Cacciatori di fantasmi. Il tesoro dei Templari. 2^parte.

Scritto da , il 2019-06-20, genere comici

La mattina torna all'attacco, nonostante quanto accaduto nella notte non dimentica, non vuole dimenticare, insiste.
-Lo hai sentito? Io sono la tua donna, ma non intendo perdonarti! E anzi... in questo viaggio mi dovrai pagare una diaria e poi... camere separate...-
-Alisia... devi finanziare tu la spedizione...-
-Dio! Ma la tua spudoratezza è senza limiti! Perché dovrei?-
-Lo hai sentito... siamo legati. Vuoi negarmi il tuo aiuto nel momento del bisogno? Al tuo uomo?-
-Il mio uomo che come mi giro si scopa la prima troia che trova? E ne trova a reggimenti?-
-Era lavoro... e non la stavo scopando, la stavo esorcizzando...-
-Cazzo! Io ora cerco qualcosa per ucciderti! Esorcizzando? E lo facevi scopandola a pecora?-
-Sembrava... ma in effetti stavo facendo di tutto per liberarla da un demonio...-
-Basta!-
Il mio motto è negare sempre anche l'evidenza e prenderla per sfinimento, a volte funziona.
Lei.
-La sai la mia colpa? Devo spomparti proprio! Sfinirti! Scoparti così tanto che non hai proprio la forza di scopare altre e voglio farlo da subito!-
E mi prende in bocca.
Che posso fare se non adattarmi? Tanto più che in un attimo divento duro nella sua bocca vorace!
Basta così?
Oh no! Non basta a lei e tanto fa finché non la prendo dove l'ha presa Lui nella notte. Si... giusto, nel suo bel culo.

Mentre attendiamo la chiamata del volo per Lisbona lei mi guarda con malcelata aria di sopportazione.
-Non so proprio perché sono capitata con te. Un traditore seriale senza etica né parola, che mi fa scopare da fantasmi e tra il resto sempre senza soldi! Io che posso sposare uomini ricchissimi...-
-Ma sanno scoparti come faccio io?-
-Ma lo sai che scopare non è tutto nella vita? Ci sono altri valori! Animale!-
Ma se è così... se crede in questi alti valori perché poco dopo il decollo mi incolla la bocca all'orecchio?
-Sto pensando alla notte del tuo fantasma! Dio... mi sto davvero sciogliendo e poi? A quando mi hai scopata sui resti della mummia? E sulla lapide della tomba gotica? Ho voglia... ho voglia di sentire il tuo cazzo nella mia mano... ora ti faccio una sega...-
E preme il pulsante per chiamare l'assistente di volo che compare poco dopo, una bella ragazza bionda con due gambe lunghissime.
Ci guarda... chiede.
-Buon giorno! Cosa posso fare per voi?-
Io avrei una idea al riguardo, anzi più di una, ma è Alisia a rispondere.
-Ciao...-
Legge il nome della ragazza dalla targhetta dell'uniforme.
-Ciao Margit... potrei avere una coperta?-
-E' freddo? Posso far alzare la temperatura ambiente.-
-No no... è per una cosa pratica, lo vedi quest'uomo? Lo devo tenere permanentemente spompato altrimenti corre dietro ad ogni donna che vede! Gliela metto sulle gambe, gli tiro fuori il cazzo e gli faccio una sega! Così per un po' sono tranquilla!-
-Te la porto subito! Per fortuna l'aereo è mezzo vuoto, volendo potresti anche fargli un pompino o sedertici sopra. Ti capisco, sai? Anch'io cascavo sempre con tipi bastardi del genere! Così ho affrontato la situazione drasticamente e ora vado solo con donne! Non che siano molto meglio, solo un pochino meglio!-
Sparisce e torna con un plaid.
-Dopo... se vuoi far due chiacchiere sono nella sezione Class, è vuota e possiamo parlare...-
Forse sono troppo sensibile al sesso ma sono eccitato da questa loro discussione e quando me lo tira fuori lo trova già duro, assurdamente duro.
E inizia a masturbarmelo piano ma con decisione.
-Ora.. porco. Ti farò venire qui... con la mia mano mentre ti lecco l'orecchio, quanto vorresti piantarmelo in fica? O preferiresti quella della biondina... Margit? Lo so porco che te la faresti! Ti faresti tutte e due noi... mentre ci baciamo la fica a vicenda, Dio! Senti come ti vibra il cazzo! Hai le vene che ti scoppiano... non ti sazi mai, vero? Hai sempre il cazzo affamato... dai... dai vieni, che poi vado a parlare con la biondina... dai dai sborrami nella mano...-
L'immagine di lei e Margit nude, avvinghiate in un abbraccio saffico... e va bè! Sono umano e godo!
Butta il plaid a terra, si alza e se ne va, io mi ricompongo. Quanto sta via? Abbastanza, torna e si siede.
-Manca poco all'atterraggio. Sai di cosa abbiamo parlato? Di uomini, comunque lei ha voluto leccarmi la mano che sapeva della tua sborra... e poi, oh... vuoi sentire il profumo e sapore della sua fica? Annusa dai... e lecca!-
E mi mette la mano sul viso.

In quella mezz'ora che Alisia “parlava” con Margit non penserete che sia rimasto inoperoso, vero?
No no... la mia mente elaborava, qualcosa di questa cosa del tesoro era fuori ordine, perché la coppia? E una vergine? Tutto mi richiamava qualcosa di... pratica divinatoria, esoterica, forse un sacrificio? Una iniziazione.
Nella mia pochezza culturale qualcosa ricordavo dei Templari e degli Ospedalieri e cioè il loro fanatismo religioso. Pochi esempi sono validi al riguardo come la sconfitta che subirono ai Corni di Hattin ad opera del Saladino, loro attirati un un luogo caldissimo, senza acqua e armati pesantemente con dei preti pazzi integralisti che li guidavano e li incitavano.
“Dio lo vuole!”
“Dio è con noi!”
“Noi siamo la Fede e loro i miscredenti, non possiamo perdere!”
“Abbiamo la croce con noi!”
Morale? Assetati, indeboliti dal calore rinchiusi nelle pesanti armature furono fatti letteralmente a pezzi dalla cavalleria leggera degli avversari. Pochi superstiti fatti schiavi.
E... coloro che li incitavano? I religiosi? Nella fuga travolsero la loro stessa gente, si salvarono la pelle per ricominciare a blaterare di “dio lo vuole” subito dopo.
Insomma... tutto questo mi consigliava circospezione e prudenza, consapevole che il famoso tesoro poteva essere il classico “specchietto per le allodole” e restare scottati o addirittura bruciati. Ma avevo bisogno di un colpo grosso, ma si, di tanto denaro, ho gusti dispendiosi da soddisfare!

Lisbona è una città che amo particolarmente e la faccio apprezzare anche ad Alisia, la sua cucina, i suoi palazzi decaduti e le dico abitati da vecchi fantasmi residuo del periodo d'oro del Paese. Il fatto che utilizziamo la sua carta di credito? Pensate che mi dia pensiero? Oh... sbagliate! Questioni di momenti della vita, in questo momento particolare è lei a foraggiare il nostro menagè. Ma c'è una altra cosa che un po' mi piace e un po' mi urta, questa sua continua voglia di “spomparmi”, l'ha presa proprio di petto!
Ok... racconto.
Dall'aeroporto all'hotel proprio sulla Praça Marquês de Pombal, se non lo sapete ve lo dico io che fu il ricostruttore di Lisbona dopo il terremoto del 1755.
Insomma doccia veloce e poi nudi sul letto e lei accarezzandomi l'inguine...
-Sai amore! Margit mi ha detto che ha sei giorni di riposo qui a Lisbona... e indovina? L'ho invitata a passare qui da noi per una chiacchierata a tre... poi cenare insieme e poi... chissà.-
Ora sinceri! A voi che effetto avrebbe fatto? La cosa vi avrebbe eccitato o no? E così fa a me, istantaneamente il cazzo diventa un palo di carne dritto e duro! Lei lo prende si in mano ma s'incazza!
-Ecco lo sapevo! Come pensi ad altre donne ti si indurisce! Niente... proprio non riesco a “spomparti” del tutto! Guarda che cazzo hai a pensare a quella troia lesbica!-
Inutili le mie proteste, chiarisco che è lei ad eccitarmi ma con poco risultato.
Per quella volta finisce che mi monta eccitata dai suoi stessi propositi e naturalmente mi coinvolge.
-Comunque... sarò io ad andare nel suo albergo, è qui a due passi proprio e sai? Mi farò leccare tanto la fica! Uhm... vuoi che ti racconto cosa abbiamo fatto in aereo? Baciate tantissimo, le mani inserite a vicenda proprio nelle fiche e abbiamo goduto... io due volte! Lei forse tre... cosa voglio davvero? Ingelosirti... fino farti diventare una belva! Punirti per il tuo tradimento infame!-
Ecco! Secondo voi ho una chance con lei?
Oh si!
E sapete quale? Nessuna potrà riuscire veramente a “spomparmi”!

A cena cerco di raccontarle la storia di Lisbona, dal punto di vista architettonico. Lei non è una architetta? Cosa ne pensa della fortuna di Pombal? Ha avuto l'occasione di ricostruire completamente la città dopo il terremoto devastante! Di rifarla secondo il suo intendimento!
Ma a lei non fa effetto, passa da un argomento ad un altro senza soluzione di continuità, mi dice di Margit... della sua fica gonfia e liscia e mi chiede se sarei interessato a leccarla, lei si... e lo farà! Io? No no... solo la sua!
Invece si che lo farei ma devo giocare in difesa!
Poi passa ai Templari. Che vorranno farle? Possederla... tutti? E qui si agita...
-Dio! Se ci penso... quanti hai detto che erano? Quaranta? Uhhh... devo dirti che mi fai vivere emozioni continue e non rinuncerò mai a te! Quaranta omaccioni sudati e affamati di fica da secoli? Che prendono... ME? E non smettono più?-
Le spiego che i Templari erano una struttura elitaria, c'erano loro... i Cavalieri tutti di origine nobile, poi i Sergenti che erano i loro scudieri e infine una marea di servi e soldati, davvero non sappiamo quanti fantasmi infestino il Palazzo dei Templari di Tomar. Giuro che non voglio disilluderla quando le dico delle voci che circolavano al loro riguardo, quella che li volevano dediti a pratiche omosessuali.
Ma lei scuote la testa.
-Stupido luogo comune, sono dei maschioni arrapati con una fame di fica di secoli!-
Suona il suo cellulare.
-Uhm... Margit! Bellissima tu! Sei libera? Aspetta in linea...-
-E' Margit... mi chiede se voglio andare da lei... a parlare...-
-Parlare?-
-Ma si... sai cosa intendo...-
-Ok. Ma dopo siamo pari? Dimenticherai tutto?-
-Non è la stessa cosa... Margit è una donna! Non è un vero tradimento!-
-Sottigliezze... anche la mia era una donna! Comunque se poi torna tutto normale... te lo lascio fare!-
-Va bene... allora posso andare, sicuro?-
-Verrei anch'io ma immagino che non posso...-
-Per me si... lo vorrei, basta che non la scopi! Ma lei... vuole me da sola... ma sai? Dopo ti racconto... tutto, va bene, amore?-
Sono di nuovo il suo amore!!
-Vai... io vado in camera, ci vediamo domani mattina, immagino...-
Mi bacia e corre via.
Ah... le donne!
Andare in camera? Alle undici di sera? Ma allora davvero non mi considerate.
Io a Lisbona divento un leone e devo ruggire! Conosco il locale giusto che è proprio a due passi dell'Elevador de Santa Justa e ci vado, basta che torno un po' prima di lei, no? Non è che deve saperlo, pensate che sia per reazione alla sua attrazione per Margit?
Che mi dia fastidio? Uhm... forse un pochino si. Ma geloso no... eh? Mai.
Comunque, io a Lisboa, vado a mulheres!

Quando rientra? Io sono già in letto, lei parte in quarta nel raccontarmi di quanto è stato bello con Margit! Di quanto ha goduto ed entra in particolari che mi porterebbero ad eccitarmi se non avessi appena abbondantemente fruito dei favori sessuali di una amica di vecchia data.
Insomma crolla prima lei e io la seguo nel sonno, ma prima di cedere mi dice:
-Sai amore? Io non sarò mai una lesbica, magari a volte bisessuale o almeno bicurios ma ho constatato che mi piace troppo il tuo cazzo...-
Per dimostrarmi ciò lo prende in mano e si addormenta, le bacio la fronte, brava Alisia quanto ragioni bene!

(naturalmente... continua)

Questo racconto di è stato letto 8 7 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


raconti incestoracconti erotici mia cuginaracconti hard transracconti eoticidonna sodomizzataracconti erotici mia cuginala suocera troiaracconti pormoracconti potnobrevi racconti pornosesso incestracconti harracconti tramplingtradimento raccontoracconti erotici di casalinghefoto di trans superdotatiracconti eroticissimiracconti erosmoglie racconti eroticii generi racconti eroticiracconti erotici per tuttiracconti erotici nonniwww.eroticiracconti.itraconti hotvisita ginecologica raccontiporn storiefilm porno storieerotici racconti i generiracconti porno nipotezia raccontoracconti erotici annunci69pompino raccontomuratori gaystorie feticisteracconti erotici.racconti pornostarracconti erracconti erotici mia cognataracconti erotici fetishracconti incesroracconti erotici animaliracconti erotici la professoressazia formosaracconti erotici di zoofiliaracconti piccanti gratisracconti hard gratiserotico raccontoracconti erotici trenoracconti hard incestracconti erotici moglie troiaeroici raccontiracconto porno gratisracconti ballbustingstorie pornracc erotracconti sconciracconti di veri incestistorie ponostorie porniracconti di fistinga 69 racconti eroticiporno racconti veriracconto erotico analeracconti di sesso veristorie di sesso tra fratellistorie cuckoldfeticismo raccontiguzzon raccontiraacconti eroticimariti bisexstorie vere di donne che tradiscono