Adrian e la Perfezione di Julian - Parte 3

Scritto da , il 2019-06-23, genere orge

Ci risvegliamo ore dopo.
Ancora nudi ci hanno messi insieme su un divano delle dependance.
Fuori piove, è la piena notte. Anche Julian si sveglia, i capelli color oro tutti arruffati, il pene ancora pregno dei suoi umori. Io ho tutta la bocca e il palato intorpidito dal suo seme, ma lui mi bacia sorridente.
- Grazie... di quello che hai fatto, mi dice.
Io sorrido. Gli tocco il culo e poi ancora gli faccio il solletico sui capezzoli. Lui ride, si scuote tutto. Rido anche io.
Nicola è abbracciato a Yukio, tutti e due nudi, sul divano accanto. Yukio si sveglia, ci sorride.
- Ben trovati. Avete per caso fame? –
Julian gli sorride.
- Ne abbiamo tantissima.
Yukio si alza, facendo vedere il suo fisico statuario e andando verso la cucina. Julian gli guarda l’uccello, lungo e stretto, e le palle che gli dondolano appena dietro.
Mi guarda.
- Andiamo con lui?, mi chiede.
- Va bene.

Si stacca da me e già mi manca.
Si alza.Nudo, Julian si dimostra più ampio di quello che credevo. Il fisico tornito di un nuotatore, ma che ha conservato la dolcezza dell’adolescenza. Mi alzo anche io, le membra intorpidite.
Julian mi prende la mano e raggiungiamo Yukio che ha indossato un grembiule, prendendo dei cornetti dal freezer e farcendoli con della marmellata.
Ci sorride, mentre ci prepara del caffè americano. Io lo gusto amaro, mentre Julian lo carica di zucchero.
E Yukio con fare gentile a parlare per primo. Il resto dei ragazzi rimasti per la notte è disposta a casaccio per tutta la casa.Alcuni corpi sembrano statue e a me viene da pensare vedendo tutti quei torsi alzarsi ed abbassarsi, in preda al sonno.
- Era la prima volta per tutti e due?, chiede.
Julian mi guarda, io annuisco.
- Sì, per me era il primo orgasmo, risponde.
Poi Yukio si volta verso di me.
- Mentre per te non del tutto: Nicola e Andrea ci hanno detto dello scherzo che ti hanno fatto.
Yukio ha la maniera di parlare sempre serio, degno di un tipo che non scherza. Mi affretto a rispondere.
- No, voglio dire... è stato... bello.
Lui sembra rilassarsi.
- Non tutti i ragazzi son... pronti per i loro scherzi. E non tutti sono in grado di gestire i loro gusti sessuali. Capisci cosa intendo? In una scuola come la nostra... beh è difficile stare attenti, ma necessario.
Qualcuno fa baccano sulla stanza accanto. Sembra che ci sia una lotta di cuscini. Alla fine un ragazzo dai capelli brizzolati biondo platino e dal viso sorridente si affaccia, sentendo il profumo dei cornetti in cottura. E’ nudo anche lui: il fisico è palestrato, mentre il pene è grosso e scappellato.
- Yukio!!! Grandissimo! Stai preparando la colazione! Aspetta che chiamo Steph! –
Yukio sorride accondiscendente.
Da una delle scansie che lui sembra conoscere bene, tira fuori varie marmellate e vasetti di nutella e di burro.
- Forse non avrete ancora conosciuto i gemelli. Quello che avete visto adesso si chiama Claude, mentre suo fratello è Stephan.
Julian fa cenno di no, di non conoscerli, mentre io sì, anche se non ci ho mai parlato. Sono titolari fissi della squadra, uno attaccante di supporto, l’altro terzino destro. Dalla porta esce Claude, ancora nudo. Fissa me e Julian, guardando con attenzione la sua pelle dorata ed il suo culo.
- E voi due siete Julian e Adrian. Siete stati la vera attrazione della serata, fatevelo dire, dice scherzosamente.
Julian ride. Dalla stanza esce anche Stephan.
Sono veramente identici, se non fosse per il colore dei capelli: Stephan sembra essere quello razionale, con un castano scuro che fa da corollario al suo sorriso. A differenza del fratello si è fatto la doccia e porta un asciugamano attorno alla vita.
- Ben trovati, ci dice.
Facciamo le presentazioni di rito. Yukio fa caffé forti per tutti. I cornetti sono quasi caldi. Stephan non fa che guardare Julian.
- Ti posso dire una cosa?, gli chiede.
Julian sorride.
- Certo.
Stephan guarda il fratello.
- Il fatto è... che tu sei veramente un bel ragazzo. Voglio dire... qui siamo più o meno tutti belli. Ma tu, sembri quasi fatto di oro puro.
Julian arrossisce e sorride. Mi si stringe affianco.
- Me lo dicono tutti. Sempre. Ma io... non so che cosa farne di questa bellezza. Voglio dire... prima di Adrian, prima di voi, non avevo amici.
I gemelli e Yukio si guardano, chinano il capo.
- Beh, adesso li hai, dice l’ultimo tirando su i cornetti caldi.
Stephan però non molla lo sguardo verso Julian. Gli tocca la guancia con un boffo. Poi guarda me.

- Beh, sapete, la notte è ancora lunga. Potremmo divertirci ancora, dice Stephan.
- Sempre se siete d’accordo- dice Claude.
Dubbioso, Yukio fa per replicare, ma Julian gli prende la mano.
- Va bene, tranquillo. Tu ci staresti? –
Yukio lo fissa allibito, poi fissa me. Non so che cosa mi passi per la testa, ma me lo tiro addosso e lo bacio. La sua lingua prima si ritrae per la sorpresa, poi si allunga verso la mia e me la stringe. Mi stacco con dolcezza dalla sua bocca e lui sorride.
- Va bene.
Stephan prende Julian e lo fa alzare, portandolo al centro della cucina. Claude gli palpa il culo e fa per prendergli da dietro le palle. Julian fa un gridolino. Yukio nel frattempo mi prende il torso e si mette a leccare i miei capezzoli, roteando la lingua su e giù, su e giù-
I gemelli si sono concentrati su Julian ma lui gli lascia fare. Claude lo stimola da dietro, leccandogli collo e orecchie, con lunghi baci sulla bocca. Step invece gli scopa la bocca e gli lecca i capezzoli, tirandoglieli con forza.
- Ah, vediamo se riuscite a farmelo venire duro, senza succhiarmelo, dice lui sfidandoli.
Loro si fissano e aumentano il ritmo. Step si abbassa sul basso ventre, lecca l’ombelico, infine bacia il pube.
Ma il cazzo di Julian è ancora lì, solo le palle sono un po’ aumentate.
- Per tutti i peni di questo mondo, hai un autocontrollo da far invidia, dice Claude, che non smette di baciargli collo e culo.
La pelle di Julian sembra d’oro alla luce del neon. I gemelli leccano e baciano, leccano e baciano, come per assorbirne la luce. I loro sessi sono schiusi ma non eccitati. Non avevo mai visto prima d’ora due peni identici: non sono troppo lunghi o corti, ma sono grossi e tutti scappellati. Hanno anche i testicoli uguali, due palline belle grosse, che si muovono al ritmo dell’eccitazione.
Yukio nel frattempo non ha perso tempo, mi ha stimolato i capezzoli per un tempo indefinito e adesso è passato agli addominali. Mi prende le palle con la destra, tirandole leggermente, e facendomi rizzare il cazzo, fin quasi alla sua bocca.
Lecca la punta, con due tre lappate.
- Ohhhhhhh – mugugno io.
Con delicatezza mi prende in bocca il glande, continuando a dargli piccoli colpi con la lingua, passandola tutta attorno.
- Yukiooooo… ti prego comincia a pompare – gli dico.
Lui mi guarda, si stacca e sorride, leccandosi le labbra.
- No, faremo come dico io. Tu rimani dove sei. –
E ricomincia a stimolare la mia cappella. Il mio cazzo s’ingrandisce nella sua bocca che è strettissima. Mi sembra che mi stia succhiando l’anima.
Con la coda dell’occhio vedo che i gemelli sono sempre più affannati, ma il cazzo di Julian rimane moscio. Alla fine si stacca da loro e si mette in ginocchio.
- Aspettate. Voglio stimolarvi io per bene –
I due fanno visi estatici quando gli mettono i peni sulle mani. Le mani di Julian sembrano d’oro mentre comincia uno svogliato su e giù. I gemelli sembrano sincronizzati anche in questo. I loro cazzi si risvegliano dal letargo e cominciano ad espandersi.
- Ti prego prendili in bocca – dice Steph.
- No, ancora no.
Con le mani gli prende le palle senza peli e tutte concentrate.
- Guarda Adrian, sembrano quasi di plastica – dice strizzandole per bene e cominciando a leccarle, una alla volta. Le succhia come fossero vongole nelle loro conchiglie.
- Voglio tutto il vostro succo – dice, mentre li avvicina, facendo incontrare i sessi e poi prendendoli insieme con la bocca, andando avanti e indietro per tutta l’asta. La sua saliva cola sul pavimento e su tutto il petto, mischiandosi al sudore.
- Oh Dio Santoooo –dice Claude.
Julian però si alza e viene a prendere me e Yukio, prendendoci per i cazzi. Ci porta vicino ai gemelli, poi lui si piazza in centro.
- Tutti da me adesso – dice e senza perdere un minuto si concentra su quello di Yukio, che inarca subito la schiena per schiaffarglielo in gola, tanta ha voglia di sborrare.
- Sìììì, prendimi bene tutta l’asta! Così –
Sono strabiliato. Il corpo di Julian suda sotto di noi e noi sudiamo con lui. Cinque giovani corpi maschili che si affannano a trovare il piacere, quello più lungo e duraturo possibile. Julian è il centro. Si spinge verso le vette inenarrabile del suo sesso, prendendo i cazzi a due a due, leccando, sbavando, scopando. Il suo torace fa su e giù, sembra una gara di resistenza.
- Per tutti i cazzi, chi sei tu? – chiede Steph, mentre Julian gli prende il cazzo in bocca e glielo scappella tutto con la lingua, pompando deciso sul glande, che sembra stia per esplodere.
Julian ride.
Un riso che sa di orgasmico, la chioma bionda che voltegga a seconda della direzione della bocca avida di sudore e di sperma, di piacere.
Si agita infine sul mio cazzo, tutto bello, rosa ed eretto. Lo fissa, ne lecca i contorni mugolando eccitato, mi lecca le palle e me le succhia. E poi alla fine me lo dice.
- Voglio che me lo metti dentro Adrian.
Lo dice così, come se fosse la cosa più naturale del mondo. Smette di pompare e si getta sul divano, a pecora. Gli vediamo il buchetto, rosa e lindo, il cazzo già eretto che sballonzola come uno scandaglio, in cerca di qualcuno che lo meni.
- Sfondami, dice.
E subito attira a sé di nuovo i cazzi dei gemelli, ricominciando a pomparli, ormai senza più tregua. Io rimango imbambolato per un istante.
Che cosa è rimasto del ragazzo timido che ho conosciuto a scuola.
- Sbrigati Adriaaaannnn – mugula Julian prendendo per la cappella il cazzo di Steph e quasi succhiandogliela via.
- Cazzooooo – urla Steph, cercando di non venire.
Yukio mi prende da dietro i capezzoli e mi sussurra.
- Vai Adrian. Non si tratterranno ancora per molto. Io lo bacio con trasporto, poi lui mi sopravanza e comincia a leccare il buco di Julian che inarca la schiena e sussulta.
- Sììììììì, prestooooooo –
Il mio cazzo non capisce più nulla. Mi avvicino, Yukio gli dà un’ultima grande lappata per lubrificarlo bene.
- Scopalo Adrian. Fai in fretta, siamo tutti al limite.
Non me lo faccio ripetere. Mi ci fiondo dentro. Il buco è strettissimo ma entro con facilità. Julian inarca la schiena per sentirlo tutto.
- Sììììììììì, scopamiiiiii -
Comincio a pompare impazzito il suo culo. Vedo la sua schiena schiumare di piacere, ho il cazzo pieno dei suoi umori. Julian adesso grida.
- Scopamiiii, sìììì, tutto dentro, lo voglio tutto dentrooooo.
Yukio gli prende il cazzo da sotto e comincia a spompinarlo con foga. I due gemelli ansano all’unisono, i petti e i ventri glabri che si fanno incontro alla bocca di Julian, che per tutto il tempo in cui lo scopo, continua a leccare, succhiare, pompare.
Il mio cazzo non ragiona più, tutte le serie saltano. Siamo io e Julian ormai a dettare il ritmo con colpi rapidi per arrivare più presto a sborrare come fontane.
E gli altri ragazzi si svegliano. Nicola e Andrea rimangono estasiati da quello che sta succedendo, ma non osano proferire parola. Tutti quanti sono nudi, ma non fanno nulla mentre stiamo venendo insieme.
Il primo a venire è Yukio.
- Non c’è la faccio piùùùùùù, prendi la mia sborra Juliaaan –
E Julian molla il cazzo di Claude e apre la bocca, leccandogli la cappella. Yukio gli esplode in viso.
La prima versata sembra cemento secco, e prende di sorpresa Julian che fa quasi per venirne soffocato. Lo centra direttamente in gola.
- Sìììììììì- urla Yukio che sprizza ancora due volte, il seme sempre più liquido ma che viene accolto tutto dalla bocca obbediente di Julian che ride e sembra soddisfatto del sapore.
- Dolce e salato, ottimo – dice, mentre pulisce tutta la cappella del giapponese.
A quel punto sono i gemelli a metterglisi davanti, menandosi i cazzi all’impazzata. Julian pare stremato, ansima sempre di più. Io continuo a pompare da dietro, il mio cazzo che non ragiona più, che lo vuole sfondare fino allo stomaco.
- Aspettate un attimo voi due, dice, mentre sento il suo culo che sussulta.
Sfinito Yukio si è posizionato sotto di lui e si è portato dietro un bicchiere. Si dimostra previdente: il cazzo di Julian si contrare impazzito e vi sversa sei versate di sperma giallo oro denso e caldo.
- Ahhhhahhahhah, Adriaannnn, fammi venireeeeee –
Io pompo ancora di più poi lo tolgo e lo ruoto di forza, mettendolo in ginocchio e ficcandoglielo in gola. Bocca che si chiude subito, mentre io sparo sette grosse versate direttamente in gola, inarcando la schiena e gridando.
- Vengooooooooo.
Alla fine cado sul pavimento, imbracciato a Yukio, sfinito come me, i cazzi arrossati dallo sforzo.
Julian mi guarda e mi fa vedere che ingoia paziente tutta la mia sborra, con lunghi deglutii. Alla fine dice ai gemelli di avvicinarsi.
- Venitemi in faccia, e che i getti siano potenti – dice, mentre apre di nuovo la bocca per lasciarsela scopare da Claude che grida.
- Vengo, vengo, vengo, vengoooooo
Non so che cosa accada al mio amico, so solo che la sborra di Claude gli allaga la gola. Ma non fa a tempo a ingoiarla che Steph gli si mette davanti e lo irrora con quattro potenti sversate su faccia e capelli.
- Sììììì, prendilo tutto, dice, mentre Julian paziente si mette a pulirgli i cazzo e aspirargli l’ultimo seme.


Questo racconto di è stato letto 1 0 9 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


incesto con nonnoincesto raccontoscambio di coppia forumstorieroticheracconti porno realmente accadutistorue pornoseghe al cinema pornoracconti trasgressioniraccontipostorie sesso incestoracconti hard tradimentiincesto annunci 69racconti erotici in classeincesti raccontierotici raccontracconto dominazioneracconti erotici la prima voltaracconti erotici fortiraccontieroticirapporti eroticimia zia in perizomastorielle eroticheracconti porno casalingherotici raccontircconti eroticiracconti fantasy eroticiraccoti eroticiracconti erotici tettonaracconti gay fistinggay raccontoforum zoofiliamoglie porca al mareracconto lesbicheracconti e video eroticiracconti erotici analracconti feticismoracconti erotici lesbicimeccanici gayracconti gay annunci69donne e animali xxxracconti gamamma racconti eroticistorie eroticeracconti fetish piediracconti-eroticiracconti esoticiracconti anzianeracconti erotici genivracconti di trombateeroticiracconti.itchiavare la cognataracconti incestogenere racconti eroticiprima esperienza con transracconti massaggi eroticiracconti di sesso con animalizoofilia estremaeroticiracconti.itracconti erotici prima volta nel culostorie hard gratisracconti porno i generistorie sesso realiorge familiariracconti hotraqcconti eroticiracconti porcellisculacciata storieracconti xxracconti erotici cuginipiccole trasgressioni storie di vitaracconti erotici 2016erotivi raccontistorie 69racconti milfracconti incestuosi realiconfessioni erotiche vereracconti hot gratismi presti tua moglierqcconti eroticiracconti erotici inculatestorie eotichesorelle incestuoseculosfondatoracconti feticistiracconti erotici coppiaracconti milúracconti piediniracconti erotici ricattataracconti di coppie scambisteracconto porno gratisracconti sroticiracconti erotici fratellistorie di sesso con canicagami in boccaracconti eratici