Donatella cap.10 - Mamma e figlia in appartamento

Scritto da , il 2019-07-01, genere incesti

“Vaffanculo! Vaffanculo! Vaffanculo!”, mi disse Gabriella al telefono.
“Che hai?”, le chiesi allontanandomi dalla riunione di lavoro alla quale stavo assistendo.
“È colpa di mia madre, la tua amante!”.
“Che ha fatto?”.
“Cosa non ha fatto, vorrai dire”.
A quella uscita mi cominciai a preoccupare. Immaginai alcune scene incestuose tra le due e, per evitare di eccitarmi, dovetti smettere di pensarci.
“Raccontami, dai”.
“Lo so che domani vi vedete”.
“Sì, è vero. Domani ci vediamo. E allora?”.
“Le ho chiesto di venire con voi e me l’ha vietato”.
Non potei non pensare che saremmo precipitati in un casino colossale e che io avrei perso tutto. E questo grazie alle voglie irrefrenabili di una ventenne, bella e desiderosa di godimento.
“Beh, dai, è comprensibile”.
“Comprensibile un cazzo. Hai presente quanto ci siamo divertiti alla nostra prima volta tutti insieme?”.
Era vero. Ce la eravamo spassata tutti e tre. Donatella aveva avuto qualche remora, poi però si era lasciata andare, languidamente, alla ricerca del proprio piacere e di quello della figlia. Era stata una giornata incredibile. Non ne avevamo più parlato e la volta successiva in cui io e Donatella ci eravamo trovati, avevamo taciuto sull’argomento. Io non avevo aperto la questione e lei nemmeno. Era stato un incontro leggermente freddo, completamente diverso da quelli a cui eravamo abituati, ma non gli avevo dato particolare peso. Ovviamente le parole non dette pesavano molto più di quelle che avremmo dovuto dire sull’argomento. Scoparsi il proprio amante che nel frattempo si scopa anche la propria figlia e fare sesso lesbico con la propria figlia erano certamente situazioni a cui Donatella non era preparata. Ma forse nemmeno io. Andavano metabolizzate le situazioni e superate.
Non le risposi e fu lei quindi a riprendere la parola.
“Dove andrete? So che non starete a casa”.
“Ho un amico che ha una casa poco fuori città che è sfitta e me la presta nel pomeriggio. L’accesso è attraverso un garage, quindi non c’è rischio di essere scoperti. Passerò a prenderla alle 14 vicino a casa”.
“Vicino a casa, dove precisamente?”, mi chiese Gabriella.
“Al parco”.
“Bene. Presentati da via Villa e farò in modo di venire con voi. Non mi lascerò scappare questa occasione!”. E poi riattaccò.
Pensai di avvisare Donatella ma avrei ottenuto un duplice effetto negativo: l’incazzatura di Gabriella ed il probabile annullamento del nostro incontro del giorno successivo. Avrei potuto cambiare luogo del ritrovo e fregarla ma dentro di me preferivo trovarmi in una situazione a tre per quel pomeriggio.
Capii il giorno successivo perché mi avesse consigliato di arrivare per via Villa. Era la più nascosta ed era quella che le consentiva di vederci, una volta che Donatella sarebbe salita in auto.
Restai con il motore acceso ad attendere. Erano le 14 e Donatella si presentò puntuale. Era una giornata calda ed indossava un vestito giallo, lungo fino al ginocchio, con delle ballerine floreali. Aprì la portiera, salì, gettò la borsa sul sedile posteriore e mi baciò. Non ci vide nessuno.
“Parti, dai”, mi disse. Sorrideva. Sapeva che quel pomeriggio ce la saremmo spassata.
Misi la prima e mi mossi ma dieci metri dopo dovetti inchiodare di colpo perché Gabriella si fermò in mezzo alla strada parandosi davanti alla nostra macchina.
“Oh cazzo!”, esclamammo all’unisono. Donatella si portò una mano sul volto e si nascose gli occhi. In una frazione di secondo Gabriella aprì la porta posteriore e si lanciò sul sedile dietro, richiudendo lo sportello in fretta.
“Metti in moto, dai, andiamo!”.
Non feci nulla, mi voltai verso Donatella che aveva ancora il viso coperto dalla mano e non aveva ancora detto nulla.
“Muoviti, dai!”, insistette Gabriella “non vorrai che ci veda qualcuno del quartiere!”.
Allora lo feci.
Donatella non disse nulla e mi allontanai dal parco con le mie amanti sull’auto.
“Volevi escludermi mamma, eh?!?!?”.
“Vattene Gabri, ti prego. Non rovinare tutto”, disse a quel punto Donatella.
“E cosa dovrei rovinare? La vostra allegra storia di sesso? Io non la voglio rovinare, anzi! Voglio che sia florida e felice e voglio ogni tanto partecipare. Tutto qui! Non sempre eh?!?!? Ci siamo divertiti un sacco l’altra volta, non trovate?”.
Deglutii senza riuscire a proferire parola.
Nessuno aggiunse nulla e restammo in silenzio per almeno dieci minuti. La casa del mio amico distava circa trenta minuti di auto.
Quando poggiai la mia mano sul ginocchio sinistro di Donatella, accarezzandolo, lei non fece nulla. Continuò a guardare fuori dal finestrino, immobile.
“Vi desiderate molto, vero?”, chiese da dietro Gabriella.
“Sì”, risposi io per entrambi. Donatella tacque.
“Non ti preoccupare mamma, non dirò nulla a papà”.
“Vorrei ben sperare”, rispose sua madre.
“Sarebbe difficile spiegargli tutto quanto, vero?”, chiese sarcastica.
“Abbastanza”, risposi io.
“Non lo farò, questo lo sapete anche voi. Ma mi piace molto l’attrazione che voi due provate l’uno per l’altra”. Quello era chiaro, ma l’arma del ricatto era forte, soprattutto per sua madre.
Poi Gabriella proseguì:”Sono certa che se io non ci fossi, quella tua mano starebbe già salendo lungo l’interno coscia di mamma, vero? Hai un collant o le calze?”.
“Le calze”, rispose Donatella.
Effettivamente era vero. Le stavo carezzando il ginocchio e lei sapeva che non sapevo resistere alle sue gambe ed in generale alle calze che indossavano le donne.
“Fate come se io non ci fossi, vi prego, siete troppo eccitanti!”, disse Gabriella poggiandosi al sedile posteriore. Da quel momento in avanti, per almeno un’ora e mezza, la situazione, il gioco a cui ci chiese di partecipare Gabriella fu quello. Fare ciò che volevamo, come se lei non ci fosse. Volle essere spettatrice passiva, ma in certi momenti anche attiva, di un nostro pomeriggio di sesso.
La mia mano risalì quindi lentamente il lungo interno coscia di Donatella che non oppose resistenza alcuna. Il vestito si sollevò lievemente ed in breve raggiunsi l’elastico delle calze e quel breve tratto di carne scoperto che separava l’elastico dallo slip. Aveva la pelle molto liscia. Lei aprì leggermente le cosce e le mie dita si infilarono lateralmente dentro al suo slip. Continuò a non dire nulla ed a guardare fuori dal finestrino, immobile.
“Come sei calda”, le dissi cercando di essere in qualche modo reale e spensierato, senza pensare che dietro allo schienale della mia auto c’era sua figlia. Questa cosa aveva un effetto duplice su di me. Mi turbava ma mi eccitava allo stesso tempo. Temevo la reazione di Donatella che era la mia amante, cosa che continuavo a volere che fosse anche in futuro, ma allo stesso tempo volevo la presenza di Gabriella e volevo che partecipasse ai nostri giochi erotici. Era una situazione al limite dell’incredibile ma potenzialmente esplosiva.
Le accarezzai leggermente il sesso ed iniziai a sentirla sospirare. Scostai leggermente le labbra, aprendole con grazia e puntai le dita sul suo clitoride, stringendolo leggermente. Era umida ed immaginai il sapore che avrebbe avuto una volta che ci avrei passato la lingua sopra.
A quel punto Donatella smise di guardare fuori dal finestrino e poggiò invece la nuca al poggiatesta, socchiudendo gli occhi. Vidi la sua mano sinistra che si alzò e si appoggiò direttamente sul mio cazzo, senza esitazioni.
“Sei eccitato”, mi disse senza troppo entusiasmo, quasi recitando una parte che non desiderava interpretare ma a cui era costretta. Dal sedile posteriore Gabriella sorrideva osservandomi nello specchietto retrovisore e facendomi cenni positivi con il capo.
“Bravi ragazzi, lasciatevi andare. Fate come se io non ci fossi e divertitevi. Vedrete che alla fine sarete soddisfatti!”. E malgrado i pensieri e le preoccupazioni iniziali di Donatella, fu proprio così che andò. Sono certo che anche lei stessa ne tornò soddisfatta, anche se non parlammo per settimane di come fosse andata quel pomeriggio a tre.
In pochi attimi il mio cazzo divenne durissimo. Io non potevo smettere di guidare ma il cambio automatico non mi impediva certo di continuare ad accarezzare il sesso di Donatella con la mano destra. Il vestito le si era completamente sollevato ed a quel punto io avevo infilato direttamente la mano dentro al suo slip dall’alto.
“Cazzo ragazzi, ma quanto mi eccitate?!?!?!”, ci disse Gabriella dal retro.
Nessuno di noi rispose ma Donatella si mostrò particolarmente accesa e la sua eccitazione si incrementò quando la figlia, dal sedile posteriore si avvicinò a quello anteriore e allungando una mano le strinse la tetta sinistra.
“Sei davvero una porca, mamma….”, le disse la figlia all’orecchio. Donatella allargò ancora le cosce, incitandomi ad incrementare il ritmo. Il mio dito medio ormai era stabilmente all’interno della sua fica e si muoveva avanti ed indietro ma anche in modo circolare. La sua passera era morbida, umida, bagnata. La conoscevo bene, sapevo che sarebbe venuta di lì a poco.
“Dai, godi sul sedile dell’auto mentre guido!”, le dissi.
“Mmmhhh… quasi… quasi…”, mugugnò.
Bastarono pochi attimi, poi l’orgasmo giunse. Potente e intenso. Gabriella mi strinse la mano tra le cosce e si inarcò senza smettere di ansimare per almeno un minuto mentre Gabriella la osservava continuando a stringerle la tetta nella mano sinistra. Mi voltai verso di lei e la vidi sorridere. Era davvero contenta. Sapeva che sarebbe stata una bella giornata ed a conferma di ciò mi fece l’occhiolino. Quando sua madre tolse la mano dal mio cazzo, lei spostò la sua dalla tetta della madre alla mia patta, facendomi sobbalzare sul sedile.
“E se ti masturbassi mentre guidi?”, mi chiese.
Le tolsi la mano e le dissi di non importunare il conducente.
“Voglio che sia un pomeriggio divertente per tutti e tre e non ho alcuna intenzione di schiantarmi prima di arrivare”, conclusi.
Allora Gabriella si rimise comoda, sul sedile posteriore. Da quando Donatella si ricompose a quando arrivammo alla destinazione, non parlammo molto. Restammo su argomenti generici, quasi fossimo un normale gruppo di amici in vacanza. Loro due affrontarono anche un paio di discorsi familiari, come se tutto ciò che stava realmente accadendo non fosse reale.
La casa di Giovanni era bella. Si entrava da un garage dal quale si accedeva poi direttamente all’appartamento, senza essere visti da nessuno. La utilizzava anche lui come alcova con le sue innumerevoli amanti. Era arredata in modo piuttosto minimale, senza troppi fronzoli. Piacque a tutti e tre. Mentre io estrassi un paio di bottiglie di vino da una borsa che mi ero portato, le donne parlarono anche di una probabile sistemazione del loro appartamento. Erano in sintonia, non c’era dubbio e nonostante Donatella mostrasse ancora una certa chiusura di fronte a quella situazione alquanto anomala, la vedevo progressivamente lasciarsi andare.
Versai il vino in tre bicchieri e ci sistemammo sugli sgabelli posti su una penisola. Proposi un brindisi a noi tre ed unimmo i tre bicchieri facendoli tintinnare. Donatella si complimentò per la scelta. Disse di non sapere di questa mia passione enologica. Notai solo in quel momento il look di Gabriella che indossava un semplicissimo vestito in maglia nera con delle calze color carne e degli stivaletti neri, con il tacco medio. Aveva lasciato, come spesso faceva, i lunghi capelli biondi sciolti. Era molto bella, ma decisi di non dirglielo evitando così eventuali crisi di gelosia da parte della madre.
“Voi fate ciò che volete, come se io non ci fossi. Nel frattempo io mi faccio un giro per questa bella casa”, disse la ragazza. Poi posò il bicchiere e si allontanò da noi.
Mi avvicinai a Donatella mentre lei mi chiese:”E adesso che facciamo?”.
“Continuiamo quello che abbiamo iniziato a fare in auto, mi pare evidente”.
“Non so se me la sento”, mi rispose lei.
“In auto però te la sentivi…”.
“Che ragionamento!”.
“Lasciati andare dai. Ci divertiremo”.
“Guarda che quella di là, quella che in auto mi palpava una tetta e mi scrutava dal sedile posteriore mentre il mio amante mi procurava un orgasmo, è mia figlia. Non la tua. E non ti nascondo che quando la vedo interagire con te, la cosa mi faccia anche un po’ ingelosire. Mi sembra quanto meno una situazione strana, cerca di capire!!!”, mi disse.
“Capisco, figurati. Non è facile nemmeno per me”, le dissi apprezzando quel pizzico di gelosia e mentendo per una parte del mio discorso “Dobbiamo cercare di cogliere il meglio da questa situazione, senza rovinare nulla di tutto ciò che abbiamo costruito insieme in tutto questo tempo. Noi due siamo la cosa più importante e la situazione deve restare tale. Io non ti voglio perdere per tua figlia”.
Fu quella frase la chiave di volta che risolse quel pomeriggio ed il periodo successivo.
Poggiai la mano sulla sua e le nostre dita si intrecciarono. Sollevammo i bicchieri e ci lanciammo in un ulteriore brindisi a noi due, poi ci alzammo e ci trasferimmo a sedere sul grande divano in pelle nera del salotto.
Gabriella non c’era. Sembrava sparita.
Cominciammo a baciarci e scoprimmo subito il reciproco desiderio. Donatella era una amante focosa, perfetta per me. Non avrei voluto nient’altro dalla vita. Le accarezzai le gambe. Amavo quegli arti lunghissimi, magri ma sensuali allo stesso tempo, nonostante le scarpe basse che indossava. Lei cominciò a slacciarmi la camicia ed i pantaloni ed in pochi attimi io rimasi solo con i boxer ed una già evidente erezione in vista.
“Voglio leccarti tutta”, le dissi partendo a baciarla dal collo.
“Fallo”, mi rispose. Allora le slacciai la cerniera posteriore del vestito che lentamente si sfilò restando solo con l'intimo color nude. Si sfilò anche reggiseno e slip ed io mi avventai su di lei. Partii dal collo e scesi lungo il suo corpo passando per ascelle, capezzoli, fianchi, cosce, ginocchia e giù giù fino ai piedi.
“Ti manca solo un posto del mio corpo da baciare”, mi disse Donatella ad un certo punto aprendo le cosce e mostrandomi la passera pronta ad accogliere la mia bocca. La feci sistemare sul divano e mi inginocchiai davanti a lei dopo essermi tolto a mia volta i boxer. Scoprii che aveva come sempre un buon profumo ed un buon sapore. La leccai un po' e poi ci sistemammo sul divano in modo che l'uno potesse leccare l'altra. Io ero di schiena sul divano e lei sopra di me.
Fu a quel punto che, da non so dove, tornò Gabriella.
“Che belli che siete!”, disse ad alta voce avvicinandosi al divano, quasi spaventandoci. Nessuno di noi però smise nella propria azione ma io allungai lo sguardo e vidi che nel frattempo lei si era sfilata il vestito ed era rimasta con il solito collant color carne aperto davanti, senza intimo, né sotto né sopra. Vederla avvicinarsi in quello stato, con i capelli sciolti e le piccole tette appuntite, non fece altro che aumentare la mia eccitazione. Si sedette su una poltrona vicina e cominciò ad accarezzarsi il sesso, osservandoci nell'azione. Era bella. Molto più bella di Donatella (cosa ovvia vista l'età) ma meno eccitante della madre. Indossava ancora gli stivaletti e neri e si coccolava il sesso in modo estremamente eccitante.
Non si intromise nemmeno quando dissi a Donatella che la volevo e smettemmo di leccarci i rispettivi sessi.
“Sali a cavalcioni sopra di me, ti prego”.
Lo fece ed entrai nel suo sesso burroso seguendo il ritmo con il quale lei volle darmi accesso al suo corpo. Le portai le mani sui fianchi e ci lanciammo in una cavalcata che in pochi minuti portò Donatella al suo secondo orgasmo della giornata. Da quel momento in avanti non contai più i suoi momenti di piacere.
Fu quando la feci inginocchiare per prenderla da dietro che Gabriella, giunta anch'essa ad un primo orgasmo autoprocuratosi, si alzò dalla poltrona e si unì a noi. Si avvicinò alla madre mentre questa era carponi sul divano e mentre io mi posizionai dietro di lei, pronto a prenderla, Gabriella le si posizionò davanti aprendo le gambe e invitando la madre a leccarla.
“Vuoi procurare un po' di piacere anche a me mamma?”, le chiese.
Quella era una delle situazioni che sognavo anche di notte. Ad ogni colpo che infierivo a Donatella la sua bocca cozzava contro la fica della figlia che per l'occasione, ma non ne sono sicuro, era stata completamente depilata. Donatella non solo affondava la lingua tra le pieghe rosee del sesso di Gabriella, ma si aiutava anche con le dita. Quando si leccò l'indice e lo infilò nell'orefizio della figlia, questa le disse:”Siii... Preparami il culo”. Sollevo le gambe tenendosi le caviglie e lasciò cadere all'indietro al testa, in preda al piacere.
Pochi attimi dopo le due donne raggiunsero in contemporanea i rispettivi orgasmi. Vederle godere insieme fu uno spasso. Donatella sprofondò con il volto contro alla fica della figlia che le strinse la testa fra le cosce, mentre il suo dito indice continuava a penetrarle il sederino. Quando il piacere fu leggermente scemato, diedi una occhiata a Gabriella e le feci capire di avvicinarsi.
“Vuoi il mio culetto, vero Franco?”.
“Sì, certo Gabriella”.
Poi si rivolse alla madre e le disse:”Devi migliorare da questo punto di vista”.
“Non è obbligatorio. Non l'ha prescritto il medico”, rispose Donatella scansandosi per consentire alla figlia di avvicinarsi a me.
“No, è vero, non è una regola. Ma agli uomini piace”, disse Gabriella lasciandoci entrambi di stucco. Entrambi immaginammo Gabriella nell’atto della penetrazione anale con più di un uomo. Se a me la cosa eccitò, per sua madre la cosa ebbe un effetto diverso, come mi confermò poi nei nostri incontri successivi quando si dichiarò decisamente stupita della cosa. Poi si mise carponi al posto della madre ed io mi sistemai dietro di lei puntando il mio cazzo contro al suo orifizio. Le sputai anche sul buchino al fine di lubrificare leggermente l'ingresso.
“Fai piano, però. Non sono una pornostar”.
In effetti era stretta e faticai leggermente ad entrare. In un paio di occasioni si lamentò e si chinò fortemente in avanti per agevolarmi. Donatella collaborò all'azione tenendole dapprima divaricate le chiappe ed una volta che fui mezzo dentro, accarezzandole la fica da sotto.
“Siete fantastici”, ci disse “Mi fate godere un sacco, ma vai piano”. Era stretta ma la penetrazione anale le piaceva. Mi mossi lentamente e riuscii a resistere per non più di sette, otto minuti di spinte, poi sentii anche il mio piacere sopraggiungere e allora chiesi a Donatella di avvicinarsi, facendole capire che era il mio momento. Uscii dal culo della ragazza che emise un leggero peto per il quale sorrise e sua madre mi prese il cazzo in mano, guidandomi l’eiaculazione sulla schiena della figlia.
Crollai all’indietro e me ne restai sdraiato mentre Donatella prese dalla borsa un fazzoletto di carta per ripulire il mio sperma dalla schiena della ragazza.
“Comunque siamo forti, eh?!?!”, disse Gabriella mettendosi a sedere sul divano, una gamba sistemata sotto al sedere e poi aggiunse:”Pensate se ci vedesse papà…”.
Mi spiegò poi sua madre che Gabriella non aveva mai avuto un grande rapporto con il padre. Non che lo detestasse. Semplicemente non avevano niente in comune.
“Preferirei che questa cosa non accada”, dissi io.
“Mi associo”, rispose Donatella sorridendo mentre si sedette a sua volta sul divano.
A guardarci così sembravamo tre amici, invece eravamo un trio piuttosto strano. Tutti nudi, madidi si sudore ed odoranti di sesso. Parlammo un po’, poi ci interruppe Gabriella che ci disse:”Sapete che ho fatto quando sono stata di là quando siamo arrivati?”.
Noi ci guardammo incuriositi.
“Cosa hai fatto?”, le chiese sua madre.
“Mi sono bevuta una bottiglia da un litro di acqua”.
“Oh Gesù”, disse sua madre, capendo dove volesse andare a parare.
“Andiamo in bagno, dai. Adesso mi scappa proprio”.
Poi si alzò e si diresse verso il bagno. Donatella mi guardò ormai rassegnata, mi prese per mano e mi condusse al bagno.
Quando entrammo trovammo Gabriella già seduta sulla tazza, le cosce aperte ed una mano sulla figa, intenta ad accarezzarsela.
“Pensavo non arrivaste più. Ma tu Franco non te lo vuoi perdere lo spettacolo, eh?!?!?!?”.
Io ero nudo. Mi appoggiai al lavandino con il cazzo molle e penzolante. Donatella, che era rimasta nuda, si sistemò al mio fianco ed io le cinsi le spalle con un braccio.
“Sto cercando di trattenerla, ma non ce la faccio più. Dai Franco, vieni a toccarmi mentre piscio, dai”.
Allora mi avvicinai al water ed infilai la mano sotto alla sua passera, accarezzandola leggermente e sentii le prime gocce di urina, calda e odorosa, che uscirono dal suo corpo. Nel frattempo anche Donatella si era avvicinata e Gabriella aveva infilato a sua volta la mano tra le cosce della madre, cominciando a sfregarle il palmo contro al sesso.
“Così mi ecciti, lo sai?!?!?”, le chiese sua madre.
“Ti stai bagnando”, le disse la figlia.
Continuai ad accarezzarle la fichetta mentre sembrava che non avrebbe più smesso di urinare ed iniziai a rieccitarmi nuovamente. Guardai la mia amante principale e la vidi aprire leggermente le cosce per permettere alla figlia di infilare il suo dito medio dentro di lei. Quella scena contribuì a rendere stabile la mia erezione e quando il getto di Gabriella si fu esaurito, mi alzai in piedi e le misi il mio membro davanti al volto. Lei, restando seduta sulla tazza, non fece altro che guidarselo in bocca con la mano destra, accarezzandomi poi i testicoli con la stessa mano, una volta che lo ebbe ingoiato tutto.
“Oh Cristo…”, dissi mugugnando di piacere “Che coppia che siete!!!”.
“Tale madre, tale figlia”, rispose Donatella sollevando leggermente la gamba sinistra e appoggiando il piede sulla cassetta del wc per permettere alla figlia di masturbarla meglio. Il dito della figlia entrava ed usciva dalla madre ad una velocità estrema ed io capii subito che di lì a poco ella sarebbe venuta. Ormai si era rotto il ghiaccio e le due si sarebbero lasciate andare a qualsiasi porcheria, cosa che accadde poco dopo.
Quando infatti, dopo l’orgasmo di Donatella ci trasferimmo in camera, io mi sdraiai sul letto e Gabriella venne a sedersi su di me. Sua madre rimase leggermente spiazzata dalla cosa. La figlia però le disse:”Dai mamma, sei appena venuta. Siediti sulla faccia di Franco che saprà come fare a farti godere una seconda volta”. E allora lei si venne ad accovacciare sulla mia faccia. Io le tenni aperte le labbra con le mani e, tenendole di fatto il naso contro all’orifizio, iniziai a darle delle gran leccate alla fica.
Aveva ancora il sapore dell’ultimo orgasmo raggiunto pochi minuti prima in bagno. Nei successivi dieci minuti le due si fecero scopare e leccare, guardandosi l’un l’altra. Non le vedevo ma mi immaginai sorridessero di piacere, complici e porche allo stesso modo.
Si diedero il cambio una prima volta, lasciandomi sempre sotto e quando entrambe giunsero al piacere Gabriella chiese alla madre di mettersi in ginocchio ed a me di prenderla analmente.
“Ti piacerà mamma, vedrai”.
“Non ne sono sicura”, rispose Donatella inginocchiandosi sul letto “L’ultima volta mi ha fatto un male cane”.
“Forse ho un aiuto per te” le disse la figlia, allontanandosi un attimo dalla stanza.
Io e Donatella ci guardammo stupiti e restammo in attesa. Quando tornò qualche attimo dopo, aveva una bottiglia di olio di oliva e ne versò qualche goccia sul buco della madre.
“Adesso vedrai che sarà meglio”, le disse spalmandolo con un dito sia fuori che dentro.
Poi accadde l’esatto opposto di quanto era accaduto alla nostra prima volta. Io cominciai ad entrare, con lentezza e fatica, nel culo della madre mentre Gabriella si mise a sedere, aprendo le cosce, davanti alla faccia di Donatella.
“Leccami, dai e vedrai che non ti farà male”, le disse Gabriella spingendo la fica verso il volto della madre.
Con lentezza, ma aiutato dal lubrificante che aveva utilizzato Gabriella, entrai quasi totalmente nel culo di Donatella. Cominciai a darle delle leggere spinte e ad ogni colpo lei affondava il volto contro al sesso della figlia. Era magra e longilinea, ma aveva i fianchi leggermente larghi e per me era un piacere tenerle le mani sopra. Era la seconda volta che quel giorno ci trovavamo in quella posizione. La prima volta però stavo penetrando Donatella tradizionalmente, adesso invece le stavo profanando il retro.
“Sei davvero brava!”, le disse la figlia.
Donatella mugugnava di piacere e teneva le sue mani sulle esili caviglie della figlia. Mi disse poi che, nonostante avesse provato un leggero dolore, era stata una esperienza piacevole. Io mi sentii risucchiare dal suo orifizio. Era rilassata e le sue pareti erano morbide, non come nella nostra esperienza precedente.
“Dovreste ringraziarmi per tutte queste novità”, ci disse Gabriella spingendo la faccia della madre contro al proprio sesso.
Andammo avanti in questo modo per alcuni minuti, poi Gabriella ci disse:”Sto per godere, sto per godere.....oh Cristo!!! Oh santa Maria.... Leccami mamma! Leccami!!!”.
Io rallentai un attimo le spinte e senza uscire dal suo culo lasciai che Donatella la leccasse a fondo, infilando la lingua tra le sue labbra e dentro al suo sesso. La vidi prenderle tra i denti il clitoride ed aiutarsi con le mani per aumentare il godimento della ragazza. Ripresi solo quando Gabriella esplose nel suo orgasmo e Donatella si allontanò dal sesso della figlia, senza smettere di guardarla mentre si contorceva dal piacere.
“Ti piace allora da dietro?”, le chiesi.
“Sì, sì. Un po' particolare, ma mi piace. Solo non esagerare”.
“Ok”, le dissi continuando nella mia azione. Lei allora si sollevò leggermente mettendosi con la schiena orizzontale, parallela al letto. Io le tenni larghe le chiappe, senza smettere di fare avanti e indietro nel suo corpo.
“A te piace, vero?”, mi chiese.
“Altroché”.
“Mi vuoi anche se dietro non sono esperta?”.
“Ti voglio sempre di più!”, le risposi.
Continuai a spingere, senza esagerare, come mi aveva chiesto. Poco dopo ci raggiunse Gabriella che si affiancò a me ed infilò la sua mano destra tra le cosce della madre.
“Ti farò godere mentre lui ti godrà nel culo”, le disse, poi cominciò a masturbare la madre.
E così andò. Donatella cominciò ad agitarsi, sentendo crescere il proprio piacere per mano della figlia, io allo stesso modo sentii aumentare il mio mentre la mia amante si contorceva. Il suo culo era morbido e l'azione mi era agevolata sia dal suo rilassamento che dal lubrificante. Gabriella le palpeggiava il sesso con una mano e con l’altra le accarezzava la zona dei reni, poco sopra alle chiappe.
“Quanto mi piace scoparti il culo!”, le dissi.
“Con te non ci si annoia mai”, mi rispose lei “Ti piacciono un sacco di cose! Cosa più di tutto?”.
“Scoparti e vederti pisciare sono le cose che mi piacciono di più”, le dissi assestandole un colpo secco.
“Ahia! Non esagerare ti ho detto!”,
“Scusami”.
“Che teneri che siete!”, ci disse Gabriella.
“Ho culo e fica in fiamme. Altro che tenerezze”, rispose lei.
“Sei tutta bagnata, mamma. Ti piace come ti tocco?”.
“Se Franco non esagera, mi piace tutto. Siete fantastici! Continuate, dai…”.
Io incrementai leggermente il ritmo del pompaggio nel suo ano e Gabriella le carezze al suo sesso. Mentre fece questo Gabriella si avvicinò a me e mi baciò in bocca in modo sensuale. Donatella non si accorse di nulla, voltata dalla parte opposta ed intenta ad essere soddisfatta in due buchi diversi contemporaneamente. Quando mi staccai dalla sua bocca, la ragazza mi sorrise e mi strizzò l’occhio.
Aveva ottenuto quello che voleva. Anche quella volta. Non riuscii a resistere ancora molto.
“Ti riempio il culo!”, le dissi.
“Sì! Sì!”, urlò lei ormai vicina al suo ennesimo orgasmo che raggiunse quando entrai completamente dentro di lei, eiaculandole nell’orifizio. Fu incredibile. Il suo corpo si contorse e Gabriella non smise di toccarla freneticamente, finché la madre non la implorò di smettere.
“Basta! Basta o muoio!”, le disse accasciandosi di fatto sul letto e costringendomi ad uscire dal suo corpo nel quale avevo scaricato tutto il mio seme.
Era stato bellissimo.
Anche quel giorno, grazie a Gabriella la nostra storia aveva vissuto un nuovo episodio.
“Amo scopare con voi, lo sapete vero?”, ci chiese Gabriella.
Lo sapevamo, ormai lo avevamo capito.
Ci rilassammo chiedendoci, ognuno per se stesso, dove ci avrebbe portato quella storia. Cosa avrebbe fatto di noi questo triangolo di piacere genuino e spontaneo. Mi chiesi come saremmo andati a finire e come si sarebbero evoluti i rapporti tra le due donne, senza sapermi dare una risposta.

Questo racconto di è stato letto 5 4 7 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone