No Quarter, episodio 2 - Perché proprio Lory?

Scritto da , il 2019-07-04, genere masturbazione

Quel mattino, Marta era di buon umore. Il sesso nella doccia con Riccardo della sera prima era stato particolarmente eccitante, al punto che quando lui era uscito di casa presto per andare al lavoro, lo aveva salutato in maniera calorosa. E pensare che fino a ventiquattro ore prima, l'idea che lui durante quella vacanza si dedicasse al lavoro le faceva ribollire il sangue.
Il suo stato d'animo però era cambiato, e senza dubbio parte del merito era da attribuire alla bellezza di quel luogo e al clima estivo che aveva trovato. Per lei fu abbastanza una sorpresa scoprire che in quella zona faceva così caldo, e non a caso aveva accettato volentieri la proposta di Lory di andare a fare shopping quel pomeriggio. Si era portata in vacanza indumenti fin troppo pesanti, per quelle temperature. Lo poté constatare una volta di più quel mattino, mentre disfaceva le valigie.
Di una cosa in particolare si rammaricò: convinta di non potersi permettere di prendere il sole, non aveva portato via neppure un costume da bagno. E invece quel giorno sembrava ci fossero le condizioni ideali per un po' di relax in giardino, nessuna nuvola ma un caldo tutto sommato non torrido. Quanto le sarebbe piaciuto crogiolarsi per qualche ora sotto al sole, provare a tornare a casa con almeno un po' di abbronzatura...

Pensò di rivolgersi alla sua nuova amica. In fondo non le era sembrato che avessero taglie troppo dissimili, magari un costume da prestarle ce l'aveva. Però poi decise che non voleva disturbarla, forse non erano ancora abbastanza in confidenza per una richiesta del genere. E non era neppure sicura che fosse a casa.
Ipotizzò allora di prendere il sole in biancheria intima. Ma anche questa soluzione non la convinceva: se Lory, o peggio suo marito, o magari qualcun altro delle villette vicine - nonostante il giardino fosse circondato da siepi - l'avessero vista così, sarebbe sprofondata dall'imbarazzo.
Stava quasi per rinunciare, quando l'idea giusta le venne guardando fuori dalla finestra. La camera matrimoniale aveva un balcone, piccolo ma non al punto tale da impedirle di sdraiarsi su un asciugamano. Era circondato da un muretto in mattoni, e quindi se si fosse messa lì per terra sarebbe stata virtualmente irraggiungibile da sguardi indiscreti.
Sembrava un piano senza falle, e decise di metterlo subito in pratica. Distese l'asciugamano a terra, vi si sedette sopra e iniziò a spogliarsi, fino a rimanere in reggiseno e mutandine. Stava per stendersi e chiudere gli occhi, quando si rese conto di come quella biancheria intima fosse tutto sommato inutile. Che senso aveva tenerla, se nessuno poteva vederla? Tanto valeva prendere il sole integrale ed evitare antiestetici segni dell'abbronzatura. Slacciò il reggiseno e lo tolse, posandolo lì a terra. Poi, dopo essersi guardata intorno per l'ennesima volta, sfilò anche gli slip e rimase completamente nuda in balcone.

La mattinata di Lory era invece dedicata alle pulizie. Lo aveva rimandato troppe volte, e ora che finalmente era in ferie aveva deciso di farlo. Si era alzata di buon'ora, e dopo aver salutato il marito diretto al lavoro, si era concentrata sul piano di sopra. Aveva appena finito l'ultima stanza, e prima di scendere decise di dedicarsi alla mansarda. Si trattava di uno spazio piuttosto piccolo in cui non metteva spesso piede, che utilizzavano più che altro come ripostiglio. Erano tante le cianfrusaglie che nel corso degli anni si erano accumulate lì dentro, ma c'era anche qualche chicca a cui era affezionata. Una su tutte, un vecchio giradischi che suo marito aveva ereditato dai genitori. Lory lo aveva sempre trovato un oggetto affascinante, e ogni tanto amava utilizzarlo con quei vinili - ormai oggetti d'epoca - che tenevano proprio lì in mansarda. Pensò che con un po' di musica avrebbe lavorato più volentieri, e rovistando fra i dischi ne scelse uno dei Led Zeppelin che le piaceva particolarmente.

Marta stava proprio bene lì, sotto il sole come una lucertola. L'aveva sempre trovata una pratica molto rilassante. Era distesa forse da una mezz'oretta, quando si rese conto che l'unica cosa che le mancava era un po' di musica. E se ne accorse proprio perché sentì alcuni suoni provenire da lì intorno. Forse da casa di Lory, che era quella più vicina.
Riaprì gli occhi lentamente, per abituarli al sole, e si mise a sedere, controllando l'ora sul cellulare. Era tempo di girarsi nuovamente, perciò dopo aver sistemato l'asciugamano si sdraiò a pancia in giù. Nel frattempo il volume della musica si era fatto più alto. Non conosceva né la canzone né l'artista, ma si ritrovò a pensare che le piacevano, quei suoni quasi psichedelici, tipici di un certo rock degli anni '70.
"Close the door, put out the light / You know they won't be home tonight / The snow falls hard and don't you know? / The winds of Thor are blowing cold...".

Sul giradischi era appena partita una delle sue canzoni preferite. Lory si fermò per un secondo, appoggiando a terra lo scatolone che stava spostando. Voleva assaporare a pieno quei suoni così vividi, capaci di riportarla agli anni della sua adolescenza, quando aveva scoperto i Led Zeppelin. Suoni capaci di farle provare sensazioni a cui non era più abituata.
Lì dentro faceva molto caldo e sentì il bisogno di prendere una boccata d'aria, così si diresse verso il lucernario della mansarda. Una volta aperto, mise la testa fuori e chiudendo gli occhi respirò lentamente, sfiorata dalla brezza leggera che le spostava i capelli dalla fronte. Quando li riaprì, diede un'occhiata al panorama circostante, così tranquillo e in pace da sposarsi alla perfezione con l'atmosfera di quella canzone. Il suo sguardo fu però presto rapito da un'immagine che non si attendeva, e che difficilmente avrebbe potuto dimenticare. A pochi metri da lei, c'era Marta seduta sul balcone della propria casa. Nuda.
Anche senza trucco, la trovava davvero una ragazza carina. Una cosa che le piaceva molto di lei - adesso era ancora più evidente - era il contrasto tra quel taglio a spazzola dei capelli castani, quasi da maschiaccio, e quella esplosiva fisicità che trasudava femminilità da ogni poro. La naturalezza con cui esponeva quel seno florido, chiaramente naturale ma all'apparenza abbastanza sodo, la lasciò per qualche secondo senza fiato. E per quanto le gambe incrociate rendessero la visione tutt'altro che scabrosa, uno dei primi istinti di Lory fu quello di nascondersi. Era consapevole che da quella posizione probabilmente Marta non sarebbe mai riuscita ad accorgersi di lei, ma non poteva fare a meno di provare un pizzico di vergogna. Aveva beccato la sua vicina intenta a prendere il sole integrale in terrazzo, quasi sicuramente nella convinzione di non poter essere vista da nessuno.
Stava appena prendendo coscienza della situazione, quando Marta si piegò in avanti e, dopo aver sistemato l'asciugamano, si sdraiò a pancia in giù. Per uno o forse due secondi, vide le sue tette dondolare come noci di cocco da una palma. E una volta sdraiata, poté apprezzarne la figura formosa ma comunque slanciata. Il fondoschiena rotondo era ben proporzionato, proprio come le era sembrato la sera prima vedendola con quei jeans attillati.
In quella assolata e tranquilla mattina di luglio, le note della canzone e tutte le sensazioni che si portavano dietro si mescolarono alla confusione che Lory provava in quel momento.
"They're wearing steel that's bright and true / They carry news that must get through / They choose the path where no one goes / They hold no quarter".

Marta si era rilassata completamente, forte di quella innegabile sensazione di libertà che le dava la propria nudità. Il suo corpo si lasciò cullare dai versi di quella canzone verso un mondo onirico, intenso ma allo stesso tempo capace di donarle grande serenità. E in quella situazione di dormiveglia, la sua mente iniziò a vagare, proponendole una serie di immagini abbastanza casuali che, secondo dopo secondo, diventavano sempre più vivide.
A un certo punto, vide se stessa su quel balcone. Una specie di sensazione extra sensoriale, come se fosse uscita dal proprio corpo e ora dall'alto potesse vedere Marta, lì distesa, col culetto al vento. Forse il suo cervello lo percepì come qualcosa di stimolante, perché un attimo dopo le propose una nuova immagine: lei era sempre nuda, però stavolta nella doccia. La stessa doccia di quella casa di vacanza, la doccia dove la sera prima aveva fatto l'amore con Riccardo. E infatti eccolo lì anche lui, lo vedeva lì di fronte con uno sguardo carico di desiderio, mentre le si avvicinava lentamente fino a farle sentire la pressione del suo pene eretto sulla pancia.
Marta avvertì un solletichio fra le gambe, si stava eccitando. Per un secondo uscì dal dormiveglia, ritrovando un pizzico di lucidità per girarsi nuovamente. Fece un respiro profondo mentre si passava le mani sul viso, ricoperto da minuscole goccioline di sudore, e poi lungo il corpo. Ora il sole scaldava davvero.
Proprio in quel momento, sentì una leggera brezza accarezzarle i capezzoli. Fu un attimo, un brivido la percorse e la riportò dentro a quel mondo, dandole ancora la sensazione di galleggiare.
"Walking side-by-side with death / The devil mocks their every step / The snow drives back the foot that's slow / The dogs of doom are howling more".

Senza quasi accorgersene, Lory si era ritrovata ad ammirare quel corpo nudo più di quanto ne avesse intenzione. Era rimasta immobile a fissarla per diversi secondi, mentre la sua mente vagava incontrollata verso lidi sconosciuti.
La ragione di tanta curiosità era probabilmente da ricercarsi in quei rumori che ancora le rimbombavano nella testa dalla sera prima. "Scopami, ti prego" aveva sentito Marta dire al suo fidanzato sotto la doccia, e adesso Lory riusciva a immaginare la scena perfettamente. La vedeva lì, nuda, sotto la doccia, desiderosa di raggiungere l'estasi. Ritrovarsela a pochi metri da lei, colta in un attimo tanto privato, le rese inevitabile la tentazione di accarezzarsi per la seconda volta in poche ore.
Non fece in tempo a razionalizzare i suoi pensieri, che fu colta da una nuova e inattesa scossa nel momento in cui vide la sua vicina girarsi a pancia in su. Il modo in cui i due morbidi seni scivolavano un po' verso l'esterno in maniera così naturale, o ancora quell'effetto lucido che il sudore faceva a contatto con i raggi del sole... Lory iniziò a sentire ancora più caldo, e senza tanto pensarci iniziò rapidamente a sbottonarsi la camicia, una vecchia blusa di almeno un paio di taglie più grande che aveva scelto per quella mattinata di pulizie. Senza distogliere lo sguardo dall'amica, la fece cadere a terra e poi portò la mano sul petto, iniziando a stuzzicare un capezzolo da sopra la stoffa del reggiseno. In lei si ripresentarono le stesse sensazioni che poche ore prima l'avevano portata a un focoso rapporto sessuale col marito, mentre il giradischi continuava a suonare.
"They carry news that must get through / To build a dream for me and you / They choose the path where no-one goes...".

Nella sua mente, Marta era di nuovo sotto la doccia col suo uomo, intenta a baciarlo con passione. Con la mano stringeva quel pisello così duro, indubbiamente pronto all'azione. In un attimo se lo immaginò dentro di lei, a pompare con forza.
Quasi senza rendersene conto, la sua controparte "reale" - quella ancora sdraiata sul balcone - iniziò ad accarezzarsi un fianco. Fu questione di istanti, la mano non resistette e si intrufolò in mezzo alle gambe, per quello che partì come un massaggio innocente, ed estremamente rilassante.
Nell'immagine sotto la doccia, Marta si stava facendo baciare le tette dal fidanzato. Ma guardando giù, si rese conto che quel grande seno che Riccardo leccava così avidamente non era più il suo. Ora si trovava nei panni di un'altra donna. E non ci mise molto a capire che si trattava della sua vicina Loredana. Nuda, sotto la doccia col suo fidanzato.
Marta riaprì per un secondo gli occhi, sorpresa lei stessa dall'immagine che la sua mente le aveva proposto. Perché proprio Lory? Forse perché era stata lei a suggerirle quell'idea del sesso sotto la doccia? Si convinse che doveva essere proprio quello il motivo, e richiudendo gli occhi inarcò leggermente la schiena e intensificò il massaggio delle dita sul pube.
Nel ritornare dentro a quella sorta di sogno cosciente, Marta si ritrovò di nuovo ad assistere in terza persona alla scena, che ora vedeva la sua vicina abbracciata al suo fidanzato. Bastarono pochi istanti, tuttavia, perché anche lei fosse di nuovo sotto la doccia, stavolta dietro a quel corpo di Loredana che fino a pochi istanti prima le apparteneva.
Le si avvicinò e la abbracciò da dietro, mentre Riccardo faceva lo stesso da davanti. Stringendola in mezzo ai loro corpi nudi, i due fidanzati si protesero in avanti per baciarsi. Mentre l'acqua le cadeva sul viso, Marta assaporò quelle labbra morbide, dal sapore di ciliegia. E un secondo dopo, le parve del tutto naturale riscoprirsi avvinghiata a Lory, sentire le tette dell'amica premute forte contro le sue... Riccardo non era più nella doccia, anzi era come se non ci fosse mai stato.
Intanto, sul balcone, il movimento rotatorio dell'indice e del medio sul clitoride stava acquistando sempre più velocità.
"They hold no quarter, they ask no quarter / The pain, the pain without quarter / They ask no quarter / The dogs of doom are howling more".

Lory aveva deciso di togliere anche il reggiseno nel momento in cui aveva visto Marta accarezzarsi. Si era accorta quasi subito di quella che sembrava a tutti gli effetti una masturbazione, e per una non del tutto razionale associazione di idee, pensò che si sarebbe sentita meno in colpa a spiarla, se anche lei fosse stata - almeno in parte - nuda. Certo, Marta non la stava guardando, e anche se ci avesse provato non ci sarebbe riuscita. Ma a Lory questo non importava, starsene con i seni al vento la aiutava a percepirla come una situazione più paritaria.
Proprio mentre la mano stava andando a intrufolarsi tra le mutandine, a richiamarla all'ordine fu il brusco suono del suo cellulare, che la fece sobbalzare. Perfino Marta doveva averlo sentito con il lucernario aperto, perché per un attimo alzò leggermente la testa dall'asciugamano.
Lory corse ad afferrarlo e rispose quasi sottovoce, facendo finalmente terminare quel trillo insistente. Era suo marito, la avvisava che con tutta probabilità quella sera avrebbe fatto tardi. Lei gli rispose di non preoccuparsi, e pur senza apparire scontrosa cercò di chiudere la telefonata nel più breve tempo possibile. Quando però tornò al lucernario, sul balcone della sua amica vide solo l'asciugamano.
Lory si mise a ridere, stupendosi e imbarazzandosi per la reazione che aveva avuto nel vedere Marta in quelle condizioni. L'involontario spettacolo era durato sì e no sette minuti, giusto il tempo di quella canzone che sul giradischi suonava ormai le sue ultime note.
"They hold no quarter, they ask no quarter / The pain, the pain without quarter / They ask no quarter / The dogs of doom are howling more"...

---

Nel prossimo episodio:
[...] «Ti dico che facciamo: ci diamo le spalle e ci cambiamo insieme, io prometto di non guardare. E poi sgattaioliamo via in un secondo!» [...]

Questo racconto di è stato letto 1 6 1 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


segretaria eroticaracconti porbomarito cornuto e contentoracco ti eroticiraccontierotici.itracconti di vecchie troieracconti erotici adultiracconti erotocofemmine zoccoleracconti erotici cuginettamoglie esibita in pubblicoracconti culoracconti eroticiiracconti di porcheraccpnti pornostorie di travdoppia penetrazione raccontiracc erotracconti erotici cavalloracconti picantiracconti nonno gaystorie fetish piediravconti pornoracc er 69rocconti eroticiracconti erotici analracconti tradimenti moglieroyici raccontiscambio di coppie 69raccontisessoi racconti eroticiraccontieroracconti erotici con caniraccontisessualiconfessioni di un cuckoldracconti erotici cuckoldracconti piedi femminilistoriw pornoracconto primo analeuna zia porcaracconti pororacconto erotici gayginecologo raccontiracconti toplessracconti picantiincesti materniracconti erotici la mia prima voltaracconti erotici.itracconti softraccont 69porno seghe al cinemasverginato da transannunci69 incestostorie nudisteracconti erotici garacconti erotici.racconti pulpstorie eroticracconti porno i generiracconti sroticistorie di sesso al cinemaracconti incesti realistorie porniracconti gay la prima voltaracconti schiavo gayzia raccontoracconti erotici travestitivideo storie eroticheraacconti eroticila porca di mia zianonno porco pornoracconti cuginescopata raccontiracconti erotici.storie di tramplingracconti di mistressracconti porno di incestiracconti poracconti esibizionistestorie fetishlink eroticieacconti eroticistorie porno amatorialiracconta eroticiracconti erotici adultistrorie pornocconti porno