L'Apparenza Inganna II Capitolo 2

Scritto da , il 2019-06-26, genere tradimenti

Il mattino dell'offerta era arrivato. Eleonora si preparò accuratamente, sigillandosi in bagno per quasi due ore. Il pensiero di rivedere quel toro d'ebano l'aveva eccitata come un'adolescente alle prese con i primi bollori. Si curò ogni minima parte del corpo: dai capelli alle punta delle dita dei piedi. Si applicò un trucco fascinoso ma non stucchevole o esagerato, e indossò un vestito elegante nero molto attillato, il quale risaltava le sue curve e le dava la forma di una sirena.

"Se solo avessi ancora quel bel vestito corallo..." pensò sconsolata. Ricordò con dolore la fine orribile che fece il suo vestito preferito e quanto pianse quando lo gettò nella spazzatura. Ma dopo essersi rimirata ammise che anche senza quel magnifico indumento faceva un gran bell'effetto. Si passò un rossetto rosso sulle labbra e indossò le lenti a contatto.

"Sono pronta!"

I due fidanzati partirono in macchina verso l'agenzia. Lui la guardò ammirato.

"Sei davvero bellissima stamattina!"

"Grazie, Tesoro! Voglio solo fare bella figura, in fin dei conti è un momento importante, no?"

"Certamente!"

Quando arrivarono in agenzia, trovarono già John Ryder insieme a Mauro. Lui era bellissimo, vestito con un completo elegantissimo blu. La camicia bianca sembrava scoppiare sotto la pressione di quei muscoli così gonfi.

"Buongiorno Eleonora!" disse con la sua voce profonda.

"Buongiorno John!" Rispose lei con la sua solita aria gentile.

John guardò Luca.

"Tu devi essere il fortunato, Luca, giusto?"

Luca gli tese la mano. "Sono io, piacere Signor Ryder!"

"Hai una ragazza splendida, e non solo. E' anche intelligente ed un ottima agente! Farete affari d'oro con questa giovane talentuosa!"

"La ringrazio, Signor Ryder!"

Eleonora sorrise a John, il quale le rispose con un occhiolino d'intesa.

"Allora, sono qui per firmare, no? E allora facciamolo!"

Passarono pochi minuti prima di arrivare alla firma. John non era un uomo da contrattare troppo, la sua ricchezza gli permetteva di spendere quanto desiderasse. Una volta applicata la firma in calce, John si alzò in piedi in tutta la sua statura.

"Signori, ho intenzione di inaugurare la villa con una festa. Inviterò tutti i miei collaboratori e i miei partner d'affari. Mi farebbe molto piacere se voi tre vi uniste a noi. Signor Mauro, ovviamente, porti pure la sua signora."

"Sarebbe fantastico!" disse di getto Eleonora entusiasta.

"Certo, si, fantastico", si aggiunse Luca, il quale non era un amante delle feste.

"Benissimo! Allora settimana prossima vi farò sapere il giorno e l'orario."

Salutò Eleonora con un baciamano e si congedò cordialmente. Quando uscì, Mauro tirò fuori una bottiglia.

"Ragazzi, si festeggia! Le nostre provvigioni sono da capogiro!"

Quando tornarono a casa, Eleonora era su di giri come non le capitava da tempo. Luca guidava silenziosamente, come suo solito, mentre le parlava compulsivamente. Ad un certo punto, gli mise una mano sul pacco.

"Cosa fai?"

"Voglio farlo adesso!"

"Come adesso? Sto guidando!"

"Fermati da qualche parte!" Era un ordine perentorio. Luca non amava farlo fuori dal letto, ma sembrava che lei ci tenesse molto, quindi si decise di accontentarla. Guidò fino un boschetto, il tramonto stava portando le tenebre e quindi non avrebbero avuto intoppi.

"Bravo, Tesoro!"

Gli salì in groppa e gli slacciò la cintura e i pantaloni.

"Stai attenta, potrebbero vederci!"

"E allora? Non ti eccita l'idea di essere visti?"

"No, mi spaventa!"

Eleonora gli tirò fuori il cazzo e se lo guidò dentro alzandosi solamente il vestito sopra l'ombelico.

"Oh si, così mi piace! Avanti, fammi godere amore mio!"

Iniziò a baciarlo con una passione sfrenata. Muoveva le anche come una danzatrice del ventre: avanti e indietro, destra e sinistra, circolare. Luca era estasiato.

"Prendimi per il sedere!"

Le mise le mani sulle natiche e le strinse.

"Sculacciami! Forte!"

Luca eseguì come un automa. Lei reclinò la testa e si godette la scopata.

"Si, succhiami i capezzoli!"

