L'Apparenza Inganna II Capitolo 1

Scritto da , il 2019-06-25, genere tradimenti

Care Lettrici e Cari Lettori, come vi ho anticipato, dopo aver ricevuto parecchie mail che mi chiedevano di continuare la storia, ho deciso di presentarvi la seconda parte della storia: L'Apparenza Inganna II. Nella speranza che possa piacervi come la prima parte, mi limito ad augurarvi buona lettura.


Eleonora era appena entrata nella camera da letto, dove Luca l'aspettava già nudo nel letto. La donna indossava un corsetto nero e rosso, un paio di guanti neri di pizzo e un paio di autoreggenti a rete. Camminava ancheggiando sinuosamente, anche se sembrava perdere un pò l'equilibrio.

"Uh...non cè niente da fare, il vino proprio non lo reggo!", disse lei sghignazzando.

"Mi piaci quando sei un pò ubriaca!" Luca era già eccitatissimo, il cazzo in tiro e pulsante tra le gambe.

"Non essere troppo frettoloso, Tesoro! Prima dobbiamo giocare un pò, lo sai..."

Eleonora amava i preliminari forse più del sesso stesso, da un anno e mezzo a questa parte più di prima. Luca non era un granchè come amante: timido, per niente temerario, poco dotato e troppo veloce. Lei non era propriamente soddisfatta dal punto di vista sessuale. Troppe volte ha dovuto fingere l'orgasmo. Troppe volte ha dovuto finire da sola, magari supportata da un didlo di color viola che teneva nascosto in un armadio. Sembravano lontanissimi i tempi del sesso vorace e sfrenato con Roberto, l'uomo del quale si era innamorata perdutamente ed era stata sul punto di rubare per sempre a quella sciacquetta volgare di Federica. Ma ormai era passato, Luca era il suo uomo.

"Sali su, ti prego", gli disse eccitato. Lei salì in piedi sul letto, apoggiando i piedi senza toccare il corpo di Luca. Lui alzò gli occhi vedendola torreggiare su di lui. Quella lady tanto posata ed elegante quanto sensuale ed affamata di piacere.

"Prima devi farmi venire voglia..." gli disse sorridendo.

"Ne hai già tantissima..." le rispose eccitato.

Eleonora gli passò il piede sul petto, facendolo scivolare lentamente verso l'alto, sfiorando prima il suo collo, poi il mento ed infine il labbro. Luca prese in bocca il piede rivestito dall'autoreggente a rete e iniziò a baciarlo e leccarlo.

"Amo quando fai così" le sospirò. Il suo cazzo era già d'acciaio. Eleonora si sedette lentamente, allungando i piedi verso il volto di Luca.

"Toglimi le calze!" Il suo sembrava quasi un ordine.

"Subito!"

Luca le sfilò delicatamente le autoreggenti, iniziando a baciare il suo piccolo e curatissimo piede smaltato di nero. Baciava i due anellini che impreziosivano le sue piccole dita, leccava la pianta e i talloni.

"Puoi fare di meglio, lo sai?" gli disse sorridendo. Luca capì. Sapeva già cosa doveva fare. Continuò a baciare il collo del piede, salendo lentamente sulla tibia prima e sul ginocchio poi. Piccoli, lenti baci dallo schiocco invitante. E lei stessa era invitante come una rossa e succosa mela. I baci salirono nell'interno coscia e si dipanarono sull'inguine. Eleonora iniziò a gemere.

"Oh si...continua..."

Luca leccò il triangolo della donna. Leccate lente e metodiche, mordicchiava e succhiava. Eleonora andava in estasi e muggiva.

"Oooooh...siiii...continua...non fermarti....continua..."

Luca eseguiva gli ordini, come un servo ipnotizzato dalla sua padrona. Una maga Circe che sapeva come trasformare gli uomini in porci e obbligarli a soddisfare i suoi piaceri.

"Continua...continua..."

La fica bagnata di Eleonora amanava un forte odore che inebriava il cervello di Luca. Quell'odore lo spingeva a leccare più forte, a mordicchiare e succhiare sempre di più. I muggiti della sua sua donna erano talmente sexy che lo mandavano su di giri. Lei aveva le gambe aperte e rannicchiate, gli teneva la testa con le mani, spingendola contro la sua vagina. Le lenzuola sotto di loro erano infradiciate di umori e saliva. Eleonora girava gli occhi all'indietro e spalancava la bocca in preda al piacere.

"Oddio...entra! Entra!!! Vieni dentro!!!"

Luca staccò la testa e in un secondo Eleonora lo aveva afferrato con le braccia intorno al collo e sbattuto con la schiena sul letto. Gli salì sopra e gli guidò il cazzo dentro di lei.

"Mi stai facendo godere tantissimo!"

"Anche tu!!!"

Eleonora muoveva i fianchi e saltellava su e giù sul cazzo di Luca. Lui amava vedere quel corpo sinuoso muoversi su di lui. I suoi fianchi generosi, il suo piccolo seno sul quale ricadevano i boccoli color rame. Amava il suo modo di gemere, i suoi grossi occhi azzurri spalancati su di lui e la sua espressione goduriosa. Un ghigno di piacere che lo mandava in estasi come poche cose.

"Quanto sei fica amore mio!!! Sei la donna più sexy del mondo!!!"

Lei ghignò ancora più goduriosa. I complimenti la facevano eccitare.

"E sono anche la più porca, lo sai vero?" Gli rispose divertita.

Quella frase mandò alle stelle Luca.

"Sto venendo..."

Eleonora ebbe un tremito. Lei non era ancora pronta.

"Aspetta...ti prego...resisti!"

Luca emise un grugnito, seguito da un gemito di piacere.

"Troppo tardi...è stato bellissimo!"
In quel momento, Eleonora avrebbe preso il telefono sul comodino e lo avrebbe usato come arma per ridurre in poltiglia la faccia di Luca. Un altro orgasmo perso. Scese da lui imbronciata.

"Mi dispiace amore, la prossima volta andrà meglio!" cercò di consolarla.

"Si, certo! Non preoccuparti Tesoro!" Lei non amava mostrare rabbia o disappunto.

Si alzò dal letto e si diresse verso il bagno.

"Vado a fare una doccia, siamo già in ritardo per il lavoro!"

"D'accordo, mi vesto e ti aspetto!" Le disse soddisfatto.

Ma Eleonora non era per nulla soddisfatta. Entrò nella doccia e afferrò il contenitore dello shampoo. Iniziò a passarselo sulla vagina ancora fradicia. Iniziò a pensare a un bel cazzone, grosso, largo, venoso. Penetrò lentamente la sua intimità con il tappo e iniziò a gemere.

"Avanti...scopami...scopami..."

Immaginava Roberto. Ricordava quella notte in macchina, quando lei, tutta sudata, ballava sul suo cazzo nel retro della vettura, illuminata solo dalla pallida luce della luna. Quel ricordo così sexy e così proibito la fece arrivare sul punto dell'orgasmo.

"Roberto...Roberto..." sussurrò. "Scopami...scopami..."

Il petto muscoloso di Roberto le comparve davanti agli occhi, così come le sue braccia muscolose. Le sue forti mani le stringevano il sedere.

"Voglio solo te...sei l'unica donna che voglio", le aveva detto quella notte. Quel ricordo le fece esplodere l'orgasmo nello stomaco. Dovette soffocarsi la bocca con la mano per non urlare, nonostante l'acqua della doccia fosse aperta alla massima potenza.

"Dio...Dio..."

L'orgasmo era stato intenso e godurioso. Ma presto, anzi subito, la libidine lasciò il posto alla tristezza e al rammarico. La sua vita con Roberto sarebbe stata fantastica, avrebbero passato momenti bellissimi e sarebbero stati felici. Invece lui decise di scaricarla per tornare con Federica, la quale, però lo aveva già sostituito con un altro. Il ricordo di Roberto era ancora una ferita aperta in lei e iniziò a singhiozzare sotto la doccia.

"Amore sei pronta?" La voce di Luca la ridestò.

"Ho quasi finito!" Si riprese lei.

Finì di prepararsi velocemente. Aggiustò i suoi boccoli con la piastra, indossò una camicietta bianca, pantaloni lunghi appena sopra la caviglia neri, scarpe chanel bianche.

"Eccomi, Tesoro!"

Avevano deciso di vivere a casa di lui da un paio di mesi. Da circa 7 mesi, invece, Eleonora lavorava nella stessa agenzia immobiliare di Luca, la San Patrizio. Aveva preso il brevetto e si era riscoperta un'ottima venditrice.
Erano in ritardo e sfrecciarono a tutta velocità mentre lei si aggiustava il trucco.

"E' stato bellissimo!" Le disse.

"Certo amore, come sempre", sapeva mentire con abilità.

Quando arrivarono alla San Patrizio, vennero accolti da Mauro, il proprietario.

"Buongiorno ragazzi! Luca, hai l'appuntamento con John Ryder per l'acquisto della villa!"

"Ma non era oggi pomeriggio?"

"Il signor Ryder ha anticipato perchè nel pomeriggio ha alcuni affari urgenti da sbrigare!"

"Ma ho già l'appuntamento con la signora Verdini!" protestò lui.

"Posso andarci io?" disse Eleonora.

"Ele, non per mancarti di rispetto, ma questa è una vendita difficile e se va in porto facciamo un sacco di soldi! Luca ha più esperienza e quindi preferirei che ci andasse lui!"

Eleonora si sentì offesa.

"In questi mesi ho dato prova di essere in gamba, voglio avere un chance con un cliente difficile! Credo di meritarmela!"

Luca sorrise a Mauro.

"Ha ragione Mauro! Facciamola provare, altrimenti non farà mai il salto di qualità!"

Mauro fece una smorfia e sospirò.

"D'accordo, Ele! Mi raccomando, ricordati che è importante!"

"State tranquilli, ce la farò!"

Eleonora saltò in macchina e sfrecciò verso Villa Ravenna. L'immobile era una graziosa villa stile liberty in vendita ad una cifra spropositata. Questo cliente, John Ryder, si era trasferito per affari e quindi, essendo un milionario, voleva un'abitazione di tutto rispetto.

"Se metto a segno questo colpo avrò una provvigione altissima."

Arrivò velocemente nel parcheggio di Villa Ravenna, dove l'aspettava una Lamborghini. Eleonora scese dalla macchina e si avvicinò all'altra vettura.

"Dev'essere il cliente" pensò.

Dalla vettura scese una montagna. Alto più di un metro e novanta, pelle nera come l'ebano, capelli rasati a zero, occhi penetranti e zigomi sporgenti. Aveva circa trentacinque anni.

"Il Signor John Ryder?" disse ammirandolo.

"Sono io! Molto piacere signorina", le disse in perfetto italiano dandole la mano. Eleonora non potè non ammettere quanto fosse bello. Elegantissimo nel suo vestito nero formale, dava l'aria di un uomo abituato a dirigere.

"Benvenuto, signore!"

"E lei?"

"Io cosa?" rispose lei gentilmente.

"Il suo nome" disse sorridendo.

"Oh, che sbadata, mi scusi! Mi chiamo Eleonora"

"Un nome bellissimo, elegante! Mi piace. Eleonora". Aveva una voce profonda e completamente pulita da qualsiasi accento americano. Eleonora deglutì.

"Vogliamo vedere la casa?"

"Ho già visto tutte le foto su internet! Preferisco fare due chiacchiere con lei!"

"Con me? E perchè mai? Cioè, scusi, volevo dire, certo, mi dica!"

"Ha appuntamenti per questa sera a cena?"

"Eccolo qua, il solito americano spavaldo e provolone" pensò Eleonora. "Veramente si, ho una cena con il mio fidanzato."

John mostrò un sorriso smagliante.

"Immaginavo che una ragazza così dolce ed elegante fosse già impegnata! Farò i complimenti al suo fidanzato, è un uomo davvero fortunato!"

Eleonora si sentì lusingata. Un uomo bellissimo le aveva appena fatto un complimento.

"Bene, forse è meglio che un giretto me lo faccia, tanto per vedere un pò la mia nuova casa! Mi faccia vedere tutto, Eleonora!"

"Certo, certo!"

John notò l'imbarazzo di Eleonora. O forse non era imbarazzo e la giovane era rimasta davvero colpita da lui?

"Diamoci del tu, però! In America si fa così!"

"D'accordo allora, John!" sorrise lei.

Fecero il giro della villa. Tutti e tre i piani, stanza per stanza. Quando tornarono nell'atrio, John si guardò ancora intorno soddisfatto.

"La prendo!"

"Davvero?"

"Certo! Ma voglio che dici al tuo capo che gran parte del merito è tuo, sei stata un'ottima venditrice!"

Eleonora ridacchiò soddisfatta.

"Passerò domattina per formalizzare l'offerta!"

"Certo, è fantastico!"

John prese la mano di Eleonora e la baciò con un inchino.

"Spero di vederti domani, bellissima Eleonora!"

Il suo cuore palpitò. Quell'uomo bellissimo era talmente sexy che avrebbe fatto impazzire qualsiasi donna.

"Ci sarò, sicuramente!" Le rispose con aria da civetta.

"A domani, allora! E ricordati quello che ti ho detto!"

"Cosa?"

"Di al tuo fidanzato che è un uomo fortunato!"

John salì a bordo della Lamborghini e sfrecciò. Lei prese il telefono e chiamò l'agenzia.

"Pronto? Mauro? E' fatta! La prende! Domattina viene in agenzia per formalizzare l'offerta! Arrivo e facciamo un brindisi!"

Eleonora si fiondò in macchina. Ma prima di accendere ripensò a John, al suo bel viso, a quel corpo così muscoloso e ai suoi modi da gentiluomo. Era l'uomo più sexy che avesse mai visto. Quel pensiero la fece eccitare. Si accertò che nessuno fosse nei paraggi e portò la mano nei pantaloni. La fece scivolare sotto il perizoma e iniziò ad accarezzarsi la vagina con le dita.
Immaginò lui, nudo, mentre la prendeva da dietro.

"Oddio...si...si..."

Nemmeno se ne era resa conto ma John era già diventato il suo sogno erotico. Gemette di nuovo immaginando le sue forti braccia che le tenevano i fianchi e la facevano muovere. Immaginò la sua grossa mano che le schiaffeggiava il sedere. Emise un gridolino smorzato e venne come un torrente.
Si appoggiò allo schienale e sorrise: quell'uomo doveva essere suo.

TO BE CONTINUED...

Spero che vi sia piaciuto questo primo capitolo. Lasciatemi un sempiterno commento o scrivetemi a

Questo racconto di è stato letto 2 7 7 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti piedi femminilistorie poenoracconti erotici d autoreracconti sissyracconti in cestoracconti annuncistorie porno annunci 69racconti gay ziochiavare la suoceraracconti erotici in spiaggiaracconti di mamme incestuoseraccconti eroticiracconti erotici la mamma del mio amicoracconti erotiiracconti esibizionismoracconti erotici classiciracconti hot gratisracconti dominazione gayacconti eroticiracconto xxxuomini bsxracconti erotici donna maturaracconti ginecologoracconti erotici con matureraccontieroticoracconti di mariti guardonigenere dei racconti eroticistorue pornostorie di mogli porchepiedi femminili raccontierotici racconrimamme erotichefumetti erotici incestoracconti erotici fetishracconti crossdresserraconti incestistorue pornoracconti porno ziaracconti hotracconti eros gaysex storieracconti erticiho scopato mia ziaracconti porno suocereracconti hard con animalisesso sadoracconti erotici.comracc eroticiracconti porno travestitiracconti porno spintiracconti incestosiracconto erotracconto erotico clistereracconti erotici con la suoceraracco.ti eroticiracconti sesso 69storue pornoi generi di racconti inceatoracconti incetuosiincesto con cuginaracconti cucklodcuckold storierqcconti eroticiracconti erotici nonno e nipotestorie pornixxx racconti pornorscconti eroticia69 racconti eroticiracconti masturbazioneracconti erotici umiliataracvonti eroticiracconti casalinghiracconti erotici realmente accadutiracconti di fistingvere storie di sessoracconti erotici con la ziami ha pisciato in bocca