito se avessi continuato a frequentarlo. Il sabato e la domenica passarono come sempre, noiosamente, adesso ancor di più specie per me, sabato sera, a letto, mio marito mi salì sopra, lo infilò e neanche 2 minuti dopo aveva finito, andò subito in bagno a lavarsi poi tornò a letto, come al solito si girò su l’altro lato e si addormentò, a quel punto andai anche io a lavarmi, mi dava quasi fastidio sentire il viscido del suo seme tra le cosce, con Mario amavo la sensazione di sentirmi colare lo sperma da dove lo depositava, spesso passava ore prima che mi lavassi, ma con lui ormai era diverso, comunque con grande gioia, lunedì mattina salutai mio marito che partiva per la sua sede in Cecoslovacchia, da cui sarebbe rientrato sabato mattina come sempre, mi vestii, uscii per far qualche spese lasciando il biglietto per le incombenze per la colf che veniva al mattino, poi verso le 10 chiamai Mario annunciandoli che ero libera sino a sabato mattina, mi disse che rientrava verso le 17 e di farmi trovare pronta a scendere da lui. Appena arrivò giù in garage, mi chiamo dicendomi di scendere ad aspettarlo davanti alla porta del suo appartamento, come al solito mi portai i due telefoni, il cellulare ed il cordles, vestita solo con la tuta su la pelle nuda, tanto sapevo che lui poi mi avrebbe voluto sempre nuda, due minuti dopo uscì dall’ascensore, aprì la porta, mentre appoggiava la 24 ore e si toglieva la giacca e cravatta, mi aveva detto di togliere la tuta, io nuda lui vestito, mi avvicinò a lui arpionandomi per una natica, mi ficcò la lingua in bocca e mi disse “mancato il cazzo vero?” “sì…” mormorai io, “ma anche come mi fai godere tu…” un bello sculaccione e poi spingendomi giù “fai la troia come sei, tiralo fuori e ciucciatelo un po’” in ginocchio gli slacciai la cintura, abbassai la zip, e poi calai gli slip, svetto con prepotenza il suo bel cazzone, venoso, minaccioso, ad un palmo dal mio viso, le narici si riempirono dell’aroma di maschio, forte, mischiato a sudore ed altro, allungai la lingua, cominciai a leccare la cappella come un gelato, circondai sempre con la lingua la corolla sotto la cappella, poi il taglio sopra da dove occhieggiava una goccia di liquido che assaporai immediatamente, infine lo circondai con le labbra, detti un paio di ciucciate golose, lo feci riuscire e leccai tutto quel magnifico tronco fino ad arrivare ai coglioni pelosi, li lappai con gusto, spatolando con la lingua, per poi insinuarla trai i coglioni e le cosce, in ogni piega del suo inguine, infine, pian piano, lasciandogli grosse tracce di saliva, risalii i tronco, fino ad imboccarlo di nuovo guardandolo dal basso in alto ne gli occhi, godendomi la mia sudditanza al padrone del cazzo che stavo adorando, a quel punto lui prese con entrambe le mani la mia testa da dietro la nuca e spinse quel bel cannone di carne dentro la bocca cercando di invadermi la gola, soffocavo, mi venivano urti di vomito, ma cercavo di assecondarlo, gli artigliavo le chiappe pelose e mimavo un coito con la bocca, ogni tanto sentivo i suoi peli pubici contro il naso, sbavavo su le mie stesse tette, ma assolutamente non tentavo di sottrarmi a quella chiavata in gola certo innaturale, ma estremamente eccitante, poi, prima di arrivare al punto di non ritorno, uscì dalla bocca sottraendosi così alla mia gola vorace, voltò la mia testa verso l’alto guardandomi, stravolta, occhi rossi, bava densa che mi colava da gli angoli della bocca , mi disse “magnifica pompinara, sei una grandissima troia lo sai? Adesso apri bene la bocca” lo feci e lo vidi, dall’alto farmi cadere in bocca della sua saliva, in abbondanza, senza pensarci la mandai giù e lui “ sì, saprò fare di te tutto quello che voglio, sei una lurida maiala…”poi arrivati in camera e liberatosi velocemente dei pochi indumenti rimastogli mi posiziono sul bordo del letto, le cosce in alto aperte a squadra, si mise in piedi in mezzo e cominciò a chiavarmi con colpi duri, violenti, magnifici che mi portarono ad un orgasmo esplosivo proprio mentre lui mi riempiva la figa. Poi mentre, ormai come al solito, non doveva neanche più chiederlo, gli stavo leccando il cazzo per ripulirlo, lui tirò fuori da un sacchetto un oggetto, dicendo che aveva fatto delle spese, mi mostro un cazzo posticcio, era sui 23 cm, molto largo, me lo avvicino alla figa, colante del mio godimento e della sua sborra, e senza sforzo alcuno ce lo fece sparire, cominciando a mimare il coito con quell’affare, devo dire molto veritiero alle sensazioni, certamente anche molto eccitante. Dopo un po’, sarà stata la vista mia impalata da quel cazzo posticcio, oppure il lavoro della mia bocca che dopo averlo ripulito mi ero adoperata a rimetterlo in gioco, ritrovatosi nuovamente col cazzo turgido mi disse “ed il culo come và? Non bisogna farlo riposar troppo, almeno all’inizio, dai vieni che lo mettiamo in forma” si mise un po’ di lubrificante su le dita e me ne ficcò due di colpo nel culo, dandomi come una scossa elettrica, cominciò a farle andare su e giù, poi a ruotarle, finche mi disse che ero pronta, quindi di mettermi in ginocchio sul bordo del letto, mi si piazzò a le spalle, appoggio la cappella al buco, e questa volta, con un movimento continuo e deciso, dopo aver superato l’anello rettale, si piantò dentro sino ai coglioni. Faceva ancora male, non certo più come le prime volte, ma mi ero accorta che era entrato subito, senza resistenza, glielo feci notare con intimo orgoglio “sei entrato subito, adesso lo prendo meglio vero?” “certo, ma per quello che cerco dovrò allargartelo ancora parecchio, alla fine sarai proprio una gran rotta in culo, voglio una vacca sfondata”, quelle parole mi fecero sentir un brivido, una scossa, che dal buco del culo, dove mi stava pistonando, mi salì per la spina dorsale fino al cervello, scuotendomi come se avessi avuto un attacco epilettico, e portandomi ad un orgasmo devastante; continuò ancora per parecchio, ad incularmi, anche grazie alla sborrata che aveva fatto poco prima, riusciva a trattenersi molto a lungo, cambiava ritmo, ruotava col bacino cecando di allargare di più, infine senza venire lo estrasse e mise dentro il buco slabbrato il cazzone posticcio, che non fece assolutamente fatica ad accomodarcisi, poi, con quello dentro mi mise supina sul letto, mi si accovaccio sopra dicendomi, “dai leccami il culo adesso, intanto masturbati, io mi faccio una sega e quando arrivo te lo pianto in gola”, glielo avevo fatto il primo giorno, quindi di buon grado, gli allargai le chiappe pelose e cominciai a lappare, poi facendomi strada con la lingua entrai nel suo buco mimando un mini coito con la lingua, sentivo odore di sudore, sapori forti su la lingua, era pulito ma la situazione era oscena, mi masturbavo mantenendomi il cazzone di lattice piantato tra le natiche, ad un tratto si sollevò, si spostò impercettibilmente e si calo col cazzo dentro la mia gola, due colpi, non di più e cominciò a sborrare, penso direttamente su le tonsille, intanto che avevo l’ennesimo orgasmo, semisoffocando ingoiai tutta la crema che mi stava donando ed alla fine mi ritrovai stravolta su quel letto, con la bocca colma del sapore della sua sborra, la figa ancora umida, e nel culo sempre piena dal cazzo finto, guardai l’orologio non erano neanche tre ore che ero lì, ma tre ore intense, come mai mi era e, tantomeno, mi sarebbe capitato con mio marito. Andò a farsi una doccia, poi mi accompagnò in bagno, le gambe facevano fatica a reggermi, mi lavai ma rimasi nuda, mangiammo e per il resto della serata scherzammo, giochetti piccanti, ammiccanti, in maniera favolosa, sin che tornai a casa felice e soddisfatta, con la consapevolezza che l’indomani avremmo continuato.

Continua

Questo racconto di è stato letto 3 7 3 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


figlia ninfomaneracconti crossdressingstorie erotichrracconti eroticiracconti hotgenere racconti eroticiracconti sesso transstorie di zoofiliaracconti erotiifidanzate esibizionisteracconti di dominazione femminileracconto erotracconti eroticetacconti pornostorie vere di incestiracconti erotraccontieroticiracconti erotici nonnoprime esperienze racconti eroticiraccconti pornostorie pornracconti sottomessoracconti eraticiracconti porno nipoteraccontierotgay porno storieconti eroticistorie erotiche tradimentiwww raccontimilu comraccont miluricatto racconti eroticiracconti oornoracconti gstorie erotichrracconti cuckold italianiraccontifetishracconti di mariti cuckoldxnxx fratelloracconti porno zoofiliaracconti erotici tra fratelliracconti di ragazze lesbicheraccondi eroticiracconti erotici erotici raccontiracconti ereoticiracconti porno mia mogliecameriera eroticastorie erotivhestorie di zoofiliaeroticiracerotici raccontgli ho rotto il culoraccontineroticicornuto raccontostorie hard gratisracconti erotieroriciraccontiracconti nonneracconti sesso 69storie di sesso analestorie di sesso 69racconti feetracconti sesso moglieracconti.incestoracconti potnoerotici racconti incestiracconti erotici gay stuproracconti animal sexracconti porno gay incestoracconto xxxracconti al cinema pornoporno racconti incestoracconti di sborratestorie cucksculacciata eroticaerotici racconti incesto