Era eccitata come non le accadeva dai tempi di Roberto. Immaginava quelle grosse mani forti che la stringevano, il petto nero e muscoloso sul suo viso...e chissà che grosso armamentario aveva tra le gambe. La realtà era che lo stava facendo con John. Luca era solo il contenitore, un guscio vuoto e niente più. Un dildo umano che la masturbava mentre lei era in preda a spasmi di lussuria verso quel gigante d'ebano. Immaginandolo e ricreando nella sua testa la sua voce e il suo sguardo, Eleonora proruppe in un violento orgasmo.

"Si, si, si, si,si!!!! Urlò in estasi. Luca, nel vederla così eccitata, venne anche lui.

"Dio...amore mio...è stato magnifico!"

Eleonora gli tappò la bocca con un bacio.

"Si, è stato magnifico" gli rispose con un ghigno.

Eleonora passò una settimana di attesa spasmodica. Ogni sera si masturbava pensando a John, sperando che da un momento all'altro chiamasse per comunicare la data della festa. Ne passarono ben 3, durante le quali Eleonora credette che John avesse semplicemente detto una frase di circostanza riguardo alla festa. Fu smentita un lunedi mattina. Mauro entrò nell'ufficio dei due fidanzati sorridendo.

"Ragazzi, mercoledi sera siamo invitati a Villa Ravenna per il party tenuto da John Ryder!"

Eleonora scattò in piedi come una molla, destando un certo scalpore in Luca.

"Ma è fantastico! Devo comprarmi un vestito adatto!"

"Davvero?", disse Luca con una leggera apatia.

"Ma certo! Li sarà pieno di gente di classe, non vorrai sfigurare?"

Dopo il lavoro, si recò in una boutique e scelse uno di quei vestiti che le piacevano molto. Richiamava la moda anni 50: lungo appena sopra le ginocchia, molto attillato sui fianchi ai quali aveva avvolto una cintura a nastro con un fiocco nero. Si allacciava con tre fettuccine sulle spalle e sul collo. Era tutto nero con dei pois bianchi. Per i piedi, scelse delle chanel con lo stesso motivo a pois. Si ammirava nello specchio del camerino con soddisfazione: "E' perfetto per me, lo prendo!"

Luca non riusciva a capire tanto entusiasmo per quella festa, ma si rassegnò al fatto che la sua fidanzata volesse semplicemente avere una vita un pò più mondana.
Quando arrivò la sera della festa, Eleonora passò parecchio tempo in bagno a prepararsi: doveva essere splendida. Decise di non indossare le mutandine, come spesso le era capitato negli anni passati. Luca, invece, molto meno entusiasta, indossò un semplice completo grigio, come quelli che portava al lavoro.

Quando arrivarono alla villa, musica e neon erano già al lavoro. Vennero accolti da un cameriere in livrea.

"Buonasera, signori!"

Incontrarono Mauro e sua moglie, Luisa, nel giardino.

"Ecco i miei ragazzi! E la mia splendida Eleonora!"
Mauro baciò sulle guance la ragazza.

"Tanto di questo è merito tuo, lo sai?"

"Oh, non mettermi in imbarazzo! L'affare era praticamente già fatto!"

L'imponente figura di John Ryder comparve dall'ombra.

"Buonasera signori! Benvenuti alla festa!"

John strinse la mano si due uomini e baciò la mano di Luisa. Poi guardò Eleonora.

"Sei davvero bellissima, complimenti!" disse banciandole la mano. Luca si infastidì, quell'uomo sembrava troppo invadente e troppo audace con la sua ragazza.

"Grazie, John! Hai organizzato davvero una bella festa!"

"Oh, questo è solo l'inizio! Entriamo, vi mostro il buffet!"

Mauro, Luisa e Luca entrarono per primi, seguiti da John ed Eleonora. Il gigante d'ebano appoggiò lievemente la mano sulla schiena di Eleonora.

"Questo vestito ti sta d'incanto!"

Eleonora avvertì un brivido e arrossì.

"Grazie, era quello che speravo!"

"I tuoi gusti sono eccezionali!"

"Ti ringrazio!"

John fece scivolare la mano, sfirandole leggermente il fianco destro.

"Spero che il buffet possa essere di tuo gradimento!"

"Qui tutto è di mio gradimento!" l'allusione di Eleonora era chiarissima.

John sorrise e condusse la giovane al tavolo del buffet, dove gli altri stavano già servendosi. Prese due bicchieri e li riempì di champagne.

"Servitevi anche voi! E' champagne!"

Eleonora lo bevve quasi d'un fiato. Non reggeva molto l'alcool e in quel momento era un bene. Voleva perdere tutte le inibizioni.

"Signori, voglio farvi conoscere due persone speciali!" disse John. Con un cenno della mano, chiamò due uomini di mezz'età.

"Vi presento i signori Zucca e Silvestri! Si occupano degli affari immobiliari della mia azienda e vorrei che da oggi lavorassero con voi!"

Mauro e Luca sgranarono gli occhi.

"Presentategli quei progetti di cui abbiamo parlato prima! Voglio che la loro agenzia lavori con noi!", nel dirlo indicò un tavolino. Neanche a dirlo, Mauro e Luca si fiondarono a sedersi, come ipnotizzati dalle prospettive di lavoro. Luisa, invece, aveva iniziato a chiacchierare con un'altra donna di mezz'età come lei. John guardò Eleonora.

"Ti va di vedere il terrazzo di sopra?" le disse.

"Certamente!"

I due salirono le scale fino al terzo piano, privo di ospiti. Neanche un'anima nei paraggi. John aprì le porte finestre e i due uscirono sulla immensa terrazza.

"Che ne dici?"

"Guarda che io la conosco già! Non ricordi? Ti ho venduto io questa villa!"

Nel dirlo si appoggiò con la schiena alla ringhiera. Sotto di lei, la festa continuava con danze e musica. John si appoggiò con le braccia alla ringhiera.

"Vedi, sotto di noi, ci saranno almeno una trentina di ragazze che vorrebbero essere qui su, con me, ora!"

"Ah, si?" disse sorridente Eleonora.

"Si, non le hai viste? Ragazze scosciate, con le labbra gonfie e le tette strabordanti! Qualunque uomo la in mezzo darebbe un rene e la madre per potersene fare anche una. Eppure io sono qui con te!"

Eleonora sorrise in modo malizioso, mostrando a John, per la prima volta, il suo ghigno. Quel ghigno che fece impazzire Roberto poco più di un anno prima.

"Forse perchè sai che nessuna di loro può farti felice...quanto me!"

John mise le mani sui fianchi della ragazza.

"I tuoi occhi sono un universo in cui mi sto perdendo dalla prima volta che ti ho vista! Ho sognato la tua pelle alabastro, i tuoi boccoli e la tua bocca."

Eleonora si eccitò.

"Anche io ti ho sognato..."

"E cosa facevamo?" le chiese sapendo già la risposta.

"Scopavamo! Scopavamo come due ragazzini!"

John la tirò a se e la baciò con passione, lei gli strinse le braccia intorno al collo. Avvinghiati come due corde in un unico nodo, John prese i lembi del vestito, li tirò lentamente su e...

TO BE CONTINUED...
Il secondo capitolo finisce così, lasciandovi con il fiato sospeso per la prossima scena. Spero di avervi incuriosito. Lasciatemi un sempiterno commento o scrivetemi a

Questo racconto di è stato letto 1 8 6 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti sesso incestimamma spiata in bagnoracconti porno con caniracconti eroticcunnilingus raccontiracconti di sesso realmente accadutistorie transexdonna scopa con animaleracconto xxxracconti fendomraconti erotici 69racconti erotici calzeraccont 69sesso sadoi racconti di luluinculata dal caneporno racconti mogliho messo incinta mia cognataracconti gay annunci 69racconto scopataracconti etotici gayraconti eroticiho scopato mia figlialetture erotiche gratisracc er 69geniv raccracconti prima volta bisexscambio coppie raccontistorie ornoracconti erotici animalerotici raccontoracconti erotici gratisracconti piedi femminiliraccontitransracconti e confessioni eroticheracconti veri incestostorie porno eroticheerotici rccontieroti raccontistorie di sesso con animaliracconti efoticistorie poenostorie erstorie di donne inculatestorie gaysiti di incestocornuti consapevoliracconti erotici di milfscoparsi la vicinaracconti erotici maestrafoto racconti hardracconti erotici 69.itincesti nuovimogli troie in spiaggiasesso dopo massaggioracconti porno freeracconti erotici di vita realela cognata raccontistorie eoticheracconti mogli inculateracconti spankputtanonaracconti gay spogliatoioraacconti eroticisuocere troieeroticiraccprima esperienza cuckoldstorie porno tradimentipompino sotto al tavoloracconti eroticaracconti erosracconti erotiiracconto erotico analeracconto bisexracconti mogli esibizionisteannuncio 69.itmogli esibizioniste troie1001 raccontiscambio di coppie raccontistorie hard vereracconti erotcistirie eroticheracconti proibiti realistorie di sesso con animalixxx racconti pornoracconti erotici tetteracconti sadomaso gayracconti erotici viaggiozia footjobraconti eros