Da signora matura insospettabile a troia sottomessa - capitolo 4

Scritto da , il 2019-07-07, genere dominazione

Ero in bagno, sul bidet che mi lavavo, sentendo la caverna che mi ero ritrovata tra le chiappe quando Mario entrò senza neanche chiedermi se poteva, mai con mio marito ero arrivata a tanto, il bagno, l’uno per l’altro, era off-limit se era occupato da uno dei due, Mario invece si avvicino al vater proprio a fianco a dove ero io e cominciò tranquillamente a pisciare a pochissima distanza dal mio viso dato che ero seduta sul bidé, io, imbarazzata, ma non riuscivo a non guardargli il cazzo, semimolle da cui usciva il getto, lui sogghignando, mi dice “Eli, sei proprio una gran trona, ti piace tanto il cazzo vero?” “sì…” mi sfuggì con un sussurro, “stai tranquilla, ti farò fare indigestione, recupererai tutto quello che ti sei persa”. Poi, si erano fatte già le sette di sera, ci recammo in cucina, per mangiar qualcosa, naturalmente , mentre lui si era messo i calzoni di una tuta, io ero dovuta restar completamente nuda, inizialmente mangiammo qualche cosa bevendo dell’ottimo vino bianco, poi cominciò nuovamente a stuzzicarmi, cominciò a prendermi i capezzoli strizzandoli, poi torcendoli, ad un tratto prese un wiuster,, prima lo brandì dicendo con doppio senzo cosa ne pensavo, stando al gioco dissi che era piccolo, specie se confrontato al suo, a quel punto mi face sollevare e volle vedere come mi entrava, ero divertita ed imbarazzata mentre mi infilava in figa quel salsicciotto, lo fece scorrere alcune volte mimando il coito, finchè non fù ricoperto di liquido vaginale vischioso, in quei momenti ero in pratica sempre eccitata e bagnata, a quel punto lo estrasse e mi disse, “ecco adesso puoi mangiarlo, lo hai ben condito”, lo guardai basita, pensavo scherzasse, mai mi sarei immaginata di mescolare cibo con sesso, ma dall’espressione, mi resi conto che lui si aspettava solo che esguissi quello che mi aveva chiesto, così presi il salsicciotto e cominciai a mangiarlo, sentendo distintamente il mio sapore, a quel punto, lui si tolse i calzoni della tuta rimanendo nudo col cazzo semieretto a guardarmi, poi non contento, vista la musse che era sul tavolo, ne prese un po’, se la mise sul cazzo e mi portò a leccare, dicendomi che era così che mi voleva, troia, porca, una vera maiala, ma che quello era solo l’inizio, mi disse che non mi immaginavo sin dove mi avrebbe trascinata. Io ero sconvolta, già quelle pratiche mi sembravano abnormi, comunque non proferii parola, certo non tentando neanche di controbattere. Dopo mi disse, vieni che dobbiamo tener in allenamento il culo, poi c’è il fine settimana e per un paio di giorni non ti posso inculare, non vorrei che lunedì dovessimo iniziar dall’inizio! Avevo il culo ancora dolorante, arrossato, ma sapevo che sarebbe stato inutile dirglielo o far storie, quindi lo seguii, questa volta in sala, si mise su una poltrona, tipo un ottomanna, semi sdraiato, prima mi fece inginocchiare tra le cosce a portarlo al massimo della turgidezza, poi mi passo il famoso dispeser di lubrificante perché imparassi io a ungerglielo, mi disse di far altrettanto con me stessa, e poi di sedermi sopra, dandogli le spalle, impalandomi da sola! Sembrava una cortesia, ma si rivelò un'altra prova, col buco ancora dolorante, sedermi su quel palo e riaprirmi il culo da sola non era uno scherzo! Mi accovacciai sopra, presi in mano il cazzo puntandomelo sul buco, poi ricordandomi che mi aveva consigliato la prima volta di spingere per agevolare l’entrata, cominciai a farlo calandomi con delicatezza, sentii la cappella che sforzava sui muscoli rettali, facendosi largo lentamente ma inesorabilmente, poi sentii come un flopp, che mi fece capire che aveva superato l’anello rettale, adesso poteva solo andare sempre più dentro, feci un bel respiro e mi lasciai andare, “hhhahaahh” feci mentre mi impalavo, ed appoggiai le natiche su la sua pancia, ancora una volta, dopo solo qualche ora, avevo ancora una volta il culo pieno di carne dura, la presenza del maschio dominante dentro di me si faceva sentire, il dolore c’erà, anche se non assolutamente paragonabile a quello provato nel pomeriggio e comunque decisi di fargli vedere che ero brava e cominciai a muovermi, alzandomi ed abbassandomi lentamente, poi anche incitata da lui, cominciai ad aumentare il ritmo, allungando anche la corsa, ossia, alzandomi sin quasi a far uscire la cappella, per poi farmi ricadere fagocitando tutto il cazzo sino in fondo al culo, pur persistendo, anche se scemato, il dolore, cominciavo a sentir salire il godimento, oltre ad un senso di orgoglio, per aver fatto tutto quello che mi aveva detto al meglio, quando ad un tratto accadde una cosa……..suono il mio cordles, nel displai riconobbi il numero di mio marito, cercai di alzarmi per poter rispondere, ma Mario mi tenne lì, con il cazzo piantato in culo e mi disse “puoi rispondere ugualmente senza togliermi il piacere del tuo culo!” Ero sconcertata, ma non potevo non rispondere così feci, e mentre dall’altro lato mio marito mi comunicava che sin dopo mezzanotte non sarebbe rientrato, io ero nuda seduta sul mio amante, con il suo cazzo piantato nel culo e lui, stronzo, dava colpetti che mi facevano balbettare e sospirare, ma che fortunatamente non insospettirono quel coglione di mio marito. Riattacco e Mario mi disse “Allora, visto che puoi rispondere al cornuto anche se ti stò inculando? Adesso basta, vediamo di sbattere bene questo buco” così, senza uscirmi da dentro, mi sollevo e mi face mettere in terra, sul tappeto, con la testa giù appoggiata alle braccia ed il culo molto in alto e lui cominciò una cavalcata forsennata, con colpi che mi squassavano le viscere, lui che spesso mi mollava qualche sculaccione a mano piena lasciando ogni volta il segno rosso su la natica, continuando a dirmi che ero proprio una vacca nata, che mi aveva aperto il culo e che sarei diventata una grandissima rotta in culo, che nel mio culo tra qualche tempo ci sarebbe passato di tutto ed altre cose così. Il tutto mi faceva salire l’eccitazione, mi sentivo plastilina nelle sue mani, tutte le sconcezze che diceva non facevano altro che eccitarmi anziché scioccarmi, ed ad un tratto, questa volta senza assolutamente toccarmi, sentii montare l’orgasmo, ad un tratto un tremito mi scosse tutta, cominciai a boccheggiare, ululando come una bestia esplosi nel mio primo orgasmo anale!!! Lui trattenendomi per i fianchi impedì che mi abbattessi giù spossata e dando gli ultimi colpi come un maglio mi scaricò nel profondo l’ennesima sborrata, poi appena finito di scaricarsi, si sfilò, prese una macchinetta fotografica che aveva lasciato lì vicina e scatto un paio di istantanee al buco slabbrato. Si sedette su la poltrona dicendomi di andar lì a fargli il solito servizio di pulizia, “però” mi disse “prima che mi macchi il tappeto, tienti una mano sotto il culo così al massimo ti cola in mano”, eseguii prontamente preparandomi a prenderlo in bocca, e lui mi mise a fianco al cazzo il display della macchinetta dove si vedeva il mio buco aperto, era una caverna oscena, mentre lo guardavo lui mi spinse il cazzo in bocca dove percepii, tutto il misto di sapori ed odori, comunque, come oramai avevo imparato, lo lucidai bene, poi alla fine quando mi alzai per andarmi a lavare, lui prese la mano che avevo tenuto sotto il culo, c’era nel palmo una poltiglia di liquido appiccicoso e lui mi disse, “peccato sprecare, dai fammi vedere come la gusti”, mi sentii persa in quel momento, poi con un rigurgito di orgoglio troiesco mi portai la mano alla bocca e guardandolo ne gli occhi leccai la mano, trattenni un urto di vomito ed ingoiai tutto, lui mi guardò sorridendo, un po’ stupito dal fatto che non l’avessi contraddetto ed annuì. Per quella sera ormai era finita, mi lavai, rimanemmo d’accordo che ci saremmo sentiti lunedì, nel fine settimana dovevo stare con mio marito, mi raccomandò di farlo chiavare, ridacchiando e di non fargli toccare il culo che si sarebbe accordo del passaggio suo, ma su questo non c’era problema.

Continua

Questo racconto di è stato letto 3 7 7 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone