La nuova schiava - Il primo risveglio

Scritto da , il 2019-06-28, genere dominazione

Si svegliò stordita. I primi istanti di veglia furono confusi. Non capiva dove si trovasse. Non era il suo letto, non era la sua stanza. Nulla, nella penombra intorno a lei le era familiare. Era in un letto molto grande, tondo a quanto ebbe modo di vedere appena i sensi in allarme la tirarono seduta. Aveva freddo. Era nuda. Completamente. Né mutandine, né altro. Completamente nuda in una stanza che non conosceva. Si guardò intorno. La stanza era spoglia, le pareti erano di pietra, grossi mattoni rustici come quelli dei castelli o dei casali di campagna. Una finestra, con le imposte socchiuse, mandava nella stanza una luce molto fioca. Non sembrava la luce del mattino: ebbe l'impressione di scorgere i bagliori morbidi della luce al tramonto.

Appena si fu tirata a sedere sul letto, sentì il rumore della porta che si apriva. Vide un uomo entrare nella stanza. Era vestito con un completo giacca e pantalone nero ed una cravatta nera anch'essa. Elegante pensò Silvia.

- Aiuto - disse Silvia appena l'uomo ebbe scambiato con lei un primo sguardo.

- Aiuto? - disse l'uomo sorridendo - ...ma non mi dire..stai davvero cercando aiuto? Finì con tono sinceramente incredulo. Scoppiò in una risata abbastanza alta di tono da far intuire che fosse genuina. Non si era aspettato quella reazione. Quella ragazzina era talmente ingenua che stava chiedendo aiuto proprio a lui.

- Dove mi trovo? Che sta succedendo?- chiese Silvia. La voce le si riempì del nervosismo che precede le lacrime. L'uomo la guardò ancora sorridendo. Evidentemente aveva preso le sue parole come molto spiritose. Perché?

- Posso rivestirmi? - chiese stavolta - dove sono i miei vestiti...?-

L'uomo la guardò. Il suo sorriso era offensivo verso di lei.

- Qui non avrai bisogno di molti vestiti, Silvia. Qui ci piace vederti sempre nuda, è più pratico..-

Silvia stavolta non resse e si mise a piangere. L'uomo fece un cenno e schioccò le dita. Dalla porta entrarono le due donne che aveva incontrato al negozio di scarpe. A Silvia tornò alla memoria l'incontro nella stradina che costeggiava il muro della ferrovia. Brevi flash le riportarono alla mente che si era sentita spinta contro il sedile della loro auto. Ecco com'era andata. Era stata rapita. Le tornarono alla mente brevi flash dei finestrini della macchina e del cielo che aveva visto. Ricordava di aver dormito.

Le due donne sorrisero e la salutarono con un cenno della mano. Lo sguardo però era colmo di beffa.

- Ho sete - disse Silvia, cercando di smettere di piangere. Non potevano tenerla lì. Doveva tornare a casa sua. Ed anche se non aveva una famiglia vera e propria - suo padre aveva divorziato dalla madre diversi anni prima e l'anno precedente sua madre era morta - il suo ragazzo la stava cercando. Si sarebbe chiesto dove fosse finita. Ebbe l'istinto di cercare il suo telefono cellulare. Ma nella stanza non c'era niente. Ebbe l'istinto di cercare la sua borsa. Ma capì presto che era inutile.

- Oh certo, puoi bere. Guarda su quel tavolo ci sono due bottiglie, una è più fredda, l'altra è a temperatura ambiente. Scegli quella che preferisci -

Silvia ebbe l'istinto di ringraziare per la cortesia ma si rese subito conto che quella non era la situazione per ringraziare. La stavano tenendo prigioniera contro la sua volontà, non importava della cortesia che mostravano dandole da bere. Vide il tavolo di legno contro il muro, che non aveva notato prima. Tutta la stanza era in penombra. Ora che i suoi occhi si erano abituati, riuscì a vedere anche una sedia. Quando vide le telecamere appese al muro, appena sotto il soffitto, ebbe un sussulto.

Si alzò in piedi e camminando scalza sul pavimento si avvicinò alle due bottiglie e prese quella più fredda. Erano anonime bottiglie di vetro blu, evidentemente usate. Tolse il tappo che era solo appoggiato sopra il collo e bevve una lunga sorsata. L'uomo rimaneva fermo sulla porta. Alle sue spalle le due donne la guardavano sorridendo. Era ancora un sorriso beffardo quello che portavano sul viso.

Subito capì che non era acqua. Era un liquido freddo si, ma non acqua. Era molto denso e aveva un sapore a tratti amaro ed a tratti dolciastro. Ma il primo sorso andò giù. Subito rimise la bottiglia a posto. Quando si rese conto che aveva bevuto una sorsata di sperma cominciò a tossire.

- Che c'è? Non è abbastanza freddo? - chiese l'uomo sorridendo.

Silvia fece un passo indietro continuando a tossire. Cerco di sputare quello che aveva appena ingoiato ma non vi riuscì. Per qualche istante credette di potercela fare, ritirare su dal fondo dello stomaco quel liquido schifoso. Poi si rese conto che non era possibile.

- Ora vestiti, dobbiamo andare..- disse l'uomo facendo segno alle donne: quelle si avvicinarono al letto con una scatola di scarpe in mano. Appoggiarono la scatola ai piedi del letto, la aprirono e si allontanarono rimanendo qualche metro indietro.

Silvia abbassò lo sguardo: nella scatola c'era un paio di sandali di colore grigio dal tacco altissimo. Non rispose neanche alla richiesta dell'uomo. Non avrebbe mai messo quelle scarpe.

Non ci sapeva camminare e poi le sue caviglie non potevano rischiare una slogatura. Non capiva bene cosa volesse quell'uomo. Ma se credevano di poterla trattare così si sbagliavano.

- Ridatemi i miei vestiti per favore..- chiese Silvia cercando di mantenere un tono fermo. Non voleva mostrare il suo nervosismo. Non voleva far capire che aveva paura. Ma ne aveva. Dove si trovava? Cosa ci faceva in quella stanza. E come ci era arrivata. I suoi ricordi si fermavano alla doccia del pomeriggio prima.

Ma non era sicura di che ora fosse e non era sicura di aver fatto una doccia, né il pomeriggio prima né mai. Tutto le appariva confuso. Poi il pensiero tornava all'essere nuda.

- Metti quelle scarpe si o no? - chiese l'uomo con un tono molto alto, ma senza urlare. Silvia si spaventò comunque. Ma non cedette. Allora le due donne si avvicinarono al letto. Lei si ritrasse.

- Quelle scarpe non le metto!- disse ancora.

- Ti staranno benissimo..- disse una delle due donne.

Poi le donne la presero di forza e venne sbattuta sul letto. Mentre una la teneva ferma l'altra le infilò ai piedi quei sandali grigi. Sentì le braccia della donna troppo forti sulle sue spalle. Le stava bloccando i polsi. Glleli stava fermando con un laccio. Forse erano manette. Sole si sentì svenire per lo sforzo inutile di ribellarsi. La donna in ginocchio chiuse il cinturino attorno alla caviglia di Silvia stringendolo fino a lasciarle il segno. Sentiva la pianta del piede farle male mentre gliela piegavano. Venne tirata in piedi. Piangeva e le ginocchia si piegavano, le veniva voglia di urlare. Non riusciva a guardarsi, completamente nuda. Non riusciva a concepire di avere i polsi legati dietro la schiena. Ebbe un attacco isterico e cominciò a sussultare. Le donne le si avvicinarono sollevandola per le spalle.

- Stai su dritta puttana..- le disse una - non piagnucolare..

Ma Silvia non riusciva a fermarsi. Puttana. Che volevano da lei?Avevano preso la persona sbagliata. Questo pensiero sembrò calmarla. V ide una delle donne passarle alle spalle. Si sentì prendere per la gola. Sentì dire - Apri la bocca! - mentre due mani gliela aprivano. Le due donne le stavano infilando qualcosa in bocca: tra le lacrime pensò che potesse essere una pallina di gomma, ecco gliela avevano messa. Non riusciva più a parlare. Sentì dietro al collo che le stavano stringendo una fibbia. Gli avevano infilato una pallina in bocca. Pensò di soffocare, emise dei versi simili a colpi di tosse.

L'uomo le si avvicinava lentamente. Silvia si trovò fermò davanti al suo aguzzino e cercò di articolare una frase, ma dalla sua bocca uscì solo un mugolio sfiaccato dalla fatica. Avevano sbagliato persona, voleva dirgli. I suoi occhi erano terrorizzati e guardavano quell'uomo vestito di nero. Stava ancora cercando di capire come si potesse respirare con quella pallina in bocca e a come restare in piedi su quei tacchi terribili

- Vuoi dire qualcosa? - le disse sorridendo, poi rivolto alla donna bionda - Toglietele un attimo la ballgag!

Ballgag. Sentiva quelle parole e le associava lentamente. Dovette aprire la bocca per lasciare che la donna le sfilasse la pallina di gomma dalla bocca.

I muscoli del viso si rilassarono piano, mentre lei riacquistava il controllo della sua mascella.

- Non sono una puttana..- disse con le lacrime agli occhi, in preda ormai ad una visibile crisi isterica - Non potete trattarmi così..

L'uomo rise. Nient'altro che un sorriso.

- Guardati Silvia..forse non sei una puttana, ma chi lo distinguerebbe ora? - disse continuando a sorridere -..in fondo hai addosso solo un paio di costosissimi tacchi da puttana e per camminarci imparerai a sculettare come una puttana...quindi...-

Silvia cominciò a lacrimare. Non aveva il coraggio di guardarsi. I suoi seni così esposti, le gambe dolorosamente ritte per mantenere l'equilibrio su quei sandali osceni e i polsi legati dietro le spalle, con le mani che toccavano il sedere, nudo ed esposto anch'esso.

Ci fu un attimo di silenzio, interrotto dalle parole dell'uomo che continuò

- E se pensi che non possiamo trattarti come vogliamo, che non possiamo fare di te quello che vogliamo...- aggiunse sorridendo - ..beh ti basta guardarti ancora una volta: sei vestita solo di un paio tacchi da puttana che abbiamo scelto per te, sei legata come una puttana pronta ad essere scopata in tutti i modi che una mente perversa può immaginare..- si fermò -..quindi, si, puoi dire che possiamo trattarti così...la realtà è evidente, anche se posso capire la tua fatica ad abituarti alla tua nuova condizione ..ma prima ti abituerai e prima tutto andrà meglio-

Disse quest'ultima frase come se volesse aiutarla a vedere le cose da una nuova prospettiva, ma Silvia continuava a singhiozzare. Le due donne le reinfilarono la pallina nera di gomma in bocca.

- Se può aiutarti, Silvia, voglio anche farti capire che questa prima giornata sarà solo di orientamento e formazione, chiamiamola così. Ma da domani tutto andrà a regime e quindi ti conviene comprendere il più in fretta possibile quello che ci aspettiamo da te-

Poi le diede un fortissimo schiaffo sul sedere. Silvia si sentì tremare le gambe, una fitta dolorosissima la colpì alla base della spina dorsale e si allungò fino alla pianta del piede. Per non cadere fu costretta a seguire il movimento dello schiaffo, piegandosi per fare un piccolo passo in avanti. Senti il tacco a spillo premere contro il tallone come se davvero dentro al tacco ci fosse uno spillone appuntito.

Mentre piangeva, le lacrime le appannavano la vista: non si accorse subito che l'uomo si era avvicinato con una catenella in mano. Sentì solo un dolore lancinante quando le attaccò un morsetto al capezzolo del seno destro. Ebbe la forza di guardare il suo capezzolo stretto tra la piccola dentatura metallica proprio mentre, dopo il primo spasmo di dolore, l'uomo stava attaccando un morsetto identico all'altro capezzolo. I due morsetti erano legati ad un'unica catenella di anelli di acciaio, lunga circa un metro, di cui l'uomo tenne in mano l'altro capo. Lo tirò per controllare la presa dei morsetti. Silvia si sentì tirata in avanti, i capezzoli tirati sembravano volersi lacerare ma i morsetti restarono attaccati alla carne.

L'uomo cominciò a camminare, trainandola per la catenella. Ad ogni strappo Silvia emetteva un mugolio sordo attraverso la pallina di gomma che le occupava la bocca. Passo dopo passo fu costretta a trovare un equilibrio sui tacchi per cercare di assecondare il passo veloce dell'uomo. La catenella era sempre tesa e sempre, ad ogni passo dell'uomo che la stava tirando lungo il corridoio, sentiva una fitta decisa ai capezzoli.

Li guardava, tormentati dai morsetti d'acciaio, tendersi in avanti e poi lentamente ritrarsi per qualche frazione di secondo, prima del successivo strappo. Ebbe più volte la sensazione di svenire ma cercò di controllarsi, impegnata com'era ad imparare velocemente come camminare senza cadere. Sentiva la punta delle dita dei piedi cercare un contatto col pavimento, senza riuscire a trovarlo. Era come camminare sulle uova, uova che non si rompevano. Quei sandali erano altissimi e il plateau, alto almeno 4 centimetri, le impediva di sentire il pavimento.

Dopo un tempo che a Silvia parve interminabile, ma che nella realtà durò pochi secondi, l'uomo si fermò davanti ad una porta chiusa.

-Ok, ci siamo, Silvia - disse allentando la presa alla catenella - questa è la prima stanza che frequenterai, tutti i giorni della settimana per tre sessioni al giorno. E' la stanza del bukkake. Sai cos'è un bukkake, Silvia?

Bukkake. Silvia fece di no con la testa, mentre un rivolo di saliva scendeva lungo i lati della bocca, gocciolandole sul petto nudo.

-Immaginavo che non fosse una pratica nota ad una ragazza per bene come te - disse - ..questo fino a ieri almeno..- finì ridendo. Poi aprì la porta, che si spalancò su una stanza enorme, grande come mezzo campo da basket. Del campo da basket aveva anche due file di lunghe panche, dove sedevano, uno a fianco all'altro ma disordinatamente, una folla di persone, tutti maschi e tutti nudi, col pene in mano che veniva agitato. Si stavano tutti masturbando. Alla vista della ragazza, tutti i presenti alzarono lo sguardo e un mormorio diffuso riempì la stanza.

Silvia istintivamente si ritrasse dalla soglia della porta.

Così, ferma in piedi, vide su un lato della stanza un tavolo di legno chiaro. Fece fatica a mettere a fuoco i dettagli ma, dopo un attimo di stordimento, vide che dal soffitto pendevano sul tavolo delle catene, stavolta di anelli molto grandi. Contò cinque catene appoggiate sul tavolo. Poi capì a cosa serviva. Volevano legarla sopra quel tavolo. Invece non era così. Non per quel giorno, almeno.

Sentì di nuovo i capezzoli strapparsi, mentre l'uomo, dopo uno strattone molto deciso, si avviò dentro la stanza. Dovette seguirlo per non rischiare che il seno le si strappasse dal petto. Camminava sui tacchi a spillo con l'andatura barcollante ed insicura della ragazza che fino al giorno prima aveva portato scarpe col tacco solo in rare occasioni, diciottesimi di compleanno di qualche amico, due matrimoni sempre di amici cui era stata invitata. In tutte queste occasioni l'altezza del tacco non aveva mai superato gli 8 centimetri. Quella mattina, Silvia era sicura, c'erano almeno 14 centimetri di tacco a separarla dal pavimento.

L'uomo la tirò invece verso il centro della stanza. Mentre la tirava, da una carrucola sul soffitto, scesero altre due catene. Quando ebbe la forza di alzare lo sguardo Silvia vide che il soffitto era percorso da carrucole e catene. Arrivata al centro della stanza, le catene erano ormai arrivate al pavimento. Le due donne che avevano seguito Silvia da dietro, cominciarono a slegarle i polsi, ancora legati dietro alla schiena. Una volta liberata, Silvia riuscì a sentire i muscoli delle braccia che si rilassavano. Ma durò il breve spazio di pochi secondi: subito le imprigionarono ancora i polsi dentro a due anelli e poi le tirarono le braccia in alto.

Da qualche parte, qualcuno dovette agire in qualche modo sulle carrucole, perché Silvia sentì subito le braccia essere tirate verso l'alto. Ora era al centro della stanza, con le braccia sollevate ed imprigionate.

- Il Bukkake - riprese l'uomo, usando un tono professorale - è un'antica pratica sessuale giapponese in cui più uomini eiaculano nella bocca di una sola donna, dopo essersi masturbati. In questo caso tu sei la donna, se non lo avessi ancora capito. Il tuo compito in questo esercizio è quello di accogliere lo sperma di questi uomini e di ingoiarlo. Hai capito tutto? Fai un cenno di si con la testa se è tutto chiaro. D'altronde non ci vedo niente di complicato...- finì ridendo in attesa della reazione della ragazza.

Silvia aveva gli occhi pieni di paura e lacrime. Muoveva la testa con l'intenzione - inutile, visto com'era legata ancora alla catenella dell'uomo che le tormentava i capezzoli, e delle braccia ormai immobili sopra la sua testa - di liberarsi.

- No, no - sembravano dire i suoi mugolii.

- Ora devi decidere tu..-continuò l'uomo - se vuoi accettare con calma la situazione e collaborare, oppure costringerci ad infilarti un morso nella bocca per tenerla aperta..allora? collaborerai..? -

Silvia continuò a muovere la testa forsennatamente. No, no, non voleva collaborare. Non avrebbe mai collaborato. Dovevano solo lasciarla andare. Voleva tornare alla sua libertà.

Le due donne le tolsero dalla bocca la pallina di gomma. Era incredibile quanto una semplice pallina di gomma, tenuta insieme da tre cinturini di cuoio che le passavano intorno agli occhi e si incrociavano sotto al mento, chiusi da una fibbia agganciata dietro la testa, potessero ridurla a quello stato di totale impotenza. Strillò con tutta la forza che aveva in corpo.

Un urlo sibilante, già sfatto. Quando riaprì gli occhi vide le due donne che le aprivano la bocca infilandole un grosso anello di legno per tenerla aperta. Ebbe un conato di vomito. Non riusciva a muovere di un millimetro le labbra, tenute oscenamente aperte. Poteva muovere la lingua sopra l'anello di legno, questo le impediva di vomitare: sentiva i contorni dell'anello all'interno della dentatura.

Provò a gridare, ma solo per i primi decimi di secondo la voce sembrò uscirle dalla gola. Poi, si affievoliva fino a scomparire. Riusciva a muovere la lingua, con la quale

Poi un dolore lancinante ed improvviso. Senza nessun preavviso l'uomo aveva dato uno strattone deciso alla catenella e i morsetti si erano strappati via. Da uno dei capezzoli un rivolo di sangue cominciava a scendere da un taglio non profondo. Uno dei morsetti, staccandosi, aveva strappato la pelle proprio di un capezzolo.

Provò istintivamente a massaggiarsi i capezzoli con le mani, ma dovette comprendere presto che le catene a cui erano fissate, avrebbero resistito a qualsiasi suo tentativo. Agitarsi su quelle scarpe aiutava solo a procurarsi più dolore ad ogni spostamento del corpo. Per non soffrire ancora di più doveva stare ferma. Immobile: una volta trovato l'equilibrio sui tacchi, il dolore si quietava e restava solo lo sforzo di reggersi sulle caviglie.

- Ora mettiti tranquilla - disse l'uomo, mentre uno degli uomini seduti sulla panca si avvicinò. Le due donne stavano portando una sedia montata sopra una grossa pedana alta circa 50 centimetri. Erano aiutate da due degli uomini che si erano alzati per dargli una mano. Venne poggiata la pedana davanti alla ragazza che in piedi, si dimenava per liberarsi. L'uomo che l'aveva portata, salì sulla pedana e si sedette. Il suo pene era proprio all'altezza della bocca spalancata di Silvia.

Quando ricominciò a masturbarsi Silvia cominciò ad agitarsi mentre gli uomini che erano seduti sulle panche si alzarono formando cerchi concentrici intorno alla poltrona sulla pedana. L'uomo che si era seduto continuò a masturbarsi finchè, in preda ad un sussulto, si alzò e mise il suo grosso pene duro e gonfio nel cerchio di legno che teneva aperta la bocca di Silvia. Le due donne le tenevano ferma la testa.

All'improvviso un fiotto di sperma caldo le invase la bocca. Silvia cercò di non ingoiarlo, agitando la lingua. L'uomo si avvicinò alla bocca della ragazza per lasciare che fino all'ultima goccia, tutto il suo liquido seminale scivolasse nella bocca aperta. Quando ebbe finito, Silvia era ancora tesa nel tentativo di non deglutire. Lo sperma galleggiava nella sua bocca, gorgogliando. Ebbe un conato di vomito, ma non riuscì a sputarlo fuori. Una delle due donne allora le prese con forza il naso tra le dita, impedendole di respirare dal naso. Subito la gola di Silvia reagì e lasciò che lo sperma vi cadesse dentro. Poi Silvia riuscì a trarre un lungo respiro dalla bocca, riprendendo fiato.

Tossì ancora. Un altro uomo si avvicinò alla poltrona e vi salì pronto a riempire ancora la bocca della fanciulla. Dopo qualche secondo, esattamente come aveva fatto il primo uomo, si avvicinò alla ragazza ed eiaculò violentemente nella bocca aperta. Silvia ancora cercò di non deglutire ma quando sentì che la donna riprendeva a tapparle il naso prese da sola la decisione di ingoiarlo subito.

Non era la prima volta che ingoiava lo sperma di un uomo. Era già successo con due ragazzi con cui era stata fidanzata. Non era mai stata entusiasta di fare sesso orale, anche se col tempo aveva capito che a tutti gli uomini piaceva e che i suoi fidanzati non avevano mai fatto eccezione, in quanto uomini. Così, anche se controvoglia, ormai praticava sesso orale con una certa frequenza. Non sempre, non durante tutti i rapporti, ma con quasi tutti i suoi ultimi fidanzati, ormai si era abituata, nell'eccitazione del sesso, a prenderlo in bocca per succhiarlo qualche minuto. Le sembrava un compromesso giusto, dargli un po' di soddisfazione per facilitargli l'erezione, ma dopo il sesso che voleva fare lei era quello classico. Voleva essere penetrata e scopata per bene: se proprio doveva esserci sesso orale, che fosse per darle poi una gratificazione fisica in cambio.

Ma solo con due ragazzi aveva ingoiato alla fine del rapporto orale.

Il primo, una sera in macchina, le aveva tenuto la testa premuta sul cazzo duro finchè non era venuto direttamente nella gola. Quella volta Silvia aveva sentito lo schizzo di liquido colpirla la gola e poi aveva ingoiato subito, per liberarsi della presa. Poi il ragazzo le aveva chiesto scusa e lei, sentendosi violentata in quell'occasione, lo aveva lasciato qualche giorno dopo. Aveva appena 16 anni in quell'occasione ed era una delle prime volta che erano usciti con la macchina. Dopo quella volta aveva rivisto quel ragazzo solo in pochissime occasioni e si era sempre vergognata, guardandolo, a ricordare l'accaduto.

Col secondo ragazzo era successo più volte: all'inizio Silvia aveva acconsentito perché lui glielo aveva chiesto con molta dolcezza, non era mai stato violento mentre eiaculava e soprattutto non aveva la pessima abitudine di tenerla per i capelli quando era il momento. Silvia con lui, dopo averlo tenuto in bocca qualche secondo, spesso sputava il liquido seminale o se lo faceva scivolare fuori dalla bocca pulendosi con un fazzoletto. Poi anche lui aveva cominciato a fare come tutti e al momento di venire, stringeva la testa di Silvia contro il suo cazzo duro e la ragazza, per non soffocare, ingoiava tutto il liquido per far sì che lui la liberasse. Anche con lui aveva chiuso presto la relazione, una volta che aveva capito che avrebbe continuato a pretendere quella pratica che Silvia trovava umiliante.

In quella stanza, con tutte quelle persone, Silvia prese docilmente ad accogliere tutto lo sperma che le veniva depositato nella bocca. La gola le si riempì di un sapore acido e dolciastro al tempo stesso. Ebbe diversi conati di vomito ma in nessun caso sembrò che questo fermasse quegli uomini. Nei primi venti minuti aveva già ingoiato lo sperma di circa quindici persone. Ne rimanevano ancora almeno il doppio.

A un certo punto una delle persone, forse il quinto o il sesto, aveva deciso di non infilarle il membro all'imbocco della gola e aveva preso a scoparle la bocca come se fosse stata una vagina. Silvia aveva sentito il grosso membro dell'uomo sbatterle contro le pareti della bocca. Temeva di svenire. I colpi dell'uomo, talmente forti e frequenti, le inducevano continui conati di vomito. Il suo cervello aveva cominciato a prendere atto della situazione: la stavano usando come se fosse un enorme bicchiere che si poteva riempire di liquido. Sentiva lo sperma scenderle nello stomaco e bruciarle l'esofago. Ma quando l'uomo che le era davanti fu scosso dall'orgasmo, preferì schizzarle sul viso piuttosto che nella bocca. Solo le ultime gocce le destinò alla gola della ragazza.

Dopo quel trattamento, Silvia cominciò a non poter tenere gli occhi aperti: lo sperma bruciava negli occhi, costringendola a tenerli chiusi. Ebbe uno spasmo più forte, dovuto al nervosismo, e svenne. Si riavette qualche minuto dopo sentendo ancora il naso che le veniva chiuso, stavolta direttamente da uno degli uomini sopra di se, e subito dopo ancora una volta la gola riempirsi di liquido caldo e denso. Non capiva più da quanto tempo stava ingoiando sperma, ma le sembrava che fosse trascorsa un'eternità. Cercò di contare quante persone rimanevano ancora in fila in attesa di svuotare la propria eccitazione nella sua bocca, ma riusciva ad aprire gli occhi solo per una sottile fessura e non riuscì a capire bene.

Subito dopo entrò in uno stato di semi incoscienza in cui riusciva a malapena ad inghiottire tutto il liquido quando la bocca si riempiva. Poi svenne ancora, ed ancora fu svegliata dalla violenza con cui uno degli uomini le stava sfondando la bocca. Temette di non resistere ed invece alla fine, resistette. Quando anche l'ultimo degli uomini si fu svuotato dentro la sua bocca, Silvia si sentì lo stomaco pieno e la sensazione di fame era sparita. L'avevano nutrita di sperma.

Quando le tolsero l'anello di legno che l'aveva costretta a tenere la bocca spalancata, ebbe un conato di vomito più forte degli altri ma non riuscì a rimettere. In cuor suo lo desiderava, che il suo corpo rifiutasse di tenere dentro di se tutto quella schifosa crema biancastra, a volte più densa a volte più liquida. Aveva le palpebre degli occhi appiccicate l'una all'altra, incollate dal liquido seminale degli uomini che si erano alternati per eiacularle nella bocca. Quanti erano stati? Dieci? Venti? Cinquanta? Silvia credette di svenire al solo pensiero che era stata usata così. In realtà, lei non poteva saperlo ma erano state sessantatrè persone ad essersi scaricati dell'eccitazione nella sua bocca. Aveva bevuto poco più di un litro di sperma, ma lei di questo particolare non ebbe mai coscienza. Il tutto era durato poco più di due ore.

Quando tutti i maschi furono sciamati fuori dalla grande stanza, lei rimase appesa per le braccia alle catene che pendevano dal soffitto. Ancora in equilibrio su quei sandali che solo poco tempo prima le erano apparsi come una tortura, adesso ringraziava un dio nascosto da qualche parte che fosse almeno finita la processione di cazzi da cui ingoiare sperma. Se si concentrava sentiva ancora il capezzolo strappato che le lanciava sporadiche fitte di dolore, ma era nulla in confronto alla sensazione di ritrovata pace, ed alla sensazione di infinita libertà che le dava il poter aprire e chiudere la bocca, libera ora dal morso.

Pensò di urlare, ma stava cominciando a comprendere che sarebbe stato inutile. Tutte le persone che potevano sentirla erano ben coscienti che lei era tenuta in quello stato contro la sua volontà, ma non parevano intenzionati a fare niente per liberarla. Piuttosto, l'avrebbero usata, come la stavano già usando. Come un oggetto sessuale.

Quando le due donne da lontano azionarono il meccanismo che le liberò lentamente anche le braccia, a Silvia sembrò di ritrovare sé stessa. Le braccia indolenzite, non più tirate allo spasmo dalla catena, caddero giù lungo i fianchi, inermi, come se non le appartenessero più.

Si trovò in piedi ed ancora una volta dovette combattere con quei sandali col tacco a spillo, per riuscire a rimanere in equilibrio senza cadere. Finchè era stata appesa per i polsi, non rischiava di cadere, ma adesso doveva ricominciare a prestare attenzione a non cadere. Le donne si avvicinarono subito e le ripresero i polsi, infilandoli in morbide manette di stoffa. Glieli strinsero ancora dietro la schiena, mentre Silvia era combattuta tra il divincolarsi dalla presa delle donne e l'attenzione da prestare per rimanere in piedi. Fu questione di pochi secondi e si trovò in piedi su quei sandali grigi ancora una volta. Vedeva i suoi piedi verticali rispetto al pavimento. Sentiva le caviglie fermate dai cinturini. Ma i polsi legati dietro, stretti sul sedere nudo, complicavano ancora di più la continua ricerca di equilibrio. Le veniva da piangere ma cercava di trattenersi. Non voleva darla vinta a quel bastardo. Non ancora. Avrebbe resistito.

- Cammini da sola o devo tirarti? - disse l'uomo rientrando nella stanza dove lei ancora rimaneva in piedi al centro. Si avvicinò e le torse con forza il capezzolo ferito che subito ricominciò a sanguinare. Silvia ebbe una smorfia di dolore, poi disse.

- Io con queste scarpe del cazzo non riesco a camminare..-

Le lacrime trattenute cominciarono a scenderle dagli occhi sempre più spaventati. Si agitava lasciando che il suo piccolo seno ballasse al ritmo dei suoi spasmi.

- Hai ancora tanta voce per una che si è bevuta un litro di sborra calda tesoro..- disse l'uomo tirando fuori dalla tasca la catenella con cui l'aveva trainata in quella stanza. Ma se proprio insisti cambieremo scarpe - finì ridendo mentre le riagganciava i morsetti ai capezzoli.

Silvia strillò fortissimo quando l'uomo riagganciò il morsetto infilando i dentini metallici proprio dove il capezzolo era stato lacerato.

- Per favore nooo- urlò Silvia verso l'uomo - fa troppo male!! -

- E' troppo tardi adesso per ragionare, ..ti avevo chiesto se avevi intenzione di collaborare e tu hai risposto di no - e mentre stava finendo di parlare strattonò Silvia lacerandole ancora di più il capezzolo. Silvia cadde a terra inciampando sui tacchi dei suoi sandali. Cadde in ginocchio ed avrebbe sicuramente sbattuto a terra il viso se l'uomo strattonandola ancora per i capezzoli, non le avesse impedito di cadere, tirandola.

Si rialzò sollevata per i capezzoli che ora le dolevano come se fossero stati trafitti da mille spilli. Riusciva a sentire i singoli dentini dei morsetti che le entravano nella carne. Adesso il sangue le scorreva dal capezzolo lungo il seno e poi scendendo lungo la pancia, la segnava di piccole striature rosse.

Venne trascinata, tra le lacrime, nella stanza dove si era svegliata. L'uomo la tirò fino al letto, lasciandola sedere. Le lacrime scorrevano sullo sperma che le si era seccato sul viso, formando una crema densa che in alcuni punti del viso si andava velocemente seccando. Ancora in lacrime, Silvia sentì un profondo sollievo a non dover più cercare un continuo equilibrio sui tacchi dei sandali. Una volta seduta, l'uomo staccò i morsetti dai capezzoli. Non lo fece in maniera delicata, e il capezzolo ferito, anche liberato, le faceva malissimo; ma sarebbe stato comunque peggio se l'uomo avesse dato uno strattone per liberarla. Uno degli inservienti arrivò con una spugna e le pulì il seno arrossato dal sangue. Silvia ebbe un attimo di sollievo quando la spugna bagnata le massaggiò il seno ferito.

Agitò il viso verso la spugna che l'uomo le teneva vicino al seno e disse - Puliscimi anche il viso stronzo!!-

Ma l'uomo si allontanò, ridendo.

- No quello ti sta bene.., ti dona-

- Si, Silvia, ha ragione: ti sta proprio bene sul viso un po' di sborra secca - intervenne l'uomo, allontanandosi per guardarla meglio.

Quando l'inserviente si fu allontanato, Silvia restò sola nella stanza con l'uomo che si stava occupando di lei.

- Cosa volete da me? Perché mi state tenendo prigioniera qui?- chiese, forse ancora incredula di quello che le stava capitando.

L'uomo sorrise. Poi le guardò i piedi.

- Queste scarpe ti stanno benissimo..-

- Queste scarpe sono troppo alte per me..- disse Silvia - non ci posso camminare, non ci riesco a camminare..-

-Oh..- disse l'uomo fingendo sorpresa - ..troppo alte dici? Hanno solo 14 centimetri di tacco, e con tre centimetri di plateau che dovrebbe aiutarti, non dovrebbe essere così terribile...-

- Che cosa volete da me? Perché mi state facendo questo?- si guardò il seno martoriato dal morsetto agitandolo per mostrarlo come evidenza all'uomo.

- Perché ora fai parte del gruppo delle nostre ragazze, Silvia, e da ora in poi verrai utilizzata per realizzare i nostri spettacoli..- fece una pausa - ..spettacoli molto richiesti e per cui i nostri ospiti pagano moltissimi soldi..-

- Quali spettacoli? Di che state parlando? Io non voglio fare nessuno spettacolo!! Io voglio tornare a casa!! - e poi, in preda ad una crescente isteria, cominciò a urlare - ..BASTA!! Avete capito, BASTA!!! Lasciatemi andare!!-

- Vedo che ancora non capisci ..- l'uomo si alzò in piedi, facendo per allontanarsi. Silvia ebbe l'istinto di inseguirlo ma appena tentò di alzarsi in piedi dovette tornare a combattere con l'equilibrio precario delle scarpe che portava. Si sedette e cercò di togliersele, un piede a cercare di liberare l'altro. L'uomo, arrivato alla porta, si girò verso di lei e con tono ammonitorio le disse perentorio

- Se vuoi puoi anche togliertele, te ne daremo delle altre..-

Poi sorrise, aggiungendo - Ovviamente più alte..-

Uscì, richiudendosi la porta alle spalle. Tre pesanti giri di chiavistello fecero capire a Silvia una verità che non voleva ancora accettare: era prigioniera.

Restò sola nella stanza. Per un attimo fermò i piedi, agitati nel tentativo di slacciare il cinturino. Poi, incurante delle ultime parole pronunciate da quell'uomo, riuscì finalmente a togliersi il sandalo liberando il suo piedino dolorante. Lo stirò a lungo, provando dolore quando provò a riportare la pianta del piede in posizione orizzontale. Il piede era rimasto innaturalmente arcuato ed ora faticava a rilassare i tendini. Dopo qualche secondo di iniziale dolore, Silvia sembrò rilassarsi. Con un piede nudo, riuscì più facilmente a togliere anche il secondo sandalo. Restò sola nella stanza, continuando a massaggiarsi i piedi,l'uno con l'altro, sul letto per diversi minuti.

Poi si mise in piedi, camminando con attenzione, scalza ed ancora completamente nuda, e si avvicinò alla finestra. Si accorse che stava camminando in punta di piedi. Che dopo essere stati costretti sui tacchi per tutto quel tempo, trovavano più naturale arcuarsi. Col viso spostò la tenda di stoffa nera e guardò fuori dalla finestra. Un enorme prato, perfettamente rasato all'inglese, si apriva davanti al suo sguardo, estendendosi a perdita d'occhio. Poi c'era una foresta che saliva su una montagna. Nessuna strada sembrava salire sulla montagna. Il suo primo istinto fu quello di cercare di aprirla e di gridare aiuto. Ma non è facile abituarsi alla condizione di avere i polsi legati dietro la schiena. E poi non era stupida. Da quello che poteva vedere non c'era nessuno nel raggio di chilometri. Era isolata. Prigioniera. Nuda. Si sentì svenire e tornò subito a sedersi sul letto, quasi correndo coi seni che le ballavano nudi davanti. La ferita sul capezzolo era ancora aperta e, col movimento del seno, faceva più male. Dovette fare gli ultimi passi molto lentamente. Si buttò sul letto, stando attenta a non cadere sul seno ferito. Poi cominciò a piangere, si accucciò in posizione fetale, trovando una posizione non troppo dolorosa per le braccia e, in pochi minuti, si addormentò.

Questo racconto di è stato letto 3 3 0 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


raqcconti eroticimilu incestoracconti erotici di cornaracconti erotici montagnaracconto eroticistorie sesso estremogeneri racconti gayracconti ertoticiracconti mogli infedeliracconti incesto sorellaracconti eriticiracconti erotici scatstorie eritichestoria eroticheerotici racconrisesso donna e cavallosempretibetracconti erotici cinesegeniv raccontischiava umiliataraccoti pornoracconti erotici a69storie erotiche da leggerescoparsi la vicina di casaragazza si fa inculare dal caneracconti coppiaracconto di un pompinononni porciracconti erotici inculataracconti erotici zoostorie fetish piediracconti.eroticiblog marito cornutoracconto erotico veroracconti erosracconti erotucicconti eroticiracconti porno cuginaracconti erotici di una mogliestorie eroticapicchiamelo nel culostorie hard gratisracconti porno costrettaleccamelaracconti erotici xxxincesti lesbiciprima esperienza bisexracconti erotici padre figliamamma ti sborro dentroracconti eroiticisverginamento vaginaleracconti porno incintamio marito mi ha rotto il culoraccontieroracconti sesso con la suoceraracconti altamente eroticiracconti porno i generiracconti di sesso con la suocerastorie di donne porcheracconti erotici genereracconti-eroticila monta delle vacche gayracconti erorticiracconti video pornoracconti spiaggia nudistisegarsi in compagniaracconti.pornoseghe tra cuginistorie erorichestorie erotic eeroticiracconti gratisracconti amore gayricattata e inculatalista racconti eroticiracconti eroticvistorie vere di donne che tradisconoprima volta scambio coppiaracconti erotici caniinculata raccontiracconti erotici di sesso analeracconti cornutostorie eroticistorie poenopiccola pompinararacconri pornosuocera maialaracconti zoofiliaracconti sesso amatorialiracconti erotici prima segascopami poi ti spiego facebookracconti hard bisexstorie di sesso italianoracconti sesso con la suocerastorie porno bisexracconto erotico tradimentoracconti porciconfessioni cuckoldstorie erotic eerotici 69storie xxx