La Falce Capitolo 4 EPILOGO

Scritto da , il 2019-06-21, genere dominazione

Care lettrici e cari lettori, con un pò di ritardo vi consegno l'ultimo capitolo della serie "La Falce". Come per la precedente storia, anche questo epilogo sarà particolarmente breve, in quanto tutto ciò che era interessante raccontare è già stato raccontato. Mi limiterò a narrarvi una breve cronaca di quello che è avvenuto dopo il terzo capitolo.


Un mese dopo aver punito Fredo, Elisa avviò le pratiche di divorzio e iniziò una nuova vita come commessa in un negozio di abbigliamento: era il suo primo vero lavoro nella vita.
Si era tagliata i capelli molto corti e li aveva tinti di nero, in modo da cancellare definitivamente l'immagine di donna sottomessa che aveva visto riflessa nello specchio per molti anni.

Erano le 20 ed Elisa tirava giù la serranda del negozio. Erano gli ultimi giorni di maggio e il caldo iniziava a farsi sentire. Quella sera, Elisa indossava un vestito molto corto azzurro e un paio di scarpe col tacco bianche. La sua pelle era abbronzata e i corti capelli pettinati in modo sbarazzino e disordinato. Chiunque la conosceva avrebbe fatto molta fatica a rivedere la timida e timorata mogliettina in quella donna dall'aspetto così sicuro e deciso. Ian le suonò con il clacson della moto.

"Arrivo!"

Si avvicinò alla grossa moto del ragazzo e gli diede un bacio.

"Dove andiamo?"

"Al Levante!"

"Ottima idea!"

Il Levante era una discoteca ristorante molto in voga in quel periodo. Elisa indossò il casco integrale e salì a bordo della moto. Le sue lunghe cosce avvinghiate alla moto erano di una sensualità disarmante.
Arrivati al Levante, presero posto al tavolino riservatoli e ordinarono del pesce e del vino bianco. Ian non era un campione di bevute, qundi bastava molto poco per mandarlo su di giri. E quando era leggermente ubriaco, si eccitava molto facilmente.

"Sei davvero sexy stasera!"

La vista del balconcino di Elisa gi faceva irrigidire il cazzo, che iniziava a pulsare schiacciato dai boxer attillati.

"E tu cominci ad essere ubriaco!"

"Vedrai quando lo sarò totalmente!"

Dopo cena, i due andarono a ballare, scatenandosi l'uno addosso all'altro come una danza di serpenti. Lui le metteva le mani sul sedere e stringeva, lei con le braccia intorno al collo lo baciava insaziatamente.

"Usciamo di qui!" Gli sussurrò all'orecchio.

"Si, non vedevo l'ora!"

Uscirono velocemente, saltarono sulla moto e presero un sentiero che si trovava poco dietro la discoteca: conduceva ad un piccolo bosco. Scesi dalla moto, assicuratisi che non vi erano altre presenze, i due cominciarono a baciarsi.
Ian la sbattè con la schiena contro un albero, abbassandole il vestito e liberandole i seni.

"Era tutta la sera che volevo succhiarti le tette!"

"Fallo, ti prego!"

Le labbra di Ian sui capezzoli lavoravano con impegno, causando brividi e spasmi in Elisa. La sua vagina iniziava a mandare messaggi, lei gli morse le orecchie.

"Scopami!" Gli disse. "Subito!"

Lui si tirò fuori l'uccello, prese in braccio Elisa che gli avvinghio le gambe intorno alla vita. Lui la penetrò con decisione.

"Oddio, si!" Esclamò.

Ian la faceva saltare su e giù, sommando ai salti di Elisa i suoi colpi d'anca. Elisa gemeva e godeva.

"Dio...quanto godo!"

"Anche io!"

Ian aumentò il ritmo in maniera serrata. Elisa iniziò a gemere.

"Non ci credo...sto già venendoooo!"

Sentendola gemere in quel modo, Ian la seguì negli spasmi.

"Anche io!"

I due vennero insieme in un orgasmo all'unisono. Lei lo guardò fisso e poi lo baciò.

"Oh cazzo!" Esclamò Ian di soprassalto.

"Che cè?"

"Ero talmente preso che...non ho messo il preservativo!"

La mascella di Elisa cadde letteralmente. Le era venuto dentro in pieno.

"Porca troia! Sei un cretino!"

"Potevi ricordatelo anche tu, comunque!"

La litigata durò parecchio. Io mi fermo qui a raccontarvi di Elisa ed Ian, ma, solo per soddisfare la vostra curiosità, è giusto informarvi che quella notte Elisa rimase incinta: nove mesi dopo nacque Alice.

Per quanto riguarda Fredo. Ebbene, come vi avevo accennato all'inizio, era passato un mese da quella notte. Fredo si trovava in casa sua, in compagnia di Carmela, la sua amante. La donna era seduta sul letto con aria infastidita.

"Fredo, non se ne fa niente! Ormai è più di un mese che ci proviamo, è inutile!"

Fredo era in lacrime che provava a masturbarsi. Teneva in mano il suo piccolo e flaccido pene, il quale non ne voleva sapere proprio di alzarsi.

"Ti prego Carmela, dammi un'altra possibilità!"

Fredo masturbava con forza, tirava il cazzetto con tutta la sua forza, ma rimaneva sempre flaccido e piccolo.

"Guarda in faccia la realtà, sei un cazzo di impotente!"

Carmela aveva ragione. L'umiliazione sessuale subita da Ian ed Elisa fu di una tale portata che, da quel giorno, Fredo perse la sua potenza sessuale. Aveva provato ogni cosa, medicine e viagra compresi. Niente funzionava. Il suo cazzetto rimaneva mollo e flaccido come un vermicello morente.

"Sai che cè? Mi sono proprio stufata!"

Carmela si alzò, rindossò il suo vestito leopardato e prese la borsa.

"Aspetta, dove vai?" Piagnucolò Fredo.

"Vado a trovare uno che ci ha provato con me settimana scorsa! Un bel fico, gentile, simpatico e sicuramente con un cazzo funzionante!"

Carmela se ne andò sbattendo la porta, lasciando Fredo in lacrime sul letto. La sua virilità era stata falciata via per sempre.

THE END

"La Falce" si è conclusa. Chiedo scusa a tutti per il ritardo. Volevo comunicarvi che, a seguito di ben 12 (DODICI) mail personali che mi chiedevano in coro il ritorno di Eleonora (non pensavo che vi avrebbe fatto innamorare così tanto), la mia prossima storia si intitolerà "L'Apparenza Inganna II". Protagonista, ovviamente, Eleonora e, insieme a lei, una nuova angelica fanciulla: Arianna. Lasciatemi un sempiterno commento oppure scrivetemi a

Questo racconto di è stato letto 2 0 2 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti di porcheracconti erotici famosinonna pomparacconti erotici animalstorie xxxstoria di incestomia moglie raccontistorie pornpscopare con cavalloxxx racconti pornotorie pornoracconti donne con transracconti eroticiiracconti erotici enemastorie di figheraccontii eroticiscoparsi la vicinasculacciato dalla ziaincesto con nonnostorie travestitiraccotni eroticiraccontierotici.itstorie di e per adultiracconti di culi sfondatisesso raccontistorie ballbustingstorie sesso incestoi generi racconti eroticiracconti crossdressingracconti erotici prima volta gayracconti erotici culo sfondatostorie poenoracconti porboracxonti eroticiracconti di tradimenti eroticiracconti moglie porcasadomaso raccontifeticismo raccontistorie di cuckoldincesto69sega da mia cuginasuocera vaccaracconti zie troievideo porno grstuitiraccinti pornoincesti storie verepompino racconti eroticiracconto primo analestorie di adultistorie di collantracconti erotici gratuitieriticiraccontiracconti erotici matureracconti erotici spiaggiaracconti eroticestorie di scambio di coppiaracconti porno zooracconti sorellinaracconti dominazione femminilestorie di gang bangi generi di racconti eroticiracconti casalinghiracconti.miluracconti gay nonnoporno storie gayerotici gayracconti milu.comracconti erotici lesbichenonnigaystorie sesso con animaliincesti nonna e nipotenonna pomparaccontj eroticisuocere scopate dai generiracconti di sesso in trenononna racconti eroticiracconti cucoldricattata e inculataracconti erotici di sessoracconti erotickracconti club privèavventure gaymi fotto mia cognataracconti nonnawww.racconti eroticiraccpnti pornostorie di sottomissioneracconti porno orgeracconti gatraccpnti eroticiracconti erotici gratuitiil cazzo di mio cognatoho inculato mia madreracconti moglie inculatastorie porneracconti zozziracconti mamma padronaracconti zia e nipote